Ottobre 1944: i giovanissimi
        combattenti che, nelle file della Seconda Brigata Proletaria,
        hanno preso parte ai combattimenti per la liberazione di
        Belgrado, posano soddisfatti per la foto-ricordo (dal libro:
        Pokret!, di A. Clementi, ed. ANPI Roma, 1989)

P A R T I G I A N I !

Una iniziativa internazionale ed internazionalista
nel 60.esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo




RASSEGNA STAMPA
sulle iniziative di Roma e Bussoleno, 7-8-9 maggio 2005




da NOVI LIST (Fiume/ Rijeka, Domenica/Subota, 23.4.2005.)

Pubblicista fiumano ed autore del libro "La morte bianca", invitato all'iniziativa "Partigiani", a Roma, 7 e 8 maggio...

RIJEČKI PUBLICIST I AUTOR KNJIGE »BIJELA SMRT« POZVAN NA MEĐUNARODNI ANTIFAŠISTIČKI SKUP U ITALIJI

Vitomir Grbac u Rimu na europskom skupu »Partizani«

Foto Grbac

Uz Vitomira Grpca Hrvatska će biti zastupljena poznatim ratnim filmovima »Okupacija u 26 slika« Lordana Zafranovića, »Ne okreći se, sine« Branka Bauera te nastupima Giacoma Scottija koji će govoriti o pokretu otpora u Istri

DELNICE – Poznati riječki publicist Vitomir Grbac sudjelovat će od 4. do 8. svibnja ove godine u Rimu na međunarodom skupu »Partizani!« kojeg organizira Internacionalna inicijativa u povodu šezdesete godišnjice pokreta otpora. Cilj ovog višednevnog skupa koji će okupiti povjesničare, sociologe, književnike, izdavače i sudionike antifašističkog pokreta iz cijele Europe je prisjećanje na suprotstavljanje fašizmu pri čemu se, s jedne strane, u prvi plan želi istaći međunarodni karakter borbi vođenih u tijeku Drugog svjetskog rata (1941. – 1945.), a s druge se strane suprotstaviti sve jačoj desnoj revizionističkoj propagandi koja na najrazličitije moguće načine nastoji obezvrijediti antifašizam, zablatiti i baciti u zaborav partizansku borbu te umanjiti značenje velikog zla kojeg je fašizam nosio u svojoj srži. Upravo stoga naglasak ovog skupa bit će na svjedočenjima preživjelih sudionika tih zbivanja kako bi se i na taj način još jednom svjedočilo o istini.
    Sudionici ove manifestacije bit će tijekom drugog vikenda svibnja upoznati s raznim pisanim, foto i filmskim materijalima nastalim tijekom antifašističke borbe na području cijele Europe, a uz prisjećanje na zločine koje su fašisti činili diljem cijele Europe mjesta će se naći i za prikaz pokreta otpora u raznim europskim sredinama. Hrvatska će biti zastupljena poznatim ratnim filmovima »Okupacija u 26 slika« Lordana Zafranovića, »Ne okreći se, sine« Branka Bauera te nastupima Giacoma Scottija koji će govoriti o pokretu otpora u Istri te Vitomira Grpca koji će predstaviti svoju nedavno objavljenu knjigu »Bijela smrt« i konkretnije govoriti o antifašističkoj borbi na području Primorsko-goranske županije, ali i o današnjem stanju i odnosu prema ideji antifašizma u Hrvatskoj. Doprinosa Hrvatske u antifašističkoj borbi sudionici skupa dotaknut će se još i pri predstavljanju ratnog puta talijanske brigade »Giusepe Garibaldi« koja je djelovala na području bivše Jugoslavije, odnosno svjedočenjima o borbi jugoslavenskih partizana na teritoriju Italije.
    Grbac je poziv na ovaj značajan međunarodni antifašistički skup zaslužio zahvaljujući svojoj posljednjoj knjizi »Bijela smrt« u kojoj je detaljno opisao antifašističku borbu na području Gorskog kotara i Hrvatskog primorja, posebnu pažnju posvetivši legendarnom maršu preko Matić poljane tijekom kojeg se u veljači 1944. godine 26 boraca smrzlo u sniježnoj goranskoj oluji. Upravo zbog tog dijela knjige Grpčev i gost skupa »Partizani!« bit će šezdesetjednogodišnji Ratomir Dolečar čija je majka Antonija u visokom stupnju trudnoće, noseći upravo još nerođenog Ratimira, prešla te 1944. godine Matić poljanu!
    Grbac i Dolečar zajedno će sve sudionike rimskog skupa podsjetiti na jedan od najtragičnijih događaja antifašističke borbe na području Hrvatske, a poziv Vitomiru Grpcu priznanje je ne samo njemu kao autoru i njegovoj knjizi kao vrijednom dokumentu povijesti, već i antifašističkoj borbi Hrvata koja je još uvijek većem dijelu Europe gotovo potpuno nepoznata i zasjenjena zločinima ustaškog režima. Stoga je rimski nastup Vitomira Grpca i predstavljanje knjige koju je prošle godine objavio riječki »Adamić« značajno za cijelu Hrvatsku jer itekako može pripomoći njenom drugačijem vrednovanju u europskim okvirima.

