logo CNJ  Coordinamento
Nazionale per la Jugoslavia


Segnalazione iniziative urgenti


Maggio 2014:

DEVASTANTE ALLUVIONE
IN SERBIA, BOSNIA-ERZEGOVINA, CROAZIA

immagini/poplava2014_mapa.jpg




La nostra SOLIDARIETA' agli alluvionati in Serbia e Bosnia

2015: CHIUSA la campagna raccolta fondi co-promossa dal Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia ONLUS
Il Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia ONLUS a maggio 2014 aveva invitato a partecipare allo sforzo internazionale in atto per le vittime delle devastanti inondazioni verificatesi in Serbia, Bosnia e Croazia, aderendo alla iniziativa coordinata dalla ONLUS Non Bombe Ma Solo Caramelle vale a dire che:
<< la nostra rete di piccole associazioni unisca le proprie forze e intervenga con alcuni progetti mirati in aree rurali nella ricostruzione di spazi pubblici devastati, quali scuole o ambulatori pubblici. (…) Proponiamo che siano i nostri tradizionali referenti nei Balcani a fornirci le indicazioni dei progetti che potremo realizzare, >>
progetti tra i quali abbiamo scelto in base all'ammontare dei fondi raccolti e privilegiando quelle aree di destinazione (non necessariamente della Rep. di Serbia, ma ad es. anche della Bosnia-Erzegovina) che meno hanno beneficiato degli interventi "istituzionali" già in corso.
Oltre a NBMSC e CNJ hanno aderito anche le associazioni ABC Solidarietà e Pace di Roma e Zastava di Brescia.




29 settembre 2014: Non Bombe Ma Solo Caramelle ci comunica che << Abbiamo speso complessivamente 10955 a fronte di 7480 euro di sottoscrizioni giunte sul conto della ONLUS Non bombe ma solo caramelle. La differenza di 3475 euro è stata coperta con fondi della ONLUS Non bombe ma solo caramelle, che inizialmente aveva pensato di contribuire con circa 2000-2200 euro, utilizzando quindi molto di più di quanto era stato deciso inizialmente.
E' con piacere che vi informo che ci hanno avvisato che il Coro Partigiano Triestino Pinko Tomazic ha raccolto durante alcuni suoi concerti 500 euro a nostro favore che ci saranno consegnati a breve. >>


30 luglio 2014
: Non Bombe Ma Solo Caramelle ci comunica che << è stata presa in carico una terza scuola primaria, in Serbia nel paese di Krupanj, che e' stato uno dei piu' colpiti da queste alluvioni catastrofiche.
Potete vedere la situazione di questo paese nei due filmati...
La possibilita' di questo terzo intervento viene dal fatto che i fondi a disposizione al momento sono
6780 euro a cui si aggiunge il contributo di Non bombe ma solo caramelle e dunque siamo quasi a 9000 euro totali. >>


26 luglio 2014
: Non Bombe Ma Solo Caramelle ci comunica che << abbiamo a disposizione fondi per partecipare alla ricostruzione i una terza scuola.
Abbiamo appena ricevuto una pressante richiesta di sostegno da una scuola materna che si trova in Serbia nel paese di Krupanj, che e' stato uno dei villaggi più colpiti. Stiamo accuratamente verificando la situazione della scuola e dell'intero paese di Krupanj e le informazioni che abbiamo sono catastrofiche. E' un piccolo paese isolato, ha perso molte case, il ponte di collegamento con la strada statale, e soprattutto l'agricoltura. ... Pubblicheremo tutto su Facebook dove vi invito a seguire le varie iniziative. Gilberto Vlaic >>

Vedi anche su questa pagina la nuova sezione con gli AGGIORNAMENTI SULLA DESTINAZIONE DEI FONDI RACCOLTI



6 luglio 2014
:
Non Bombe Ma Solo Caramelle ci comunica che << alla campagna si è aggiunta una associazione formata prevalentemente da insegnanti e genitori di scuole elementari. Si tratta della ONLUS Granello di Sabbia.
La cifra raccolta complessivamente al momento è di 4755 euro, a cui si devono aggiungere 1500 euro di Un granello di sabbia, 300 di CNJ [trasferiti in data 9/7/2014 sul conto di NBMSC, dei quali 150 euro da versamento di Stefano P.] e la quota di NBMSC ... complessivamente arriveremo a circa 8500 euro. Poi si aggiungerà il Comune di San Giorgio di Nogaro [cfr. aggiornamento 2/6/2014].
Siamo entrati in contatto diretto con due scuole elementari estremamente colpite dalla alluvione:
la Scuola primaria "Crkvina", a Gornja Crkvina, paese che dista solo pochi chilometri dalla città di Šamac
la Scuola primaria Petar Kočić nel paese di Balatun, Comune di Bijeljina
Si tratta in entrambi e casi di due scuole di campagna. Siamo entrati in relazione con queste due scuole attraverso i nostri soci Boba C. e Zeliko V., che sono riusciti a contattare le direzioni delle due scuole. Se approveremo i progetti manderemo il denaro necessario per acquistare i materiali verso la fine di luglio attraverso due persone di nostra assoluta fiducia, che dovrebbero recarsi proprio in quelle zone per la distribuzione di aiuti in materiali agli alluvionati. >>
Vai alla sezione con gli AGGIORNAMENTI SULLA DESTINAZIONE DEI FONDI RACCOLTI


2 giugno 2014: Non Bombe Ma Solo Caramelle ci comunica che in questo modo sono stati già raccolti più di 4mila euro. Inoltre, il Comune di San Giorgio di Nogaro informa che metterà a disposizione 1000 euro per un intervento mirato in una scuola.



Il conto corrente di riferimento per ricevere i contributi è quello di Non Bombe ma Solo Caramelle ONLUS:
IBAN:  IT18E0892802202010000021816
(Banca di Credito Cooperativo del Carso)
Suggeriamo di indicare nel versamento la seguente causale: Erogazione liberale per emergenza alluvione (seguito dal nome e cognome).
I fondi eventualmente inviati con analoga causale a CNJ-onlus saranno girati sul conto di NBMSC-onlus.
Raccomandiamo di conservare copia cartacea del bonifico effettuato perchè questi versamenti sono deducibili dalla dichiarazione dei redditi.


---

Altri aggiornamenti dalla ONLUS Non Bombe Ma Solo Caramelle (fonte: Gilberto Vlaic):

1 giugno 2014


(…) Stiamo collaborando con la Comunita’ Serba Ortodossa di Trieste, che fino ad ora e’ riuscita a spedire otto camion da 80 metri cubi ciascuno, inviando materiale di tutti i tipi (cibo, prodotti per l’igiene personale e la disinfezione, letti, materassi, vestiario, scarpe, giocattoli). Questi materiali sono stati inviati ai centri di raccolta istituiti dai governi di Serbia e Bosnia.
Sono stati anche raccolti a Trieste circa 25.000 euro.
Anche il denaro raccolto sara’ distribuito in parte in Serbia e in parte in Bosnia.

