logo cnj
COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA JUGOSLAVIA - ONLUS
ITALIJANSKA KOORDINACIJA ZA JUGOSLAVIJU

siete nella sezione dedicata al X Anniversario della aggressione NATO / X godišnjica agresije NATO-a
 
rright10.gif (248 byte) iniziative
rright10.gif (248 byte) documentazione

Documento
Costitutivo
rright10.gif (248 byte) solidarietŕ
rright10.gif (248 byte) informazione
rright10.gif (248 byte) cultura
rright10.gif (248 byte) politica
rright10.gif (248 byte) amicizia
rright10.gif (248 byte) valori fondativi


10.mo Anniversario della aggressione NATO contro la RF di Jugoslavia

24. 3. 1999 - 2009

10th Anniversary of NATO aggressione against the FR of Yugoslavia

Beogradski Forum: A P E L
DA SE NE ZABORAVI
AGRESIJA NATO NA SRBIJU (SRJ)
10 GODINA POSLE


THE CONFERENCE



PHOTOS, VIDEOS, AUDIOS, CONTRIBUTED TEXTS FROM THE CONFERENCE

PHOTO EXIBITION in the Conference Hall

----- AFTER THE CONFERENCE:

1) INTERNATIONAL CONFERENCE, 200 FOREIGN PARTICIPANTS: A SUCCESS
2) Dichiarazione finale della Conferenza Internazionale di Belgrado del 23-24 Marzo 2009
3) Belgrado 22-23-24 Marzo 2009 - a cura di Enrico Vigna, portavoce del Forum Belgrado Italia
4) Anti-NATO forces in Serbia mark 10th year since bombing of Yugoslavia
5) KKE: La delegazione guidata dal Segretario generale č a Belgrado
6) Dačić: Priznavanje jednostrane secesije Kosova - nastavak agresije / Dacic: UDI is "continued NATO aggression"

The Conference Proceedings volume:
“Nato Aggression. The Twighlight of the West” /
Knjiga АГРЕСИЈА НАТО - СУМРАК ЗАПАДА

-----

AND FURTHER:

VIDEO: Diana Johnstone on the NATO Aggression on Yugoslavia. Challenging an Illegal War
http://tv.globalresearch.ca/2011/03/nato-aggression-yugoslavia-challenging-illegal-war

Interview with Zika Jovanovic, foreign minister of Yugoslavia in 1999:
"There Is No Humanitarian War"





RT interview with Zika Jovanovic, foreign minister of Yugoslavia in 1999:
“NATO’s attack on Serbia the ultimate crime against peace”




The Media Bombing Originated the Bombs (Jean Toschi Marazzani Visconti) /
Il bombardamento mediatico all’origine delle bombe (Jean Toschi Marazzani Visconti)


Intervencija na Manifestacijama povodom 10-e godišnjice NATO napada na SRJ (V. Kapuralin) /
Intervento alle Manifestazioni in occasione del X anniversario della aggressione della NATO contro la RFJ (V. Kapuralin)



 





=== 1 ===

INTERNATIONAL CONFERENCE, 200 FOREIGN PARTICIPANTS
Belgrade, March 23

A two-day international conference titled “Objectives and consequences of NATO aggression on Yugoslavia (Serbia and Montenegro) – ten years after” opened today in the Belgrade Sava international conference center.

Besides Serbian scientists and other public figures it is attended by about 200 foreign guests from over 40 countries from all the continents.

Today more than 20 speakers have presented their papers, all emphasizing that the aggression ten years ago was an act against peace and stability aimed at promoting the expansion of NATO, spreading militarization and interventionism on a global scale and the decomposing of sovereign states.

The Conference continues on 24rth of March. It was preceded by the opening of an exhibition of photographs, books and documentary films on the aggression.

The organizers are the Belgrade Forum for a World of Equals and the Association of Generals and Admirals of Serbia founded by high-ranking officers who lost their jobs after the “democratic” changes in that country in October 2000.

Zivadin Jovanovic
Belgrade Forum for a World of Equals



BELGRADE FORUM FOR THE WORLD OF EQUALS
 
BELGRADE CONFERENCE SUCCESS
NATO TO BE DESOLVED, HAAG TRIBUNAL CLOSED
 
Belgrade, March 27. Two days International conference in Belgrade marking 10 years of the start of the NATO aggression on Yugoslavia (Serbia and Crna Gora) ended up with the calls to dissolve NATO as the aggressive global alliance aiming at replacing the United Nations and to close up the Hag tribunal (ICTY) as prolonged NATO anti-Serbian arm. The Conference initiated establishment of the International Tribunal of the Human Consciences (Tribunal International de la Consciance Humaine).
The participants reiterated that the 1999 NATO war on Yugoslavia was the war to weaken Europe, dislocate American troops in the Balcan, control Caspian, Middle East and Central Asia regions and to encircle Russia. the precedent to be followed later by aggression on Iraq. They stated that NATO violated the UN Charter, the OSCE Helsinki Final document and basic principles of the International relation in order to create precedent and concluded that it was a crime against peace and humanity.
The Conference considered that the first War in Europe after the Second World War was waged to justify existence of NATO, rise of military expenditure and to impose the Alliance as global police force.
The Conference supported the view that 1999 USA/NATO aggression has been continuing through the past 10 years by economic, political and propaganda means culminating by imposed illegal self proclamation of independence of Serbia’s province of Kosovo and Metohija in February 2008.
Referring to over 3.500 killed and over 10.000 wounded, two thirds of which are civilians, to the economic damage of over 100 billion of USD, the Conference reiterated the right of Serbia to the war compensation. It also called that the consequences of the massive use of nuclear weapons (ammunition with depleted uranium) during the aggression be carefully studied and findings made public.
The Conference hosted by Belgrade Forum for the World of Equals, an independent, non-party, non-profit association of Serbian intellectuals was attended by over 600 scientists, writers, diplomats, military specialists and other public figures from over 40 countries, was also attended by high Serbian State representatives in spite of the fact that the Government refused to assist its organizers.
Among the speakers were the former US Attorney General Ramsey Clark, renown Swiss ecologist Franz Weber, Canadian scientist Michel Chossudovsky, Russian general Leonid Ivashov, Former French minister of defense General Pierre Marie Galois, Greek politician Aleka Papariga, British politician Alice Mahon, Bulgarian scientist Velko Valkanov and about 60 other speakers. Ten of them were presented by special Belgrade Forum Friendship Charter for their outstanding contribution in spreading the truth and upholding the principles of Law and Justice.
 
BELGRADE FORUM FOR THE WORLD OF EQUALS


=== 2 ===

The following text in english: Never forget
The final document of the Belgrade International Conference | Held in Belgrade, 23 & 24 March, 2009

---

http://www.resistenze.org/sito/te/po/se/pose9d21-004892.htm
www.resistenze.org - popoli resistenti - serbia - 21-04-09 - n. 270

Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali
 
MAI DIMENTICARE
 
Risoluzione finale della Conferenza Internazionale
Belgrado, 22/23 Marzo 2009
 
Il Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali, in collaborazione con altre associazioni indipendenti della Serbia e in coordinamento con il Consiglio Mondiale per la Pace (WPC), ha tenuto a Belgrado il 23-24 marzo 2009, una Conferenza Internazionale intitolata “Obiettivi e conseguenze dell’aggressione della NATO contro la Repubblica Federale di Jugoslavia (Serbia e Montenegro) - 10 anni dopo”.
 
La Conferenza ha riunito circa 700 scienziati ed esperti di relazioni internazionali della Serbia e di 45 paesi di tutti i continenti, eccetto l'Australia. Circa 60 partecipanti hanno presentato i loro documenti sui vari aspetti dell'aggressione e delle sue conseguenze.
 
La cerimonia di apertura č stata tenuta dalla prof. Slavica Dukic Dejanovic, portavoce dell’Assemblea Nazionale della Serbia, dal sig. Petar Skundric, Ministro dell'Energia, cosě come da rappresentanti della chiesa ortodossa serba, della gioventů, dei veterani e di altre organizzazioni.
 
Il sig. Ivica Dacic, Vice-Primo Ministro e Ministro degli Interni ha rivolto un benvenuto alla Conferenza ed ha salutato gli ospiti stranieri a nome del Governo.
I partecipanti speciali del congresso erano la signora Socorro Gomes, Presidente, ed il sig. Thanasis Pafilis, Segretario Generale, del Consiglio Mondiale per la Pace.
Alla Conferenza hanno inoltre partecipato alcuni ambasciatori e rappresentanti diplomatici accreditati in Serbia.
 
I partecipanti hanno tributato il loro rispetto alle vittime dei 78 giorni di bombardamenti ed hanno portato corone di fiori ai monumenti dedicati alle vittime dell'aggressione. Il dibattito č stato organizzato in uno spirito di amicizia, apertura e solidarietŕ di tutte le organizzazioni e gli individui che lottano per la pace, lo sviluppo e il progresso.
 
I partecipanti del congresso di Belgrado hanno deciso quanto segue:
 
L'aggressione della NATO contro la Jugoslavia (Serbia e Montenegro) fu un’invasione preparata molto tempo prima con i seguenti obiettivi globali: istituire un precedente per interventi militari in tutto il mondo; portare le truppe americane nei Balcani ed ampliare ad est la NATO; circondare la Russia; cambiare l'ordine del Diritto Internazionale, stabilito dopo la seconda guerra mondiale imponendo la regola che la forza č il diritto; l'imposizione del sistema capitalistico neoliberale; l’indebolimento dell’Europa e il deterioramento del ruolo delle Nazioni Unite.
 
Lo scopo finale č stato di rinforzare il concetto statunitense di un ordine mondiale unipolare, allo scopo di stabilire il controllo su tutte le risorse umane, economiche e naturali del pianeta. L'estensione della NATO in Europa ed in altri continenti rivela la volontŕ di essere il gendarme del capitale multinazionale globale.
 
L'aggressione č stata preceduta dalla diffusione di menzogne e falsitŕ, utilizzando tre tesi di fondo: “evitare una catastrofe umanitaria”; “le false trattative a Rambouillet”; “il massacro di civili a Racak”.
 
L'aggressione, assieme alla sua attuazione e alle conseguenze, č prova di una morale e di una civiltŕ delle elite occidentali in profonda crisi, mentre i suoi effetti riemergono, dieci anni dopo, a perseguitarli sotto forma di una grave crisi economica globale, la cui fine rimane oltre l'orizzonte.
 
I capi dei paesi NATO sono responsabili dell’uso della forza armata senza l'approvazione del Consiglio di sicurezza dell’ONU, stracciando la Carta delle Nazioni Unite, l’Atto finale di Helsinki dell’OSCE, la Carta di Parigi e le convenzioni internazionali, unendo i crimini contro la pace e l'umanitŕ.
 
Sono responsabili di piů di 3.500 morti e piů di 10.000 feriti, due terzi civili, per l'uso di armi non autorizzate e disumane quali le munizioni e le testate di missili all'uranio impoverito, cosě come l’uso delle bombe a grappolo. Sono inoltre responsabili delle perdite umane e delle sofferenze all’indomani dell'aggressione, dell'inquinamento del suolo e delle acque, in conseguenza dell'uso assai diffuso di proiettili all'uranio impoverito e del bombardamento intenzionale degli stabilimenti chimici determinando una guerra chimica. E sono responsabili dei costi economici dei danni, valutati a piů di 100 miliardi di dollari. La Serbia č autorizzata alla richiesta di compensazione per i danni di guerra.
 
L'aggressione del 1999 di USA/NATO/EU č stata inoltre, la prima guerra in Europa dopo la seconda guerra mondiale. Era non solo una guerra contro un vecchio Stato sovrano europeo, ma soprattutto una guerra contro l’Europa. Paradossalmente, anche se vi partecipava la stessa Europa, č stata condotta in alleanza fra un'organizzazione internazionale di stati (NATO) e una nota organizzazione terrorista (l’UCK).
 
L'aggressione č stato un errore storico dell'occidente che, prima o poi, sarŕ riconosciuto. Le conseguenze dell'aggressione si estenderanno per tutto il ventunesimo secolo. L'occidente deve chiedere scusa alla Serbia per tutte le vittime e il dolore provocato, per non dover affrontare una crisi morale e generale ancora piů profonda.
 
I partecipanti alla Conferenza hanno espresso la loro piů alta stima all'esercito jugoslavo e serbo per il suo patriottismo, la professionalitŕ e il valore nella difesa della libertŕ del loro paese contro l'assalto degli aggressori.
 
L'aggressione č continuata in questi ultimi dieci anni, impiegando altri mezzi quali il ricatto politico, economico e propagandistico, smantellando l'esercito della Jugoslavia (serbo) e, infine eliminando la Federazione Jugoslava.
 
Il culmine della politica imperialista anti-Serba č stato raggiunto con la dichiarazione d’indipendenza, illegale ed unilaterale, del Kosovo e Metohija, il 17 febbraio 2008. Ciň č stato seguito dal riconoscimento di quella creatura criminale da parte degli stati membri della NATO e dell’EU, con l'eccezione della Grecia, della Romania, della Spagna, della Slovacchia e di Cipro.
 
La secessione del Kosovo e Metohija ed il suo successivo riconoscimento da parte della maggioranza degli Stati membri della NATO/EU, rappresenta una violazione dei principi base nei rapporti internazionali e della risoluzione 1244 (del 1999) del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Come decisione vincolante, questa risoluzione rimane in vigore, con il diritto della Serbia ad insistere sulla sua esecuzione rigorosa e completa. Ciň si riferisce specialmente alle disposizioni riguardo alla sicurezza e la libertŕ di movimento della popolazione serba rimasta, che ancora vive in ghetti recintati, riacquistando le proprietŕ pubbliche e private illegalmente occupate, il diritto ad un libero e sicuro ritorno di 220.000 profughi serbi e non-Albanesi, e il diritto al ritorno dei contingenti serbi della polizia e dell'esercito.
 
La Serbia non riconoscerŕ mai tale evidente violazione della sua sovranitŕ, integritŕ nazionale e dignitŕ nazionale. La Serbia ha il diritto di difendere univocamente la sua sovranitŕ ed integritŕ attraverso tutti i mezzi legittimi, come qualunque altro paese sovrano.
 
Dieci anni dopo, č diventato evidente che l'obiettivo reale dell'aggressione era destituire il Presidente legittimo della Repubblica Federale di Jugoslavia, Slobodan Milosevic, allo scopo di privare la Serbia del 15% del territorio dello Stato, per ostacolare il ruolo della Serbia come bastione politico dei Balcani e per metterlo sotto il controllo dell'occidente.
 
Gli stessi centri di potere che hanno avuto un ruolo decisivo nel distruggere la Repubblica Federale Socialista di Jugoslavia, nel 1992 - 1995, hanno continuato a compiere le aggressioni militari nel 1999 e in seguito, per smembrare infine, nel 2006, la Federazione di Jugoslavia.
 
Dopo l’illegale secessione del Kosovo e Metohija, continuano ad incoraggiare e a sostenere tacitamente le forze separatiste in altre zone della Serbia.
 
Dall'altro lato, l'occidente č stato coinvolto, modificando l'accordo di pace di Dayton-Parigi con l’obiettivo di dissolvere la Repubblica Serba di Bosnia e portandola, passo dopo passo, alla Bosnia-Erzegovina unica, contrariamente a quanto sancito negli accordi, garantiti dalla Serbia.
 
Smantellando la Jugoslavia, esistita come stato multinazionale e relativamente prospero per oltre 70 anni, la politica dell'occidente ha condotto alla creazione di 7 nuovi stati-fantoccio. La sua frammentazione ha causato decine di migliaia di vittime umane, di rapporti spezzati, di economia disastrata ed ancora il problema insoluto di oltre 500.000 rifugiati e profughi serbi. La nazione serba č stata spezzettata ed anziché nazione costitutiva, quale era, si č trasformata in minoranza non garantita.
 
La politica generale dell'occidente, in questi ultimi 20 anni, si č rivelata come una rappresaglia verso la nazione serba. Una tale politica solleva molte domande sul futuro della stessa Europa, specialmente riguardo alla Serbia che ha sempre svolto un ruolo costruttivo nella moderna storia europea. Alla conclusione del XX del secolo, la Serbia ha resistito giustamente alla politica della resa e dell'occupazione introdotte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati, come qualsiasi paese sovrano farebbe.
 
L'isolamento, le sanzioni, l'aggressione militare ed infine il supporto evidente alla secessione, sono stati volti a far intendere al mondo musulmano, che l'occidente protegge gli interessi dei musulmani nei Balcani, cosa chiaramente falsa.
 
I partecipanti alla Conferenza hanno sostenuto che “il Tribunale Penale Internazionale per l'ex Jugoslavia” dell'Aja, l’ICTY, rappresenta un braccio della NATO, lo strumento della vendetta. Il suo obiettivo č proteggere gli aggressori e giustificare i loro crimini trasformando la vittima, vale a dire l'intera nazione serba, in colpevole. Il Tribunale non ha mostrato interesse né volontŕ di esaminare le prove innegabili sui crimini dei capi dei veri criminali, i terroristi albanesi e la NATO. I partecipanti hanno richiesto la dissoluzione del Tribunale dell'Aja come organismo non giudiziario, ma politico, che esiste al di fuori della legge, contrario alla Carta delle Nazioni Unite.
 
Non ci sono motivi per accusare la nazione serba, la Serbia e la loro leadership per le passate guerre civili nell’ex-Jugoslavia, né per le conseguenze del separatismo e del terrorismo albanesi.
 
La Conferenza ha chiesto l'inizio di un'inchiesta indipendente sulle cause e sulle circostanze della morte dell’ex presidente della Serbia e della Federazione di Jugoslavia, Slobodan Milosevic, ed anche delle morti di tutti gli altri serbi che sono avvenute in circostanze poco chiare mentre erano prigionieri del tribunale dell'Aja. Hanno espresso indignazione verso le recenti sentenze del Tribunale dell'Aja contro gli alti dirigenti politici, militari e della polizia, serbi e jugoslavi, ritenendole una rappresaglia, e sottolineando che il Tribunale non č riuscito a dimostrare le responsabilitŕ personali dei condannati.
 
Il cosiddetto “Kosovo indipendente” č una estensione di “Camp Bondsteel” ed una molla per l'espansione militare degli Stati Uniti verso l'est.
 
L'aggressione contro la Federazione di Jugoslavia (Serbia e Montenegro) ha dimostrato che la NATO non č né un'alleanza difensiva, né regionale. Ha il ruolo di organizzazione militare che deve imporre il dominio globale dei paesi piů ricchi, guidati dagli USA, sulla vasta maggioranza dei paesi meno sviluppati che possiedono risorse energetiche, materie prime strategiche, o una posizione geostrategica o nel mercato, particolarmente rilevanti.
 
La politica aggressiva della NATO rappresenta un pericolo per la pace e la sicurezza nel mondo.
 
L'espansione delle basi militari estere nei Balcani, in Europa e nel mondo, l'aumento costante delle spese militari della NATO e degli stati membri dell’UE, la spirale della corsa agli armamenti, devono arrestarsi.
 
La militarizzazione del processo di decisione politico, sta considerevolmente mettendo in pericolo la democrazia, inibendo lo sviluppo sociale, violando in modo massiccio i diritti umani, aprendo cosě la strada al totalitarismo e al crepuscolo della civiltŕ.
 
I partecipanti alla Conferenza di Belgrado hanno fatto appello a tutte le forze della pace, della legalitŕ e della giustizia, per unirsi nell'impegno per l’abolizione della NATO, per smantellare le basi militari straniere e per fare diminuire le spese militari a favore dei poveri e degli oppressi. Hanno espresso il loro apprezzamento e solidarietŕ a tutti i movimenti ed associazioni della pace che partecipano alle varie attivitŕ in memoria delle vittime dell’aggressione della NATO alla Jugoslavia nel 1999.
 
L'aumento costante nelle spese militari conduce ad una ulteriore esasperazione dell’attuale crisi mondiale. La riduzione delle spese militari di USA/NATO/UE e di altri paesi č la condizione chiave per superare la crisi nel mondo.
 
I crimini della NATO non devono essere dimenticati. Di conseguenza č un obbligo morale iniziare la procedura per la determinazione delle responsabilitŕ dell’allora vertice della NATO davanti alle Corti internazionali e nazionali competenti, puntando a stabilire le responsabilitŕ specifiche e concrete.
 
Oltre a questo, la Conferenza ha indicato le iniziative per attivare i tribunali internazionali esistenti, per giudicare i responsabili dell’aggressione della NATO, cosě come per attivare un Tribunale Internazionale della Coscienza Umana (le Tribunal Internationaux de la Conscience Humaine) che dia soddisfazione morale alle vittime dell'aggressione ed all'intera nazione serba.
 
Č stato notato che la Serbia non č mai appartenuta ad alcuna alleanza militare, in 60 anni non si č mai allineata ed č l'unico paese europeo vittima dell'aggressione della NATO.
 
