P A R T I G I A N I !

Ottobre 1944: i giovanissimi combattenti
          che, nelle file della Seconda Brigata Proletaria, hanno preso
          parte ai combattimenti per la liberazione di Belgrado, posano
          soddisfatti per la foto-ricordo (dal libro: Pokret!, di A.
          Clementi, ed. ANPI Roma, 1989)



LA RESISTENZA A TRIESTE
E NEL LITORALE SLOVENO

Frammenti e spunti di documentazione
Fonte primaria: La Nuova Alabarda



Indice:

PARTIGIANI DI GUARDIELLA
(
La Nuova Alabarda / Diecifebbraio.info 2011-2013)
LA STORIA DEL BUNKER DI LONGERA

(Testimonianza di Milka Cok "Ljuba",
dal libro Operazione Foibe a Trieste, di Claudia Cernigoi - I ed. 1997)
NOTE SUL LAGER DELLA RISIERA DI SAN SABBA

3 APRILE 1944, ECCIDIO NAZIFASCISTA AD OPICINA-OPČINE PRESSO TRIESTE

(Il 2 aprile 1944 due partigiani azeri in forza all’Osvobodilna Fronta – Fronte di Liberazione della zona di Trieste, infiltrati nell’esercito nazista, piazzarono una bomba in un cinema di Opicina-Opčine frequentato da militari germanici, uccidendone sette. I due si chiamavano Mirdamat Sejdov - Ivan Ruskji - e Mehti Husein Zadein - Mihajlo - e sono ritornati alcune volte a Trieste dopo la Liberazione. Nel file PDF l’intervento dello storico Sergio Zilli alla commemorazione del 7 aprile 2013. Fonte Claudia Cernigoi / La Nuova Alabarda / Diecifebbraio.info, aprile 2013)

Altre pagine e link consigliati:

VIDEO:

video realizzato da Miloš Ivančič della Združenje protifašistov, borcev za vrednote NOB in veteranov Koper (ASSOCIAZIONE ANTIFASCISTI, COMBATTENTI PER I VALORI DELLA LLN E VETERANI DI CAPODISTRIA). Il video consta di una introduzione storica su Trieste e l'etnocidio subito dagli sloveni della città dopo l'annessione all'Italia, una parte centrale sulla Lotta Popolare di Liberazione con rare bellissime foto dei "quaranta giorni" di amministrazione jugoslava, e una parte finale sulla strategia della tensione scatenata nel dopoguerra in particolare, ma non solo, con la diffusione di notizie false su "persecuzione degli italiani" e "foibe" nel Carso

SULLA LIBERAZIONE DELLA CITTA':
LE DUE RESISTENZE DI TRIESTE
argomenti: PCI, CLN-AI e CLN giuliano, Collaborazionismo, Gladio (dossier a cura de La Nuova Alabarda n.51 - Trieste 2015)
VINKO ŠUMRADA: A TRIESTE

argomenti:
VINKO ŠUMRADA "RADOŠ" (dossier a cura de La Nuova Alabarda - Trieste 2005)

RAGIONARE COME NEL 1945? SI, SE SI ANALIZZANO FATTI DEL 1945
argomenti:
Comitato di Salute Pubblica, Missione Nemo (La Nuova Alabarda, ottobre 2011 - anche su JUGOINFO)


SUI "40 GIORNI" DI TRIESTE:

Vai alla pagina dedicata


ALLA RICERCA DI NEMO. Una spy-story non solo italiana (Dossier n.46 de La Nuova Alabarda - Trieste 2013)
contiene tra l'altro: Appunti sulla Lotta di liberazione in Italia / La retata contro il CLN triestino nel febbraio 1945 / Breve storia del CLN di Trieste fino alla fine del 1944 / “Trieste città libera”

SU ALMA VIVODA:

INTERVENTO DELLA STORICA MARINA ROSSI IN RICORDO DI ALMA VIVODA (28/6/2014 - anche su YouTube)

UN FIORE PER ALMA VIVODA, A SETTANT’ANNI DAL SUO SACRIFICIO (28/6/2013)

argomenti: Alma Vivoda, Ondina Peteani, Antonio Di Lauro

PROFILO DI "PINKO" TOMAŽIČ

argomenti: Josip Tomažič detto "Pino" o "Pinko", Tribunale speciale per la Sicurezza dello Stato, Fucilati di Opicina: Ivan Vadnal, Simon Kos, Viktor Bobek e Ivan Ivančič (C. Cernigoi, C. Cossu, Wikipedia - vedi anche: Iniziative e vicende del Coro Partigiano Triestino "Pinko Tomažič")