Le stime dei danni economici in Serbia e Bosnia sono catastrofiche: si possono calcolare in maniera approssimativa in 1,5-2 miliardi di euro per la Serbia (7% del Pil) e in 1,3 miliardi di euro per la Bosnia (circa 10%).

(…) Venerdi’ 30 maggio e’ partito da Trieste un convoglio di quattro furgoni (con persone di cui abbiamo la piu’ completa fiducia) per la distribuzione di aiuti nei paesi piu’ isolati e danneggiati in Bosnia e Repubblica serba di Bosnia. Questo convoglio ha ricevuto l’autorizzazione anche per la distribuzione di medicinali e noi abbiamo contribuito con quelle poche medicine che avevamo ancora a disposizione, cinque scatoloni che non eravamo riusciti a portare con noi a Kragujevac nel nostro viaggio di inizio aprile scorso.
Questo convoglio tornera’ a Trieste domani 2 giugno e il viaggio sara’ replicato venerdi’ prossimo 6 giugno.
Per quel viaggio contribuiremo con molti medicinali: ieri ce ne sono arrivati da Torino 3 metri cubi raccolti dalla associazione degli adottanti di quella citta’ insieme a quasi 2 metri cubi di materiale scolastico, e martedi’ prossimo ce ne saranno consegnati 18 scatoloni che ci sono stati spediti dalla ONLUS Le Medicine di Grottaferrata.

6 giugno 2014

Abbiamo ricevuto questa lettera dal Preside di una Scuola slovena di Trieste... Mi sembra che vada esattamente nella direzione dei nostri principi fondativi:

(...) Su iniziativa di alcuni maestri ed alunni del nostro Istituto comprensivo, che vede tra gli iscritti anche alunni provenienti da vari paesi balcanici, abbiamo deciso di collaborare a due raccolte di beneficienza per la realizzazione delle quali vorremmo appoggiarci sulla Vostra Non Bombe ma Solo Caramelle - ONLUS e sulla Associazione di volontariato Bosna - Trieste che usufruisce degli spazi del Centro Islamico di Trieste in Via Pascoli 45.
(...) Considerato che il nostro Istituto ha tra gli obiettivi educativo-didattici anche quello della solidarietà, Le chiedo cortesemente se fosse possibile programmare che quanto raccolto venga utilizzato per il rinnovo dell'attrezzatura didattica e degli arredi di una scuola in Serbia con la quale potremmo magari instaurare un rapporto di amicizia e collaborazione anche per il futuro.
Spero che l'iniziativa intrapresa dia buoni frutti e La ringrazio per la disponibilità.
Cordiali saluti
Il Dirigente Scolastico
Marijan Kravos

VEČSTOPENJSKA ŠOLA PRI SV. JAKOBU
O B V E S T I L O
Trst, 5. junij 2014

Spoštovani starši,

glede na težke razmere, ki so jih v prejšnjih tednih povzročile katastrofalne poplave na Balkanu, se naša šola pridružuje nabirki dveh dobrodelnih ustanov in sicer:

Dobrodelna nabirka bo potekala na dva načina:

Društvo Bosna – Trst zbira dolgotrajno hrano (testenine, riž, olje, konzerve ipd.) in potrebščine za osebno higieno, čiščenje in razkuževanje (plenice za dojenčke, milo, šamponi, praški za pomivanje posode, pralni praški, proizvodi za čiščenje in razkuževanje ipd.). Poleg tega zbira še uporabne didaktične pripomočke. Zato vabimo učence, da ob koncu šolskega leta odstopijo svojim sovrstnikom vse tisto, kar mislijo, da je še uporabno. Nabirka bo potekala na vseh naših šolah in vrtcih od ponedeljka, 9. junija, dalje. Zbrani darovi bodo namenjeni poplavljencem v Bosni. Zgoraj omenjeno društvo namreč sodeluje z Rdečim križem Bosne in Hercegovine, ki ugotovi humanitarne prioritete, prostovoljci pa zbrano pomoč posredujejo prebivalcem določenega kraja.

Nepridobitniška organizacija Ne bombe, samo bomboni – ONLUS, katere duša je g. Gilberto Vlaic, pa nam je z dopisom predlagala nabirko v denarju, ki je namenjena obnovi izbrane šole v Srbiji. Svoje prispevke lahko posredujete neposredno organizaciji na njihov tekoči račun (IBAN organizacije Non Bombe ma Solo Caramelle ONLUS: IT18E0892802202010000021816, namembnost izplačila: »Sv. Jakob za obnovo šole v Srbiji«) ali razrednikom, ki bodo poskrbeli, da se ob koncu nabirke prispevki položijo na isti tekoči račun.

Glede na to, da je ena od temeljnih smernic dela naše večstopenjske šole tudi solidarnost, se Vam že vnaprej zahvaljujem za sodelovanje in radodarnost.

Lep pozdrav!


Ravnatelj

Marijan Kravos


ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN GIACOMO

C O M U N I C A T O
Trieste, 5 giugno 2014

Gentili genitori,

considerata la difficile situazione conseguente la catastrofica alluvione nei Balcani il nostro Istituto ha deciso di collaborare alle raccolte di beneficenza di due organizzazioni:

La raccolta di beneficenza avverrà in base due modalità diverse:

L'Associazione Bosna – Trieste raccoglie cibo a lunga scadenza (pasta, riso, olio, cibo in scatola ecc.) e prodotti per l’igiene personale, la pulizia e la disinfezione (pannolini per i bambini, sapone, shampoo, detersivi vari e prodotti per la disinfezione ecc.). L’associazione raccoglie inoltre ausili didattici. Si invitano pertanto gli alunni giunti alla fine dell’anno scolastico di cedere ai propri coetanei tutto quello che potrebbe essere ancora utilizzabile. La raccolta avrà luogo in tutte le nostre scuole da lunedì 9 giugno in poi. Il materiale raccolto sarà devoluto agli alluvionati in Bosnia. L’associazione di cui sopra collabora con la Croce Rossa della Bosnia ed Erzegovina che rileva le priorità umanitarie, mentre i volontari distribuiscono gli aiuti agli abitanti dei luoghi designati.

L’organizzazione no-profit Non bombe ma solo caramelle – ONLUS, promotore della quale è il Sig Gilberto Vlaic, ci ha proposto la raccolta di denaro per il rinnovo di una scuola in Serbia. I contributi possono essere versati direttamente sul conto corrente bancario della ONLUS (IBAN dell’organizzazione Non Bombe ma Solo Caramelle ONLUS: IT18E0892802202010000021816, causale di versamento: “S. Giacomo per il rinnovo di una scuola in Serbia”) o consegnati ai maestri che verseranno quanto raccolto sullo stesso c/c.