Di conseguenza i partecipanti hanno espresso la loro convinzione profonda che la Serbia non dovrebbe cercare né accettare l'adesione alla NATO, che č un'alleanza offensiva con ruoli e obiettivi al di fuori dell’ONU e contrari all'attuale ordine del Diritto Internazionale. Si ritiene che la Serbia dovrebbe sviluppare una politica estera aperta ed equilibrata, con buoni rapporti e una cooperazione con tutti gli stati nei rapporti internazionali, inclusi i paesi non allineati, rimasti militarmente neutrali.
 
La Serbia dovrebbe ospitare il Summit dei Non Allineati nel 2011, nel cinquantesimo anniversario del primo Summit dei Paesi Non Allineati (NAM) tenutosi nel 1961 a Belgrado, e ritornare a cercare di avere lo status di membro a pieno diritto del NAM.
 
Ricordando il prossimo settantesimo anniversario dell'inizio della Seconda Guerra Mondiale, i partecipanti hanno espresso preoccupazione per i tentativi sistematici di modificare la storia, sia della prima sia della seconda guerra mondiale e, all'unanimitŕ, hanno condannato la rinascita del fascismo e del nazismo in determinati paesi europei.
 
Un ammonimento č stata avanzato, e cioč che tali avvenimenti non sono qualche cosa di accidentale, ma cercano di provocare conflitti, e di conseguenza tutti i paesi hanno il dovere di fermarli.
 
La Conferenza ha condannato l'abuso della lotta contro il terrorismo internazionale al fine di espandere gli interessi esclusivi di una superpotenza o di un gruppo di paesi ricchi. I doppi standard non sono accettabili nella lotta al terrorismo.
 
Il cosiddetto Kosovo indipendente, il terrorismo albanese ed il crimine organizzato rappresentano la fonte piů pericolosa di destabilizzazione dei Balcani e dell'Europa. La stabilitŕ nei Balcani dipende dal rispetto dei principi universali dei rapporti internazionali, in primo luogo il principio della sovranitŕ e integritŕ nazionale, senza eccezioni.
 
Il rinnovamento delle trattative sullo status del Kosovo e Metohija che rispettino la risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU č l'unico modo per arrivare alla pace, alla stabilitŕ ed al progresso. La Conferenza ha espresso la sua solidarietŕ al popolo palestinese che ha il diritto alla libertŕ, all’indipendenza e al controllo del paese, come qualunque altra nazione nel Medio Oriente.
 
L’occupazione militare illegale dell'Afghanistan e dell'Irak non hanno giustificazione alcuna e quindi dovrebbero concludersi al piů presto.
 
La Conferenza ha invitato i relativi governi stranieri a ritirare le loro truppe e a porre termine alle operazioni. La pace, la sicurezza e lo sviluppo sono inscindibili. L'aggressione e le cosiddette guerre a bassa-intensitŕ, in qualsiasi parte del mondo, compromettono gli altri paesi, nazioni e popoli. Di conseguenza, la pace, la sicurezza e lo sviluppo possono essere realizzati soltanto con la piů vasta cooperazione possibile delle forze intellettuali e scientifiche dei movimenti per la pace.
 
La Conferenza Internazionale del Forum di Belgrado, in occasione del decimo anniversario dell'inizio dell'aggressione della NATO, č un punto importante in tale prospettiva.
 
L'era dell’ordine mondiale unipolare sta affondando. I processi dello sviluppo dell'ordine mondiale multipolare stanno progredendo.
 
Le condizioni tendono alla democratizzazione dei rapporti internazionali in base all'uguaglianza sovrana di tutti gli stati e al ristabilimento del rispetto dei principi fondamentali dei rapporti internazionali.
 
L'appello č stato indirizzato ai capi dei paesi del Movimento dei Non Allineati per rafforzarne l’azione e l'unitŕ, perché sostengono il ruolo delle Nazioni Unite e dei principi basilari dei rapporti internazionali.
 
Il processo di approfondimento della crisi economica globale obbliga il Movimento dei Non Allineati a rafforzare l'unitŕ per impedire ai paesi ricchi, ancora una volta, di scaricare le difficoltŕ sui paesi sottosviluppati.
 
I tempi sono maturi per l’unitŕ, la responsabilitŕ e l'azione di tutte le forze della e per la pace, lo sviluppo e l'uguaglianza. La Conferenza č stata preceduta da mostre fotografiche e di libri, cosě come dalla visione di documentari, organizzati dall'Associazione degli ex Generali ed Ammiragli dell'esercito (Jugoslavo) serbo.
 
I partecipanti hanno espresso il loro apprezzamento e ringraziamento al Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali, per aver intrapreso l'iniziativa della convocazione di questa Conferenza, per l'alto livello dell'organizzazione e dell’ospitalitŕ che ha garantito ai presenti.
 
I Partecipanti alla Conferenza Internazionale di Belgrado. Marzo 2009
 
Traduzione a cura del Forum Belgrado per un Mondo di Eguali Italia
 
 ---

http://www.resistenze.org/sito/te/po/se/pose9c31-004784.htm
www.resistenze.org - popoli resistenti - serbia - 31-03-09 - n. 267

Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali
 
Dichiarazione finale della Conferenza Internazionale di Belgrado del 23-24 Marzo 2009:
- "La NATO deve essere sciolta",
- " Il Tribunale dell'Aja per l'ex Yugoslavia ( ICTY) deve essere chiuso".
 
La Conferenza Internazionale di due giorni in Belgrado che ricordava i 10 anni dell'inizio dell'aggressione della Nato sulla Repubblica Federale Jugoslava (Serbia e Montenegro) si č chiusa con le parole d'ordine dello scioglimento della Nato come alleanza globale ed aggressiva che mira a sostituire le Nazioni Unite e della chiusura del Tribunale dell'Aja (ICTY) come braccio anti-serbo della Nato. La Conferenza si č aperta con l'intento di costituire un Tribunale Internazionale delle Coscienze Umane.
 
I partecipanti hanno ribadito che la guerra della Nato del 1999 contro la Jugoslavia č stata una guerra per indebolire Europa, per la dislocazione di truppe americane nei Balcani, controllare l'area Caspica, il Medio Oriente e regioni dell'Asia Centrali e circondare la Russia.
Un precedente che poi č seguito con l'aggressione sull'Iraq.
 
Gli interventi hanno evidenziato che la NATO violň la Carta dell'ONU, il documento finale di Helsinki dell'OSCE e i principi di base delle relazioni internazionali per creare un precedente, e hanno ribadito che č stato un crimine contro la pace e l' umanitŕ.
 
La Conferenza ha sottolineato come questa č stata la prima Guerra in Europa dopo la Seconda Guerra mondiale, ed č stata intrapresa per giustificare l'esistenza della Nato, l'aumento della spesa militare ed imporre l'Alleanza come forza di polizia globale.
 
La Conferenza ha sostenuto il punto vista che l'aggressione di USA/NATO del 1999 č continuata attraverso questi 10 anni passati attraverso strumenti economici, politici e di propaganda, culminati con l’auto proclamazione illegale e imposta, di indipendenza della provincia serba del Kosovo Metohija nel febbraio 2008.
 
In merito agli oltre 3.500 uccisi e gli oltre 10.000 feriti, due terzi dei quali civili, al danno economico di oltre 100 bilioni di dollari, la Conferenza ha ribadito il diritto della Serbia ad ottenere il risarcimento dei danni di guerra.
 
Inoltre č stato ricordato che le conseguenze dell’uso massiccio di armi nucleari ( munizioni con uranio impoverito), durante l’aggressione sono state attentamente studiate e i loro esiti sono stati denunciati e resi pubblici.
 
La Conferenza organizzata dal Forum Belgrado per un Mondo di Eguali, una associazione indipendente, apartitica, senza scopi di lucro, costituita da personalitŕ serbe, č stata seguita da oltre 600 accademici, scrittori, diplomatici, militari, studiosi e altre figure pubbliche provenienti da oltre 40 paesi.
 
Alla Conferenza hanno portato un saluto anche alti esponenti dello Stato serbo nonostante che il Governo avesse rifiutato di sostenere la sua organizzazione.
 
Tra i relatori vi erano l’ex ministro della Giustizia USA Ramsey Clark, il noto ecologista svizzero F. Weber, lo studioso canadese M. Chossudovsky, il Generale russo L. Ivashov, l’ex ministro della Difesa francese il Generale P. M. Galois, la deputata greca A. Papariga, la deputata inglese A. Mahon, l’accademico bulgaro V. Valkanov e circa altri 60 oratori.
 
Dieci di loro hanno ricevuto la speciale Carta di Amicizia del Forum Belgrado per il loro contributo straordinario nella difesa della veritŕ e dei principi della Legalitŕ e della Giustizia.
 
Traduzione a cura del Forum Belgrado Italia
 

=== 3 ===

http://www.resistenze.org/sito/te/po/se/pose9d01-004799.htm

www.resistenze.org - popoli resistenti - serbia - 01-04-09 - n. 267

Belgrado 22-23-24 Marzo 2009
 
A cura di Enrico Vigna, portavoce del Forum Belgrado Italia
  
La dichiarazione finale del Forum Belgrado sintetizza in modo chiaro lo svolgimento e l'esito della riuscita Conferenza Internazionale intitolata: “ 1999-2009: Per non dimenticare. L'aggressione della NATO 10 anni dopo”.
 
L'apertura č avvenuta la sera di domenica 22 marzo, con l'inaugurazione della mostra fotografica sugli effetti dei bombardamenti, con il saluto alle delegazioni straniere ed una lettura di poemi contro la guerra, recitati dall’attrice attivamente impegnata per il suo popolo, Ivana Zigon.
 
Lunedě, la Presidenza, oltre al Presidente del Forum Belgrado Z. Jovanovic, era composta dal segretario dello stesso Forum, dal segretario generale del World Peace Council e dal segretario del WPC Europa.
 
Dopo aver osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime dei bombardamenti ed una emozionante recita degli “ambasciatori” del Kosovo serbo: i bambini serbo kosovari del gruppo teatrale “Peonie del Kosovo”, diretti da I. Zigon, sono poi iniziati gli interventi.
 
Come giŕ riportato il livello č stato altissimo, con deputati russi, greci, ambasciatori di vari paesi, accademici, un esponente della Chiesa Ortodossa serba, economisti, generali e militari serbi, greci, portoghesi, russi, brasiliani, tedeschi, francesi, storici, giornalisti, esponenti di movimenti internazionali per la Pace. Per l'Italia sono intervenuti F. Grimaldi, J. Toschi Marazzani Visconti ed E. Vigna per il Forum Belgrado Italia.
 
Nella mattinata del 24, una delegazione della Conferenza si č recata al Monumento dei bambini vittime dei bombardamenti della NATO ed ha deposto una corona di fiori, a nome di tutti.
 
La Conferenza si č chiusa alle 18 di martedě, anche per permettere ai partecipanti di andare alla manifestazione nella Piazza della Repubblica, dove hanno parlato oltre a numerosi relatori della Conferenza, esponenti delle forze patriottiche e nazionali serbe. Nonostante un clima di forte tensione emotiva, la realtŕ č stata una manifestazione assolutamente al di sotto delle aspettative, anche per la situazione in Serbia che vede una forte divisione delle forze politiche della sinistra e patriottiche, oltre a quelle nazionaliste. Tutto questo, frutto di un profondo lavoro di disgregazione diretto dall'esterno, e dalla mancanza di una forza reale capace di orientare ed indirizzare anche organizzativamente il popolo serbo verso una ripresa politica e sociale. Questa č una tremenda realtŕ, con cui tutte le forze sane ed oneste di quel paese dovranno fare i conti, sicuramente per molti anni a venire. Questo preoccupa fortemente se si pensa al possibile destino della resistenza popolare serba nel Kosovo occupato, ma questa č la realtŕ su cui i compagni ed amici di lŕ convengono pienamente.
 
E solo da lŕ possono venire risposte, progettualitŕ di ripresa sociale e politica e…futuri vivibili.


  
Intervento/relazione alla Conferenza, 24 marzo 1999

 
Con questo intervento, intendo portare una sintetica riflessione su quale č la realtŕ del Kosovo Metohija oggi…a dieci anni dall'inizio dei bombardamenti e dell'aggressione alla Repubblica Federale di Jugoslavia…motivata dalla necessitŕ di fermare una “pulizia etnica”, un “genocidio” e ripristinare i “diritti umani” nella provincia. Queste furono le tre basi fondanti su cui la cosiddetta Comunitŕ Internazionale: cioč gli otto paesi piů ricchi della Terra, cioč il loro braccio armato, la NATO (in quanto i governi dei 2/3 dell'umanitŕ tra voti contrari e astensioni, erano contrari alla guerra) hanno decretato l'aggressione alla Jugoslavia il 24 Marzo 1999.
 
“…Ho appena dato mandato al comandante supremo delle forze alleate in Europa, il generale Clark, di avviare le operazioni d'aria (ndt: bombardamenti aerei…) sulla Repubblica federale di Jugoslavia…Tutti gli sforzi per raggiungere una soluzione politica negoziata alla crisi del Kosovo sono falliti e non ci sono alternative all'intraprendere l'azione militare…”.
 
Cosě, il 23 marzo 1999, l'allora Segretario generale della NATO J. Solana, davanti ai mass media del mondo, decretava l'inizio della fine della “piccola” Jugoslavia e del popolo serbo in particolare…
 
Molti autorevoli interventi in questa Conferenza hanno spiegato dettagliatamente quali erano e sono, le strategie geopolitiche e geostrategiche, che c'erano dietro la “crisi del Kosovo” e Rambouillet; io intendo soffermarmi sinteticamente sulle menzogne e sulla “disinformazione strategica” pianificate, che oggi dopo 10 anni sono di dominio pubblico, pianificate per cancellare la RFJ e annichilire il popolo serbo. Userň il mio tempo per parlare della situazione oggi nel Kosovo Metohija e della Resistenza del popolo serbo kosovaro per non essere annullato fisicamente, socialmente, culturalmente e moralmente.
 
Prima di tutto porto a questa prestigiosa Conferenza i fraterni saluti del Forum Belgrado Italia di cui sono onorato di esserne il portavoce per l’Italia e dell’Associazione di Solidarietŕ SOS Yugoslavia- SOS Kosovo Metohija.
 
Il nostro lavoro in Italia si fonda su due aspetti che da sempre abbiamo ritenuto indispensabili e legati tra loro: un lavoro di Informazione e uno di Solidarietŕ Concreta con la popolazione. L’Informazione č un arma per lottare per la veritŕ contro la disinformazione strategica, per costruire coscienza. La Solidarietŕ Concreta come passaggio conseguente concreto, č un arma per costruire legami, relazioni conoscenza e amicizia tra i popoli, ed anche questo pensiamo sia uno strumento per la lotta contro le guerre e per la pace.
 
Qual č oggi la realtŕ del Kosovo dopo 78 giorni di bombardamenti e dopo 10 anni di “ristabilita” democrazia, di “ristabiliti” diritti umani, “ristabilita” multietnicitŕ,,, di “ritrovata” libertŕ?
 
Sono da cinque anni coordinatore per i Progetti di Solidarietŕ con il Kosovo Metohija, quindi parlo di una realtŕ che conosco direttamente sul campo, vissuta in prima persona con il popolo serbo oppresso di lŕ (ma anche con famiglie rom, di altre minoranze e anche kosovari albanesi lealisti alla Jugoslavia ed alla convivenza multietnica), oltre che documentata e non basata su racconti o Internet.
 
I nostri Progetti sono costruiti con profughi, con lavoratori disoccupati delle enclavi, con vedove di guerra, con i figli dei rapiti del Kosovo e con l’Associazione Sclerosi Multipla del Kosovo Metohija.
 
La realtŕ sul campo č esattamente il contrario delle veritŕ ufficiali raccontate dalla NATO, dall’UNMIK, dall’OSCE o dalla cosiddetta Comunitŕ Internazionale.
 
Dopo 10 anni dove sono la cosiddetta “pulizia etnica”, il “genocidio”, “le fosse comuni” conle decine di migliaia di albanesi kosovari dentro?
 
Quando, secondo i documenti CIA, FBI, OSCE, Unmik, NATO….a tutt’oggi: sono stati ritrovati 2108 corpidi tutte le etnie; secondo l’UNCHR i primi profughi sono stati registrati il 27 marzo 1999, cioč 3 giorni dopo l’inizio dei bombardamenti; sono stati uccisi dal giugno ’99 ad oggi 3.000 serbi, rom, albanesi jugoslavisti, e di altre minoranze; sono stati rapiti 1300 serbi; oggi si sa (tramite le memorie della ex procuratrice del tribunale dell’Aja per la Yugoslavia, Carla Del Ponte) che loro sapevano di 300 serbi rapiti dalle forze terroriste dell’UCK portati in Albania per estirpargli gli organi ad uno ad uno.
 
– Cos’č la democrazia quando per motivi etnici, le persone (serbi e le altre minoranze) non possono lavorare, studiare, avere l’assistenza sanitaria, camminare fuori dalle enclavi (campi di concentramento a cielo aperto) con il rischio di essere assassinati?
 
- Che significato ha il termine “diritti umani”, quando per motivi etnici un uomo, un giovane, un bambino in ogni momento puň essere ucciso? Quando oggi nel 2009, tutti i “diritti umani” fondamentali sanciti nella Carta Universale dei Diritti Umani fondante l’ONU…sono ogni giorno negati per tutti i non albanesi ed anche per migliaia di kosovari albanesi?
 
- Cosa significa la parola multietnicitŕ, quando oggi il Kosovo č una provincia etnicamente pulita, mentre fino al 1999 vivevano lě 14 minoranze diverse, con gli stessi diritti sanciti nella Costituzione jugoslava? Quando 148 monasteri e luoghi sacri ortodossi sono stati distrutti dalle forze terroriste dell’UCK?
 
- Che significato ha la parola “libertŕ”, quando ad un popolo per motivi etnici č negata la possibilitŕ di lavorare, studiare, essere curato, privato dei diritti politici, civili o religiosi? Quando in uno stato fantoccio creato dalla forza militare della NATO, la sua leadership č formata da criminali, terroristi, da trafficanti di droga, di armi, di donne, di organi umani, come indicato e documentato da svariati organismi giuridici internazionali e dalla stessa DEA (Agenzia antidroga statunitense), che ha definito il Kosovo un narcostato nel cuore dell’Europa? Un lavoratore e le persone oneste di qualsiasi etnia, sono libere in una realtŕ simile?
 
Come puň essere libero un popolo o una regione quando sulla sua terra costruiscono una base militare straniera, come Camp Bondsteel, la piů grande base militare americana dai tempi del Vietnam? Per cosa un tale investimento di denaro e forze? Per controllare alcune decine di migliaia di serbo kosovari chiusi dentro alcune enclavi? O forse (!) per i loro disegni ed obiettivi geostrategici?
 
Menzogne! Menzogne! Menzogne!
 
Per questo dobbiamo lavorare per una informazione di veritŕ e per una solidarietŕ concreta per il popolo serbo del Kosovo occupato, che resiste nelle enclavi assediate dalla violenza e dall’odio.
 
La battaglia per la veritŕ č battaglia per la giustizia. Senza veritŕ non puň esserci giustizia. Senza giustizia non ci puň essere pace per nessun popolo.
 
Indipendenza nazionali, sovranitŕ nazionali, integritŕ nazionali, sono gli obbiettivi concreti e realistici, oggi da difendere e su cui costruire politiche di pace e reale sviluppo, in Serbia comeper ogni paese e popolo.
 
Cari partecipanti a questo importante e prestigioso Meeting, come modesta voce delle enclavi resistenti del Kosovo Metohija usurpato, vi chiedo col cuore e con la coscienza che possedete di uomini e donne liberi e consapevoli, di certamente non dimenticare l’aggressione criminale al popolo jugoslavo del 1999, ma altrettanto fortemente di non dimenticare la resistenza del popolo serbo del Kosovo Metohija occupato, OGGI.   
 
Grazie per avermi dato la possibilitŕ di esporre queste schematiche parole, a nome di tutti coloro che lavorano e si impegnano in Italia con il Forum Belgrado Italia e con l’Associazione SOS Yugoslavia- SOS Kosovo Metohija; ma soprattutto GRAZIE a nome dei nostri fratelli e sorelle delle enclavi, un popolo senza piů voce, senza piů televisioni, senza piů giornali, ma ancora lŕ in piedi, tenace e fiero a difendere la loro esistenza ma anche il diritto di qualsiasi popolo ad esistere.
 
Nel mezzo della piana, la piů ampia ampiezza.
Nel mezzo del mare, il fondo piů profondo.
Nel mezzo del cielo, l’altezza piů alta.
Nel Kosovo, il campo di battaglia piů alto.
 
(Poema epico popolare serbo)
 
Grazie.
 
Enrico Vigna
 

=== 4 ===

http://www.workers.org/2009/world/yugoslavia_0402/

Anti-NATO forces in Serbia mark 10th year since bombing of Yugoslavia

By Heather Cottin
Belgrade, Serbia
Published Mar 29, 2009 8:53 PM

March 23—Hundreds of representatives are meeting in Belgrade on March 23-24 to commemorate the 10th anniversary of the U.S.-led 78-day bombing of Yugoslavia and the heroic resistance of its people and military during NATO’s aggressive and illegal war. Participants came from many European countries, including Bulgaria, Belgium, Russia, Germany, Greece, Italy, Ireland, Britain, Spain, Portugal and Serbia, as well as Palestine, Angola, Brazil, Venezuela and the United States.