SUI FUCILATI DI BASOVIZZA
:
BIDOVEC - MARUŠIČ - MILOŠ - VALENČIČ
(opuscolo contenente una sintesi della lotta antifascista degli Sloveni del Litorale)
MARTIRI DI BASOVIZZA, 6 SETTEMBRE 1930 (C. Cernigoi su Diecifebbraio.info - settembre 2012)
argomenti: Tribunale speciale per la Sicurezza dello Stato, TIGR, Delo, Borba; Vladimir Gortan, Pinko Tomažič, Fucilati di Opicina; Fucilati di Bazovizza: Ferdo Bidovec, Franjo Marušič, Zvonimir Miloš e Alojz Valenčič

INTERVISTA A NERINO GOBBO “GINO”

comandante del II settore della città di Trieste al momento della Liberazione, deceduto nel maggio 2012
argomenti: Banda Collotti, Decima Mas, Rione San Giovanni, Rione Guardiella, Villa Segrè, Banda Steffè, foiba Plutone, CLN (a cura de La Nuova Alabarda - Trieste 2012 - anche su JUGOINFO)

A TRIESTE LA STORIA NON COMINCIA IL 1° MAGGIO 1945
argomenti: BANDA COLLOTTI (ISPETTORATO SPECIALE DI PUBBLICA SICUREZZA), “POLIZIA ECONOMICA”, GUARDIA CIVICA, MILIZIA DIFESA TERRITORIALE ED ALTRE FORMAZIONI MILITARI, DECIMA MAS, GUARDIA DI FINANZA, CLN, CORPO VOLONTARI DELLA LIBERTA, COLLABORAZIONISMO (primo capitolo del libro Operazione foibe a Trieste di Claudia Cernigoi, edizione 1997)

COMMEMORAZIONE DEI CADUTI DEL RIONE DI GUARDIELLA, 2 NOVEMBRE 2011
argomenti: Caduti di Guardiella, Bruno Luciani (La Nuova Alabarda, novembre 2011 - link JUGOINFO)

I MONUMENTI AI PARTIGIANI JUGOSLAVI E RUSSI caduti per la liberazione del Primorje - provincia di Trieste/Trst





PARTIGIANI DI GUARDIELLA

Dossier n. 48 de La Nuova Alabarda, a cura di Claudia CERNIGOI (2013)
* dal sito Diecifebbraio.info
* oppure: scarica dal nostro sito (PDF, 1MB)

------
Di seguito la versione breve/preliminare apparsa su
La Nuova Alabarda, novembre 2011


PREMESSA.

In occasione del sessantesimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo abbiamo pensato di dare corpo all’idea scaturita un paio di anni or sono nel corso di una riunione del Comitato per le onoranze dei caduti della Resistenza del rione di San Giovanni e Guardiella, e cioè di scrivere delle brevi biografie dei partigiani che sono ricordati sulla lapide apposta sull’edificio del Narodni Dom di San Giovanni, in Strada di Guardiella.
Le note biografiche sono tratte per la maggior parte dal libro curato dall’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione “Caduti, dispersi e vittime civili dei comuni della regione Friuli-Venezia Giulia nella seconda guerra mondiale” (Udine 1991); ma per alcuni nomi che non abbiamo trovato in questo studio dobbiamo ringraziare il prezioso aiuto di Dragica Ule Maver della sezione storica della Biblioteca di studi slovena (Odsek za zgodovino), che li ha rintracciati nelle pubblicazioni conservate nel loro archivio.
Grazie anche al professor Samo Pahor e a Silvio Pierazzi per le testimonianze; un ringraziamento particolare a Nerino Gobbo, “Gino”, che ha ricostruito per noi la vicenda dell’attentato al garage di via Massimo D’Azeglio.
Ci scusiamo anticipatamente per eventuali errori od omissioni, ed invitiamo chi fosse in grado di integrare o correggere quanto scritto in questo testo a mettersi in contatto con noi per dare vita ad una nuova pubblicazione, più ampia ed esaustiva. I dati sono aggiornati alla primavera del 2006.

SONO CADUTI PRIMA DELL’8 SETTEMBRE 1943.

Slavko (Luigi Andrea) ŠKAMPERLE, nato a Trieste, 18/6/10.
Organizzatore del movimento antifascista.
Deceduto al carcere del Coroneo il 13/8/40 nel corso dell’istruttoria del “processo Tomažič”. “Durante l’istruttoria molti detenuti vennero seviziati: morì sotto le torture l’operaio Luigi Skamperle. Altri decedettero in seguito o contrassero infermità inguaribili” (“Aula IV. Tutti i processi del tribunale speciale fascista”, di A.Dal Pont, A. Leonetti, F.Maiello, L. Zocchi, La Pietra 1976).