Considerato che il nostro Istituto Comprensivo ha tra gli indirizzi educativo-didattici anche la solidarietà Vi ringraziamo anticipatamente per la vostra collaborazione e generosità.

Cordiali saluti!

Il Dirigente Scolastico

Marijan Kravos



../immagini/poplava2014_zivot.jpg

versamenti per le azioni di emergenza immediate: coordinate bancarie verificate

A chi volesse effettuare, in subordine, versamenti per le azioni di emergenza immediate, data la grande confusione che si è creata con la diffusione di coordinate bancarie non verificate o addirittura false, raccomandiamo di utilizzare solamente i riferimenti bancari "garantiti" dei soggetti istituzionali, quali in particolare:

1) Croce Rossa

in Serbia
:
RED CROSS SERBIA / CRVENI KRST SRBIJE
(Address: Simina 19 - Belgrade, Republic of Serbia)
Bank account ℅ KOMERCIJALNA BANKA AD BEOGRAD
(Address: Svetog Save 14 - 11000 Belgrade, Republic of Serbia)
IBAN: RS35205007080003980905
SWIFT – BIC: KOBBRSBG
Per altri dettagli / More details: http://www.redcross.org.rs/arhiva_Донације_2441

in Italia:
CROCE ROSSA ITALIANA
è possibile donare in tre modi diversi:
1. online sul sito www.cri.it ;
2. tramite: C/C BANCARIO intestato a: " Croce Rossa Italiana"
Codice IBAN: IT19 P010 0503 3820 0000 0200 208
presso: Banca Nazionale del Lavoro - Filiale di Roma Bissolati
Per donazioni dall'estero codice BIC/SWIFT: BNL II TRR
3. tramite Conto corrente postale n. 300004 intestato a: " Croce Rossa Italiana, via Toscana 12 - 00187 Roma"
I fondi raccolti saranno destinati direttamente alle Croce Rossa della Bosnia-Erzegovina e della Serbia per sostenerle nelle attività di soccorso e di assistenza alle popolazioni colpite.
Per altri dettagli / More details: http://www.cri.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/22139


2) Riferimenti indicati nella comunicazione della Ambasciata della Repubblica di Serbia a Roma:
Vedasi l'immagine qui riportata ed anche: http://roma.mfa.gov.rs/news.php

Alluvione2014RS.jpg

le spedizioni dall'Italia di materiali e viveri di prima necessità

-> CHE COSA SERVE:
URGENTNE POTREBE UGROŽENOG STANOVNIŠTVA:

HRANA
- konzerve – mesne prerađevine, riba,
- dječija hrana
- tjestenina
- so
- šećer
- riža
- grah
- ulje
- voda
HIGIJENA
- sredstva za dezinfekciju
- zaštitne maske
- higijenske rukavice
- radne rukavice
- sapuni
- deterđent za veš
- kaladont
- dječija higijena
- higijena za žene
OPREMA ZA SMEJŠTAJ UGROŽENIH
- poljski kreveti
- dušeci
- ćebad
- spužve
- posteljina – komplet
- sanitarni čvor
- odjeća i obuća
- šatori
- poljske kuhinje
- vreće za spavanje
- prostirke
OSTALE POTREBE
- lopate
- metle
- četke
- pumpe za izbacivanje vode
- isušivači prostorija
- pribor za dezifekciju
- boje za zidove
- pribor za bojanje
- drva - briketi
- sjemena
- peći za loženje
- grijalice
- plinski rešo – komplet sa bocom
DECA
- igre
- markeri
- olovke u boji
- albumi za crtanje

VAZNO:
Svav roba mora biti popisana na spisku i potpisano ko salje pomoc
(samo ime i prezime i ako se zeli neka poruka)
Na svaku ambalažu i to preko BAR CODA, napišite markerom slovo "H". Po mogućnosti vodootpornim markerom. Slovo "H" je znak za humanitarno i tako jedino možemo spriječiti preprodaju stvari i vraćanje na police, i ne dozvoliti sitnim dušama da se bogate na tudjoj nesreći.
NECESSITA' URGENTI DELLA POPOLAZIONE COLPITA:

CIBO
- Lattine - Prodotti a base di carne, pesce,
- Alimenti per bambini
- Pasta
- Sale
- Zucchero
- Riso
- Fagioli
- Olio
- Acqua
IGIENE
- Disinfettanti
- Maschere di protezione
- Guanti igienici
- Guanti di lavoro
- Saponi
- Detergente per il lavaggio
- Dentifricio
- L'igiene dei bambini: pannolini
- Igiene per le donne: assorbenti
ATTREZZATURE PER SISTEMAZIONE DEGLI SFOLLATI
- Brandina Pieghevole con Materassino
- Materassi
- Coperte
- Spugne
- Biancheria da letto - Kit
- Toilette
- Abbigliamento e calzature
- Tende
- Fornelli da campeggio
- Sacchi a pelo
- Tappeti
- Forno per la cottura
- Riscaldatori
- Piastra al gas - completa di bottiglia
ALTRE ESIGENZE
- Pale
- Scope
- Pennelli
- Pompe d'acqua
- Unità essiccatoi
- acessori per disinfezione
- Colori per pareti
- Accessori per la pittura
- Legno
- Semi
BAMBINI
- giochi
- pennarelli
- matite colorate
- album da colorare

IMPORTANTE:
prima di consegnare indicare sui pacchi
- CONTENUTO
- NOME, COGNOME, ev. indirizzo/tel
- "AIUTO-ALLUVIONE / POMOC-POPLAVA"
- segnare ogni imballaggio con una H a coprire il codice a barre, così nessuno potrà rivendere i prodotti! Usare pennarelli indelebili.