In 1999, thousands of courageous students rallied at huge rock concerts on bridges the U.S. and its NATO allies were bombing in Belgrade. Wearing shirts emblazoned with bull’s-eyes, they protested the criminal NATO violation of Yugoslavia’s sovereignty, proclaiming themselves “NATO targets.”

The Belgrade Forum met to “remember the defense of the county” that coincided with NATO’s first step of Western military expansion into the former socialist countries. The U.S.-led NATO assault killed over 2,000 civilians and bombed chemical and water treatment plants, resulting in permanent destruction of the country’s ecology. The Pentagon used bombs and shells with depleted uranium in Kosovo and the rest of Serbia 10 years ago. Now cancer rates there have skyrocketed to over 300 percent above prior rates.

Speakers at the two-day conference said the U.S.-NATO war—allegedly to “liberate” Kosovo—was designed to build Camp Bondsteel, now the largest U.S. military base in southeastern Europe. The U.S.-NATO plan was to transform the Balkans into a launching pad for further military expansion into Eastern Europe and Southwest Asia, which has happened.

Ivan Dimitrov from Bulgaria, one of the speakers at the Belgrade Forum, apologized to Serbs for his nation’s role as the military base from which the U.S. launched many of the aerial attacks during the 78-day war on Yugoslavia. Belgrade, he said, is unique, a city that was bombed by both the Nazis and by NATO. He continued, “The capitalist system is the focus of all the evil in the world.”

In the Yugoslavia of 1989, some 20 million people of many nationalities lived in six republics. Some 70 percent of the country’s productive capacity was publicly owned.

Since Yugoslavia’s breakup, everything has been privatized. The factories are closing. The fancy Benetton, Gap, Ann Taylor and computer stores have few customers. Unemployment is in double digits. In Kosovo, a former province of Serbia that NATO has turned into an abject colony, unemployment is 70 percent.

Protests of NATO ‘celebration’ planned

Most speakers at the Belgrade Forum condemned the world capitalist press for suppressing the truth about what NATO began in Yugoslavia, but noted that this spring marked a new beginning for a worldwide fightback against NATO militarism and the putrefying capitalist system it protects.

The most pro-capitalist, rightist and subservient politicians in Georgia, Ukraine, Azerbaijan, Poland, Bulgaria and other “new” NATO member-states came into office after establishing their loyalty to the West and to neoliberal policies supporting “globalization.” That is, they backed U.S. and European Union imperialist investment and control, turning their countries into Western colonies to defend their own narrow interests.

The workers in Eastern Europe, robbed of free health care, education, the guarantee of jobs and culture, face double-digit unemployment.

Now the U.S. and NATO look to the working-class and farmer youth of Eastern Europe’s “new” NATO members for cannon fodder for its colonial adventures. These youths’ job is to kill and die for NATO in Afghanistan, while NATO military expenditures strain the budgets of these poorer member nations.

The 60th anniversary of NATO in early April has become the focus of protest all over Europe and also in Canada, beginning now. In Montreal, Rome, Brussels and Belgrade people are gathering to say no to NATO expansion, with major protests planned for April 2-4 in and around Strasbourg, France.

Articles copyright 1995-2009 Workers World. Verbatim copying and distribution of this entire article is permitted in any medium without royalty provided this notice is preserved.
Workers World, 55 W. 17 St., NY, NY 10011
Email: ww@workers.org
Subscribe wwnews-subscribe@workersworld.net
Support independent news http://www.workers.org/orders/donate.php


=== 5 ===

http://www.resistenze.org/sito/te/po/se/pose9c25-004742.htm
www.resistenze.org - popoli resistenti - serbia - 25-03-09 - n. 266

da Partito Comunista della Grecia (KKE) - inter.kke.gr - in www.solidnet.org
Traduzione dall'inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare
 
La delegazione guidata dal Segretario generale č a Belgrado
 
24/03/2009
 
Una delegazione del Partito Comunista della Grecia, guidata dal Segretario generale del partito, la compagna Aleka Papariga, č a Belgrado per partecipare alla conferenza internazionale organizzata dal Forum di Belgrado e dal Consiglio Mondiale della Pace [WPC] in occasione del 10° anniversario dei bombardamenti della NATO.
 
La conferenza vede la presenza dei rappresentanti delle organizzazioni e movimenti antimperialisti di 45 paesi.
 
La compagna Papariga, che ha incontrato il Presidente del Parlamento serbo Slavica Djukic-Dejanovic, ha affermato che “Siamo a Belgrado per ricordare e mostrare il nostro rispetto al popolo serbo per i barbari attacchi da parte di 19 stati appartenenti alla NATO, e piů specificamente dagli Stati Uniti, Unione Europea e NATO, e per rinnovare i rapporti di amicizia tra i due popoli. Noi siamo uniti da problemi comuni per via della crisi economica, come per il fatto che la guerra non ha abbandonato la nostra regione. Col presidente del Parlamento abbiamo discusso del nostro contributo allo sviluppo delle relazioni tra i due Parlamenti. Ciň che č fondamentale e concreto č che i popoli esercitino pressioni sul Parlamento affinché sia promosso l’aiuto disinteressato di un popolo all’altro nelle attuali pesanti circostanze”.
 
Nel primo pomeriggio di lunedě 23 marzo, la compagna Papariga ed i membri della delegazione del KKE hanno visitato la cittŕ natale dell’ultimo presidente Slobodan Milosevic, Pozarevac, ed hanno deposto una corona di fiori sulla sua tomba.
 
“Siamo venuti qua per ricordare che sono trascorsi 10 anni dall'inizio della guerra imperialista contro la Yugoslavia e che i crimini non hanno un inizio e una fine. In questo momento ricordiamo il sostanziale rapimento di Milosevic, il quale ha demistificato il mito e svelato del tutto la natura della cosiddetta democrazia europea. Proprio su questa terra di Europa, che apparentemente possiede grande cultura e umanesimo, ha avuto luogo il sequestro di una persona per processarla sulla base di menzogne e morire poco prima della conclusione, ricordando che la lotta di un popolo non ha mai fine.
 
La morte di Milosevic arrivň prima della sentenza finale, il popolo della Serbia ed i popoli dell'Europa devono condurre la lotta per la definitiva condanna dell’imperialismo. Al di lŕ del castigo divino, in cui credono alcuni, esiste anche il giudizio popolare.
 
Il Segretario generale del CC del KKE, la compagna Aleka Papariga, lunedě 23 marzo ha incontrato le delegazioni del Nuovo Partito Comunista di Yugoslavia e del Partito dei Comunisti Serbi, mentre martedě 24 marzo ha pronunciato un discorso alla conferenza organizzata dal Forum di Belgrado in occasione del 10° anniversario dei bombardamenti NATO.


=== 6 ===

Dačić: Priznavanje jednostrane secesije Kosova - nastavak agresije

23. mart 2009. 12:33     (Izvor: Međunarodni radio Srbija)

Potpredsednik Vlade Srbije Ivica Dačić, ocenio je da jednostrano proglašenje secesije Kosova i njeno priznanje od nekih država predstavlja  nastavak pritisaka i agresije, koju je NATO izvršio 1999. godine na SRJ. Dačić je, obraćajući se u ime Vlade Srbije učesnicima dvodnevne međunarodne konferencije "Agresija NATO na SRJ - deset godina posle", podsetio da je bombardovanje SRJ sprovedeno bez odluke SB UN i da su njime prekršeni Povelja UN i osnovni principi međunarodng prava. Dačić je ukazao da je do jednostranog priznavanja nezavisnosti Kosova došlo takođe bez odluke SB UN. Dvodnevnu konferenciju koja se odžava u Centru "Sava" organizovali su beogradski Forum za svet pravednih i Klub generala i admirala Vojske Srbije. Otvaranju su, između ostalih, prisustvovali predsednica Skupštine Srbije Slavica Đukić-Dejanović, predsednica Svetskog mirovnog pokreta Sokoro Gomeš i predstavnici više ambasada u Beogradu, među kojima i ruski ambasador Aleksandar Konuzin.

---

http://www.b92.net/eng/news/politics-article.php? yyyy=2009&mm=03&dd=23&nav_id=58033

Tanjug News Agency - March 23, 2009

Dacic: UDI is "continued NATO aggression"

BELGRADE - First Deputy PM and Interior Minister Ivica Dacic on Monday in Belgrade addressed a
conference dubbed, "NATO Aggression against Serbia: Ten Years After".

Dacic said that the process of the unilateral proclamation of the secession of Kosovo and its recognition
by certain states presents "a continuation of the bombing, pressure and aggression" which NATO
carried out against Serbia and then Federal Republic of Yugoslavia (SRJ) for 78 days in 1999.

Tanjug news agency reports that he addressed the gathering on behalf of the government, to point out
that the air strikes on Serbia were carried out without a decision of the United Nations Security Council,
that they present a violation of the UN Charter, the Paris Charter, the closing acts of the Organization
for Security and Cooperation in Europe (OSCE), as well as the elementary principles of international
law.

"The bombing of Serbia was a consequence of a false accusation of genocide and ethnic cleansing,
because of a stage-managed massacre, and the alleged guilt of the Serbian forces in Racak," Dacic said.

The attacks against Serbia presented the closing stage of all the pressures put on the country since the
beginning of the 1990s, according to the minister, who is also the leader of the ruling Socialists (SPS).

"It is similar today. Just as then, it also happened now that the unilateral recognition of the
independence of Kosovo and Metohija took place without a decision of the UN Security Council," Dacic
said, pointing out that "the unilateral proclamation of secession and its recognition by certain states
present a continuation of the bombing, pressure and aggression that were in force at that time".

"On the grounds of the illegal manner of the air strikes, the lack of a UN Security Council decision, and
the consequences of the bombing for the Serbian people, the NATO aggression constituted a crime,"
stated the minister.

It was announced last week that the Serbian government will on Tuesday hold a special session
dedicated to Remembrance Day for the victims of the NATO air strikes.

For the first time since 2000, throughout the country citizens will suspend their activities and observe a
minute of silence for the innocent victims as sirens are sounded at noon on March 24 -the 10th
anniversary of the beginning of the attacks.

The government session will be open to the public and it will be addressed by Prime Minister Mirko
Cvetkovic.





BELGRADE FORUM
FOR A WORLD OF EQUALS
11.000 Belgrade, Murska 14, Serbia
Tel. +381 11 24 52 071, 381 11 24 55 822                                                                                                        Belgrade, August 2008
e-mail- beoforum@gmail.com

                                                          A P P E A L

NOT TO FORGET
NATO AGRESSION AGAINST SERBIA, TEN YEARS AFTER

Belgrade Forum for a World of Equals, an independent, non-party, and non-profit association of citizens, has initiated a program of activities to mark the 10th anniversary of the NATO aggression against Serbia (the Federal Republic of Yugoslavia) in 1999.
    The primary objectives are to pay due respect to human victims, to shed more light on the real goals and consequences of that aggression, and to spread messages of peace, mutual respect and equal rights of all nations and all human beings on the Planet. The framework is: NOT TO FORGET. Remembrance of victims and consequences of the aggression will contribute to upgrading the overall responsibility for the observance of the universal principles of International Law and the role of the international institutions, headed by the United Nations.
    The activities will continue throughout 2009, culminating in March (the beginning) and June, 2009 (the end) of the aggression.
    The Belgrade Forum invites all the state, scientific, cultural and religious institutions of Serbia, the Serbian Academy of Science and Art (SANU), the Serbian Orthodox Church (SPC), associations of citizens, mass-media, and the Serbian Diaspora (with its associations and mass-media) to take part in various activities aiming not to forget victims and consequences of the 1999 NATO aggression. Consequences are not felt in Serbia and the Balkans only but also in Europe, Caucasus, Middle East, Asia, Africa, Latin America.
    The Belgrade Forum believes that marking this anniversary will promote international solidarity with Serbia and Serbian people as victims of the aggression which transformed NATO from a defensive into an offensive alliance. The day of the beginning of NATO aggression, March 24th, 1999 set a most dangerous precedent of using military force of an regional organization against a sovereign state without authorization of UN Security Council. It was a clear violation of the universal principles of International Law, the UN Charter, the OSCE Final Helsinki Act and the Paris Charter. It represents also violation of the NATO 1949 founding act as well as the constitutions of the member countries. Uniqueness is reflected also insofar that the aggression was conducted in an alliance of NATO and the terrorist UCK organization.
              The aggression left over 3.500 dead and about 10.000 wounded, out of which more than two thirds are civilians, including children and disabled. In addition, many people died later as a consequence of deceases caused by use of depleted uranium and other armament banned by the International Law. The material losses – destroyed bridges, railways, highways, factories, transformers and electricity transmission lines, apartment buildings, schools, hospitals, even 30 TV stations and transmitters – amounted about 100 billion US dollars.
     The goals of the 1999 military NATO aggression have been incessantly pursued during the past ten years. Their continuity was reflected through sustained support to the Albanian terrorism and secessionism - that resulted in thousands of killed and abducted, ethnic cleansing of 270.000 Serbs and other non-Albanians, destruction of 150 Serbian medieval monasteries and churches, massive pogrom of Serbs in March 2004 - all the way to open support to the recently proclaimed illegal independence of Kosovo (17th of February 2008). Notably, the US/NATO/UCK aggression against Serbia and their open support to the Albanian terrorism and separatism in Kosovo and Metohija (Serbia) led to the overall rise of terrorism, separatism and organized international crime in Europe and the world, to the occupation of Afghanistan (2001) and Iraq (2003), to the threats of military interventions in many other countries all over the world. 
             Following the 1999 aggression USA and NATO have established a network of new military bases in Eastern Europe and the Balkan countries (Bulgaria, Albania, Rumania, Hungary, Bosnia). This actually started by establishment of Camp Bondstill, an American military base in Kosovo and Metohija (Serbia) in 1999 as the biggest American base outside the USA and the largest built since the Vietnam War.
    To conclude, NATO aggression against Serbia (FRY) was not a local war, the least “humanitarian intervention” but the testing of a USA strategy with global objectives threatening the whole humanity.
             Belgrade Forum is addressing an

                                                   A p p e a l

 to peace movements, intellectuals, youth organizations, leaders of friendly countries and organizations, to co-fighters for peace, equal sovereign rights, and cooperation, to friends – in Europe, Asia, North and South America, Africa:
             to mark the 10th anniversary of the USA/NATO/UCK aggression against Serbia (FRY), demand abolishment of NATO and foreign military basis, condemn illegal secession and recognition of Kosovo and Metohija (by NATO and some EU countries), to support sovereignty and territorial integrity of Serbia, denounce USA double standards on separatism and terrorism.
     The Belgrade Forum is engaged in preparation of the following -
                                             
   Activities:

            -        International Round table on 23 of March, 2009, in Belgrade.
-        Publication of the of the interventions 
-         Photo, books, audio/video exhibition on the aggression
-        Review of documentary films of domestic and foreign production in Belgrade and other cities in Serbia
-     Reconstruction of the monuments to the victims
-        Laying wreaths in honor to the victims in Belgrade and other places
-        Opening of the Library for Study, Investigation and Documentation on the aggression
-     Peace meetings and marches
-         Preparation of the book “Friends of Serbia in the World”
-      Cooperation with associations of Serbian Diaspora
-      Placing a bronze plaque of gratitude to Greek People in Thessaloniki 
                                                      
                                                   How you can help?         
     
             -     Spreading information on the coming anniversary
-     Initiating activities in your country, town,   and/or association     condemning aggression and expressing solidarity with Serbia’s rights to sovereignty, territorial integrity and compensation for the losses caused by the criminal aggression
-    Denouncing NATO as an aggressive alliance aiming to be above the UN    and asking its abolishment
Writing and publishing your own analyses, experiences, and views on the NATO aggression and its consequences
Asking the government institutions in your countries to publicly mark this anniversary and condemn arms race, disregard of the International Law and interventionism initiated by the 1999 NATO aggression
Asking civic and youth association, political parties, parliamentarians, independent intellectuals, scientists, mass-medias to mark this anniversary, condemn policy manipulations, double standards on separatism, terrorism and selective justice 
Taking part in public discussions, meetings, or marches against the aggressive policy of NATO
Collecting books, photos, CDs, DVDs, films, or any other documents for the future Library on the aggression
Nominating personalities for the “Book of Friends of Serbia in the World” with the basic biographic data
Donating Belgrade Forum, thus helping the implementation of the proposed activities.
                                                                   
                                                                                        P R E S I D E N T
                                                                                        Zivadin Jovanovic




http://www.resistenze.org/sito/te/po/se/pose8i08-003633.htm

www.resistenze.org - popoli resistenti - serbia - 08-09-08 - n. 240

da Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali
Traduzione a cura del Forum Belgrado Italia
 
Per non dimenticare
 
Dieci anni dopo l’aggressione della NATO alla Serbia
 
Il Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali, come associazione di cittadini indipendente, apartitica e no profit, ha stabilito un programma di attivitŕ in ricordo del 10° anniversario dell’aggressione della NATO contro la Serbia (Repubblica Federale Jugoslava) nel 1999.
 
Gli obiettivi primari sono: pagare un debito di rispetto alle migliaia di vittime umane; mettere in nuova luce i veri obiettivi e le conseguenze dell’aggressione; inviare un segnale di pace, di reciproco rispetto e uguali diritti, per tutte le nazioni e tutti gli esseri umani del pianeta. Il tema centrale č: non dimenticare. Il ricordo delle vittime e le conseguenze dell’aggressione dovrebbero contribuire a definire soprattutto le responsabilitŕ della violazione del Diritto Internazionale ed il ruolo delle istituzioni internazionali universali, prima di tutto, le Nazioni Unite.
 
Le varie attivitŕ dureranno l’intero anno 2009, ma naturalmente saranno focalizzate nel Marzo 2009, negli stessi giorni in cui cominciň l’aggressione il 24 Marzo 1999.
 
Il Forum di Belgrado fa appello a tutte le istituzioni statali, scientifiche, culturali e spirituali della Serbia, all’Accademia Serba delle Scienze e delle Arti (SANU), alla Chiesa Ortodossa Serba (SPC), alle associazioni civili, ai mass media, alla Diaspora Serba (con le sue Associazioni e riviste), di partecipare alle varie iniziative con lo spirito di non dimenticare le vittime e le conseguenze dell’aggressione della NATO del 1999.
 
Il Forum di Belgrado crede che il dare rilievo a questo anniversario possa incoraggiare l’unitŕ delle forze della pace nel mondo e la solidarietŕ internazionale con la Serbia ed il popolo serbo, denunciare essi come vittime dell’aggressione e la trasformazione della NATO da alleanza difensiva ad alleanza offensiva. Il 24 Marzo 1999 ha segnato il piů pericoloso precedente di rottura dei principi universali delle relazioni internazionali, della Carta dell’ONU, dei documenti OSCE dell’Atto Finale di Helsinki del 1975 e della Carta di Parigi del 1990.
 
L’obiettivo dell’aggressione militare della NATO nel 1999 era stato pianificato nei dieci anni precedenti. La continuitŕ si č espressa attraverso il sistematico supporto al terrorismo e secessionismo albanese nel Kosovo Metohija, il quale ha prodotto migliaia di assassinati e di rapimenti, una pulizia etnica per 270.000 serbi e delle altre minoranze non albanesi, la distruzione di 150 monasteri medievali serbi e chiese ortodosse, un terrorismo di massa pianificato contro i serbi nel Marzo 2004, tutto indirizzato all’aperto sostegno alla recente proclamazione dell’illegale indipendenza del Kosovo (il 17 Febbraio 2008). L’aggressione USA /NATO contro la Serbia ed il loro aperto supporto al terrorismo secessionista albanese in Kosovo Metohija (Serbia), ha generato una prospettiva globale di terrorismo, separatismo e crimine organizzato internazionale in Europa e nel Mondo; dalla guerra in Afghanistan, all’occupazione dell’Iraq, alle minacce di interventi militari in molti altri paesi nel mondo. USA e NATO hanno consolidato un intera rete di basi militari nei paesi balcanici (Bulgaria, Albania, Romania, Ungheria, Bosnia). Questo processo, che č avanzato parallelamente con l’espansione della NATO verso Est, qui ha preso avvio nel 1999 con la costruzione di Camp Bondsteel, la base militare americana in Kosovo Metohija (Serbia), considerata la piů grande base statunitense fuori dagli USA.
 
Il Consiglio Mondiale della Pace in Atene, ha appoggiato l’iniziativa del Forum di Belgrado. I delegati del Consiglio Mondiale della Pace alla Conferenza di Caracas nell’Aprile 2008, hanno anch’essi approvato l’iniziativa. Cosě pure il Forum per la Pace di Berlino ha giŕ aderito all’iniziativa durante la Conferenza di Pace Europea il 21 e il 22 Marzo 2008. Alcuni partiti parlamentari in Germania, Grecia, Cipro, Spagna, Portogallo, Italia, Russia, Ucraina, Bielorussia, India, Cuba, Venezuela e molti altri paesi hanno stabilito alcune iniziative in funzione di questo anniversario.
 