Josip (Giuseppe) UDOVIČ, nato a Trieste nel rione di San Giovanni, 18/3/10.
Partigiano EPLJ, Segretario cittadino Osvobodilna Fronta - Fronte di Liberazione di Trieste.
Caduto a Trieste nel corso di uno scontro a fuoco con i carabinieri il 14/1/43.

SONO CADUTI IN COMBATTIMENTO
DOPO L’8 SETTEMBRE 1943.

Bruno BIZJAK, “Rino”, nato a Santa Croce-Križ, 18/01/23.
Partigiano EPLJ III Brigata d’oltremare.
Caduto in combattimento nei pressi del Monte Nevoso il 3/5/45.

Vittorio CANCIANI (KOCJANČIČ), nato a Trieste, 26/3/24.
Partigiano della Brigata “Triestina” dell’Istria.
Fucilato da forze nazifasciste presso Mune Piccolo (Fiume) il 5/10/44.

Ivan DOUGAN, nato a Trieste, 13/1/26.
Partigiano EPLJ Distaccamento Istriano
Caduto in combattimento a Palčje (S. Pietro del Carso) l’8/10/44.

Ferdinand DUJC, nato a Muggia, 29/10/19.
Partigiano EPLJ VII Korpus, IV Brigata “M. Gubec, III Battaglione.
Fucilato da forze nazifasciste presso Čatež il 21/08/44.

Marij FERFOLJA, nato a Trieste, 11/4/24.
Partigiano EPLJ VII Corpus, XIV Brigata, II Battaglione.
Caduto presso Novo Mesto il 21/01/45.

Guerrino FINOTTO, nato a Trieste nel rione di San Giovanni, 22/11/17.
Partigiano Brigata “Garibaldi”.
Caduto presso Skrbina il 27/03/45.

Giovanni (Nino) GROPAIC (GROPPAZZI), nato a Trieste, 3/3/20.
Partigiano Brigata Garibaldi “F.lli Fontanot”.
Caduto presso Novo Mesto il 21/03/45.

Josip (Giuseppe) KASTELIČ (CASTELLI), nato a Longera, 7/11/13.
Partigiano EPLJ VII Korpus.
Caduto presso Križe nella Dolenska il 23/04/44.

Romeo KANTE (CANTE), nato a Trieste, 12/5/03.
Partigiano Brigata “Garibaldi”.
Caduto presso Lokavice (Selva di Tarnova) il 5/11/44.

Marijan (Mario) KAVČIČ (CAUCCI), nato a Trieste, 11/10/25.
Partigiano EPLJ XIX Brigata “Srečko Kosovel”.
Caduto presso Tarnova il 12/6/44.

Marja KERŠEVAN, nata a Gabrje, 28/11/04.
Partigiana XIX Brigata Kosovel.
Caduta in combattimento a Stjak il 25/4/44.

Romano KLUN (COLONI), nato a Trieste, 31/12/14.
Partigiano EPLJ VIII Brigata Končar, già soldato fanteria Battaglione Speciale Lavoratori.
Caduto presso Drvar, Bosnia, il 23/5/44.

Herman (Ermanno) MAKOVEC, nato a Komen-Comeno, 8/4/24.
Partigiano Brigata “Triestina” dell’Istria.
Caduto presso Gradena d’Istria il 3/10/43.

Cirillo Carlo MARTELANC (MARTELLANI), nato a Barcola 1/5/13.
Partigiano EPLJ I Brigata “Proletaria”.
Caduto presso Pozega (Slavonia) il 16/4/45.

Ivan (Giovanni) MEZGEZ, nato a Trieste, 22/8/23.
Partigiano EPLJ II Korpus, Distaccamento Marina.
Caduto presso Predmeja l’8/2/45.

Licerio MILLOCH, nato a Izola-Isola d’Istria, 12/2/23.
Partigiano dal 1944 nella Brigata “F.lli Rosselli”.
Caduto presso Como il 31/12/44.

Edvard (Edoardo) SUDIČ (SUDICH), nato a Trieste, 1/3/26.
Partigiano EPLJ VII Korpus, XII Brigata.
Caduto presso Veliki Čerovec, Gorjanci, Slovenia il 11/9/44.

TINTA Tullio, nato a Trieste, 23/8/26.
Partigiano EPLJ XVIII Brigata “Basovizza”.
Caduto presso San Giacomo in Colle (ex provincia di Gorizia) il 3/11/44.

Janež VOUK, nato a Trieste il 31/5/21.
Partigiano dal 16/2/45 nel I Battaglione, V Brigata del IX Korpus.
Deceduto in Slovenia il 6/7/45 per postumi di ferite riportate in combattimento.

Natale ŽIŽMOND, nato a Trieste 17/12/25.
Partigiano Brigata Garibaldi, Battaglione “Alma Vivoda”.
Caduto in località ignota dell’Istria, novembre 1944.