-> BOLOGNA + FIRENZE + EMILIA-ROMAGNA

A Firenze appuntamento venerdì 23 maggio 2014 alle ore 18.00, per la raccolta di materiali e viveri,
presso Consolato Onorario della Repubblica di Serbia - Via Masaccio 49, 50122 Firenze
evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1408376749444516/

A Bologna: ecco indirizzo e orari del punto di raccolta:

da MARTEDI 27 fino a GIOVEDI 29 MAGGIO 2014 orario 10:00-18:30
presso il DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE dell'Università,
entrata consigliata: VIA DEL LAZZARETTO 15/5
x chi viene in AUTOBUS: L'autobus da prendere dalla stazione ferroviaria per raggiungere il Dipartimento in Via Terracini è il "35". La fermata si trova nella piazza della stazione di fronte all'uscita principale. Il viaggio dura circa 10 minuti. Scendere alla fermata "Rotonda Reggimento Pistoia" nei pressi della Scuola.
x chi viene in MACCHINA: bisogna prendere la Via del Lazzaretto
contatto telefonico 328 ******* (Zorica)

od UTORKA 27. MAJA do CETVRTAKA 28. MAJA 2014 od 10.00 do 18.30
(ukoliko ste zaposleni ili bi vam vise odgovaralo da paket dostavite ranije, to mozete uciti i od 8.00 ujutru)
pod nazivom 'Dipartimento di ingegneria… - DICAM'
najbolji ulaz: VIA DEL LAZZARETTO 15/5
*ako dolazite AUTOBUSOM uzmite liniju 35 koja je direktna, i sidjite na stanici "Rotonda Reggimento Pistoia".
*da biste pristupili KOLIMA ulaz je iz ulice- Via del Lazzaretto
Telefon: 328 ******* (Zorica)

I materiali e viveri saranno affidati al convoglio organizzato dalla Ambasciata della Rep. di Serbia e che passerà prima per Firenze. Sul nodo di Bologna possono fare riferimento anche le altre iniziative avviate in Emilia-Romagna. Si veda anche: Gruppo Facebook "AIUTO ALLUVIONATI SERBIA B O L O G N A"

Aggiornamento 19 giugno 2014 - da Zorica:
C'È L'ABBIAMO FATTA ♥
GRAZIE ALLA VOSTRA IMMENSA GENEROSITÀ ABBIAMO RACCOLTO PIÙ DI 100 SCATOLE, CHE SONO STATE SPEDITE SABATO SCORSO, ALLE FAMIGLIE ALLUVIONATE DELLA SERBIA. RINGRAZIAMO A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO, A TUTTI VOI CHE AVETE REGALATO UNA PARTE DEL VOSTRO CUORE!
../immagini/poplava2014_BO1.jpg  ../immagini/poplava2014_BO2.jpg

-> BERGAMO

La raccolta verrà effettuata nelle diverse sedi universitarie di Bergamo nella giornata di giovedì 22 maggio, secondo la seguente tabella oraria:
-Caniana: dalle 13 alle 18
-Dalmine: dalle 9 alle 12
-Pignolo: dalle 11 alle 15.30
I beni di prima necessità maggiormente richiesti in questo momento sono i seguenti:
-coperte e lenzuola;
-pannolini;
-oggetti per l’igiene personale;
-cibo in scatola.
Un piccolo aiuto da parte vostra significa molto per loro. Grazie!

The charity fundraising is organized within the University of Bergamo, on Thursday, 22 May 2014.
Via Caniana 13h-18h,
Dalmine 9h-12h,
Via Pignolo 9h-14.30h
The most urgent things those people need in this moment are:
Bad sheets, diapers, personal hygiene items, food (cans, pasta, rice) or money donation.
Little help from you means a world to them! Thank you!

Source / FB event: https://www.facebook.com/events/249482418590080/


-> GENOVA + LIGURIA-LOMBARDIA-VENETO

ORGANIZZA: cfr. https://www.facebook.com/helpforserbia

DESTINAZIONE: Rep. di Serbia

PUNTI DI RACCOLTA:
<< GENOVA, MILANO, BRESCIA, VERONA, VICENZA, PADOVA: Sabato, 24. 05 . parte l'autobus "Lasta" con la roba raccolta per l'aiuto,
il contatto del responsabile Lasta per l'Italia 347******* e 328*******. GRAZIE MILLE INFINITE!!!
Genova 20:00
Milano 21:25 milano lampugnano
Brescia 23:00 via solferino autostazione
Verona 00:50 autostazione internazionale
Vicenza 02:00 autostazione viale milano
Padova 02:30 stazione centrale

Per tutti coloro che vogliono mandare dei vestiti cibo in scatola lunga durata come aiuto per gli alluvionati in serbia,
sabato 24 maggio in piazza della vittoria genova parte il pullman Lasta prima delle ore 20:00 come rappresentate sul territorio vi chiedo un aiuto ... fate girare
Ko hoce da pomogne u subotu 24 maggio krece autobus Lasta Italia pre 20:00 ko predstavnik na teritorijum Lasta italije trazimo pomoc za Srbiju …. hranu dugo trajanje (pasta, paradais u konzervu pirinac … ) garderoba ... >>


-> MILANO + LOMBARDIA

DESTINAZIONE: Obrenovac (Rep. di Serbia) attraverso Consolato Rep. di Serbia o Chiesa Ortodossa Serba

PUNTI DI RACCOLTA:

1) VIMERCATE ℅ magazzino di Jovan Jovanovic
Sara e Jovan Jovanovic - ******** - Vimercate (MB)
tel. +39 348 ******* (Sara)
tutti i giorni feriali ore 8.30-12.30/14-18

2) BAGGIO
℅ Dragana Jankovic e Antonio Furlan, via Rismondo 9
tel. +39 328 ******* (Dragana)

3) PERO - RHO
Nikola +39 392 *******

4) ALTRO RIFERIMENTO ZONA MILANO per spedizione venerdì 30 maggio
Natasha Blagojevic  +39 331 ******* / email: natt.bb @ gmail.com

EVENTI:

1) FACEBOOK
https://www.facebook.com/poplave.srbija.milano

2) THE MASK CLUB
Venerdì 23/5/2014 alle ore 20.00
The Mask Club - P.le Cantore 3, Milano
… aperitivo and party with our music for fundraising …
https://www.facebook.com/events/627519790673424/

3) ELETTROAUTOCADORE
Mercoledì 28/5/2014 dalle ore 19:00 presso L'Elettrauto, ***********
… aperitivo per raccolta fondi ...
https://www.facebook.com/events/289374827909994/


-> NORD-EST (TRIESTE-UDINE-VICENZA-SCHIO…)


Cfr. http://www.svetionik.it/aktuelno/316-lokacije-prikupljanja-pomoci-samo-nicu


-> TORINO

ORGANIZZA: Collettivo Azione Pace onlus con il Circolo CH4, comunità dei cittadini della Ex Jugoslavia presenti in Italia insieme a privati di buona volontà

DESTINAZIONE: Croce Rossa bosniaca

PUNTI DI RACCOLTA: Circolo CH4 (ingresso da via Passo Buole 29) di Torino sabato dalle 10 alle 18
od 10-18h u Via Passobuole, 29 circolo Italgas, kontakt Ivana Juricic


-> COLLEGNO (TORINO)


ORGANIZZA: ARCI VAL SUSA

PUNTI DI RACCOLTA: Villa 5 via Torino, 9/6 (viale Tom Benetollo), COLLEGNO
Tutti i giorni, dal lunedì a al venerdì dalle h 9 alle h 13. Il pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30 ma è consigliabile telefonare prima allo 011.*******.
La raccolta si chiuderà inderogabilmente VENERDI SERA 23 MAGGIO 2014.