L’aggressione della NATO non č stata una guerra locale ma una prova per testare una strategia con obiettivi intimidatori verso l’intera umanitŕ e i principi di civiltŕ. Questo č il motivo per cui questo appello č indirizzato ai movimenti della pace, ai paesi amici, alle organizzazioni di amicizia con la Serbia in tutto il mondo: Europa, Asia, Nord e Sud America, Africa.
 
Il Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali propone:
 
              Iniziative:
 
-         Tavola rotonda sul 24 Marzo 1999
-         Pubblicazione degli Atti degli interventi della Tavola Rotonda in Serbo, Inglese e, eventualmente in altre lingue
-         Mostra fotografica ed esposizione di libri nelle varie lingue sull’aggressione
-         Rassegna di documentari e film, di autori serbi e stranieri relativi all’aggressione
-         Visita a monumenti, edifici bombardati e posa di corone in memoria delle vittime dell’aggressione
-         Creazione di un Centro studi, di inchiesta e documentazione relativi all’aggressione
-         Pubblicazione di un libro intitolato: "Amici della Serbia nel mondo"
-         Cooperazione con le Associazioni della Diaspora Serba e le loro pubblicazioni
-         Conferenza e Marcia per la Pace
 
In funzione di questo programma il Forum Belgrado ha giŕ stabilito una cooperazione con Associazioni dai comuni orientamenti, con cui saranno affrontati ulteriori dettagli e l’organizzazione dei lavori.
 
Agosto 2008
 
Il Presidente del Forum Belgrado per un Mondo di Eguali, Zivadin Jovanovic
 
beoforum@gmail.com
 
Per l’Italia chiunque intendesse collaborare a questo evento, di cui č evidente l’importanza, che va molto oltre gli avvenimenti dell’anniversario in sé, il Forum Belgrado Italia č il punto di riferimento organizzativo, di raccordo e di comunicazione con il gruppo di lavoro a Belgrado.
 
Chiunque intendesse partecipare non solo all’evento ma anche cooperare alle eventuali iniziative locali, con idee, suggerimenti, proposte, scriva a: posta@resistenze.org con l’indicazione per Forum Belgrado Italia, e sarete subito ricontattati.
 




BEOGRADSKI FORUM ZA SVET RAVNOPRAVNIH
11.000 Beograd
Murska 14, tel. +381 11 24 55 822
+381 11 24 52 071, e-mail: beoforum@gmail.com


                                                        A P E L
                                         
                                         DA SE NE ZABORAVI
                AGRESIJA NATO NA SRBIJU (SRJ) 10 GODINA POSLE

Beogradski forum za svet ravnopravnih, nezavisna, nestranačka i neprofitna asocijacija građana inicirao je program za obeležavanje desete godišnjice NATO agresije na Srbiju (Saveznu republiku Jugoslaviju), 1999. godine.
Primarni ciljevi su odavanje pošte žrtvama, rasvetljavanje stvarnih ciljeva i posledica  agresije i slanje poruke mira, međusobnog poštovanja i jednakih prava za sve nacije i ljude. Obeležavanje godišnjice odvijaće se pod motom DA SE NE ZABORAVI. Sećanje na žrtve i posledice agresije će doprineti jačanju atmosfere odgovornosti za poštovanje iniverzalnih prncipa međunarodnog prava i uloge međunarodnih institucija koje predvode Ujedinjene nacije.
Aktivnosti će se odvijati tokom cele 2009. godine s tim što će se koncentrisati oko 24. marta kada je agresija počela i oko 10. juna kada je agresija okončana. Obeležavanje ove godišnjice treba da ima najširi društveni, državni i nacionalni karakter.
Beogradski forum stoga upućuje apel svim državnim, naučnim, kulturnim i verskim institucijama Srbije, Srpskoj akademiji nauka, Matici srpskoj, Srpskoj pravoslavnoj crkvi i drugim verskim zajednicama, udruženjima građana, medijima, udruženjima Srba i njihovim medijima u rasejanju, da uzmu učešća u aktivnostima na obeležavanju ove godišnjice sa ciljem da se ne zaborave žrtve i posledice agresije NATO-a 1999 godine. Posledice se ne ne tiču samo  Srbije i Balkana, već i Evrope, Kavkaza, Bliskog istoka, Azije, Afrike, Latinske Amerike.
Beogradski forum smatra da će obeležavanje ove godišnjice promovisati solidarnost i saradnju sa Srbijom i srpskim narodom, kao žrtvama agresije koja je NATO transformisala od odbrambene u napadačku alijansu. Dan početka agresije, 24 mart 1999. godine je označio uspostavljanje najopasnijeg presedana: regionalna organizacija upotrebila je oružanu silu protiv suverene države, bez odobrenja saveta bezbednosti UN. To je očigledno kršenje univerzalnih principa međunarodnih zakona, povelje UN, Finalnog akta OEBS-a i Pariske povelje. Agresija je preduzeta kršenjem osnivačkog akta NATO iz 1949 godine kao i ustava zemalja članica. Jedinstvenost se agresije ogleda se i u tome što je izvedena u savezu NATO i jedne terorističke organizacije (OVK).
U agresiji je poginulo preko 3500 ljudi a oko 10 000 je ranjeno, od kojih je više od dve trećine civila, uključujući decu, žene i stare ljude. Osim toga, mnogi su kasnije umrli od posledica bolesti izazvanih osiromašenim uranijumom i drugim oružjima koja su zabranjena međunarodnim zakonima (kasetne bombe). Materijalni gubici - srušeni mostovi, željezničke pruge, autoputevi, fabrike, transformatori i dalekovodi stambene zgrade, škole, bolnice, ček i 30 TV stnica i releja, iznose oko 100 milijardi US$.
Ciljevi započeti agresijom NATO 1999 sprovode se tokom poslednjih 10 godina ekonomskim, političkim, propagandnim sredstvima, javnim i prikrivenim metodayma.  Kontinuitet politike iznurivanja i drobljenja SRJ, zatim Srbije, se odražava  stalnom podrškom albanskom terorizmu i secesionizmu, čije su posedice hiljade ubijenih i otetih, etničko čišćenje 270.000 Srba i drugih ne-Albanaca, uništenje 150 srpskih srednjevekovnih  manastira i crkava, masovni pogrom Srba u martu 2004. godine - sve do otvorene podrške ilegalnoj nezavisnosti Kosova, proglašenoj 17.februara 2008. Uočljivo je da su agresija NATO protiv Srbije (SRJ), otvorena podrška SAD, VB, Nemačke i NATO-a albanskom terorizmu i separatizmu na Kosovu i Metohiji doveli do opšteg porasta terorizma, separatizma i organizovanog kriminala u Evropi i svetu, do širenja NATO na Istok, do faktičke revizije osnivačkog akta NATO od 1949, do okupacije Avganistana (2001) i Iraka (2003), kao i do otvorenih pretnji vojnim intervencijama drugim zemljama po celom svetu.
Posle agresije 1999 godine USA i NATO su uspostavili mrežu novih vojnih baza od Baltika, preko Crnog Mora do Anadolije i Istočnog Mediterana. Samo u Bugarskoj i Rumuniji tokom protekle dve godine otvoreno je 8 američkih vojnih baza, po četiri u svakoj zemlji. Ne treba izgubiti iz vida da je taj proces otpočelo osnivanjem baze „Bondstill“ na Kosovu i Metohiji (Srbija) 1999. godine, kao najveće američke baze van SAD i najveće uopšte izgrađene posle vijetnamskog rata.
Da zaključimo: NATO agresija protiv Srbije (SRJ) nije bila lokalni rat a najmanje "humanitarna intervencija" već testiranje strategije SAD sa globalnim ciljevima. SAD su same sebi pripisale pravo da bilo koji deo na planeti proglase svojim nacionalnim interesom i da tamo upotrebe vojnu silu bez bez mandata SB UN. 

Stoga Beogradski forum upućuje
 
                                                         A  P  E  L

mirovnim pokretima, intelektualcima, omladinskim organizacijama, parlamentarcima, veteranima oslobodilačkih ratova, medijima u Srbiji u svuda u svetu da ujedine i ojačaju zajedničku borbu za mir, jednaka suverena prava svih država i naroda i ravnopravnu saradnju bez pretnji silom i ratovima, bez selektivne pravde i arbitrarnih sankcija.
Forum apeluje da se u Srbiji, Crnoj Gori, u svim zemljama Balkana i u svetu dostojanstveno obeleži deseta godišnjica agresije NATO/OVK na Srbiju (SRJ), da se zahteva raspuštanje NATO i stranih vojnih baza, osudi ilegalno oduzimanje Kosova i Metohije od Srbije i priznanje od strane nekih članica NATO i EU zemalja, da se pruži podrška suverenitetu i teritorijalnom integritetu Srbije i osude dvojni standardi  prema separatizmu i terorizmu.

Beogradski forum se angažuje u pripremi sledećih
 
                                                      AKTIVNOSTI

Međunarodni okrugli sto 23.03.2009. u Beogradu o ciljevima i posledicama agresije NATO
Izdavanje zbornika saopštenja
Izložba fotografija, knjiga, audi/vido zapisa o agresiji.
Smotra dokumentarnih filmova domaće i strane proizvodnje u Beogradu i drugim srpskim gradovima o agresiji
Rekonstrukcija spomenika žrtvama agresije
Otvaranje biblioteke za izučavanje, istraživanje i dokumentaciju o agresiji
Mirovni mitinzi i marševi
Priprema knjige "Prijatelji Srbije u svetu"
Saradnja sa organizacijama srpske dijaspore
Postavljanje bronzane ploče zahvalnosti Grčkom narodu u Solunu

                                            Kako možete pomoći?

Širenjem informacija o predstojećoj godišnjici
Iniciranjem aktivnosti u vašoj zemlji, gradu i/ili udruženju, osuđujući politiku sile i hegemonizma i izražavajući solidarnost sa naporima Srbije da štiti svoj suverenitet, teritorijalni integritet i pravo na naknadu za štetu izazvanu kriminalnom agresijom.
Ukauzivanjem da je NATO-a od odbrambene agresijom 1999. transformisan u agresorsku organizaciju koja silu stavlja iznad prava i sebe iznad Saveta bezbednosti UN
Zahtevima za raspustanje vojnih blokova, ukidanje stranih vojnih baza, zaustavljanje trke u naoružavanju i preusmeravanje vojnih izdataka u razvoj, ukidanje bede, proizvodnju hrane i bolje zdravstvo 
Pišući i publikujući sopstvene analize, iskustva i poglede na NATO agresiju i njene posledice.
Zahtevom valdinim institucijama da javno obeleže godišnjicu i žigošu intervencionizam, politiku dvojnih standarda i kršenje međunarodnih zakona započeto NATO agresijom 1999.
Apelima građanskim i omladinskim organizacijama, političkim partijama, poslanicima, nezavisnim intelektualcima, naučnicima i medijima da obeleže godišnjicu, osude političke manipulacije, dvostruke standarde prema separatizmu, terorizmu, kao i selektivnu pravdu.
Pokretanjem i učestvovanjem u javnim diskusijama, mitinzima ili marševima mira Sakupljanjem knjiga, fotografija, CD/DVD, filmova i druge dokumentacije za buduću biblioteku za izučavanje aagresiji i promovisanje mira.
Nominacijama za "Knjigu preijatelja Srbije u svetu", sa osnovnim biografskim podacima
Donacijama Beogradskom forumu radi implementacije navedenih aktivnosti.

                                P R E D S E D N I K
                                    Zivadin Jovanovic





THE BELGRADE FORUM FOR THE WORLD OF EQUALS
14 Murska, Belgrade, 11000 SERBIA
Tel&Fax: +381-11-2455822, +381-11-2452071
e-mail: beoforum@gmail.com 

(excerpt from the letter to invited speakers)

10th Anniversary Conference: NATO's War on Serbia              
                                                     
March 24, 2009 will mark ten years since NATO’s military aggression against Serbia (FRY). The US-led military pact’s 78 days of bombing and destruction was the first war of aggression on European soil since World War Two. The war undercut international law and human rights, violating the United Nations Charter, the Helsinki Accords and basic principles of international relations. The unlawful use of force exposed NATO as nothing but a vehicle for depriving the UN Security Council of its authority for international peace. The war spawned the current era of unilateralism, interventionism and militarization. Disguised as “humanitarian intervention,” the war on Serbia set a precedent for invasion since replicated in Afghanistan and Iraq. The consequent 2008 attempt to steal Kosovo and Metohija from Serbia in order to hand it over to NATO's KLA terrorist Albanian allies from 1999 has dragged civilization back to Munich 1938.
NATO demolished the civil infrastructure of Serbia -- a UN and OSCE founding state -- causing economic devastation that will take generations to repair. The ‘humanitarian’ bombing killed between 3,500 and 4,000 people, most of them civilians. More than 10,000 were wounded. Men, women and children of all ethnicities are still dying today from the effects of NATO’s use of depleted uranium munitions and cluster bombs. The material damage has exceeded 100 billion dollars. The psychological damage to the innocent civilian population cannot be estimated.
We are inviting analysts, academics, diplomats, military and other experts worldwide to gather in Belgrade in March 2009 to critically examine the objectives and the unfolding results of NATO’s 'Drive to the East' that began with its bombing of Serbia. We issue this call as the United States is moving from building its biggest new military base in the world at Camp Bondsteel in Kosovo, to setting up three bases further east in Bulgaria, another three in Romania, and missile bases in Poland and the Czech Republic. Was Serbia the end target of the aggression of 1999, or was the war aimed just at starting the erection of a NATO Baltic-to-the-Mediterranean military curtain dividing Europe? 
Does might really make right? Is the doctrine of ‘humanitarian interventionism’ a morally acceptable formula for endless armed crusades, or is it a perversion of the entire framework of individual, community and collective national rights? Is the complete militarization of international affairs inevitable, or can we still revive the concept of the inviolability of peace? Are externally conceived and funded terrorists and fundamentalists destined to remain a universal passkey for the division and conquest of independent states around the globe? The answers will define our future…
The Belgrade Forum for a World of Equals most respectfully invites you to join us in a historic conference from March 23-24, 2009 in memory of the victims of NATO’s War on Serbia (FRY) 1999.
We are soliciting papers on the following themes:
1. NATO’s War on Serbia as aggression in legal and political terms
2. The military-strategic implications of NATO's new aims and character
3. Geopolitical, legal, economic and other repercussions of NATO’s War on Serbia
4. NATO aggression on Serbia as an advance against Russia
5. Serbia’s defense against NATO, KLA terrorists, and collaborating neighbor countries
6. Kosovo: a precedent or a “unique case”?
 7. Serbia’s future: East, West, or Neutral?

Presenters will generally have about 10 minutes to deliver their speeches prior to a discussion.

Sincerely,
(Mr.) Zivadin Jovanovic, President, ex Minister of Foreign Affairs of FR of Yugoslavia                                                                     




БЕОГРАДСКИ ФОРУМ ЅА СВЕТ РАВНОПРАВНИХ
Мурска 14,
11000 Б е о г р а д



10 ГОДИНА ОД ПОЧЕТКА АГРЕСИЈЕ НАТО НА ЈУГОСЛАВИЈУ (СРБИЈУ)

КО СУ ГОСТИ НА МЕЂУНАРОДНОЈ КОНФЕРЕНЦИЈИ БЕОГРАДСКОГ ФОРУМА ЗА СВЕТ РАВНОПРАВНИХ


У недељу, 22. марта о.г. у 18 часова, у Сава центру, Милентија Поповића 9, свечани улаз, отвара се изложба фотографија и кнјига о агресији НАТО на СР Југославију (Србију и Црну Гору).
У понедељак и уторак, 23. и 24. марта у сали 1/А Сава центра одрѕава се Међународна конференција „Циљеви и последице агресије НАТО – 10 година после“, са почетком у 10 часова (регистрација у 09 ч.).
Очекује се да ће овим догађајима, поред остлих личности, присуствовати високи представници Владе и Народне скупштине Србије, верских заједница, културних и научних институција, друштвених и других организација и институција.
Такође ће присуствовати и око 200 страних гостију из око 50 земаљаља Европе и света – познатих и утицајних личности из јавног, политичког, културног и научног живота.
Присуствоваће угледне и утицајне личности из српског расејања из Немачке, Русије, Јужно-афричке Републике, Велике Британије, Француске, САД, Канаде, Италије.
Међу страним гостима очекују се, поред осталих, руски генерал Леонид Грегори Ивашов, грчки политичари Алека Паприга и Вера Николаидоу (потпредседница Грчког Парламента), бугарски академик, писац и политичар Велко Валканов, , амерчки борац за правду и људска права Ремзи Кларк, канадски фиолозоф Мишел Чосудовски, француско-аустријски књижевник Петер Хандке, светски борац за заштиту природне околине Швајцарац Франц Вебер, председница Светског савета ѕа мир, Бразилка Сокоро Гомес, Француски писац Патрик Барио, британска политичарка Алис Маан, немачки писац  Јирген Елзесер и  адмирал Елмар Шмелинг и многе друге личности. 






SOLIDARITY IN BELGRADE
10 YEARS NATO AGGRESSION AGAINST SERBIA

PROGRAM

23 th and 24 th of March 2009

International Round Table:
NOT TO FORGET: NATO AGGRESSION AGAINST SERBIA, TEN YEARS AFTER

Host:
BELGRADE FORUM FOR A WORLD OF EQUALS,
Zivadin Jovanovic, President of the Belgrade Forum
and Former Foreign Minister of the Federal Republic of Yugoslavia
Murska 14 - Belgrade, Tel & Fax: +381 11 2455822 , +381 11 2452071 e-mail: beoforum @gmail.com

Location (has changed!): Sava-Center, Milentija Popovica No. 9, New Belgrade / Novi Beograd

The Round Table will take place on 23th March (all day) and 24th March (in the morning).

Sunday, March 22nd

                     Arrival of foreign guests to Belgrade
                     Accommodation
 
18.00            Opening of the Exhibition of photos and books on NATO aggression,
                     “Sava” conference center, Milentija Popovica No. 9, New  Belgrade.
 
                     Welcome Cocktail.
 

Monday, March 23rd

08.30              Departure from the hotel
09.00              Registration of the participants of the Conference,                                            
                      "Sava" Center in front of 1/A conference room.
10.00              Opening of the International Conference
                "NATO aggression on Yugoslavia (Serbia)
                - objectives and consequences - ten years after"
.
                Invited foreign and Serbian personalities from the Yugoslavia Solidarity speak.

14.00 – 15.00  Lunch in the “Sava” center restaurant
15.00 - 19.00   Continuation of the Conference
                           Departure to the hotels by bus/car

20.00   Review of documentary films on NATO aggression at the "Sava" Conference Center. 
             (Foreign guests are welcome but not obliged to attend)


Tuesday, March 24rth, 2009

08.30               Departure from hotels to the “Sava” Conference Center             
09.00               Continuation of the work of the International Conference at the "Sava" Conference Center

09.00               Delegation of the International Conference lays flowers at the
                         Monument to the children -
victims of the NATO aggression,
                         at the Tashmajdan Park.        

14.00               Lunch in the “Sava” Center restaurant
15.00               Continuation of the work of the Conference
17.00               Adoption of the Belgrade International Conference Declaration
       
                        Free time
20.00               Review of the documentary films, the “Sava” Center
                        (Foreign guests are welcome but not obliged to attend)







Events organized by others:
demonstration, rally and concert

Music starting
at 15:00 in Trg Republike (Republic Square) - Beograd

Demonstration starting
at 19:00 in Trg Republike (Republic Square) - Beograd


NATO-TARGET-concert, downtown Belgrade.
In memory of the Anti-NATO-concerts
that expressed the peoples resistance to the 78-day bombing.
Wednesday, March 25th

                        Departure, or private program.


Events organized by others





PROCEEDINGS FROM THE CONFERENCE


23.3. ujutro / morning:

Prevod Živadina Jovanovića (Beogradski Forum) : video (kratka selekcija) MP4 40'

Pozdrav Ivica Dačića (SPS) : Priznavanje jednostrane secesije Kosova - nastavak agresije / UDI is "continued NATO aggression"

Govor Mihajla Markovića (profesor) : audio MP3 17' (nepotpun -
fali početak: "Treba da se ne zaboravi...")

23.3. popodne / afternoon:

Govor ?

Govor Momira Bulatovi
ća (bivši predsenik SRJ-e): audio MP3 15'

Govor Leonida Ivašova (general ruske armije)

Govor Smilje Avramova (profesorica) : audio MP3 15'

Govor Veljka Valkanova (profesor iz Bugarske) : audio MP3 14'

Govor Vladislava Jovanovi
ća (bivši MUP)

Govor Franca Webera

Govor ?

Govor Koste Čavoski

Govor Srđe Trifkovi
ća

Govor Vere Nikolaidou

Speech by Ramsey Clark (IAC) :
audio MP3 7'30'' (not complete)

Govor Mi
šela Colona

24.3. ujutro / morning:

Govor Spasoja Smiljani
ća (general)

Govor ?

Govor Borislava Milo
ševića (ambasador) : audio MP3 20'

Speech by Michel Chossudovsky (professor) : audio MP3 27'

Govor Aleke Paparige (KKE - sa prevodom) : audio MP3 8'

Govor E. Šmihlinga (EPF)

Govor Luiza Dalmasa (BI)

Govor Jelene Guškove

(nagrade: A. Mahon, P. Handke, R. Clark, V. Valkanov, ...)

