P A R T I G I A N I !

Ottobre 1944: i giovanissimi combattenti
          che, nelle file della Seconda Brigata Proletaria, hanno preso
          parte ai combattimenti per la liberazione di Belgrado, posano
          soddisfatti per la foto-ricordo (dal libro: Pokret!, di A.
          Clementi, ed. ANPI Roma, 1989)




Profilo di Pinko Tomažič (1915-1941)


  Da:     Claudia Cernigoi
  Oggetto:     commemorazione di Pinko Tomažič e dei suoi compagni
  Data:     14 dicembre 2010 21.02.21 GMT+01.00

Domani, 15 dicembre cade l'anniversario della fucilazione di  di Pinko Tomažič e dei suoi compagni Ivan Vadnal, Simon Kos, Viktor Bobek e Ivan Ivančič, avvenuta nel 1941.
Domenica 19 alle ore 15 al poligono di Opicina (strada per Vienna, verso Fernetti) si terrŕ la consueta commemorazione. Parleranno Claudia Cernigoi e Marisa Škrk.

Siete invitati a partecipare
Claudia

 
nota storica

L’inchiesta del 1940 (nel corso della quale in conseguenza delle torture era morto Slavko Škamperle, Adolf Ursič impazzě ed Edvard Mlekuž riportň danni fisici permanenti) si concluse con quello che č noto come “il secondo processo di Trieste”, celebrato nel 1941, che vide imputati 60 antifascisti < di varia natura: comunisti, nazionalisti sloveni, terroristi, cattolici, demo-liberali > (cosě nella sentenza del 14/12/41). < Gli imputati sono arrestati per motivi diversi, ma vengono raggruppati in un unico processo affinché la repressione risulti spietata contro tutti gli oppositori del regime. I piů colpiti sono comunque i comunisti e i nazionalisti sloveni, cui vengono attribuiti, senza alcuna prova, i casi che la polizia non č riuscita a risolvere nel corso di dieci anni... > (in Da Pont A., Leonetti A., Maiello F., Zocchi L., “Aula IV. Tutti i processi del tribunale speciale fascista”, La Pietra 1976, p. 454). Il processo si concluse con 9 condanne a morte, di cui 5 eseguite il 15/12/41 presso il poligono di Opicina. Furono fucilati Pinko Tomažič, Ivan Vadnal, Simon Kos, Viktor Bobek e Ivan Ivančič.

===

Il 15 dicembre [2010] sono 69 anni da che Pino (Pinko) Tomažič cadeva, ucciso dal piombo fascista,  nel poligono di tiro di Opicina,  24 ore dopo l'iniqua sentenza del Tribunale  speciale per la Sicurezza dello Stato riunitosi a Trieste contro i patrioti arrestati nella primavera dell'anno prima,  sentenza che lo condannava a morte mediante fucilazione alla schiena. Nove condanne a morte, di cui 4 commutate in ergastolo, 23 condanne a 30 anni di reclusione ed altre a pene minori.Durante l'istruttoria alcuni detenuti morirono per le percosse subite. Era l'anno 1941,  anno che segnň la folle e vile aggressione alla Jugoslavia, e poi alla Russia,  la proclamazione della regione di Lubiana come provincia italiana, e quella cittŕ serena e pacifica venne trasformata in un campo di concentramento,  circondata tutta dal filo spinato,  come una enorme trincea . Durante il permesso, i soldati italiani uscivano armati, perchč la zona era considerata di alto  rischio causa quelle che venivano definite "bande", ma in realtŕ rappresentavano la Resistenza di patrioti che difendevano il suolo della propria terra occupata dall'invasore fascista. Persino il giornale "Il Piccolo" riportava, al suo interno , la cronaca di  Lubiana,  come di una cittŕ italiana, quale Udine o Gorizia e la farsa durň fino al 1943. Tutto sembrava, allora, inevitabilmente perso,  sconfitti lo spirito di libertŕ ed indipendenza delle genti slave,  inutile il ribellarsi. Ma Pinko non si arrese,  ed insieme ad altri compagni  continuň la lotta, tesse le reti per una Resistenza  combattiva ed efficace, propagandň gli ideali di libertŕ e preparň il riscatto,  predispose ed organizzň la iniziale guerra partigiana,  quella che poi, espandendosi, alla fine,  riuscě vittoriosa. Ma,  inevitabilmente,  incontrň avversitŕ,  disagi,  ostilitŕ anche interne, dubbi e perplessitŕ,  infine la repressione. E fu, da ultimo, catturato e imprigionato, sottoposto al processo del Tribunale speciale insieme ad altri suoi compagni di lotta. Durante il dibattimento,  di fronte ad una folla ostile ed ai giudici tesserati al PNF, mantenne un comportamento dignitoso ed anche di sfida quando, ad un certo punto, salutň con il pugno ed il braccio alzato, gesto rivoluzionario allora , che destň una reazione di sdegno ma al contempo di timore da parte degli astanti, stupiti da cotanto coraggio.Qualche attimo prima che lo portassero al cospetto del plotone di esecuzione, salutň i suoi compagni con calma e tranquillitŕ,  come di chi sa di aver compiuto il proprio "dovere verso l'umanitŕ" (cosě egli  diceva), di patriota e militante ideologicamente schierato e difensore di giusti ideali . "Zdravo" urlň  con calma unita anche alla rabbia di chi non puň fare altro (salve, ciao), rivolto ai suoi. La tua vita terrena finiva allora, Pinko,  all'alba di quel giorno livido e gelido del 15 dicembre dell'anno 1941,  ucciso con i tuoi compagni, giorno di guerra come tanti altri che dovevano succedersi,  ma che segnň una spinta di passione e di rivolta contro il fascista invasore, che divenne travolgente fino alla liberazione ed alla vittoria. Voglio ricordare , con questa mia,  un uomo, a 69 anni di distanza,  dicembre 2010, che lottň per gli ideali di giustizia sociale e per la libertŕ di noi tutti. Ciao, Pinko, compagno di lotta giusta e di riscatto,  ti ricorderemo domenica 19 dicembre, alle 15, al poligono di tiro di Opicina, con le tue bandiere e con le insegne della libertŕ. Grazie da tutti noi.