DONAZIONI IN DENARO versate nell'apposita cassettina a VILLA 5 saranno personalmente consegnate al prof. Danilo Capasso, console onorario d'Italia a Banja Luka (BIH).



-> DEUTSCHLAND/NEMACKA: http://poplave-srbija.de/de/

-> SVIZZERA/SCHWEIZ/SVICARSKA: http://berne.mfa.gov.rs/news.php


../immagini/poplava2014_2paracin.jpg




Da: Nova komunisticka partija Jugoslavije NKPJ <int_nkpj  @yahoo.com>
Oggetto: Urgent. APPEAL OF NKPJ
Data: 17 maggio 2014 20:21:18 GMT+01:00

Urgent. APPEAL OF NKPJ

Catastrophic floods affected specific areas of Serbia and Bosnia & Herzegovina, which caused great material damage and took dozens of human lives.

The cause of natural weather disasters, heavy rains which caused the floods, are primarily serious ecological problems caused by global warming, which is the result of non-existence of planned and ecologically sustainable economy, as well as exhaustion of natural resources beyond all measures, with the purpose of maximization of profit. The imperative of imperatives in capitalism, the profit of capitalists, shows its irresponsible, greedy and ecocidal side in the most brutal way, exhausting and destroying planet's resources, ignoring the extreme natural disasters as inevitable side effects. Such brutality is currently most obviously felt by our citizens. However, it is necessary to mention that natural disasters would cause much less damage if the infrastructure of our country wasn't in such desperate condition, which is the consequence of corruption and plundering by foreign and domestic capitalists and their bourgeoisie parties. The question that should be especially asked in this situation is why was an important part of heritage of the socialist development of our homeland - civil defense, destroyed? Civil defense was organized on the territorial principle, and in case of emergencies, it could always without any difficulty, mobilize great number of trained and which is perhaps even more important, well equipped citizens. On the local level, the civil defense possessed a storehouse and supplies which today are plundered, that contained all the necessary equipment, including boats, flash lamps, rubber boots...

In these moments, we invite all to show solidarity and offer every possible necessary support and help to the threatened population in the affected areas. Primarily there is a need of blankets and mattresses, toiletries, dippers, powdered milk, water, canned food and packaged meals. We would like to ask you participate in providing aid which is necessary to couple hundred thousand citizens who are now left without their homes, through humanitarian organizations and an organization of Red Cross in your country, or in any other way.
 


________________________________________________________________________
Nova komunisticka partija Jugoslavije * New Communist Party of Yugoslavia * NKPJ
web www.nkpj.org.rs
web www.skoj.org.rs

Da: Nova komunisticka partija Jugoslavije NKPJ <int_nkpj  @yahoo.com>
Oggetto: Urgent. APPEAL OF NKPJ
Data: 17 maggio 2014 20:21:18 GMT+01:00

Urgente. APPELLO DEL NPCJ

Alluvioni catastrofiche hanno colpito determinate aree di Serbia e Bosnia-Erzegovina, causando grandi danni materiali e dozzine di perdite umane.

La causa dei disastri meteorologici naturali, le piogge torrenziali che hanno causato le alluvioni, risiede primariamente nei seri problemi ambientali connessi al riscaldamento globale, che è il risultato della inesistenza di una economia pianificata ed ecologicamente sostenibile, come anche dello sfruttamento delle risorse naturali al di là di ogni misura, allo scopo della massimizzazione del profitto. Quello che nel capitalismo è l'imperativo degli imperativi, il profitto dei capitalisti, mostra la sua faccia irresponsabile, avida ed ecocida nella maniera più brutale, depredando e distruggendo le risorse del pianeta, eludendo i disastri naturali estremi in quanto effetti collaterali inevitabili. Tale brutalità è adesso patita ovviamente in primis dai nostri cittadini. Tuttavia, è necessario sottolineare come i disastri naturali causerebbero danni assai minori se la infrastruttura del nostro paese non fosse ridotta in tali condizioni disperate, in conseguenza della corruzione e della rapina commessa dai capitalisti stranieri e locali e dai loro partiti borghesi. La domanda che si dovrebbe soprattutto porre in questa situazione è per quale motivo una parte importante della eredità dello sviluppo socialista della nostra patria - la difesa civile - è stata annientata. La difesa civile era organizzata secondo il principio territoriale, ed in caso di emergenze essa poteva sempre e e senza alcuna difficoltà mobilitare un grande numero di cittadini addestrati e - cosa forse ancor più importante - ben equipaggiati. A livello locale, la difesa civile possedeva magazzini e strutture che risultano oggi saccheggiate, le quali contenevano tutto l'equipaggiamento necessario, incluse imbarcazioni, lampade, stivali di gomma…

In questi momenti, invitiamo tutti a dimostrare solidarietà e ad offrire ogni possibile sostegno necessario e ad aiutare le popolazioni in pericolo nelle aree colpite. Primariamente c'è bisogno di coperte e materassi, accessori da bagno, posate e stoviglie, latte in polvere, acqua, cibo in scatola e pasti pronti confezionati. Vi chiediamo di partecipare a procurare l'aiuto che è necessario a centinaia di migliaia di cittadini che sono adesso rimasti senza casa, attraverso le organizzazioni umanitarie e le organizzazioni della Croce Rossa dei vistri rispettivi paesi, o in qualsiasi altra maniera.
 
________________________________________________________________________
Nova komunisticka partija Jugoslavije * New Communist Party of Yugoslavia * NKPJ
web www.nkpj.org.rs
web www.skoj.org.rs


../immagini/poplava2014_1.jpg



dagli amici di NBMSC:

Trieste 20 maggio 2014

ANCORA SULLE ALLUVIONI

Care amiche e cari amici solidali,
pochi minuti fa ho ricevuto questa lettera da un carissimo amico italiano che lavora a Belgrado.
Penso che le sue parole bastino senza ulteriori commenti da parte nostra.

Gilberto Vlaic

Carissimo Gilberto,
Ancora una volta mi hai anticipato! Avevo infatti intenzione di rivolgermi io a te per diffondere l'emergenza, il PC però era rotto e me lo hanno riparato appena oggi.

La situazione è a dir poco catastrofica. Non solo sono cadute piogge (mercoledì e giovedì) pari a 200 litri per metro quadrato, ma sono saltati gli argini di alcuni fiumi e le zone alluvionate sono oltre il 70% del territorio nazionale.

Solo per dare un idea dell'intensità della pioggia, a casa mia è saltato il parquet della camera da letto per le infiltrazioni interne...e abito al primo piano di una solida palazzina di 5 piani. (a Belgrado).