Govor Mile Alečkovi
će (za P.-H. Bunel)

Speech by Diana Johnstone : audio MP3 11'

24.3. popodne / afternoon:

Speech by Jürgen Elsässer : audio MP3 16'


Speech by Jean Toschi Marazzani Visconti : text/testo & audio MP3 8'

Speech by Thanasis Pafilis (WPF)

Speech by Dar (India)

Govor Milanovića (supruga bivšeg direktora RTS)

Speech by R.M. Rosa (Portugal)

Govor Ljubiše Svojinimirovića (VJ)

Govor Petkovića (general u penziji - o zabranjenih oružija) : audio MP3 13'

Govor Ranjišića ?

Govor Jovanovića

Govor ?

Speech by Jesus Mora (Cuba)

Speech by Kosta Mihail (Cyprus)

Govor Vladimira Kapuralina (SRP) : text/testo & video MP4 9' (nepotpun) & audio MP3 15'


Govor Stanislava Stojanovića

Speech by Enrico Vignaaudio MP3 5' (not complete) / video MP4 3'10'' (selection) / testo in italiano


Speech by Piotr Bein

...

Speech by Mezayev

...

Speech by Fulvio Grimaldi : text and video Flash 5'30''







The Media Bombing Originated the Bombs

By Jean Toschi Marazzani Visconti

The NATO bombing started on the 24th of March 1999. I arrived in Belgrade some time later, on Catholic Easter day. After a complicated journey trough Romania, I finally landed at a friend´s house in Maike Jevrosima, fifty metres from the State Television Station which would be hit a few days later. It was a beautiful, warm day. The city appeared extraordinarily clean and tidy. In an absolutely normal climate, we chatted until dinner. At 8 o’clock there an unusual silence outside a few cars were rushing down the street.I was tasting some Serbian specialties, when at 20.21, a shrill noise from the TV Station penetrated the dining-room. It was the air strike alarm. Our appetites vanished, but we went on eating impassively, as though defying our unknown attackers even though our ears were tensed for the noise of the fighter-bomber that would drop its bombs.

Where? How many victims? Who would pass from his dining table to his death? That very evening it was the Pancevo refinery`s turn. It was one of the first of repeated bombings that produced a chemical toxic cloud over the industrial area and the civilian houses, a deadly cloud similar to a chemical weapon.

In that precise moment, my memory went back to the past: I had not heard that sound since my early years during the Second World War, and felt again the fear, the perception of having no escape, of being at the mercy of fate.

How could it be happening again? After the tragedy and horror everywhere a cry had been raised, Never Again War in Europe! But here I was, in a European capital being attacked by the United States and European countries.


It had been a declared war since 1990, a systematically programmed operation carried out in consecutive phases.

We must go back to the end of the ´80, and to the meetings that some high American, European and Arab politicians had with the rising leaders of Slovenia, Croatia, and the Bosnian Muslim and Kosovo opposition representatives.

In 1998 the German Chancellor, Helmut Kohl, and some of his most important ministers - among them the Minister of Foreign Affairs, Hans Friederich Gensher - met with the future president of Croatia, Franjo Tudjman, and the president of the new course Slovenia, Milan Kucan, to establish a common strategy for the break-up of Yugoslavia and the creation of two new, independent States. Financial and Media support followed this meeting in order to justify the events that were to take place.
The German Chancellor strongly pressed the French president, François Mitterand, and the other European governments, to accept the dissolution of Yugoslavia.


On 1 December 1918 by the Treaty of Versailles, Yugoslavia was declared a recognized State within its borders, and on 29 November 1945, a Federation of six Republics (Slovenia, Croatia, Bosnia- Herzegovina, Serbia, Macedonia and Montenegro).


Germany was about to reach an historical unification. During the past forty years Germany had overcome destruction and transformed itself into the major economic power in Europe. At that time Germany seemed to be wanting to change the outcome of the Second World War, by appropriating again the regions that had been under German influence and settling the accounts - Serbia was an active opponent during the conflict.
Germany´s intention was to be a leader in the European Union. Actually, in the UE Amplification Project, the German theory of splitting certain State members as well as future ones into European regions supporting the nationalist minorities, was taking form. Yugoslavia was one of them.
i

The United States gave the green light to the German project. The George Bush (father) Republican Administration wished to reward Germany for being, during the Cold War, a valuable barrier against the Soviet Union, on the edge of dissolution, and was favourably considering the disintegration of a communist State. To underline the US support, on the 5th of November 1990 the US Congress passed the 1991 Foreign Operations Appropriations law 101-513. Suddenly and without previous warning, a section of this law cut off all aid, trade, credits and loans from the US to Yugoslavia within the next six months. Not only that, the legislation further required US personnel in international financial institutions such as the World Bank to control the law application. For a country in debt, this meant catastrophe. The law also ordered separate multi party elections in each of the six Republics. The State Department was to approve the results before aid to the separate republics would be resumed. Only forces that the US State Department defined as democratic forces would receive financial support. This meant an influx of funds to small, right-wing nationalist parties, causing a deep crisis and upset in the following year. A CIA report, published on the 27th of November 1990 in the New York Times, predicted it would lead to a bloody civil war.ii


Beside the US decision, we must also consider three other elements:
- The Vatican was favourable to Catholic Slovenia and Croatia independence and sought the elimination of all forms of
communism and the consequent two regions recovery to the church without forgetting the ecclesiastic properties nationalised after the war.

- NATO was going through a difficult period, with the fall of the Berlin Wall there was no longer a need for an Atlantic Defence. NATO had to find a new setting.
- The United Nations Organisation, after the dissolution of the Soviet Union, was facing a sole great power, the USA, without opponents that seemed to ignore the UNO.


In this interlacement of demands, more than promoting a dialogue among the parties in order to reach an eventual peaceful break-up, they preferred to let the rapports among the Republics deteriorate to a confrontation.
During numerous meetings among the presidents of the six Federated Republics, any attempt to transform Yugoslavia into a Balkan Union failed for a lack of real will on the sides of Slovenia, Croatian and Bosnian Muslims. These latter were pursuing a precise target concentrated on redefining their areas - in Bosnia-Herzegovina especially - and a break away from Yugoslavia.


If two regions in a sovereign nation tend to disappear, the central government evidently sends the army to make them respect the national integrity. In this specific case the Yugoslav Federal Army intervention in Slovenia and Croatia was communicated to the public opinion as a Government absolute and unjust action, similar to that of the Soviet Union when they invaded Czechoslovakia and Hungary claiming their independence.

This was the prologue to what Serbia was living with by March 1999.

In order to annul the Treaty of Versailles without critics and with the full public opinion approval to the contrary, it was essential to invent the necessary conditions to justify the international law violation. They turned to a misinformation producer mechanism for this purpose with the help of well known communication agencies, powerful lobbies and political support, especially in the Republican party. A lot of money at their disposal and international assenting politicians made the game. In the course of the years we would witness the extraordinary careers of many of those politicians.

The Serbs underestimated the power of misinformation. At the beginning of the fierce campaign against the Serbs they could have reacted; in reality the government at that time was considering this new impalpable weapon with despise. When they realised what was happening and the damage it would produce, it was too late.


News was created enlarging some ordinary incidents and transforming them into disproportioned events. To move the Media war machine, a huge money investment was necessary, but success was assured. Although everybody knew there were lies being bandied about, nobody would contradict them. The Media publishers were rewarded with important advertisement budgets and those journalists who tried to tell a different reality were immediately sent away or penalized. While misinformation was developing, journalists without any professional ethics were racing to find the bloodiest scoop, the most shocking story: they knew that any fake or unconfirmed story would grant them money and success.


On the basis of my personal experience I would like to recall the different phases through which the Media machine transformed reality step by step, with the greatest success. Actually the media work succeeded so well that nowadays in the US motion pictures, the
bad guys are no longer the Germans, but the Serbs.


In August, 1991, the Republic of Croatia hired the Ruder&Finn Global Affairs Agency. During that period the Croatian government approved the Constitution, by which six hundred thousand Serbs and other ethnics would become foreigners in their own country. The Serbian exodus in 1992 included about forty thousand people. It was a real ethnic cleansing, but only stories about how the Serbs were planning to apply an unstrained ethnic cleansing were reported to the public.


Because of the new Croatian Constitution in 1991, the Serbian Krajina separated from Croatia forming the Republika Srpska Krajina. What had been right for Slovenia and Croatia could not apply anymore to the Serbs of Croatia. The Media called them
srebels.


The well organised communication had already succeeded in instilling in public opinion, a simplistic image of one side the victims, on the other side were the
communist persecutors: the Serbs.


I was personally able to verify how the news was often upside down. In August, 1992, to my dismay, I met the new Ustasha in Zagreb. They were dressed in black, a big U was printed on the front of their T shirts, they were wearing military boots and Rayban glasses. Their garments were evidently produced in Germany. These young men were going in and out of a building in the station square where Dobroslav Paraga´s extreme right party seat was located - he held 6% at the Croatian parliament. I could not believe my eyes when they saluted me with the roman salute, hymning to Hitler, Mussolini and Ante Paveli
ć. That was evidence of a fascist rebirth which should have been wiped off for good in 1945. Media were silent about it and the Croats resulted as the victims of the communist Belgrade government.


In May, 1992, the Muslim Republic of Bosnia-Herzegovina requested the services of the same agency. Aljia Izetbegović, president of the Muslim Democratic party, although not elected during the first multi party elections, had taken power, supported by Saudi Arabia, Iran and Turkey. His aim was to transform Bosnia in to an Islamic State.


With the civil war outbreak in Bosnia the misinformation actions against the Serbs multiplied. As soon as one story was on the way to being extinguished, another was launched. In the summer of 1992 news about the Serbian extermination camps blossomed, the story about the Muslim women rape followed right afterwards.


These new stories always flourished before an international meeting, such as is the case of the London Convention on Former Yugoslavia in September 1992.


Right after the negative propaganda accelerated, starting in the summer of 1992, there was a marked escalation of objectives in the provocations performed by the Muslim forces in order to instigate a major military intervention by the West against the Serbs and, and to a lesser extent, the Croats. Initially these provocations were mainly senseless attacks on their own Muslim population, but they soon expanded to include attacks on Western and UN objectives.


A UN investigation concluded that several key events which galvanized public opinion and encouraged governments in the West to take bolder action in Bosnia-Herzegovina, were in fact
staged for the Western Media by the Bosnian Muslims themselves in order to dramatize Sarajevo´s plight. Investigations by the UN and other military experts count among these self-inflicted actions: the bombing of the brad line (27th May 1992), the shelling of Douglas Hurd´s visit (17th July 1992), the explosion in the cemetery (4th August 1992), the killing of US broadcaster ABC´s producer David Kaplan (13th August 1992), and the shooting of an Italian Air Force G.222 transport aircraft on approach to Sarajevo (3rd September 1992). In all these cases Serbian forces were out of range, and none of the weapons actually used against the victims were those claimed by the Bosnian Muslim authorities and the parroting western media.

Ironically despite evidence of the Izetbegović Administration´s responsibility for the killing of one of its senior staff, the American ABC network continued supporting the Sarajevo leadership and to demonise the Serbs. iii


The
bombing of the bread line was worth the 757 Resolution of the UN Security Council which imposed hard sanctions on Yugoslavia - formed by this time only by Serbia and Montenegro - accused of supporting the rebellion of Serbs in Croatia and Bosnia.


In January 1993 a month before the Conference on former Yugoslavia organised in Geneva by the American, Cyrus Vance, and the British, Lord David Owen, in Paris huge posters were showing Slobodan Milosevi
ć with Adolf Hitler, in the background a watch tower of a concentration camp. This campaign articulated with TV interventions of famous show – business people, was organised by Médecins du Monde, the medical institution founded by Bernard Kouchner. The message they wanted to transmit to the public was that Serbs had to be penalized in any case without either the right of defending themselves or the right to reply. Why? Because they were the new nazis.iv


Misinformation operated also through omission, this was the case of the massacre in the Medak Pocket and in other Serbian villages in September 1993, the ethnic cleansing and the killing in the Western Krajina on the 1
st may 1995 during the Croatian Flash Operation and in the Kninska Krajina on the 4th August 1995 during the Storm Operation. This latter provoked the flight of 250.000 Serbs who will never be able to return to Krajina. A deep silence covered the killing of over three thousand civilians by the 28th Muslim Legion located in Srebrenica, these people were living in the surroundings as far as the city of Bratunac.


President Clinton seemed to have promised the Muslim Leader a military support against the Serbs if casualties rose over five thousand. With great ability Aljia Izetbegovi
ć was expressly exaggerating the loss numbers, as he admitted to Bernard Koucher who was visiting him before his death.v Then there was Srebrenica.


I personally do not understand how it can be defined as
genocide, the conquest of a town to whose inhabitants it has been offered to stay or to leave. And those who chose to go, were loaded on buses and transferred to the Muslim zone. What happened to the Muslim soldiers trying to reach the Muslim area through the woods is unfortunately obscure. The relatives rage of the Serbian civilians killed in the region between 1992 and 1995 by the troop of Naser Orić probably caused a mechanism of revenge. To what extent?


In May 1996 I happened to travel through Milići. The US IFOR had arrested ten armed Muslims who were suspected of slaughtering three Serbs. The ten men were entrusted to the Serbian police of Pale. As there was no evidence of guilt, their names were consequently put down on files and released. The ten men resulted members of Laste, an extremist Muslim group, and the names of eight of them were reported on the International Red Cross missing soldier list of Srebrenica deposited at the Zvornik Tribunal.

The story has been anchored in our collective unconscious, it has become a legend. The invented history has been ratified as real. So real that sometimes even the Serbs believe it.


The USA interest in the Balkans had been initially tepid, then, after a certain period, in spite of their closest allies alarm, under the pressure of the oil lobbies working for the petrol Arab countries, the Clinton Administration actually committed to forcing a Muslim victory on the entire Bosnia-Herzegovina. The essence of this victory was empowering the Islamist Sarajevo leadership which, at the very best, enjoyed around the 20% support and recognition in a country where some 30 to 35% are Muslims and at least one third of them supported the moderate Islamic group around the leadership of Fikret Abdić. More than two thirds of the population was Christian and opposed to living in a Muslim State.5
The Clinton Administration also saw the opportunity of creating a belt of military bases surrounding Russia. In this specific case the US acquired the huge underground airport of Tuzla, in the Muslim area. This airfield was built by Tito after the break up from the Kominform in 1948, fearing a Soviet
vi Union invasion.


The Sarajevo Administration organized two macabre settings in order to obtain a definite American and NATO intervention.

At the market of Markale Street a shell exploded on the 6th of February 1994 accounting for 68 corpses and 200 wounded. It did not obtain the military intervention.

Only on the 28th of August 1995 after staging the same set (37 dead bodies and 86 wounded) at the presence of the Muslim TV cameras, the US bombed not only the heights around Sarajevo to ease the pressure, but the entire Republika Srpska.


On the 14
th December 1995 Slobodan Milosević, - the Muslim Leader had refused dialogue with the President of the Bosnian Serbs Radovan Karadzic - Aljia Izetbegović and the Croatian Franjo Tudjman signed the Peace of Dayton. From that moment the Bosnian Serbs were officially treated as losers and guilty.


Everybody was hoping that peace and tranquillity would finally be established in former Yugoslavia and the propaganda accesses would stop, recuperating normality - although with suffering and difficulty.


In October 1992 the Kosovo Albanian Opposition had signed a contract with Ruder&Finn Global Affairs Agency to develop its image.


In 1998 the Media started talking of organised Kosovo Albanian groups that attacked the Serbian police. At the beginning they defined UCK
terrorists. The same year, in June, Richard Halbrooke visited their camps located above Decani. After that visit Media described UCK as guerrillas and finally as Kosova freedom fighters.


This UCK promotion gave a more acceptable image to the international public opinion. After this new definition the Serbian police was accused of killing civilians in the Albanian villages chasing UCK. Media never explained that UCK was hiding behind the villagers who were running for their lives in the woods. They did not tell the public that more Albanians than Serbs were kidnapped because they sought a mutual dialogue and none of them was ever seen alive. Media started suggesting an army intervention for humanitarian reasons.


In June 1998 I was in Kosovo where the tension was almost touchable. Media were continuously invoking a dialogue between the parties, in reality it was a pretext claim waiting for the events to mature until the war, always pretending to respect legality.


Slobodan Milosevi
ć had accepted all the points imposed by Richard Halbrooke. Kosovo Verification Mission meant a Serbian Forces reduction, NATO air control, NATO Forces deployment in Macedonia for the OSCE checkers protection, but the Clinton Administration already had the war on its agenda, they had to accelerate the process.


On Friday the 15
th of January 1999 the international public opinion was suddenly confronted with the horror of the Raćak pit. It coincided with the previous years misinformation, the Serbian Government had to be guilty before the medical checks on the tortured corpses. The autopsies confirmed that amputations had been inflicted after the death during a conflict. The OSCE checkers did not publish the report and let the case explode.
This macabre setting had to be used as a Media lever to organise the Peace Conference at the Rambouillet Castle, where the direction of Madeleine Albright, the US Secretary of State, prevented the Albanian and Serbian delegations confrontation on specific issues. The Secretary of State drove the UCK leading group, ignoring the Kosovo elected leader Ibrahim Rugova, to accept an agreement and imposing the Serbian delegation an unacceptable comma by which Serbia would have been transformed in a NATO protectorate.


On the 24
th of March 1999 the bombing started on Yugoslavia: Serbia and Montenegro were restlessly hammered for seventy eight days. From the 24th of March to the 8th of June, thirty four thousand air attacks were performed by one thousand airplanes.


When Media could not withhold the bombing on the open air markets at noon, on the fleeing refugees in Kosovo, on the humanitarian aid train from Greece, on the hospitals, the excellent job of communication agencies such as
Ruder&Finn Global Public Affairs, Hill&Knowlton, Saachi&Saachi, McCann&Erickson et Walter Thompson formulated slogans as humanitarian war, international police action, collateral damages to minimize the impact on the public opinion.


At Kumanovo on the 10
th of June the Kosovo war came to an end. The UNO Security Council approved the 1244 Resolution reaffirming the commitment of the member States to respect the sovereignty and the territorial integrity of Yugoslavia, at that time formed by Serbia and Montenegro. This Resolution has never been abrogated and remains the basis of the legal status of Kosovo described as substantial autonomy, significant auto-administration, but not independence.


In that month the USA obtained from the Albanian Kosovars one thousand acres of land close to the borders between Macedonia and Kosovo, where they built the largest American base in Europe. The other bases surrounding Russia will be chosen in the former Soviet satellite States (Poland, Tzchek Republic, Hungary, Romania, Bulgaria) that the USA will force into a United Europe that was not yet established, nor had a common Constitution or an effective centralised government.


As in previous cases misinformation is also silence. Therefore the least possible has been told on the bloody ethnic cleansing of all the non Albanian ethnies operated by the Kosovars in the region. Very little information was diffused on the hard life of the last few Serbs that remained in Kosovo, living in ghetto villages, threatened and often killed. On two million inhabitants in Kosovo, the 20% of Serbs ran away, as well as the 5% of other ethnics.

On the 16th of May 2006 I took part in a ONG and OSCE International Conference in Brussels, my work-shop was on Kosovo and the other lecturers were an OSCE officer, Franklin Devrieze, who had just come back after four years in that region, and the president of Kosovo Romas, Nedzo Neziri. In the previous months some deadly incidents had involved Serbs. Devrieze declared that the situation was calm and under control, it was only necessary not to use a car with a Serbian plate. Neziri replied showing the photos of the Kosovska Mitrovica district where about ten thousand Romas once lived in their owned houses. The 1999 photos were showing some damages due to the bombing, the recent ones proved the total destruction of their district.


On the 4th of February 2003 the Serbia and Montenegro Union was born. It was the definite annulment of the Versailles Treaty.

In May 2006 the referendum organised in Montenegro, approved by a narrow margin the separation from Serbia. Jack Abramof, the well known lobbist who made Washington tremble for the money he paid some Congress members, had actively worked for Milo Djukanović to help obtain all the necessary political and financial supports for the separation of Montenegro from Serbia.

On the 1st of May 2007 the Bush Administration Secretary of State, Condoleezza Rice, announced in Washington the signature of a military treaty which allowed the United States to dislocate military forces in Montenegro, a friend and a partner.

The combined work of misinformation and lobbying had also dissolved the Yugoslavia formed by Serbia and Montenegro.

Montenegro is now an independent State free to constitute a base for all kind of illicit traffic that depend on some important political personages of the country, as it is signaled by the Italian police and Interpol. Any news about it curiously had no follow up.


As the independence declaration of Kosovo was approaching, a 124 pages research (Security Reform Operability in the Western Balkans) commissioned by the German Bundeswher - the research was presented on the 1st of January 2007 and kept secret - reports that ten years after the end of the war the region economy is based on smuggling and crime. Justice does not function. The police is dominated by fear, corruption and incompetence. The USA favoured the criminals preventing the European investigators to operate. This behaviour has obviously rendered Americans vulnerable to blackmailing. It is practically a mafia society, infiltrated at the highest State levels. The multi millionaire organised crime has ties and experience to terrorism and espionage. Money coming from Saudi Arabia, Iran and other Muslim countries is used to finance the arrival of weapons and to build mosques, not to ameliorate the population condition.