Marinko KRMPOTIĆ

© Copyright 2002 NOVI LIST d.d. Sva prava pridržana.



da "La Voce del Popolo", Fiume - Rijeka, 5 maggio 2005:

«Iniziativa Partigiani» ha promosso una manifestazione internazionale

Liberazione, istriani e fiumani a Roma e Torino

ROMA - In occasione del 60.esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo, che si celebra il 9 maggio in tutta l'Europa, la "Iniziativa Partigiani" italiana, con l'adesione di una decina di associazioni partigiane e antifasciste dell'Italia, Francia, ex Jugoslavia, Grecia ed Albania ha promosso una manifestazione internazionale che si svolgerŕ nei giorni 7 e 8 maggio alla Casa delle Culture di Roma ed il 9 maggio a Bussoleno (Torino).
Tra gli altri, agli incontri parteciperanno con relazioni e testimonianze gli storici del Friuli-Venezia Giulia Sandi Volk, Alessandra Kersevan, Giacomo Scotti, Claudia Cernigoi, Nerino Gobbo (Isola d'Istria) e Vitomir Grbac di Castua-Fiume. Sulla partecipazione degli italiani alla lotta di liberazione nell'ex Jugoslavia diranno, attingendo ai ricordi personali, Avio Clemente che combattč in Bosnia, Vincenzo Giuglar-"Vinko", piemontese che combattč in varie formazioni croate, serbe e musulmane in Bosnia e Croazia ed Armando Marras, figlio di Giuseppe Marras che fu comandante della Divisione Partigiana Italiana "Italia" dopo aver comandato il battaglione "Mameli" nei dintorni di Zara e la brigata "Matteotti" in Bosnia e Serbia.
Lo scrittore e studioso della partecipazione degli italiani alla LPL nell'ex Jugoslavia Giacomo Scotti, autore fra altre opere, della voluminosa "Bossa una stella" insieme a Luciano Giuricin (edizione del Centro di ricerche storiche di Rovigno, 1975) presenterŕ una sintesi sul contributo degli italiani dell'Istria e di Fiume alla lotta di liberazione e sulle vicende del battaglione "Pino Budicin" in Istria, Gorski Kotar e Lika.
Il programma degli incontri prevede anche dibattiti sui combattenti partigiani montenegrini, croati e sloveni alla creazione di unitŕ partigiane in Italia ed alla lotta da essi condotta per la liberazione dell'Italia dai nazifascisti dopo essere stati liberati dai numerosi campi di concentramento per jugoslavi sul territorio italiano.
Completerŕ la manifestazione la proiezione del documentario britannico "Fascist Legacy" (L'ereditŕ fascista di Ken Kirby sui crimini compiuti dalle truppe fasciste italiane nelle operazioni di invasione e occupazione in Abissinia e in Jugoslavia, ed il film artistico "Ne okreci se sine" (Figlio, non voltarti indietro) del regista croato Branko Bauer, edizione 1956, sulla guerra partigiana nell'ex Jugoslavia. Sarŕ inoltre presentato un nuovo libro del pubblicista croato di Fiume Vitomir Grbac dal titolo "Bijela smrt" (La morte bianca) scritto in collaborazione con Ratimir Dovecar. Il volume rievoca la leggendaria marcia di Matic Poljana nella quale, per il freddo, morirono congelati una quindicina di partigiani dei dintorni di Fiume. Ne fu protagonista anche il sedicenne Vitomir Grbac. Questi, uscito vivo da quell'inferno di ghiaccio, fu successivamente inviato in Bosnia e aggregato al battaglione di scorta al seguito del comandante supremo dell'esercito partigiano, Tito.
Terminň la guerra col grado di colonnello. Per quanto riguarda Ratimir Dovecar, attualmente professore presso la Facoltŕ di nautica di Portorose in Istria, egli č figlio della partigiana Antonija-Tonica Dovecar che, incinta, sfuggě agli artigli della morte bianca con l'aiuto dei suoi compagni che la trasportarono a braccia sulla neve. Dopo qualche mese diede alla luce il piccolo Ratimir (nome che significa guerra e pace).
A Bussoleno (Torino), presso il Nuovo Centro Polivalente, si terrŕ una tavola rotonda sul tema "La Resistenza dentro e fuori i confini" con interventi di Giacomo Scotti, Fulvio Perini (sindacalista) e Ugo Berga dell'Anpi. (sg)



da Luna Nuova, bisettimanale della Val di Susa:

RESISTENZA ITALO-SLAVA A CONVEGNO

"I vostri partigiani erano considerati fratelli oltreconfine"

 
BUSSOLENO - La resistenza che ha superato i confini, unendo i popoli in lotta contro il nazifascismo con uno stretto legame di fratellanza che non ha guardato alla nazionalitŕ. Questo č stato l’argomento trattato nella serata di lunedě, al centro polivalente, cui hanno partecipato il giornalista e scrittore Giacomo Scotti, il sindacalista della Cgil, Fulvio Perini, e l’ex partigiano e dirigente Anpi, Ugo Berga. In platea, una cinquantina di persone.

Scotti, che vanta una lunga bibliografia sul tema della resistenza oltre che una fruttuosa collaborazione con la testata “Il manifesto”, ha la doppia cittadinanza italiana e slava e vive a Rijeka in Croazia. Profondo conoscitore della storia, Scotti ha voluto introdurre l’argomento attraverso un riepilogo di ciň che accadde a partire dal ’41: «Il 6 aprile 1941 l’Italia di Mussolini aggredisce la Jugoslavia (e i suoi popoli che non avevano fatto nulla) e nel giro di dieci giorni fa capitolare la monarchia. Entrano cosě a far parte dell’Italia circa 800mila slavi, gran parte dei quali giŕ nel giugno e luglio di quegli anni si ribellarono. Le rivolte furono combattute con il pugno di ferro. Morirono oltre 250mila persone e ci furono 150mila internati (per lo piů donne, vecchi e bambini). Mussolini cancellň cinque secoli di presenza e di amore per l’Italia. A cancellare quell’onta furono poi gli italiani migliori».

Furono tantissimi i partigiani italiani che si schierarono al fianco di quelli slavi, 40mila di cui 20mila caduti. «A seguito del feretro di Tito, nel giorno dei suoi funerali, c’erano tutte le bandiere delle brigate partigiane che avevano combattuto in Jugoslavia - ha proseguito Scotti - 64 erano italiane, una cecoslovacca, una austriaca e due ungheresi».

Scotti ha raccontato come i partigiani italiani siano sempre stati trattati come fratelli dagli slavi e, anche molti che in Italia non vollero combattere a fianco dei partigiani e neppure a fianco dei fascisti furono nascosti e aiutati dagli slavi. Inevitabile, parlando di resistenza slava toccare l’argomento delle foibe. «Si parla di genocidio ma questi episodi non vengono mai citati - ha proseguito Scotti - certo dopo l’8 settembre c’č stata una rivolta popolare di quella gente cui era stato impedito di parlare la loro lingua, cui erano stati strappati case e terreni e che era stata calpestata in ogni modo. E come in tutte le insurrezioni succede di tutto, anche la caccia al fascista o vendette personali. Ciň non toglie che fiction come “Il cuore nel pozzo” siano un enorme cumulo di falsitŕ e di errori».

Perini ha ricordato come le parole di Scotti siano state, nell’ultimo periodo, le piů forti contro l’ondata di revisionismo storico e che, per questo, il giornalista č stato tra i piů contestati da parte della destra. «La resistenza č una lezione importante - ha concluso - per questo ha subito i peggiori tentativi di stravolgimento».

Anche Berga ha confermato come tra le file dei partigiani non si guardasse alla nazionalitŕ. «C’č sempre stata la massima fratellanza - ha detto l’ex comandante partigiano - non abbiamo mai pensato a fare graduatorie o distinzioni. Le guerre non sono decise dalla gente. Se si facesse un referendum per fare la guerra non la si farebbe mai».

Durante il dibattito ha anche preso la parola Vincenzo “Vinko” Giuglar, ex partigiano italiano che ha combattuto a fianco dei titini dopo essere fuggito da un campo di concentramento nazifascista. «Una volta ho incontrato dei ragazzi slavi che andavano a scuola - ha raccontato visibilmente commosso - uno di loro aveva un cipollino e gliel’ho chiesto per mangiarlo. Il giorno dopo, ognuno di questi stessi ragazzi (che non avevano neppure loro da mangiare) ha portato un cipollino al partigiano italiano». Il battaglione di Giuglar era composto da 400 uomini. Solo tre sono tornati a casa.

Paola Meinardi



=== * ===

P A R T I G I A N I !
Una iniziativa internazionale ed internazionalista
nel 60.esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo

http://www.cnj.it/PARTIGIANI/index.htm

Per contatti: PARTIGIANI! c/o CNJ,
C.P. 13114 (Uff. Roma 4), 00100 ROMA - ITALIA

partigiani7maggio @ tiscali.it
 FAX +39- 36 333-6100425


=== * ===