A Obrenovac (20 km da Belgrado) è successo invece il disastro maggiore: il fiume Kolubara (afffluente della Sava) si è gonfiato e nel riversarsi nella Sava ha trovato il muro d'acqua della Sava già piena ed ha "refluito" facendo tornare indietro un'onda gigante che nel giro di pochi minuti ha sepolto la cittadina (circa 25.000-30.000 abitanti). E' finita sotto l'acqua anche la centrale elettrica Nikola Tesla, che fonrisce energia elettrica al 50% di tutta la Serbia.

Siccome l'esercito e la polizia non riuscivano a presenziare su un territorio così vasto, la televisione ha fatto appello venerdì pomeriggio che servivano almeno 500 volontari subito e altri 2000 la mattina seguente....si sono presentati in 7000 in una gara di solidarietà per mettere sacchi di sabbia lungo gli argini della Sava e salvare Sabac e altri centri da fare la fine di Obrenovac.

133 ditte locali hanno fornito beni di prima necessità e la Russia ha mandato subito 90 specialisti della protezione civile, elicotteri, barche, dighe mobili e altro materiale, seguita da Slovenia e Ungheria. La UE si è mossa un po' tardino, speriamo che rimedino poi al momento della ricostruzione. L'Italia ha versato 200.000 euro e ha mandato due barche, gli USA hanno mandato 100.000 dollari e qualche aiuto materiale.

Adesso si aspetta di vedere quanto reggeranno questi argini fatti di sacchetti di sabbia e quanto servirà perché la Sava refluisca senza prvocare ulteriori inondazioni sfociando nel Danubio.

Poi verrà la parte più difficile per la protezione civile e per i volontari: disinfestazione delle aree alluvionate (l'acqua si è mescolata alla rete fognaria che è saltata dappertutto con grave rischio epidemico), rimozione dei cadaveri degli animali (allevamenti distrutti), aiuti alla popolazione contadina che si è vista i campi distrutti...per non parlare di chi ha perso anche la casa, crollata per le infiltrazioni o per le frane (nella Serbia centrale un piccolo villaggio di 25 abitazioni è stato portato via dalle frane).

Ponti distrutti, strade divelte, sfollati da vestire e sfamare (ad oggi oltre 25000) sono un discorso a parte che dovrà affrontare uno Stato già di per sé povero.

Io ho già fatto un versamento sul conto della città di Belgrado, ma ritengo che la vostra ONLUS potrà fare molto in futuro perché deve appena venire il momento della ricostruzione, che sarà lento e difficile. Da parte mia cercherò di diffondere fra tutti i miei conoscenti in Italia la tua mail.

Un abbraccio
Andrea





JEDINSTVENA SINDIKALNA ORGANIZACIJA
Adresa : Kosovska 4, 34000 Kragujevac

20.05.2014.

COMUNICATO

Cari amici,
Popolazioni dei Balcani da 10 giorni vivono il dramma senza precedenti dopo il cataclisma che ha colpito il territorio di Serbia, Croazia, Bosnia e Repubblica Srpska con conseguenti decine di migliaia degli sfollati rimasti senza abitazioni e le infrastrutture distrutte (ponti, strade...). Le alluvioni non si sono ancora ritirate completamente ma speriamo che il numero degli annegati non sarà aumentato. Iniziamo a ripulire e disinfettare i territori inondati per ridurre al minimo il pericolo di epidemia. È ancora presto per valutare i danni perchè si stanno formando parecchie frane. Particolare pericolo, secondo gli esperti sarà provocato dalle bombe inesplose dopo i bombardamenti del 1999 che stanno uscendo con fango e frane.
Cari amici,
Il Sindacato Zastava vi invita a contribuire alla risanazione dei danni provocati dalle alluvioni mai viste in Serbia.
Il sindacato Zastava ha già inviato il primo contingente degli aiuti di emergenza (acqua, cibo) e abbiamo deciso con i lavoratori di tutte le 17 aziende del Gruppo Zastava Vozila di devolvere una trasferta e di versarla su un fondo costituito per le popolazioni colpite dalle alluvioni. Tutti i contributi raccolti saranno consegnati alle famiglie più colpite (rimaste senza case cioè case non ricostruibili) identificate dai sindacati locali più precisamente nelle città in vicinanza di Kragujevac e con i cui sindacati abbiamo ottimi rapporti (Jagodina, Svilajnac, Paracin, Smederevska Palanka).
Dopo tutti i disastri che ci hanno colpito anche questa volta speriamo di poter ricostruire il nostro paese perchè in questo momento difficile siamo tutti uniti, particolarmente la gioventù che ha dato un contributo prezioso con attività di volontario assieme ai giovani di tutte le repubbliche della ex Jugoslavia.

SINDACATO  ZASTAVA




Alluvioni in Serbia, i morti salgono a 51

Il premier Vucic stila il bilancio e stronca le polemiche ma Obrenovac resta allagata. Due arresti per gli allarmismi sul web