The United States did not respect NU Resolution 1244 and violating the international law on the territorial integrity of a sovereign nation recognised within its borders, they consented for Kosovo Albanians to proclaim the independence of the Serbian region on the 17
th February 2008. It was the legalisation of an illegal act, which could set a dangerous precedent in other nations with freedom seeking regions. In fact some EU members did not recognise the new State. Russia took advantage of the situation some time afterwards, adjusting what Joseph Stalin had done in Georgia in 1934. In the meantime, the father of the Kosovo independence plan, Martti Athtissari, received the Nobel Price for Peace.


The Serbian governments at that time had certainly made some evaluation errors concerning the international political situation. But it was hard to operate without a powerful supporter. Russia was not in any condition to be their supporter. Who knows now?


The just complaints of Serbia could obtain a result before the Haig International Tribunal, the real one, but I am convinced that heavy pressures are systematically operated on the Serbian government to accept the
fait accompli. Maybe with subtle threats of encouraging Vojvodina and Sandjak independents or promising a future EU membership. It is not easy requesting the respect of the national rights after ten years of demonisation.


The situation in Bosnia- Herzegovina becomes more and more complicated . The famous democracy, USA wanted to develop in the area, has failed with the three ethnies, taking a radical defence position of their national rights. The Muslim government´s intention to transform the country in to an Islamic nation from Croatia to the Drina river, although keeping now a low profile, worries.
6vii The financial support from Saudi Arabia, the two hundred thousand Arab mujahedin presence - they arrived during the war to help Izetbegovic who rewarded them with citizenship and residence for war merit - are alarming. Many of them are sleeping terrorists coming from the training camps organised in Bosnia by Osama ben Laden.

AIO (Aktivna Islamska Omladina- Activ Islamic Youth) are operating as a paramilitary group and their chiefs are chosen among the mujahedin. Their aim is to create an Islamic State based exclusively on the Charia, whose main pattern is Saudi Arabia. Also important politicians such as Haris Silajdzić and Hasan Muratović have publicly confirmed this tendency.
Two third of the population is Christian, Orthodox and Catholic, I wonder what would happen if the Croats and Serbs claimed their independence, or their will ask to become EU regions?


Anyway the actual global crisis might change everything, because it is not certain that United Europe will not dissolve like Yugoslavia.



i European Institute for Minorities Issues, 1996

ii Bosnia Tragedy, Sara Flounders, New York 1995

iii Offensive in the Balkans, Yossef Bodansky London 1995 page 54

iv Il Corridoio, Jean Toschi Marazzani Visconti, La Cittŕ del Sole, 2006

v Les guerriers de la Paix, Bernard Kouchner, Parigi 2003 – page. 372 – 374

5

vi Offensive in the Balkans, Yossef Bodansky London 1995 page 13

6

 Spiegel on line The prophets fifth columnIslamist gain ground in Sarajevo – Walter Mayr in Sarajevo


vii

13


  

Il bombardamento mediatico all’origine delle bombe

Jean Toschi Marazzani Visconti


I bombardamenti NATO iniziarono il 24 marzo 1999. Ero giunta a Belgrado poco dopo nel giorno della Pasqua cattolica. Dopo un viaggio complicato attraverso la Romania ero approdata finalmente a casa di un’ amica in Maike Jevrosima a cinquanta metri dalla televisione di Stato, che alcuni giorni dopo sarebbe stata colpita. Era un bella giornata, calda. La cittŕ mi era apparsa straordinariamente pulita e ordinata. Avevo chiacchierato in un’atmosfera di assoluta normalitŕ fino all’ora di cena. In quel momento, fuori, c’era un inconsueto silenzio, poche auto passavano per la strada. Stavo gustando a tavola alcune specialitŕ, quando alle 20 e 21 un suono lacerante proveniente dalla Stazione Televisiva penetrň nella stanza. Era l’allarme incursioni. Continuavamo a mangiare impassibili, senza piů appetito, quasi a sfidare i nostri sconosciuti attaccanti, ma le nostre orecchie erano tese a percepire il rumore del cacciabombardiere che avrebbe sganciato le sue bombe. Dove? Quante vittime? Chi sarebbe passato dalla tavola da pranzo alla morte? Quella sera fu la volta della raffineria di Pancevo.Uno dei primi ripetitivi bombardamenti che avrebbero creato una nuvola chimica e tossica sul quartiere industriale e sulle abitazioni civili, una nuvola mortale simile ad un’arma chimica.

In quel preciso momento sono tornata indietro nel tempo: non sentivo quell’allarme dalla mia prima infanzia durante la Seconda Guerra Mondiale e ho ricordato la paura, la percezione di essere senza scampo, in balia del caso. Come poteva succedere ancora? Dopo gli strazi e l’orrore si era ovunque gridato mai piů la guerra in Europa! In quel momento,perň, mi trovavo in una capitale europea attaccata dagli Stati Uniti e dai Paesi europei.


Era stata una guerra annunciata fin dal 1990. Un’operazione programmata e messa in atto sistematicamente in fasi successive.

Bisogna ritornare alla fine degli anni 80’ e agli incontri che alcuni alti personaggi americani, europei e arabi hanno avuto con i leader sorgenti della Slovenia, della Croazia, dei Musulmani di Bosnia e dell’opposizione del Kosovo.

Nel 1988 il Cancelliere tedesco Helmut Kohl e alcuni dei suoi ministri piů importanti, fra cui il ministro degli Esteri Hans Frederich Gensher, incontrarono il futuro presidente della Croazia, Franjo Tudjman e il presidente del nuovo corso della Slovenia, Milan Kucan, per stabilire una politica comune allo smembramento della Jugoslavia e alla creazione di due nuovi Stati indipendenti. A questo incontro sarebbero seguiti finanziamenti e appoggio mediatico per giustificare quanto sarebbe avvenuto in seguito.

Il Cancelliere tedesco esercitň una forte pressione sul Presidente francese François Mitterand e sugli altri paesi europei perché accettassero la dissoluzione della Jugoslavia.

La Jugoslavia era uno Stato riconosciuto entro i suoi confini, dal Trattato di Versailles come Regno il 1 dicembre 1918, e come Federazione di sei Repubbliche ( Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Serbia, Macedonia e Montenegro) il 29 novembre 1945.

La Germania era sul punto di una storica riunificazione. Nel corso di quarant’anni aveva risalito il pendio della distruzione ed era diventata una potenza economica in Europa. In quel momento sembrava voler ritoccare l’esito della Seconda Guerra Mondiale, riappropriandosi delle regioni che erano state sotto la sua influenza e rimettere a posto i conti - la Serbia era stata un’ avversaria attiva durante il conflitto.

La Germania intendeva occupare la posizione leader nell’Unione Europea. Nel progetto di ampliamento della UE stava prendendo forma la teoria tedesca della suddivisione di molti Stati membri in regioni europee assecondando le minoranze irredentiste. i

Gli Stati Uniti diedero luce verde al progetto tedesco. L’amministrazione repubblicana di George Bush (padre) desiderava premiare la Germania per essere stata,durante la guerra fredda, una valida barriera all’Unione Sovietica che si stava sfaldando e vedeva favorevolmente la disgregazione di uno Stato comunista. Per sottolineare il suo appoggio il 5 novembre 1990 il Congresso approvava la legge 101-513 sugli stanziamenti per le Operazioni estere. Una sezione della legge prevedeva il taglio, senza preavviso, di qualsiasi aiuto, credito, prestito dagli USA alla Jugoslavia in sei mesi. Non solo, elementi americani presso la Banca Mondiale dovevano controllare l’applicazione della legge. Per un paese indebitato questo significa la catastrofe. Il documento prevedeva inoltre elezioni multipartitiche nelle sei repubbliche. Il Dipartimento di Stato USA avrebbe controllato l’esito delle votazioni e riattivato i canali finanziari in conseguenza dei risultati. Intanto prestiti erano concessi ai piccoli partiti nazionalisti creando le basi per il profondo disagio e lo sconvolgimento che si sarebbero prodotti l’anno seguente in Jugoslavia. Un rapporto della CIA in proposito, citato dal New York Times il 27 novembre 1990, annunciava una sanguinosa guerra civile.ii

A questa decisione americana si aggiungevano anche:

- Il Vaticano, favorevole all’indipendenza delle cattoliche Slovenia e Croazia, auspicava l’eliminazione di ogni forma di comunismo e il conseguente recupero alla Chiesa delle due regioni senza dimenticare i beni ecclesiastici nazionalizzati dopo la guerra.

- La NATO, in difficoltŕ, perché con la caduta del Muro di Berlino cessava la necessitŕ di una difesa atlantica, doveva trovare una ricollocazione.

- Le Nazioni Unite con lo scioglimento dell’Unione Sovietica si ritrovavano di fronte ad un’unica grande potenza senza oppositori, gli Stati Uniti, che sembravano voler fare a meno dell’ONU.

In questo intreccio di esigenze piuttosto che cercare il dialogo fra le parti per arrivare ad un eventuale scioglimento pacifico, si preferě lasciare deteriorare i rapporti fra le repubbliche fino al confronto.

Nel corso di numerose riunioni fra i Presidenti delle sei Repubbliche federate, i diversi tentativi di trasformare la Jugoslavia in un’ Unione Balcanica fallirono per mancanza di una reale volontŕ da parte di Slovenia, Croazia e Musulmani di Bosnia. Queste ultime due entitŕ seguivano un progetto preciso teso a ridefinire le loro aeree – specialmente in Bosnia-Erzegovina - e a staccarsi dalla Jugoslavia.

E’ evidente che se due regioni di una nazione tentano di distaccarsi, il governo centrale interviene con l’esercito per fare rispettare l’integritŕ nazionale. Nel caso specifico l’intervento in Slovenia e in Croazia dell’Esercito Federale Jugoslavo venne comunicato all’opinione pubblica come un atto assoluto ed ingiusto da parte del Governo, simile a quello dell’Unione Sovietica quando invase Cecoslovacchia ed Ungheria che chiedevano l’indipendenza.

Questo era il prologo di quanto stava vivendo la Serbia in quel marzo 1999.

Per annullare il Trattato di Versailles senza sollevare critiche, al contrario con la piena approvazione dell’opinione pubblica, era necessario inventare i presupposti per giustificare la violazione della legge internazionale. A questo scopo ricorsero ad un meccanismo per produrre disinformazione con l’aiuto di note agenzie di comunicazioni, potenti lobby e appoggi politici, soprattutto nel partito repubblicano americano. Molto denaro a disposizione e politici internazionali consenzienti hanno fatto il gioco. Nel corso degli anni si sarebbe assistito alle straordinarie carriere di molti di loro.

I Serbi sottovalutarono il potere della disinformazione. All’inizio della feroce campagna anti serba, avrebbero potuto reagire, in realtŕ il governo dell’epoca guardava a questa nuova arma impalpabile con un certo disprezzo. Quando hanno realizzato quanto stava capitando e il danno causato era ormai troppo tardi.

Le notizie venivano create gonfiando alcuni banali incidenti e trasformandoli in eventi dalle proporzioni enormi. Per far muovere la macchina da guerra mediatica era necessario un enorme investimento in denaro, ma il successo era assicurato. Sebbene tutti sapessero che si trattava di un’invenzione, nessuno la contraddiceva. Gli editori dei giornali venivano premiati con importanti budget pubblicitari e i giornalisti che tentavano di raccontare una realtŕ diversa, erano subito rimossi o penalizzati. Con l’incremento della disinformazione si era creata una vera gara, senza etica professionale, per cercare lo scoop sanguinoso, la notizia scioccante anche falsa o non confermata perché comunque pagava.


Sulla base della mia esperienza personale vorrei ricordare le diverse fasi con le quali passo dopo passo la macchina dei Media ha trasformato la realtŕ. Oggi in molti film americani i cattivi non sono piů i tedeschi, ma i Serbi.

Nell’agosto 1991, la Repubblica di Croazia assunse l’agenzia Ruder &Finn Global Public Affaire. Durante quel periodo il governo della Croazia approvň la nuova Costituzione, secondo la quale piů di 600.000 Serbi e altre etnie si ritrovarono stranieri in patria. L’esodo serbo si aggirň sulle 40.000 unitŕ nel 1992. Si trattava di una vera pulizia etnica, ma all’opinione pubblica si raccontava solo la pulizia etnica che i Serbi avrebbero avuto intenzione di fare.

Quando nel 1991 a causa della nuova Costituzione croata la Kraijna a maggioranza serba si staccň dalla Croazia formando la Republika Srpska di Kraijna, quanto era valso per Slovenia e Croazia non era applicabile ai Serbi di Croazia. I Media li definirono srebels.


La comunicazione ben pilotata era giŕ riuscita ad istillare nell’opinione pubblica un’immagine semplicistica: le vittime da una parte e i crudeli persecutori comunisti dall’altra: i Serbi.


Ho avuto occasione di verificare come le notizie erano comunicate all’inverso.

Nell’agosto 1992 con sgomento incontrai a Zagabria i nuovi ustascia. Vestiti di nero con una grande U stampata sul davanti delle loro magliette, stivaletti e occhiali rayban, uniformi evidentemente provenienti dalla Germania, entravano ed uscivano da un palazzo in Piazza della Stazione dove si trovava la sede del partito di estrema destra di Dobroslav Paraga – aveva il 6% al Parlamento croato. Non potevo credere ai miei occhi quando mi fecero il saluto romano inneggiando a Hitler, Mussolini e Ante Pavelić. Era la prova della rinascita di un fascismo che avrebbe dovuto sparire per sempre nel 1945. I Media, perň non ne facevano parola e i Croati risultavano vittime del governo integralista di Belgrado.


Nel maggio 1992, la Repubblica musulmana di Bosnia aveva richiesto i servizi della stessa agenzia. Alija Izetbegović, presidente del Partito Democratico Musulmano, pur non essendo stato eletto nelle prime elezioni pluri partitiche, prese il potere, forte del sostegno dei Paesi Arabi, dell’Iran e della Turchia. Il suo scopo era di fare della Bosnia uno Stato islamico.

Con lo scoppio della guerra civile in Bosnia si moltiplicarono le azioni di disinformazione contro i Serbi. Non appena si spegneva l’eco di una notizia, veniva rilanciata un’altra storia, Nell’estate 1992 uscirono le notizie dei campi di sterminio serbi e degli stupri in massa di donne musulmane. Queste trovate fiorivano sempre prima di un incontro internazionale, in questo caso in preparazione della Conferenza di Londra del settembre 1992.

In seguito la propaganda negativa subě un’accelerazione. Fin dall’estate 1992, c’erano state delle marcate provocazioni messe in atto dalle forze musulmane per sollecitare un maggiore intervento militare occidentale contro i serbi e, in misura minore contro i croati. Inizialmente queste provocazioni erano costituite principalmente da attacchi senza senso alla stessa popolazione musulmana, ma ben presto inclusero attacchi ad obiettivi occidentali e delle Nazioni Unite.

Investigazioni da parte delle Nazioni Unite e di altri esperti militari inclusero fra queste azioni auto-inflitte la bomba della fila del pane (27 maggio 1992), la sparatoria alla visita di Douglas Hurd (17 luglio 1992), il tiro dei cecchini nel cimitero (4 agosto 1992), l’uccisione del presentatore e produttore televisivo americano della ABC, David Kaplan ( 13 agosto 1992) e l’abbattimento di un velivolo da trasporto dell’Aviazione Italiana G.222 in avvicinamento a Sarajevo (3 settembre 1992). In tutti questi casi le forze serbe erano fuori portata, e le armi usate contro le vittime non erano quelle lamentate dalle autoritŕ musulmano-bosniache e dai ripetitivi media occidentali.iii Ironicamente malgrado le prove della responsabilitŕ dell’Amministrazione di Izetbegović nell’uccisione di un loro dirigente, l’americana ABC TV ha continuato a sostenere la dirigenza di Sarajevo e a demonizzare i Serbi.

La bomba della fila del Pane valse la risoluzione 757 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che imponeva dure sanzioni alla Jugoslavia, formata ormai da Serbia e Montenegro, accusata di sostenere la ribellione dei Serbi di Croazia e di Bosnia.

Nel gennaio 1993 un mese prima della Conferenza sulla ex Jugoslavia organizzata a Ginevra da Lord David Owen e dallo statunitense Cyrus Vance, a Parigi comparvero grandi cartelloni che mostravano Slobodan Milosević accanto a Hitler, sullo sfondo la torre di controllo di un campo di concentramento. La campagna, articolata con interventi televisivi, era stata organizzata da Médecins du Monde l’istituzione fondata da Bernard Kouchner.

Il messaggio che si voleva far assorbire al pubblico era che i Serbi dovevano essere penalizzati comunque senza diritto di difesa o di replica, perché erano i nuovi nazisti.iv

La disinformazione si sviluppava anche attraverso l’omissione come nel caso

del massacro della Sacca di Medak e di altri villaggi nel settembre 1993, la pulizia etnica e i massacri della Kraijna occidentale il 1 maggio 1995, durante l’Operazione Flash e quelli della Kninska Kraijna il 4 agosto 1995 durante l’operazione Storm, che provocň l’esodo di circa 250.000 Serbi che non hanno mai piů potuto far ritorno in Kraijna. Un grande silenzio copriva anche l’uccisione da parte della 28° legione musulmana di stanza a Srebrenica di oltre tre mila civili nella regione circostante fino alla cittŕ di Bratunac.

Il Presidente Clinton sembrava avesse promesso al Leader Musulmano di intervenire militarmente contro i Serbi qualora le vittime avessero superato il numero di 5000. Molto abilmente Alija Izetbegović gonfiava le cifre delle perdite espressamente, lo ha ammesso a Bernard Kouchner, durante una visita di questo al suo capezzale di morte.v Poi ci fu Srebrenica.

Personalmente non comprendo come si possa definire genocidio la conquista di una cittŕ ai cui abitanti era stato offerto di rimanere o partire. Coloro che avevano scelto la partenza erano stati imbarcati su autobus che li avevano trasportati fino alla zona musulmana. Quanto accadde ai soldati musulmani nei boschi intorno alla cittŕ, mentre tentavano di raggiungere la zona musulmana, rimane purtroppo oscuro. Senza dubbio la rabbia dei parenti dei civili uccisi nella regione fra il 1992 e il 1995 dalle truppe di Naser Orić ha fatto scattare un meccanismo di vendetta. In che misura?

Nel maggio del 1996 ero transitata vicino a Milići, gli americani della IFOR avevano arrestato dieci Musulmani armati, sospettati di aver trucidato tre Serbi. I dieci uomini erano stati consegnati alla polizia serba di Pale. Non c’erano prove evidenti della loro colpevolezza, conseguentemente furono schedati e rilasciati. I dieci uomini risultarono appartenere a Laste, un gruppo estremista, e i nomi di otto di loro figuravano nella lista degli scomparsi di Srebrenica depositata dalla Croce Rossa Internazionale al Tribunale di Zvornik.

La vicenda si č ancorata all’inconscio collettivo, č diventata leggenda. La storia inventata é stata sancita come reale. Cosě reale che a volte anche i Serbi stessi ci credono.

L’interesse degli Stati Uniti nei Balcani era stato inizialmente tiepido, in seguito malgrado i dubbi degli alleati piů stretti, sotto la pressione delle lobby del petrolio in favore dei Paesi Arabi, l’Amministrazione Clinton volle assumere la leadership del conflitto e forzare una vittoria musulmana in tutta la Bosnia Erzegovina. Il nocciolo di questa vittoria era di dare potere alla dirigenza islamica di Sarajevo, sebbene questa godesse soltanto del 20% di favore fra i Musulmani dei quali un terzo appoggiava il gruppo moderato dell’ex presidente Fikret Abdić, e senza considerare che due terzi della popolazione del paese č cristiana. vi

L’Amministrazione Clinton vedeva l’opportunitŕ di creare una cintura di basi militari intorno alla Russia. Nel caso particolare acquisě il grande aeroporto sotterraneo di Tuzla in zona musulmana – voluto da Tito dopo il distacco dal Cominform nel 1948 nel timore di un’invasione russa

Il governo di Sarajevo per ottenere l’intervento definitivo americano e della NATO organizzň due macabre messe in scena al mercato di Markale, il 6 febbraio 1994 con il lancio di una granata. Vi furono 68 morti e 200 feriti ma non ottenne l’intervento. Solo il 28 agosto 1995 con la ripetizione dello stesso scenario (37 morti e 86 feriti), sempre alla presenza delle Telecamere, gli americani bombardarono la Republika Srpska, non soltanto le alture intorno a Sarajevo per alleggerire la pressione.

Il 14 dicembre 1995 a Parigi firmano la Pace di Dayton Slobodan Milosević, Aljia Izetbegović e il croato Franjo Tudjman. Da quel momento i Serbi di Bosnia sono ufficialmente i vinti ed i colpevoli.