SONO MORTI PRIGIONIERI IN LAGER NAZISTI.

Miro (Vladimiro) FARASIN (FAZARINC), nato a Trieste, 18/6/12.
Partigiano Brigata “Garibaldi”, IV Battaglione GAP.
Deceduto nel campo di sterminio di Buchenwald il 29/12/44.

Slavko (Vladislao) FEKONJA, nato a Trieste, 7/11/13.
Partigiano Brigata “Garibaldi”, IV Battaglione GAP.
Deceduto nel campo di sterminio di Mauthausen il 18/04/45.

Giovanni GANDUSIO “Virgilio”, nato a Koper-Capodistria, 29/10/04
Partigiano Brigata “Garibaldi”, IV Battaglione GAP.
Deceduto nel campo di sterminio di Flossemburg il 10/11/44.

Vladimiro MARTELANC (MARTELLANI), nato a Barcola, 8/5/05.
Deceduto nel campo di sterminio di Dachau 11/4/44.

Milena PERSIČ, coniugata UDOVICH, nata a Trieste, 24/3/01.
Attivista dal 1941, partigiana EPLJ, Osvobodilna Fronta - Fronte di Liberazione di San Giovanni.
Deceduta nel campo di sterminio di Auschwitz il 21/1/45.

Natale (Božidar Diodato) SKABAR, nato a Longera, 10/12/12.
Partigiano EPLJ Osvobodilna Fronta - Fronte di Liberazione di San Giovanni, Unità Operaia.
Deceduto nel campo di sterminio di Dachau il 5/1/45.

Mario SKERLAVAJ, nato a Trieste, 13/8/25.
Partigiano Brigata “Garibaldi”.
Deceduto nel campo di sterminio di Mautahusen il 25/1/45.

Carlo SUDICH nato a Trieste, 5/7/02.
Partigiano EPLJ Osvobodilna Fronta - Fronte di Liberazione di San Giovanni.
Deceduto nel campo di sterminio di Flossemburg Leitmeritz il 5/2/45.

Luciano VESNAVER, nato a Trieste, 19/1/29.
Partigiano Brigata “Garibaldi”, Battaglione “Alma Vivoda”.
Disperso dopo la liberazione dal campo di Buchenwald nell’aprile 1945.

Stanislav ZORMAN Trieste, 4/3/20.
Partigiano Brigata Garibaldi, già soldato del Genio.
Deceduto nel campo di sterminio di Buchenwald il 5/1/45.

Per alcuni partigiani siamo riusciti a raccogliere delle informazioni più particolareggiate rispetto alla loro attività.

AZIONE ANTIPARTIGIANA DELL’ISPETTORATO SPECIALE
DI PS DI TRIESTE DI AGOSTO/SETTEMBRE 1944.

Tra agosto e settembre 1944 l’Ispettorato Speciale di PS operò una vasta azione repressiva che portò all’arresto di 75 partigiani, tra i quali il dirigente comunista Luigi Frausin. Tra i nominativi indicati nel rapporto (copia del quale si trova nell’archivio dell’Odsek za Zgodovino di Trieste, busta NOB 24) inviato in data 27/9/44 dall’Ispettorato al Capo della Polizia, sede di Campagna, avente “Oggetto: Azione contro la Federazione del Partito Comunista di Trieste e l’Organizzazione informativa di Polizia del Fronte Liberatore Sloveno, detto VOS (Varnostno Obvasovalna Služba - Servizio informazioni della difesa) e VDV” (Vojška Državna Varnosti - Esercito per la difesa dello stato, inglobato nell’OZNA nel dicembre 1944) come “consegnati alla Polizia Germanica per i provvedimenti da adottare”, ci sono anche i seguenti, che facevano riferimento al rione di San Giovanni.

Giuseppe BARTOLI, “Corvo” o “Iurel”, nato a Montona, 8/4/05.
Partigiano Brigata “Garibaldi” Trieste.
Deceduto a Dachau il 26/09/44.

Ernesto NERI (ČERNIGOJ), nato a Trieste, 30/10/04.
Partigiano Brigata “Garibaldi” Trieste, IV Battaglione GAP.
Ucciso nella Risiera di San Sabba, settembre 1944.

Carlo GABRIELLI, “Peter”, o “Rino”, nato a Trieste, 7/10/17.
Partigiano Brigata Garibaldi Trieste, IV Battaglione GAP.
Ucciso nella Risiera di San Sabba il 24/9/44.

Bruno GHERLANI (GERLANC), nato a Trieste, 26/6/12.
Partigiano Brigata “Garibaldi” Trieste, IV Battaglione GAP.
Ucciso nella Risiera di San Sabba, settembre 1944.