di Stefano Giantin
su Il Piccolo del 30 maggio 2014

BELGRADO. Ci sono voluti giorni, perché ancora dovevano essere compiute le autopsie sui corpi recuperati. Ma alla fine il bilancio praticamente definitivo della tragedia delle inondazioni in Serbia è arrivato. Ed è un bilancio di vite umane pesante, quello letto dal premier di Belgrado, Aleksandar Vucic, ieri pomeriggio al Parlamento serbo durante un “question time” straordinario. Vucic ha spiegato che solo in Serbia ventiquattro sono i morti annegati durante l’alluvione, in gran parte a Obrenovac, tra cui un pompiere. Ventisei - la singolare distinzione fatta poi dal leader serbo -, sono invece le persone decedute «per cause naturali» nelle aree colpite dal disastro. Una persona è invece perita per uno smottamento del terreno. In tutto, 51 vittime accertate, mentre quattro rimangono ancora “missing”.
«Speriamo che questa sia la cifra finale», ha auspicato il primo ministro serbo. Qualche dubbio rimane, dato che «l’otto per cento» della superficie di Obrenovac, la città più colpita in Serbia, rimane ancora allagata. Obrenovac dove solo una sirena d’allarme avrebbe funzionato nella notte del disastro, ha informato Vucic, ma in città i soccorritori sono intervenuti «entro 90 minuti» dall’innalzamento del livello dell’acqua, la puntualizzazione. Il premier ha difeso a spada tratta l’opera delle autorità prima e durante l’emergenza. «Nessuno può dire che non abbiamo dato tutto», ha ribadito. La situazione era tale che ci siamo comportati nel migliore dei modi, tenuto conto delle dimensioni della catastrofe, ha ripetuto, rispondendo alla ridda di accuse sulla gestione dell’emergenza, in particolare a Obrenovac, municipalità il cui presidente, Miroslav Cuckovic, incolpato da più parti di non aver ordinato in tempo l’evacuazione, è stato ascoltato ieri per sette ore dalla polizia.
E dubbi e polemiche ha sollevato sempre ieri in Serbia la notizia della detenzione di tre persone denunciate per aver «causato panico» via Facebook. Avevano nei loro post parlato di centinaia di vittime a Obrenovac. I tre sono stati poi rilasciati, ma il procedimento contro di loro andrà avanti. Mercoledì l’Osce, criticata per questo da Vucic, aveva espresso preoccupazione per le presunte interferenze delle autorità sui media online e sul dibattito pubblico via web.
Rimane fermo invece a 24 il bilancio, ancora ufficioso, delle vittime in Bosnia, colpita da alluvioni «di proporzioni bibliche» che hanno creato «i maggiori danni» al Paese «dal tempo della guerra», ha ricordato Kristalina Georgieva, commissario Ue alla cooperazione internazionale. Bosnia dove, in collaborazione con la Banca mondiale, l’Onu e l’Unione europea, è iniziata finalmente la conta più precisa dei danni. Per ora valgono le cifre, seppur approssimative, rese note dal Consiglio dei ministri bosniaco, che ha parlato di 100mila alloggi danneggiati in misura diversa, 20mila abitazioni allagate, 40mila evacuati, almeno 2.600 persone la cui casa è andata irrimediabilmente distrutta, 2mila le frane e gli smottamenti, un migliaio solo nell’area di Tuzla. Numeri che fanno intuire le proporzioni del disastro.
Un disastro anche economico. Si possono calcolare in maniera approssimativa in 1,5-2 miliardi di euro per la Serbia (7% del Pil) e in 1,3 miliardi di euro per la Bosnia (circa 10%) i danni causati dall’alluvione, ha fatto sapere sempre ieri la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers). Da non dimenticare poi la Croazia, due morti, 15mila sfollati. Nazioni in difficoltà che vanno aiutate con donazioni, come auspicato ieri da Franco Iacop, presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia. E con uomini e mezzi. Così, una colonna composta da 30 volontari, 4 funzionari e 11 mezzi della Protezione civile del Fvg e 2 veicoli con 6 volontari del Molise è partita ieri da Palmanova alla volta di Bijeljina, in Bosnia. «Voi - ha detto l’assessore regionale alla Protezione civile, Paolo Panontin - rappresentate l’Italia in una terra che ha richiesto il nostro intervento. Con il consueto orgoglio e le elevate capacità operative che contraddistinguono la Protezione civile del nostro Paese sarete in grado di aiutare le migliaia di persone in difficoltà», in una delle tante aree dei Balcani martoriate dalle alluvioni.




AGGIORNAMENTI SULLA DESTINAZIONE DEI FONDI RACCOLTI
nell'ambito della iniziativa congiunta con Non Bombe Ma Solo Caramelle ONLUS



L'elenco delle ONLUS che partecipano a questi progetti di recupero:
ABC Solidarietà e Pace
Associazione Zastava Brescia per la solidarietà internazionale
Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia
Non Bombe Ma Solo Caramelle
Granello di Sabbia

(Vai alle informazioni sulla campagna di raccolta fondi per questo progetto e sulle associazioni che l'hanno sostenuta)

* Estratto dal Verbale della Assemblea dei Soci di CNJ-onlus, 29/11/2015:
CNJ-onlus ha partecipato alla campagna per il ripristino di tre scuole gravemente danneggiate dalla recente alluvione in Serbia e Bosnia: Scuola Primaria di Krupanj (Serbia); Scuola Primaria di Crkvina (Šamac, Bosnia); Scuola “P. Kočić” a Balatun (Bijeljina, Bosnia).
Susanna racconta del recente viaggio in loco cui lei ha partecipato a nome del nostro Coordinamento, organizzato da NBMSC. (...)

Nella scuola di Krupanj, già rinnovata, è stato apposto un cartello che menziona anche il nostro contributo “in nome della solidarietà internazionale tra i lavoratori e i popoli”.
La scuola di Crkvina è stata demolita in quanto i danni sono stati troppo grandi, ed è in corso di ricostruzione.

Infine, è stata resa visita anche alla scuola di Balatun.


* Relazione finale di NBMSC, contenente i resoconti dei viaggi in loco di agosto e novembre 2014 (scarica in formato Word)




Scuola Primaria di Krupanj (Serbia)
AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2014:

Susanna Angeleri in rappresentanza di CNJ-onlus ha partecipato, nei giorni 22-23/11/2014, al viaggio organizzato da NBMSC-onlus presso le tre scuole oggetto della nostra iniziativa di solidarietà. Di seguito alcune immagini raccolte nel corso della visita presso la scuola di Krupanj, già rinnovata. E' stato apposto un cartello che menziona anche il nostro contributo “in nome della solidarietà internazionale tra i lavoratori e i popoli”.

poplava2014/krupanj/CIMG2841.JPG
poplava2014/krupanj/CIMG2824.JPG
poplava2014/krupanj/CIMG2827.JPG poplava2014/krupanj/CIMG2828.JPG
poplava2014/krupanj/CIMG2829.JPG poplava2014/krupanj/CIMG2832.JPG poplava2014/krupanj/CIMG2834.JPG
poplava2014/krupanj/CIMG2840.JPG poplava2014/krupanj/CIMG2839.JPG poplava2014/krupanj/IMG_4795krupanj.JPG

AGGIORNAMENTO LUGLIO 2014:











Scuola Primaria Crkvina
villaggio di Gornja Crkvina, comune di Šamac (Repubblica Serba di Bosnia)

AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2014:

La scuola di Crkvina è stata demolita in quanto i danni sono risultati troppo grandi. E' in corso di ricostruzione.

AGGIORNAMENTI LUGLIO-NOVEMBRE 2014:

La Scuola elementare Crkvina sorge nel paese di Gornja Crkvina, a 4 chilometri dalla cittadina di Šamac, che è il capoluogo del comune. E' una delle zone più colpite dall'alluvione del 16 maggio.
L'attività prevalente è l'agricoltura, la situazione economica generale è molto difficile con un alto tasso di disoccupazione e poche persone con un lavoro stabile.

La scuola raccoglie gli alunni provenienti da Gornja Crkvina e villaggi vicini, con circa 4000 abitanti complessivi.
Gli alunni che frequentano la scuola sono 230, suddivisi in otto classi più la classe preparatoria.
Ha una superficie di 2100 metri quadrati coperti, di cui 1550 di aule e palestra e uno spazio esterno di 5000 metri quadrati, compreso un campo di calcio.