Si poteva sperare che la tranquillitŕ si ristabilisse nell’ex Jugoslavia, che gli eccessi propagandistici rientrassero per poter recuperare la normalitŕ anche se sofferta e difficile, ma cosě non era stato programmato.


Nell’ Ottobre 1992, l’opposizione albanese del Kosovo, aveva firmato un contratto con l’agenzia Ruder&Finn Global Public Affairs per sviluppare la propria immagine.

Nel 1998 si iniziň a parlare di gruppi organizzati di albanesi kosovari che attaccavano la polizia serba. I Media internazionali definirono l’UCK « terroristi », nel giugno dello stesso anno Richard Hallbrooke visitň i loro accampamenti situati sopra Dećani. Dopo di che i Media parlarono di « guerriglieri » infine di  combattenti per la libertŕ di Kosova.

Questa promozione dell’UCK ha dato un’immagine piů accettabile al pubblico internazionale. Dopo la nuova definizione la milizia serba fu accusata di uccidere la gente nei villaggi albanesi nella caccia all’UCK. I Media non spiegarono che l’UCK si nascondeva dietro ai civili albanesi che cercavano salvezza nei boschi e non raccontarono che venivano rapiti piů Albanesi che Serbi e che questi Albanesi e questi Serbi venivano rapiti perché favorevoli al dialogo e che non si sarebbero piů rivisti vivi. I Media iniziarono a suggerire un intervento armato per ragioni umanitarie.

Nel giugno 1998 mi trovavo in Kosovo, il clima era molto teso. I Media continuavano ad invocare un dialogo tra le parti, in realtŕ una richiesta pretestuosa in attesa di far maturare gli avvenimenti fino alla guerra, sempre mantenendo un’apparente rispetto della legalitŕ.

Slobodan Milosević aveva accettato tutti i punti imposti da Richard Halbrooke (Kosovo Verification Mission: diminuzione delle forze serbe, controllo aereo della NATO, spiegamento di forze della NATO in Macedonia per proteggere i verificatori dell’OSCE), ma l’Amministrazione Clinton aveva giŕ la guerra in agenda, bisognava accelerare il processo.

Il venerdě 15 gennaio 1999 improvvisamente l’opinione pubblica internazionale si confrontň con l’orrore della fossa di Raćak. Era conseguente alla disinformazione degli ultimi anni che colpevole fosse la dirigenza serba, ancora prima d’accertamenti medici sui corpi martoriati. Le autopsie confermarono che le amputazioni erano state inferte dopo la morte in battaglia. I verificatori dell’OSCE non pubblicarono il rapporto dei medici e lasciarono esplodere il caso.

Questa macabra scenografia doveva servire da leva mediatica per arrivare alla Conferenza di Pace al Castello di Rambouillet, dove la regia del Segretario di Stato US, Margaret Albright, avrebbe impedito alla delegazione albanese e serba di confrontarsi su degli argomenti specifici. Il Segretario di Stato avrebbe pilotato, ignorando il leader Ibrahim Rugova eletto dai Kosovari, il gruppo dirigente dell’UCK verso l’accettazione di un accordo e imponendo alla delegazione serba una postilla inaccettabile che avrebbe consegnato la Serbia alla NATO come paese occupato.


Il 24 marzo 1999, iniziarono i bombardamenti sulla Jugoslavia: la Serbia e il Montenegro furono martellati senza tregua per 78 giorni. Dal 24 marzo all’ 8 giugno, trenta-quattromila attacchi aerei furono eseguiti da mille aerei.


Quando i Media non poterono tacere i bombardamenti sui mercati in pieno giorno, sui profughi in fuga o sui treni con aiuti umanitari, l’ottimo lavoro di agenzie di comunicazione come Ruder&Finn Global Public Affairs, Hill&Knowlton, Saachi&Saachi, McCann&Erickson et Walter Thompson per minimizzare l’impatto sul pubblico formularono slogan come “guerra umanitaria”, “azione di polizia internazionale”, “danni collaterali”.


Finalmente a Kumanovo il 10 giugno 1999 si conclude la guerra per il Kosovo. Il Consiglio di Sicurezza dell’ ONU approva la Risoluzione 1244 riaffermando l’impegno degli Stati membri a rispettare la sovranitŕ e l’integritŕ territoriale della Jugoslavia che all’epoca, era formata da Serbia e Montenegro. La Risoluzione non č mai stata abrogata e rimase la base dello stato legale del Kosovo, regione serba, descritto come autonomia sostanziale e significativa auto gestione, non indipendenza.

In quello stesso mese gli USA ottengono dagli Albanesi mille acri al confine fra Kosovo e Macedonia, dove sorgerŕ la maggiore base americana in Europa: Campo Bondsteel. Le altre basi a contorno della Russia verranno scelte nelle ex nazioni satelliti russe (Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria Romania, Bulgaria) che gli USA forzeranno a far entrare nell’Unione Europea, quando questa non era ancora stabilizzata, non possedeva una Costituzione comune ed un governo centrale efficace.

Come in altri casi precedenti la disinformazione č silenzio, per cui si č raccontato il meno possibile sulla cruenta pulizia etnica che i Kosovari albanesi hanno operato verso tutte le etnie non albanesi della regione. Poco si č raccontato sulla vita grama degli ultimi Serbi rimasti in Kosovo inghettati in villaggi, minacciati e spesso uccisi. Su due milioni d’abitanti, il 20% dei Serbi č fuggito, il 5% di altre etnie anche.

Il 16 maggio 2006 partecipavo a Bruxelles ad una Conferenza Internazionale ONG dell’OSCE, il mio laboratorio era sul Kosovo. Partecipavano con me un funzionario dell’OSCE, Franklin Devrieze, appena rientrato dalla regione dove era stato per quattro anni, e il presidente dei Rom del Kosovo, Nedzo Neziri. Nei mesi precedenti si erano verificati diversi mortali incidenti con la popolazione serba. Devrieze dichiarň che la situazione era ormai tranquilla, bastava semplicemente non usare auto con la targa serba. Neziri gli mostrň allora le foto del quartiere di Kosovska Mitrovica dove avevano vissuto circa diecimila Rom. Le foto del 1999 mostravano qualche danno alle case dovuto ai bombardamenti, quelle recenti provavano la distruzione totale del quartiere.


Il 4 febbraio 2003 nasceva l’Unione di Serbia e Montenegro. Era la definitiva cancellazione del Trattato di Versailles.

Nel maggio 2006 il referendum organizzato in Montenegro sanciva di stretta misura la separazione dalla Serbia. Jack Abramof, il noto lobbista che aveva fatto tremare Washington per lo scandalo delle mazzette ai membri del Congresso, aveva lavorato attivamente per Milo Djukanović ad ottenere gli appoggi politici e finanziari necessari alla separazione del Montenegro dalla Serbia.

Il primo maggio 2007 il Segretario di Stato del governo Bush, Condoleezza  Rice, annunciava a Washington, la firma del trattato  militare che permetteva agli Stati Uniti di dislocare forze militari in Montenegro, amico e partner».

Grazie al lavoro combinato di disinformazione e lobbying era stata smantellata anche la Jugoslavia formata da Serbia e Montenegro.

Il Montenegro č indipendente e libero di costituire la base per traffici illeciti di ogni genere che fanno capo ad importanti personaggi politici del paese, secondo le segnalazioni della polizia italiana e dell’Interpol. Curiosamente le notizie in proposito non hanno seguito.

Con l’approssimarsi della dichiarazione d’indipendenza del Kosovo una ricerca di 124 pagine (Operativitŕ della riforma del settore sicurezza nei Balcani occidentali), commissionata dal Bundeswher tedesco, presentata il 1 gennaio 2007 e tenuta accuratamente segreta, riporta che a quasi 10 anni dalla fine della guerra l’economia della regione si basa su contrabbando e crimine. La giustizia non funziona. La polizia č dominata da paura, corruzione e incompetenza. Gli USA hanno favorito i criminali impedendo agli investigatori europei di operare. Questo comportamento ha ovviamente reso gli americani vulnerabili al ricatto. In pratica č una societŕ mafiosa infiltrata ai piů alti livelli dello Stato. Il crimine organizzato, multimiliardario, ha legami ed esperienza di terrorismo e spionaggio. Denaro proveniente da Arabia Saudita, Iran ed altri paesi musulmani serve a finanziare l’arrivo d’armi e la costruzione di moschee, non per migliorare le condizioni della popolazione.

Gli Stati Uniti non rispettano la Risoluzione delle NU 12 44 e violando la legge internazionale sull’integritŕ di una nazione sovrana e riconosciuta nei suoi confini, danno il consenso agli Albanesi del Kosovo di proclamare l’indipendenza della regione serba il 17 febbraio 2008.

E’ la legalizzazione di un atto illegale che puň creare un precedente pericoloso per altre nazioni con regioni irredentiste.

Infatti molti membri della EU non riconoscono il nuovo Stato.

La Russia ne approfitta poco dopo per sistemare i cambiamenti che Joseph Stalin aveva apportato alla Giorgia negli anni ‘30.

Intanto il padre del piano per l’indipendenza del Kosovo, Martti Ahtisaari riceve il Premio Nobel per la Pace.


Il governo serbo dell’epoca aveva indubbiamente commesso degli errori di valutazione. Ma era difficile operare senza un potente supporter. La Russia non era in condizione di farlo. Oggi?

Le giuste rimostranze della Serbia potrebbero ottenere un risultato davanti alla Corte Internazionale dell’Aja, quella vera, sono convinta perň che grosse pressioni sono sistematicamente operate sul governo perché accetti il fatto compiuto. Magari con sottili minacce di favorire gli indipendentisti della Vojvodina o del Sandjiak e la promessa di entrare presto in EU.

Non č facile chiedere il rispetto dei propri diritti nazionali dopo dieci anni di demonizzazione.

La situazione in Bosnia Erzegovina diventa sempre piů complicata. La famosa democrazia, che gli USA intendevano insegnare, ha fallito con tutte le tre etnie, arroccate in difesa dei propri diritti nazionali. La volontŕ del governo musulmano di trasformare il paese in una nazione islamica dalla Croazia alla Drina, seppure mantenendo un basso profilo, preoccupa.vii

I finanziamenti dall’ Arabia Saudita, la presenza di circa duecentomila mujahedin arabi - giunti durante la guerra per aiutare Izetbegović, a cui il leader musulmano aveva conferito cittadinanza e residenza per meriti di guerra - sono inquietanti. Molti sono terroristi, dormienti, provenienti dai campi di addestramento organizzati in Bosnia da Osama Ben Laden.

E’ nata anche AIO (Aktivna Islamska Omladina – Gioventů Islamica Attiva) un gruppo paramilitare i cui dirigenti sono scelti fra i mujaheddin. Il loro scopo, č la formazione di uno Stato islamico in Bosnia basato esclusivamente sulla charia, ispirandosi all’Arabia Saudita. Personaggi politici importanti come Haris Silajdžić e Hasan Muratović, hanno dichiarato pubblicamente e insistentemente il loro proposito di trasformare la Bosnia-Erzegovina in uno Stato islamico. Due terzi della popolazione č cristiana, ortodossa e cattolica, mi chiedo cosa succederebbe se i Croati e i Serbi chiedessero ciascuno l’indipendenza o di diventare regioni europee?

Forse l’attuale crisi globale cambierŕ le cose, dato che non č nemmeno sicuro che l’Europa non si sfaldi come la Jugoslavia.



i European Institution for Minority Issues, 1996

ii Bosnia Tragedy, Sara Flounders, New York 1995

iii Offensive in the Balkans, Yossef Bodansky London 1995 page 54

iv Il Corridoio, Jean Toschi Marazzani Visconti, La Cittŕ del Sole, 2006

v Les guerriers de la Paix, Bernard Kouchner, Parigi 2003 – pag.. 372 – 374

vi Offensive in the Balkans, Yossef Bodansky London 1995 pag. 13

vii Spiegel on line The prophets fifth columnIslamist gain ground in Sarajevo – Walter Mayr in Sarajevo

10




Tema: Manifestacija povodom 10-e godišnjice NATO napada na SRJ


Dragi prijatelji

Prije svega dozvolite mi da vas sve skupa pozdravim  ispred SRP-a hrvatske i u svoje lično ime. Također želim se zahvaliti organizatorima ove manifestacije, na ovoj hvale vrijednoj inicijativi, koja traje još od samih brutalnih događaja, započetih pred deset godina.


Agresija, koju je tzv. međunarodna zajednica, a ustvari grupa najbogatijih zemalja svijeta na čelu sa NATO i SAD, izvršila u proljeće 1999. godine na SRJ je u svojoj biti, klasičan primjer rata za prostor, koji razvijeni centar vodi protiv nerazvijene periferije. Nakon podjele koju je još 70-ih godina prošlog stoljeća zacrtala doktrina Brzezinski. Taj rat je bio samo nastavak tektonskih društveno političkih procesa iz 90-ih godina prošlog stoljeća, kojih je cilj bio prodor krupnog kapitala na istok i osvajanje novih teritorija.

Tim prodorom je kapitalizam, koji se našao u dubokoj krizi 80-ih godina prošlog stoljeća ostvario svoja tri cilja i odgodio svoj silazak sa društvene scene i odlazak u povjest, za jedan nedefinirani vremenski period.

Ciljevi koje je kapitalizam postigao su:

-Ekonomski
-Politički
-Vojni

EKONOMSKI cilj sastojao se od:
Osvajanja novih tržišta.
Preuzimanja sirovinske, infrastrukturne i financijske baze, novoosvojenih pdručja.
Dobivanja jeftine radne snage, bilo postojeće u zmljama u koje su transferirali kapital ili one imigrantske u vlastitim zemljama.

POLITIČKI cilj se sastojao od eliminacije socijalizma u Evropi i samoupravljanja u Jugoslaviji.

VOJNI cilj se sastojao od prodora na istok sa krajnjim ciljem približavanja i opkoljavanja Rusije i Kine. I taj proces još traje.


Agresija na SRJ 1999. godine, osim što je bila dio opće strategije osvajanja prostora, na način kako je izvedena po svojoj brutalnosti imala je i zadatak kažnjavanja neposlušnog protivnika. Naime moćnici najbogatijih zemalaja, vješto i lako su pronašli suradnike među političkim elitama u zemljama bivšeg socijalističkog bloka, za rušenje dotadašnjeg društveno-političkog uređenja koji su time vlastiti narod i materijalne resurse predali globalnom krupnom kapitalu. Problem je nastao na Jugoslavenskom prostoru. Posebno nepoželjan imperijalističkim krugovima bio je njen model samoupravnog socijalizma, kao primjer prirodne pozicije rada u društvu i dostojanstva radnika, koji bi bili u stanju upravljat vlastitim sudbimama, uz pun državni suverenitet.
U procesu koji je dirigiran izvana, a realiziran iznutra, predani smo na milost i nemilost svijetskim moćnjcima, pri čemu su vodeću ulogu odigrale secesionističke republike Slovenija i Hrvatska, a po domino efektu slijedile Bosna i Hercegovina i Makedonija, bez iole racionalne potrebe, koja bi imala pokriće u ekonomskoj ili nekoj drugoj logici. Jedinu prepreku osvajanju prostora, predstavljala je tadašni ostatak nekadašnje države, SRJ. Koja je iako sa tada već promjenjenim društveno-političkim uređenjem, percipirana kao zadnji bastion na putu imperijalističkim moćnicima i zbog toga ju je trebalo kazniti. Da se radi o kažnjavanju razvidno je već iz činjenice, da je međunarodna zajednica primjenjivala različite kriterije, za pojedine republike i narode bivše Jugoslavije. Uslijedila je brutalna agresija NATO snaga, koje nisu nanjele SRJ velike vojne gubitke, usprkos činjenici, da je odnos u ljudstvu i vojnoj opremljenosti između agresora i napadnutih, bio do tada nezabilježen u vojnoj praksi. Iako su vojni gubici SRJ bili relativno mali, zato su oni civilni i materijalni bili vrlo visoki. Uništavana je infrastruktura i ekonomska supstanca zemlje, primjenom najbrutalnijih sredstava, koja nemaju nikakvo vojno opravdanje, nego su namjenjena materijalnim razaranjem civilnih objekata, često sa katastrofalnim učincima. Vrhunac brutalnosti postignut je upotrebom municije sa osiromašenim uranom, koja trajno kontaminira ambijent u kojem žive ljudi, a o apsurdu upotrebe tih sredstava svijedoći činjenica o velikom broju stradalih pripadnika agresorskih jedinica, koje su manipulirale tom municijom.

Presedan par exelans učinjen je sada već prema državi Srbiji otimanjem dijela njenog teritorija, mimo svih međunarodnih pravnih normi i instaliranjem imperijalističkog protektorata na Kosovu i Metohiji sa najvećom NATO vojnom bazom. Tim činom stvorena je jedna umjetna kvazi državna tvorevina, bez vlastite privrede, od koje bi njeni građani živili  i koju nije priznalo oko tri červrtine zemalja u svijetu. A čija je osnovna namjena biti odskočna daska SAD i NATO na putu prema Kaspijskom bazenu. Ta je teza potvrđena lanjske godine u augustu, kad su SAD i NATO stojeći jednom nogom na Kosovu i Metohiji pokušali drugom nogom zakoračiti na Kavkaz , što im na sreću nije uspijelo.

Primjeri poput agresije na SRJ, rat u Afganistanu, penetracija u područje bivšeg SSSR-a, namjera instaliranja raketnog štita u istočnoj Evropi, generiranje kriza u svijetu, permanentnim sprovođenjem institucionalnoga terora, koji potiče onaj očajnički vaninstitucionalni, toleriranje Izraela u njegovoj genocidnosti i supstitucija UN. Govore suprotno od onoga u što nas propaganda želi uvjeriti, da NATO savez nije vojska mira u koji bi se prema vlastitoj savjesti trebali svrstati svi koji žele mir, već vojska koja štiti spoj načela i institucija kao što je kapitalističko vlasništvo i tzv. Slobodno tržište, koje osigurava apsolutnu moć odabranih uskih vlasničkih slojeva, nad najširim eksploatiranim radnim masama unutar razvijenih kapitalističkih društava, te povlaštenih moćnih država nad ogromnom većinom manje razvijenih država trećeg svijeta. NATO dakle nije izolirana nepolitička vojna struktura, već sam kapitalistički društveni sistem, odnosno njegov vojni izraz. NATO stoga nije vojska naroda u što nas uvjeravaju, već vojska bogate manjine koja vlada razvijenim društvima i svijetom i koja se mora braniti od siromašne većine. Zato i nije nestao nakon ukidanja Varšavskog ugovora, kao što su naivni očekivali, jer nestankom tog saveza nije nestao i glavni neprijatelj bogatih, a to je siromaštvo i neravnomjerni razvoj svijeta, kao neposredna posljedica svjetskog kapitalističkog poretka.
Pošto štiti manjinu od većine NATO ima nedvojbeno imperijalistički karakter. Imperijalistički karakter NATO saveza osobito proizlazi iz činjenice, da SAD imaju dominantnu ulogu u organizaciji svjetskog kapitalističkog poretka, koju su zadobile nakon II sv. rata, istisnuvši svoje evropske konkurente. SAD podaruje članstvo u NATO savezu i određuju njegovu moć i strategiju. To najbolje pokazuje najnovija strategija nacionalne sigurnosti SAD-a, u kojoj su javno iznesene namjere najmoćnije države da svoju prevlast ostvaruje putem prijetnje  i korištenjem vojne sile, dakle oblicima moći u kojima nema konkurencije. Osnovni cilj te strategije je spriječiti sve oblike i izraze prijetnje moći, položaju i ugledu SAD u globalnom upravljanju svijetom, radi održavanja nadzora nad svjetskim izvorima, danas energije, a sutra pitke vode i sprečavanja socijalno-političkih gibanja koje mogu ugroziti svjetski poredak vladavine kapitala i vodeću ulogu SAD u njemu. Tom strategijom SAD uzimaju pravo, da po vlastitom nahođenju vode «preventivni rat». Takvim pristupom odredbe o samoobrani država, zajamčene poveljom UN, kao i cijelo međunarodno pravo, postaju besmislene, a SAD imperator, svjetski policajac i najveća prijetnja za svjetski mir.
Mir kojeg NATO želi osigurati je neka vrsta ograničenog mira za dio Evrope i Sjeverne Amerike, kako bi se očuvala stabilnost kapitalističkog poretka, ali na ostali svijet taj se mir ne odnosi. SAD i ostale zapadne sile mogu pribjegavati nasilju protiv nepodobnih, neposlušnih i slabijih širom većine svijeta.
NATO nije niti može biti zaštitnik većine polurazvijenih i razvijenih država i naroda, jer on brani poredak, a ne zemlju. On brani neravnopravnost i nikada ne bi branio socijalizam. NATO može samo štititi vlast onih manjina u tim državama koje u svom interesu i interesu svjetskog kapitala, a na štetu najširih narodnih i nacionalnih interesa održavaju i produbljuju nejednakost.
Sve to naravno vrijedi i za zemlje nastale na prostoru bivše Jugoslavije. NATO može biti zaštita samo onih snaga koje su uz asistenciju svjetskog poretka opljačkale sva materijalna i društvena dobra, koja su radni ljudi stvorili do secesije 90-ih i time stekle ekonomsku i političku moć i tu moć sistematski dalje reproduciraju i jačaju.
Ni po svojoj prošlosti, ni po svojim interesima, u budućnosti zemlje nastale na prostoru bivše Jugoslavije ne pripadaju krugu imperijalističkih sila, niti mogu očekivati da će ih razviti multinacionalne korporacije i strane banke, pa ne treba ni tražiti zaštitu od tih krugova, a još manje ratovati za njihove interese. Naprotiv, kao male i polurazvijene zemlje ako žele svoj opstanak i razvoj moraju se svrstati na stranu one većine koje svoj prioritet vide u pravednijim ekonomskim i političkim odnosima i autentičnom razvoju izvan imperijalnog saveza moćnih koga brani NATO. U NATO savezu svi mi gubimo i posljednji atom svoje suverenosti, ali i dostojanstvo naroda koji se nekada borio za bolji i humaniji svijet protiv svakog imperijalizma.
Recentni događaji, koje eufemistički nazivaju ekonomskom ili monetarnom krizom, iako se radi o krizi sistema. Upućuju na to, da je kapitalizam odigrao svoju povjesnu misiju i nije više u stanju odgovoriti na potrebe čovječanstva, te je nužno potrebno da siđe sa društvene scene, jer je budućnost svijeta determinirana alternativom, socijalizam ili barbarstvo

Vicenza/Beograd, 22-24. III 2009.
                                                                                    
Kapuralin Vladimir



Tema: Manifestazione in occasione del X anniversario della aggressione della NATO contro la Repubblica Federale Jugoslava (RFJ)

Cari amici,

Prima di tutto vorrei salutare tutti voi a nome del Partito Socialista degli Operai della Croazia ed a nome mio personale. Inoltre, vorrei ringraziare gli organizzatori per questa manifestazione e per le loro lodevoli iniziative che sono iniziate e durano sin dal periodo di questi brutali eventi, accaduti dieci anni fa.