Giuseppe (Pino) GIOVANNINI, “Severino”, nato a Trieste, 29/12/11.
Partigiano Brigata “Garibaldi”, intendente Battaglione “Alma Vivoda”; nel rapporto dell’Ispettorato Speciale di PS risulta “membro del Partito ed addetto al trasporto del materiale occorrente con un camioncino che è stato sequestrato”.
Ucciso nella Risiera di San Sabba, settembre 1944.

Stanislavo GOICA (GOJCA), nato a Trieste, 24/6/04.
Partigiano EPLJ, Osvobodilna Fronta - Fronte Liberazione di Trieste - San Giovanni.
Ucciso nella Risiera di San Sabba, settembre 1944.

Ernesto METLIKA, nato a Trieste, 14/10/08.
Partigiano EPLJ, Osvobodilna Fronta - Fronte Liberazione di Trieste.
Deceduto nel campo di sterminio nazista di Bergen Belsen, novembre 1944.

Josip (Giuseppe Antonio) MIOT (MIJOT), “Marco”, nato a Trieste, 3/3/04.
Partigiano Brigata Garibaldi Trieste, IV Battaglione GAP.
Ucciso nella Risiera di San Sabba il 26/9/44.

Silvestro ROSANI (ROŽANC), nato a Trieste, 30/12/26.
Partigiano Brigata “Garibaldi” Trieste, IV Battaglione GAP.
Ucciso nella Risiera di San Sabba il 26/9/44.

Giuseppe STERLE (ŠTERL), nato a Trieste, 18/1/06.
Partigiano EPLJ, Osvobodilna Fronta - Fronte Liberazione di Trieste, S. Giovanni; “membro del Partito ed arruolatore” secondo il rapporto dell’Ispettorato Speciale di PS.
Ucciso nella Risiera di San Sabba, settembre 1944.

AZIONE DELL’ISPETTORATO SPECIALE DI PS
CONTRO LA “BANDA BOSCO”.

In un rapporto dell’Ispettorato Speciale di PS, datato 15/1/45, leggiamo di un’attività repressiva nei confronti della cosiddetta “banda Bosco”, così chiamata “dal nome del capo Giuseppe Sustersich detto Pepi Bosco” definita “la più temibile” sia “per numero di componenti che per efferatezza di delitti”. Giuseppe Šušteršič, nato a Trieste il 19/12/08, partigiano combattente già dal 1942, era stato arrestato e torturato dalla “banda” di Collotti già nel ‘43; successivamente fu partigiano della brigata Garibaldi “Trieste”, IV Battaglione GAP; prese parte il 31/5/44 ad un attentato (fallito) contro il prefetto Coceani; dopo la fine della guerra si arruolò nel corpo della neocostituita Polizia civile e morì il 30/12/45 per le conseguenze delle ferite riportate durante la guerra.
Proseguiamo la lettura del rapporto dell’Ispettorato: “Il 27/12, ore 14 mentre tre auto (…) appartenenti al Deutsche Berater sostavano sulla strada di Basovizza dinanzi all’osteria Dodich ed una parte degli autisti si trovava nel detto esercizio, alcuni individui armati di pistole e mitra irruppero nel locale e circondati gli autisti ingiunsero loro di alzare le mani. Dopo averli perquisiti, con le loro stesse auto li condussero in località Moccò alla sede di un comando partigiano”.
In seguito a questa azione, scattò un’operazione repressiva dell’Ispettorato Speciale, così descritta in un rapporto.
“A seguito intelligenti indagini svolte con spirito di assoluta abnegazione ed intima comprensione del dovere dal Vicecommissario Gaetano Collotti e la valida collaborazione vicebrigadiere Antonio Cerlenco, riusciva ad accertare luogo convegno banda “Bosco” capeggiata da noto pregiudicato Giuseppe Susterisch detto Bosco forte di una quindicina di elementi e dotata moderno e perfetto armamento. Ieri sera 17 agenti questo Ispettorato agli ordini preciso funzionario, militari X mas, predisponevasi vasta azione rastrellamento in zona strada di Longera. Verso ore 19 riuscivasi ingaggiare combattimento con elementi Bosco che riuscirono a sganciarsi. Venivano rastrellati 15 individui. Nel conflitto restavano uccisi certo Persico Ugo (Guido, n.d.a.) di Andrea n. a Trieste 1906 da parte nostra agente ausiliario Carmelo Russo appartenente all’Ispettorato speciale. Azione proseguita e rintracciato un gruppo banditi a bordo auto Lancia Ardea appartenente a Supremo Commissariato germanico (…) si davano alla fuga. Nel conflitto certo Ricci Rino Cosimo veniva ucciso. 2 feriti.
Su cadavere Ricci Rino venivano rinvenute una Sipe et pistola Berretta nonché documenti sua appartenenza VDV (polizia partigiana) e cui presume sua partecipazione a gravi delitti effettuati in questa città”.