Claudio Cossu
http://sl.wikipedia.org/wiki/Pinko_Tomažič

Josip Tomažič-Pino (bolje znan kot Pinko Tomažič), slovenski (primorski) komunist in narodni heroj; * 20. marec 1915, Trst; † 15. december 1941, Opčine.

Življenjepis

Pinko Tomažič se je rodil leta 1915 v Trstu. Njegovo osnovno šolanje je potekalo v zasebni ljudski šoli pri sv. Jakobu, kasneje pa v trgovskem tehničnem zavodu. Visoko šolanje je opravljal na ekonomski fakulteti tržaške univerze.
Leta 1927 je italijanski fašistični režim razpustil vse slovenske organizacije, med drugim tudi mladinske, kar je Pinka Tomažiča še posebno prizadelo. Posledično se je pridružil nekaterim mladinskim skupinam, ki so ilegalno nadaljevale svoje dejavnosti, zlasti v smeri narodnega boja in antifašizma. Zaradi tega je režim izpeljal prvi tržaški proces, na katerem so bili obsojeni in 6. septembra 1930 pri Bazovici ustreljeni Tomažičevi prijatelji Ferdo Bidovec, Fran Marušič, Zvonimir Miloš in Alojzij Valenčič. Pinko Tomažič pa je kljub temu nadaljeval svoje ilegalne dejavnosti, njegovo ime se je tako znašlo tudi v poročilih fašistične policije. Leta 1930 je bil sprejet v mladinsko komunistično organizacijo, naslednje leto pa v KPI. Štiri leta kasneje (1935) se je zaradi nevarnosti aretacije moral umakniti iz Trsta, in sicer se je za krajši čas nastanil v Zagrebu, kjer je nadaljeval ekonomsko visoko izobraževanje. V Zagrebu je bil član Akademskega društva Triglav, v Mariboru pa član »Društva slovenskih emigrantov iz Italije Nanos«. Leto pozneje (1936) je bil zaradi politične aktivnosti izgnan tudi iz Jugoslavije, zatem pa je preko Avstrije nameraval emigrirati v nemirno Španijo, kjer bi se na republikanski strani boril v državljanski vojni, a je bil na poti aretiran.
Italijanska vojska je Pinka Tomažiča vpoklicala junija 1937, in sicer v Piso. Tu je odslužil vojaško obveznost ter se nato vrnil v rodni Trst, kjer je med letoma 1938 in 1940 znova obiskoval ekonomsko fakulteto. To je bilo obdobje močne politične aktivnosti, ko se je Tomažič družil s proletarci ter mladino, poleg tega pa prispeval socialne in narodnostne vsebine v mladinski glasili Iskra in Plamen. Leta 1938 je tudi postal član vodstva KPI za Julijsko krajino.
2. junija 1940 je bil aretiran; iz skupine 300 aretirancev so izbrali 60 osumljencev, ki so bili nato udeleženi v drugi tržaški proces, ki je trajal med 2. in 14. decembrom 1941. Posebni tribunal se je preselil iz Rima v Trst. Sojenje je imelo velik odmev, Pinko Tomažič pa je bil na njem obsojen na smrt. Skupaj z Viktorjem Bobkom, Ivanom Ivančičem, Simonom Kosom in Ivanom Vadnalom je bil ustreljen na strelišču na Opčinah 15. decembra 1941.
Njegovo ime nosita med drugim tržaški partizanski pevski zbor Pinka Tomažiča ter celodnevna osnovna šola Pinko Tomažič v slovenskem jeziku v Trebčah pri Trstu.
Razglašen je bil za narodnega heroja.





=== * ===

P A R T I G I A N I !
Una iniziativa internazionale ed internazionalista
nel 60.esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo

http://www.cnj.it/PARTIGIANI/index.htm

Per contatti: PARTIGIANI! c/o CNJ,
C.P. 13114 (Uff. Roma 4), 00100 ROMA - ITALIA

partigiani7maggio @ tiscali.it
 FAX +39- 36 333-6100425


=== * ===