L'aggressione, che la cosiddetta comunitŕ internazionale, ma in realtŕ, un gruppo dei paesi piů ricchi del mondo capeggiati da NATO e Stati Uniti, ha realizzato nella primavera del 1999 contro la Repubblica Federale di Jugoslavia, rappresenta un classico esempio di guerra per il territorio, che un centro ricco conduce contro la sottosviluppata periferia. Dopo le divisioni tracciate giŕ negli anni '70 con la dottrina Brzezinski, quella guerra era solo una continuazione dei cataclismi sociopolitici degli anni '90 del secolo scorso, che hanno avuto per scopo l'avanzata del grande capitale verso Est, assieme con la conquista di nuovi territori.

Con questa sua avanzata, il capitalismo con la sua crisi degli anni '80 del Novecento, ha realizzato i suoi tre obiettivi, posticipando, per un certo lasso di tempo, la propria uscita di scena ed il proprio inabissarsi nella storia.

Gli obiettivi che il capitalismo ha conseguito, sono:
-economici
-politici
-militari

L'OBIETTIVO ECONOMICO č consistito nella:
conquista di nuovi mercati.
Nell'impossessarsi di risorse, materie prime, infrastrutture e basi finanziarie nelle regioni appena conquistate.
Nel reperimento di manodopera a basso costo, sia quella nei paesi dove il capitalismo ha trasferito i capitali, sia quella arrivata con l'immigrazione nei loro paesi.

L'OBIETTIVO POLITICO č consistito nella eliminazione del socialismo in Europa, cosi come dell'autogestione in Jugoslavia.

L'OBIETTIVO MILITARE č stata la penetrazione all'Est allo scopo del ravvicinamento alla Russia e alla Cina, e del loro accerchiamento. Questo processo č ancora in corso.

L'aggressione del 1999 contro la Repubblica Federale Jugoslava, oltre ad aver fatto parte di una strategia globale di conquiste territoriali, per il modo brutale in cui si č svolta, ha avuto il compito di punire un avversario disubbidiente. I governanti dei paesi piů ricchi del mondo hanno avuto gioco facile a reperire collaboratori tra le élite degli Stati del blocco ex-socialista, al fine di smantellare l'attuale sistema sociopolitico. Questi ultimi hanno consegnato i propri popoli e le risorse materiali nelle mani del grande capitale globalizzato. L'osso piů duro era rappresentato dall'area jugoslava. Il modello jugoslavo di socialismo autogestito era particolarmente sgradito, dato che era caratterizzato dal ruolo naturale e dignitoso del lavoro e dell'uomo lavoratore nella societŕ, capaci di autodeterminare il proprio cammino in una piena sovranitŕ statale.
In questo processo, diretto dall'esterno e realizzato all'interno del paese, noi siamo stati consegnati alla mercé dei potenti del mondo. Il ruolo centrale in tutto ciň, lo hanno svolto le repubbliche secessioniste, Slovenia e Croazia, seguite con effetto domino e senza alcuna vera ragione razionale, che avesse un fondamento economico o di altro tipo, dalla Bosnia-Erzegovina e dalla Macedonia. La parte che allora rimaneva, la Repubblica Federale di Jugoslavia, era l'unico ostacolo residuo di fronte alla conquista dei territori. La Jugoslavia, che tra l'altro, in quell'epoca aveva un sistema sociopolitico ormai diverso, era percepita come l'ultimo baluardo sul cammino dei poteri imperialistici, e per questo motivo era necessario punirla. L'esistenza di un elemento punitivo si evince dal fatto che la comunitŕ internazionale ha applicato criteri diversi per le diverse repubbliche e popoli della ex-Jugoslavia. In seguito si č scatenata la aggressione della NATO, che, tuttavia, non ha inflitto grosse perdite militari alla Repubblica Federale di Jugoslavia, nonostante una sproporzione mai registrata prima nella tradizione bellica, tra le forze umane e militari dell'aggressore e quelle del difensore. Sebbene le perdite militari della Repubblica Federale Jugoslava siano state relativamente piccole, le perdite umane e materiali sono state molto alte. Con l'impiego dei mezzi piů brutali esistenti e senza alcuna fondatezza dal punto di vista militare, venivano in continuazione distrutte l'infrastruttura e la base economica del paese. Si distruggevano edifici civili con effetti, spesso, catastrofici. Il colmo delle brutalitŕ fu raggiunto con l'impiego delle munizioni ad uranio impoverito, che contaminano l'ambiente dove vive la popolazione. All'assurditŕ di questi mezzi si aggiunge l'enorme numero dei morti e degli ammalati tra i militari delle unitŕ dell'aggressore che hanno maneggiato questo tipo di munizione.

Un precedente d'eccellenza č stato stabilito a scapito dello Stato di Serbia, con il sequestro di una parte del suo territorio, contro tutte le leggi internazionali, e tramite l'insediamento di un protettorato imperialista, con la piů grande base NATO in Kosovo e Metohija. Con tale atto si č realizzata una creatura artificiale para-statale, priva di base economica per i propri cittadini, e che non č stata riconosciuta da circa due terzi degli Stati del pianeta. Lo scopo principale di questo Stato č quello di fare da trampolino agli Stati Uniti e alla NATO nella loro avanzata verso il bacino del Caspio. Questa tesi ha avuto la sua conferma ad agosto scorso, quando gli Stati Uniti e la NATO, tenendo un piede in Kosovo e Metohija, hanno tentato di allargare l'altra gamba verso il Caucaso, fortunatamente senza successo.

L'aggressione contro la RFJ, la guerra in Afghanistan, la penetrazione nell'area ex-sovietica, l'intenzione di installare lo scudo missilistico nell'Europa orientale, la generazione di crisi ovunque nel mondo, l'applicazione permanente del terrore istituzionale che provoca l'insurrezione del terrorismo extra-istituzionale, la tolleranza nei confronti di Israele riguardo ai suoi comportamenti genocidari, la sostituzione del'ONU - da tutti questi esempi traspare l'opposto di quello di cui la propaganda ci vorrebbe convincere, e cioč che la NATO sarebbe l'esercito della pace in cui, seguendo la propria coscienza, si dovrebbero arruolare tutti coloro che desiderano la pace, viceversa si tratta di una soldataglia che difende principi e istituzioni quali la proprietŕ capitalistica e il cosiddetto libero mercato, che garantisce il potere assoluto ad una ristretta classe di possidenti sulle masse dei lavoratori sfruttati nelle societŕ del capitalismo avanzato, ed assicura il controllo sulla stragrande maggioranza dei paesi del terzo mondo, meno sviluppati. La NATO, dunque, non č una struttura militare apolitica ed isolata, ma rappresenta il sistema sociale capitalistico, ovvero la sua espressione militare. Per la stessa ragione, la NATO non č un'armata popolare come ci vorrebbero persuadere, ma č un'esercito della minoranza ricca che governa nel mondo dei ricchi, e che dunque si deve difendere dalla maggioranza povera. Questo spiega perché la NATO non si č estinta dopo la fine del Patto di Varsavia, come molti hanno ingenuamente creduto. Con la dissoluzione del Patto di Varsavia non č scomparso il principale avversario dei ricchi: il mondo dei poveri, lo sviluppo sproporzionato di varie zone del mondo come conseguenza diretta dell'ordine mondiale capitalista.
Difendendo la minoranza dalla maggioranza, la NATO ha, indubbiamente, un profilo imperialista. Il carattere imperialista della NATO deriva in modo particolare dal fatto che gli Stati Uniti mantengono il proprio ruolo dominante nell'organigramma dell'ordine mondiale capitalista, conquistato dopo la II guerra mondiale, declassando i loro concorrenti europei. Gli Stati Uniti con il proprio ruolo forniscono un elemento di forza alla NATO e determinano la sua potenza e la sua strategia. Queste caratteristiche si rivelano nel modo migliore nella nuova strategia della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, per cui lo Stato piů potente del mondo dichiara pubblicamente i propri intenti per realizzare la propria supremazia con le minacce  e l'uso della forza militare; forme di potere su cui non ha concorrenti. L'obiettivo principale di questa strategia č prevenire tutte le minacce contro la potenza, il ruolo e la reputazione degli Stati Uniti nella gestione globale del mondo, allo scopo di sorvegliare le risorse mondiali quali l'energia, o l'acqua potabile, e prevenire i movimenti sociopolitici capaci di mettere in pericolo l'ordine mondiale in cui governano i capitali assieme con gli Stati Uniti come Stato leader. Con questa strategia, secondo la propria volontŕ, gli Stati Uniti si assumono il diritto di condurre una "guerra preventiva". Con un tale approccio, gli argomenti sull'autodifesa degli Stati, garantita dalla Carta dell'ONU, dal sistema del diritto internazionale, perdono senso, mentre gli Stati Uniti diventano l'imperatore, il poliziotto del mondo intero e la piů grande minaccia per la pace nel mondo.
La pace che la NATO vorrebbe procurare č una specie di pace limitata all'Europa e all'America Settentrionale, affinché si mantenga la stabilitŕ dell'ordine capitalista, e questa pace non riguarda il resto del mondo. Gli Stati Uniti ed altre potenze occidentali hanno la facoltŕ di usare violenza contro gli scomodi, i disubbidienti e i deboli nella stragrande maggioranza del mondo.
La NATO non č, non puň essere il difensore della maggioranza dei paesi in via di sviluppo e di quelli sviluppati, perché difende un ordine e non gli Stati. Essa difende la disuguaglianza e non avrebbe mai difeso il socialismo. La NATO č in grado di difendere soltanto  il potere di quelle minoranze  che in tali Stati preservano ed approfondiscono la disuguaglianza allo scopo della conservazione dei propri interessi e degli interessi del capitale mondiale.
Tutto ciň, naturalmente, vale anche per gli Stati creati sul territorio dell'ex-Jugoslavia. La NATO č soltanto in grado di fungere da difesa per quelle forze che, grazie all'ordine mondiale, hanno rapinato tutte le risorse materiali e sociali, create dai lavoratori prima della recessione negli anni '90. In questo modo, queste forze hanno ottenuto il potere politico e lo stanno sistematicamente moltiplicando e rafforzando.
Gli Stati creati sul suolo dell'ex-Jugoslavia, per quanto concerne il loro passato e i loro interessi futuri, non appartengono veramente alla cerchia delle potenze imperialiste. Loro non possono neanche sperare di ricevere dalle multinazionali o dalle banche straniere gli input per lo sviluppo. Per questo motivo, non devono cercare protezione da questi ambienti e nemmeno devono partecipare alle loro guerre. Tutt'altro; siccome si tratta di Stati piccoli e appena sviluppati, qualora cercassero sopravvivenza e sviluppo, dovrebbero schierarsi alla parte di quella maggioranza che intravede le proprie prioritŕ in rapporti economico-politici piů corretti, nello sviluppo autentico, al di fuori delle alleanze imperialiste dei potenti, difesi dalla NATO. Nell'alleanza con la NATO, tutti noi stiamo per perdere l'ultimo atomo della nostra sovranitŕ e dignitŕ come popolo che un tempo ha combattuto per un mondo migliore e piů umano, contro tutti gli imperialismi di questo mondo.
I recenti eventi, denominati eufemisticamente come crisi economica o finanziaria, sebbene si tratti di vera e propria crisi del sistema, indicano che il capitalismo ha ormai concluso la propria missione storica e non č piů in grado a rispondere alle necessitŕ dell'umanesimo. Per questa ragione č necessario che esca dalla scena della societŕ, perchč il futuro del mondo sta davanti ad un'alternativa: socialismo o barbarie.

Vicenza/Beograd, 22-24. 03.2009.

Kapuralin Vladimir


Speech by Fulvio Grimaldi

Mr. Chairman, Ladies, Gentlemen,

Let me express my thankfulness for having been invited to this historical event, together with the joy to find myself among people who have never relinquished their commitment to Serbia’s freedom and sovereignty and their struggle against the powers of imperialism in the name of human kind.
And let me remember my first encounter with the conflict between truth and fraud regarding the events in the Balkans from 1991 onwards. On 24th March 1999, as a special correspondent in Italy’s State Television, Rai Channel 3, our editors explained to us the Nato aggression on Serbia and the bombing of Belgrade as a “humanitarian intervention” that we journalists were called to support. This incredible, unethical order was to be the last word I heard from my editor-in-chief. On that very day I left RAI TV for ever, got myself a camera and travelled by bus to Belgrade so see for myself. It became one of my professional experiences that emphasized to what degree the world’s media had tuned in with the fraudulent weapon of Nato, US and imperialist propaganda. Everything that was published in the West turned out to be defamation, distortion, lie, from the alleged “ethnical cleansing” in Kosovo, which was suffered by the Serb and other minorities rather than by the Albanians, to Milosevic’s “dictatorship”, or Serbian “Nationalism”.

From that moment, on I committed my professional and political efforts to rectify what had been told to an intoxicated public opinion, realising a series of video documentaries on events between 1999 and 2001, on Nato atrocities, the formidable reconstruction in 2000, the coup d’etat by Nato ant its quislings in 2001. At the same time I worked as a special correspondent in Yugoslavia for “Liberazione”, the Refounded Communist Party’s daily.
And in this capacity I was able to assess to what degree even the allegedly antimperialist Left in Italy and in Europe had been subjugated by the aggressor’s deceitful propaganda, Though deploring the “excesses” of the war, the bombing of houses, hospitals, schools, trains, industrial establishments, carried out with the obvious intention of polluting Serbia’s soil, air and water and poisoning its people, It accepted the false reasons of the socalled “humanitarian intervention”, thus depriving large masses of the instruments and arguments for solidarising with Serbia and its leadership. A sign of the more general political, cultural and ideological decadence and weakening of the Left in Europe. With a few other well-informed colleagues and friends, I tried to oppose this wave of deception by writing articles and books, showing my videos around Italy and Europe, holding conferences.

When the Cia-instructed gang of Otpor worked to destabilize the Serbian government and open it up to imperialist domination, I witnessed in Belgrade the entire operation and reported it back to my newspaper. My articles, though, were not published and upon my return to Rome I was informed that they had been thrown in the dustbin for being “too pro-Serbian and pro-Milosevic”. The editor of “Liberazione” went as far as calling the Otpor provocateurs and saboteurs a “Serbian expression of the no-global movement” and inviting it to the gatherings of this movement. I witnessed President Milosevic’s arrest and subsequent delivery to the enemies of his people and to the cangaroo-court in The Hague. I cherish the moving memory and the privilege of having been the last journalist to interview the president before the traitors threw him into prison. I had seen how the Otpor mob had burned the ballots that had given victory to the Serbian left-wing parties. I honestly reported this back to my newspaper, but, again, I wasn’t believed and my work was thrown away. To that extent had so-called anticapitalist and anti-Nato leaderships submitted their independence of thought and their honesty to the enemy. On the day of the coup d’etat, “Liberazione” titled its first page “Belgrade laughs” and the other, more authoritative daily, “il manifesto”, wrote over its entire first page “Belgrade’s spring”.

As a journalist who had witnessed all the relevant events and was aware of the enormous distortions and lies that were inflicted on the general public, I committed myself to oppose with all my professional forces the indecency of those who should have known and acted better. This activity, together with my position as vice-chairman of the Committee for the Defence of Slobodan Milosevic and as member of the Belgrade Forum, produced considerable changes in large sectors of public opinion, but also the final breaking of my relationship with Italy’s organised Left and its media. Our job, mine and that of few other honest fighters for truth and justice, also through the constant denounciation of the ransacking of Serbia by foreign economic forces and their local collaborators, as well as of the criminal treatment of president Milosevic on the part of the Hague cangaroo court (headed by Carla del Ponte, a shameless traitor to all principles of legality and justice), was not an easy job. It was used by pro-imperialists and the pseudo-left to demonize our efforts, together with their objects. Some groups, especially in Turin, Trieste and Bari, were very active in resisting those aggressions and provided material solidarity to the needy in Serbia, as well as a valid contribution to the clarification of events, a fundamental commitment. Italy could have done better, had it not been for the opportunism of the official Left, the passivity of the majority of the large Serbian diaspora in this country and the ineffectiveness of certain pro-Yugoslavia groups, whose opportunistic leadership preferred to abstain from controversial issues, such as the defence of president Milosevic and other items relating to major media distortions, and insisted rather on continuous historical exacavations concerning the distant past of the fascist occupation in the Balkans. This may have provided useful insights into precedents of Nato’s and Italy’s aggression, but did non affect the much more urgent struggle for rectification of present-day disinformation on Serbia and for solidarity with all those that the West has successfully criminalised in Serbia and in the Srbska republic.

The crimes successively committed by the US and its allies in Nato, unleashed by the extremely dubious excuse of the 9/11 terror attacks, in Afghanistan, Iraq, Pakistan, the atrocities continuously inflicted by the Zionist expansionist regime on its Palestinian victims, the general fascistisation process in the Western countries through impoverishment and repression of the weak and poor at the hands of the rich and powerful, have been an eye-opener for many. The “infinite war against terrorism”, the invention of the “clash of civilisations” by the extreme-right USraeli warmongers in order to submit the world to their oppression, devastation and exploitation, has provided definite proof of what the attack on Yugoslavia, starting with the secessions of the early nineties,
was to introduce. After the experience of socialism, i.e. an alternative and much better way of organising societies under the principles of just distribution of wealth and of solidarity and peace, and after the victorious liberation struggle by many nations that had been colonised, the imperialist powers were trying, starting with the first Gulf war and than with Somalia and the Balkans, to regain what socialism and those struggles had taken from them.

But times have changed. The unbreakable resistance of peoples like the Palestinian, Afghan and Iraqi, the beginning of social revolts in the crisis-ridden capitalist countries, the resurgence of an independent and dignified Russia, aware of its role in the world and a close ally of the Serbian people, and particularly the great, revolutionary changes in Latin America, from Cuba to Venezuela, from Bolivia to Ecuador and other countries, seem to usher in a new epoch in history, marked by the decline of imperialism. Under the cloak of the “clash of civilisations” and the “war on terror”, which tried to pit the “superior” West against Islamic peoples and the rest of the world’s South, just as happened in past centuries with the claim of civilising so-called “savages” and “primitives”, appears the reality of the eternal aggression of the privileged élite against those that are to subjugated and robbed or, simply, those that are in the way, refuse to obey and defend their rights. Exactly like Serbia did providing a shining example to all.

On the occasion of the Belgrade Forum on the tenth anniversary of Nato’aggression, we in Italy who have experienced the truth, as citizens of a country that was decisive in the destruction of Yugoslavia and Serbia, consider it our fundamental duty to for ever support the Serbian people’s struggle to recuperate its genuine sovereignty, its social justice, its freedom, the territories it was deprived of, its historical role among the world’s peoples that reject war, unless it be for liberation. This means a common struggle against Nato, as the expression of an international community whose character is criminal and life-denying. We owe this to ourselves, to the truth, but above all, in my personal feeling, to those that, defying demonization and lies, committed themselves to the defence of the Serbs, in Kosovo, Croatia, Bosnia and Serbia proper. Primarily to Slobodan Milosevic who to the last moments of a life of honour, dignity and courage, stood up against his killers.




Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia - onlus
 
sito internet: http://www.cnj.it/
posta elettronica: j u g o c o o r d @ t i s c a l i . i t
notiziario telematico JUGOINFO:
http://groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/messages