Guido PERSICO (PERSICH), nato a Trieste, 25/2/06.
Partigiano EPLJ, Osvobodilna Fronta - Fronte Liberazione di Trieste, San Giovanni.
Ucciso da forze nazifasciste a Longera il 27/12/44.

Rino Cosimo RICCI, nato a Trieste, 9/1/26.
Partigiano Brigata “Garibaldi”, IV Battaglione GAP.
Ucciso in fatto di guerra il 29/12/44.

Nel corso di queste azioni furono anche arrestati il giovane Bruno Kavčič (era nato nel 1927, fucilato il 28 aprile 1945) ed i suoi genitori, Giuseppe (morto a Dachau) ed Antonia, che sopravvisse. Di questi arresti e delle torture e violenze inflitte agli arrestati, fu accusato l’agente dell’Ispettorato Speciale Bruno Luciani (note del Pubblico Accusatore di Ajdovščina, in Arhiv Slovenije SI AS 1827 fascicolo 34), arrestato a Trieste nel maggio 1945 e scomparso, quindi considerato “infoibato” dalla storiografia corrente.

IL BUNKER DI VIA VALERIO.

Secondo un rapporto (in copia presso l’archivio dell’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione di Trieste, n. 914) dell’Ispettorato Speciale di PS di Trieste del 3/4/45, in quella data fu svolta una “operazione nel rione Guardiella San Cilino Sup. ove nel fabbricato contrassegnato col n. 1801 è stato scoperto un bunker costruito per ordine del noto bandito “Zitomir” Capo del VDV verso la fine dello scorso dicembre. Nel bunker che fu costruito da Comari Giuseppe e Coretti Sergio (…) – confessi – è stata rinvenuta una valvola per radio trasmittente potentissima, un cinturone con fondina in uso nella Wehrmacht, scarso materiale propagandistico e diversa corrispondenza – relazioni, ecc.
A seguito di ciò è stata operata una minuziosa perquisizione nell’abitazione di Haas Ruggero (…) che ha portato alla scoperta di corrispondenza varia del PKS, dal cui sommario esame si rileva che l’abitazione stessa serviva da Centro smistamento per i corrieri del PKS”.
Secondo una ricerca del professor Samo Pahor, la moglie di Haas, Albina Brana, era membro della VDV di Longera e nel loro bunker erano conservati dei documenti molto importanti.
In seguito a questa operazioni furono arrestati i coniugi Haas e la sorella di Ruggero, Emilia, come risulta dal rapporto.
“Haas Ruggero – risultato appartenente al PKS egli partecipò alla costruzione del bunker nella sua stessa abitazione e su di lui gravano fondati sospetti di partecipazione al noto attentato terroristico nel palazzo dell’università, nonché ad altri attentati terroristici verificatisi in questa città.

Silvio Pierazzi ci ha raccontato di un attentato compiuto dalla GAP di Guardiella contro un edificio nei pressi dell’Università dove aveva sede una compagnia della Guardia Civica (maggio 1944). L’attentato aveva praticamente distrutto la sede, ed era stato proprio Haas a trasportare l’esplosivo.
Il rapporto prosegue nominando:
Bran Albina in Haas – corriera propagandista del PKS.
Haas Emilia – corriera del Commissario Politico del PKS per la Venezia Giulia Kiss”.

Zora BRANA, nata a Trieste, 1/3/13.
Partigiana EPLJ I Battaglione.
Coniugata con Ruggero HAAS, nato ad Opicina (TS), 26/11/11.
Partigiano Brigata “Garibaldi”, IV Battaglione GAP.
Furono fucilati ad Opicina il 28/04/45 assieme ad altri 13 prigionieri, tra i quali il corriere del Partito d’Azione Mario Maovaz.
Emilia HAAS era gravemente malata al momento dell’arresto e non fu deportata, ma morì poco tempo dopo.

I MARTIRI DI VIA D’AZEGLIO: 28/03/45.

Giorgio De Rosa, “Felice”, nato a Trieste, 29/12/24;
Sergij CEBRON, “Santo”, nato a Trieste, 8/5/28;
Livio STOK (STOCCHI), “Cedro”, nato a Santa Croce, 9/2/25;
Remigio VISINI, “Ettore”, nato a Trieste, 26/8/25:
Partigiani della Brigata Garibaldi “Trieste”, IV Battaglione GAP, impiccati per rappresaglia dai nazifascisti dopo l’attentato al garage “Principe” in via D’Azeglio, medaglie d’argento al V. M. alla memoria.