La scuola ha avuto il pianterreno distrutto, è stata persa tutta la piccola biblioteca; era una delle poche scuole con sala computer (benché piuttosto vecchi) ma anche questa era a pianterreno e nulla è più utilizzabile; avevano anche un sistema di videoproiezione che è andato perduto.

Ci siamo scambiati molti messaggi con la direttrice, Mara Djokic. Ci ha detto che per la riparazioni edilizie può contare sulla collaborazione degli abitanti e degli enti pubblici, ma non hanno i mezzi per comprare i materiali andati perduti.
Ci hanno mandato due preventivi:
- uno relativo agli acquisti di 15 libri di lettura per ogni classe
- il secondo per la ricostruzione della sala computer e del sistema di videoproiezione.
Per quanto riguarda l'acquisto dei libri abbiamo immediatamente accettato, mentre sosterremo solo in parte la seconda proposta, perchè è molto costosa ma soprattutto perchè noi intendiamo impegnare le nostre (scarse) risorse per aiutare a far fronte alle enormi esigenze di interventi di solidarietà primari; la ricostruzione della sala computer deve essere affrontata da altre istituzioni. Per quanto riguarda questa seconda parte di richieste forniremo alla scuola un computer, una stampante, un proiettore ed il telo di proiezione. Siamo già in contatto con enti pubblici della Regione Friuli-Venezia Giulia che potrebbero fornire i loro computers dismessi ma funzionanti e speriamo di poter avere in tempi ragionevoli risposte positive.

La spesa complessiva è di 5556,31 marchi bosniaci, che corrispondono a 2850 euro.
Consegneremo questo contributo alla Direttrice il 2 di agosto quando due persone di Trieste, Paolo R. e Stefano R., si recheranno in Bosnia per la consegna di aiuti di prima necessità in vari paesi colpiti da questa catastrofe.
Come sempre la consegna del sostegno alla scuola sarà accompagnata da quello che usiamo sempre come nostro simbolo di intervento e cioè la bandiera della pace bilingue.
Sarà preparata una targa in ricordo di questo avvenimento, e manderemo ai bambini la poesia di Gianni Rodari ''Promemoria'' che il nostro socio Zeljko V. ha tradotto.


(a cura di Gilberto Vlaic, presidente di Non Bombe Ma Solo Caramelle ONLUS, 20 luglio 2014)

poplava2014/crkvina/1.jpg  poplava2014/crkvina/2.jpg  poplava2014/crkvina/9.jpg  poplava2014/crkvina/10.jpg

poplava2014/crkvina/5.jpg  poplava2014/crkvina/6.jpg  poplava2014/crkvina/7.jpg  poplava2014/crkvina/8.jpg

poplava2014/crkvina/11.jpg  poplava2014/crkvina/12.jpg  poplava2014/crkvina/3.jpg  poplava2014/crkvina/4.jpg




Scuola Primaria Petar Kočić
villaggio di Balatun, comune di Bijeljina (Repubblica Serba di Bosnia)

AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2014:


Susanna Angeleri in rappresentanza di CNJ-onlus ha partecipato, nei giorni 22-23/11/2014, al viaggio organizzato da NBMSC-onlus presso le tre scuole oggetto della nostra iniziativa di solidarietà. Di seguito una immagine dell'interno, ristrutturato, della scuola di Balatun:
Nella scuola di Krupanj, già rinnovata, è stato apposto un cartello che menziona anche il nostro contributo “in nome della solidarietà internazionale tra i lavoratori e i popoli”.
poplava2014/balatun/nov2014.JPG

AGGIORNAMENTO LUGLIO 2014:

Questa scuola è frequentata da 62 alunni dalla prima alla quinta classe, ha 4 insegnanti e un bidello.
E’ stata costruita nel 1969 e rinnovata con fondi europei nel 2003. Ha tre aule di insegnamento, la stanza degli insegnanti e i servizi igienici.
L’acqua arrivata con l’alluvione del 16 maggio scorso ha allagato il piano terreno della scuola con 45 centimetri di altezza e 90 centimetri all’esterno, ed è defluita dopo 15 giorni.
L’aula della prima classe è totalmente distrutta ed hanno perso tutto il materiale didattico e i giocattoli che erano al piano terreno.
Nel giardino della scuola esisteva un piccolo campo giochi, ed anche questo è andato completamente distrutto.

Momentaneamente al primo piano stanno ospitando 26 persone sfollate che hanno avuto le case distrutte dall’alluvione e sicuramente non usciranno prima di agosto: nelle foto si vedono i materassi in due aule, destinati agli sfollati.

Anche con il direttore di questa scuola, Radovan Bikić, ci siamo scambiati molti messaggi.
Ci ha detto che per la riparazioni edilizie può contare sulla collaborazione degli abitanti e degli enti pubblici, ma non hanno i mezzi per comprare i materiali andati perduti.

Anche questa scuola ci mandato due preventivi:
- uno relativo all'acquisto degli arredi per la prima classe
- il secondo per la ricostruzione del piccolo parco giochi situato in giardino.

Per quanto riguarda l'aula abbiamo immediatamente accettato.
Per quanto riguarda l'arredo del parco giochi esterno siamo in contatto con un Comune della Bassa Friulana, che già alcune volte è intervenuto con noi in casi simili, arredando alcune palestre.
Vi faremo sapere.

La spesa complessiva è di 2885 euro.

Consegneremo questo contributo al Direttore il 2 di agosto quando due persone di Trieste, Paolo R. e Stefano R., si recheranno in Bosnia per la consegna di aiuti di prima necessità in vari paesi colpiti da questa catastrofe.
Come sempre la consegna del sostegno alla scuola sarà accompagnata da quello che usiamo sempre come nostro simbolo di intervento e cioè la bandiera della pace bilingue.
Sarà preparata una targa in ricordo di questo avvenimento, e manderemo ai bambini la poesia di Gianni Rodari ''Promemoria'' che il nostro socio Zeljko V. ha tradotto.

(a cura di Gilberto Vlaic, presidente di Non Bombe Ma Solo Caramelle ONLUS, 20 luglio 2014)

poplava2014/balatun/1.png  poplava2014/balatun/2.png  poplava2014/balatun/3.png  poplava2014/balatun/4.png

poplava2014/balatun/11.png  poplava2014/balatun/6.png  poplava2014/balatun/7.png  poplava2014/balatun/14.png

poplava2014/balatun/9.png  poplava2014/balatun/10.png  poplava2014/balatun/12.png  poplava2014/balatun/8.jpg

poplava2014/balatun/13.png    poplava2014/balatun/15.png  poplava2014/balatun/16.jpg  poplava2014/balatun/5.png





Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia - onlus
 
sito internet: http://www.cnj.it/
posta elettronica: jugocoord(a)tiscali.it
notiziario telematico JUGOINFO:
http://groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/messages