Il 27 marzo 1945 fu compiuto un attentato al garage di via D’Azeglio, che serviva da deposito per il carburante destinato alle truppe nazifasciste. Sentiamo il racconto di Nerino Gobbo, “Gino”, dirigente di Unità Operaia-Delavska Enotnost, che aveva coordinato l’azione di sabotaggio.
“Avevamo deciso di sabotare il garage di via D’Azeglio perché c’erano dentro dei mezzi di rifornimento per l’offensiva che la X Mas stava preparando contro il IX Korpus (le forze allora si equilibravano perciò si trattava di un’importante offensiva ed era necessario fare il possibile per impedirla). Siamo arrivati sul posto ed abbiamo bloccato tutte le strade attorno al garage. In quel punto c’era un presidio armato delle SS, ma questi signori si sentivano spesso molto sicuri e qualche volta di notte lasciavano lì il custode da solo. Ci eravamo divisi i compiti: io e Silvio Pirjevec dovevamo entrare nel garage e farlo saltare in aria, mentre gli altri uomini a due a due dovevano, se succedeva qualcosa, sparare, in modo da dare l’allarme e dare a me e Silvio il tempo di scappare. Ad un certo punto è arrivato il proprietario del garage: non i tedeschi o la guardia che erano andati in un’osteria (così erano almeno le informazioni che ci erano state date), il proprietario, che faceva anche da guardiano. Noi lo abbiamo fermato, obbligato a farci entrare e poi consegnato a due compagni che avevano l’ordine di portarlo nella ritirata con sé, di tenerlo prigioniero per motivi di sicurezza. Invece al momento della fuga lo lasciarono libero e lui fece successivamente la spiata.
Noi due demmo fuoco al carburante e ci mettemmo un po’ per uscire, ci siamo mischiati alla gente che era accorsa e abbiamo preso sottobraccio una ragazza con la quale abbiamo camminato per un po’ e che ci disse “Se fossero tutti come voi non ci sarebbero più i tedeschi a Trieste”. Così riuscimmo a metterci in salvo, mentre i compagni fuori, avendo sentito le bombe e visto le fiamme e non avendoci visti uscire, devono aver creduto che eravamo rimasti vittime dell’esplosione, quindi hanno iniziato una ritirata disordinata invece di attenersi a quanto era stato previsto nel piano.
Perciò sono caduti in un’imboscata alla Rotonda del Boschetto dove sono stati arrestati: questi furono i martiri di via D’Azeglio”.
Il quotidiano comunista “il Lavoratore” ricostruì in questo modo gli arresti in un articolo di pochi mesi dopo: Giorgio De Rosa fu fermato da “una pattuglia della Guardia Civica al comando del tenente Altieri (tuttora in circolazione)”, con la quale c’era anche il guardiano del garage; e che invece una pattuglia delle SS italiane “al comando del noto Boldrin (anche questo in circolazione), faceva irruzione nella casa del comp. D.” (cioè Donini), piantonavano la casa ed arrestavano, la mattina seguente, Sergio Stocchi, Livio Cebroni e Remigio Visini che, avendo perduto il collegamento con gli altri, erano andati da Donini a cercare notizie.

SONO CADUTI DURANTE L’INSURREZIONE DI TRIESTE.

Francesco AZZARO (ARZARRO), nato a Giarratana (RG), 24/1/20.
Partigiano Comando Città Trieste, II Battaglione.
Caduto il 30/4/45.

Felice COSTANTE, nato a San Severo (FG), 19/11/24.
Partigiano EPLJ.
Caduto il 1/05/45

Giovanni ZANETTI, nato a Trieste, 12/11/21
Partigiano Comando Città Trieste.
Caduto il 2/5/45.

Oreste FRANCIA, nato a Trieste, 26/9/25.
Partigiano Comando Città Trieste, I Battaglione.
Deceduto il 24/5/45 in seguite a ferite riportate durante la lotta.




Testimonianza di Milka Cok (Ljuba) di Longera
 
«Il primo bunker venne costruito nell’estate del ‘44 sotto casa nostra, che si trovava proprio dietro quello che adesso è l’asilo di Longera, una vecchia osteria dove allora si erano insediati i tedeschi. La gente entrava davanti ed usciva dietro, sulla campagna, era in una posizione ideale per quel tipo di movimenti. Poi ci accorgemmo di essere spiati, ed un altro bunker venne costruito più su, dove ora c’è il monumento. Consisteva in una piccolissima stanza, dove potevano stare da 4 a 6 persone, ed un piccolissimo cunicolo che portava sul monte. Il bunker serviva come base per partigiani che stavano lì nascosti di giorno e che uscivano la notte per compiere le loro missioni.
Allora avevo sedici anni, facevo parte dello S.K.O.J. [1]; noi ragazzi avevamo ognuno una zona della città dove andavamo di notte a scrivere con vernice e pennello; la mattina, invece di andare a scuola, nascondevamo tra i libri, nelle borse, i volantini che venivano da Gropada [2] e li portavamo in città. Poi accompagnavamo in Carso i giovani che volevano unirsi ai partigiani: davamo loro degli attrezzi agricoli e li portavamo attraverso Monte Spaccato, dove lavoravano quelli della Todt [il servizio obbligatorio istituito dai nazisti, n.d.a.] a fare fortificazioni, dicendo a questi che i ragazzi andavano a lavorare in campagna. Passavamo oltre, dopo un poco abbandonavamo gli arnesi ed i giovani andavano fino a Gropada, da dove poi si sarebbero uniti ai partigiani.
Il giorno del rastrellamento e del massacro (21.3.1945, n.d.a.) venne su a Longera la “banda Collotti” con Collotti in persona. La gente sospetta e schedata venne prelevata e condotta al centro del dopolavoro che si trovava in fondo al paese. C’ero anch’io con la mia famiglia, avevo due fratelli partigiani, eravamo “sospetti”. Verso le 11 sentimmo i primi spari, mitraglie, bombe a mano. Capii subito che si trattava del bunker: qualcuno aveva fatto la spia. Mi disse poi proprio uno della “banda Collotti” che c’era in paese uno spione che andava di notte ad origliare sotto le finestre dei compaesani.
Quelli della “banda Collotti” portarono tre compagni incatenati, tra cui anche il padre di Danilo, che aveva il figlio nel bunker. Volevano che lo aprisse, ma lui si rifiutò e lo uccisero. Danilo mi raccontò poi che loro, nel bunker, avevano deciso, se fossero stati attaccati, di attaccare a loro volta e di non lasciarsi prendere vivi dai fascisti. Durante l’attacco al bunker morirono Pavel, che era il comandante, Stojan e Radivoj [3]. Gli altri tre si salvarono nascondendosi dietro la nostra casa e si rifugiarono a Gropada.
Al dopolavoro chiamarono fuori la mia famiglia e ci portarono tutti fino al bunker, dov’erano stati messi in fila i quattro morti, anche il papà di Danilo. Volevano che dicessi i nomi dei morti, ma mi rifiutai, allora mi fecero andare tra i corpi e mi minacciarono di uccidermi. Credetti davvero che sarei morta, ma spararono solo una raffica che non mi colpì e svenni. Mi riportarono poi a casa e di nuovo al bunker e poi ancora di nuovo al dopolavoro. Lì vidi anche i loro feriti (della P.S., n.d.a.), che vennero portati via subito.
Al pomeriggio mi chiamò Collotti in persona; io non volevo andare perché avevo visto Slavko (uno dei costruttori del bunker) che era stato torturato ed era ancora fuori di sé, diceva che non aveva potuto sopportare le torture, era irriconoscibile.
Collotti mi disse che sapeva tutto di me, di quello che avevo fatto, del cibo che portavo nel bunker, di ciò che facevo a Borst e a Gropada. Io negai di essere la figlia di Rodolfo Cok, lui fece per picchiarmi ma si fece male da solo... allora mi fecero ruzzolare giù per un piano di scale. La sera poi ci portarono in via Cologna.
Fu proprio il giorno delle Palme che mi portarono nella stanza della tortura: mi legarono ad una sedia, mi torturarono con l’elettricità, mi bruciarono con le sigarette, mi picchiarono, mi tirarono su con una corda legata alle spalle torcendomi le braccia... una ragazza ebbe le braccia spezzate, un compagno morì poco dopo. Nonostante tutto non parlai e dopo dieci giorni ci portarono al Coroneo dove ci passarono alle S.S.; là vennero anche mia madre ed altri di Longera. Sentivamo di notte i camion che venivano a prendere la gente per portarla in Risiera, ma anche al Coroneo riuscivano a girare i fogli partigiani e questo ci dava coraggio.
Erano gli ultimi giorni di guerra e ci dissero che ci avrebbero portato in Germania. Ci condussero a piedi fino a Roiano: lì gli uomini vennero caricati su un camion mentre noi aspettammo tutto il giorno che venissero altri camion per portarci via, ma non venne nessuno, perche a nord le strade erano già bloccate. Così ci riportarono al Coroneo e dopo ci rimandarono a casa.
A Longera la nostra casa era distrutta: una notte che pioveva e non potevamo dormire ci eravamo messi di guardia contro i tedeschi: ma ad un certo punto vedemmo arrivare i partigiani, da tutte le parti venivano fuori i partigiani e questa è stata una gioia così grande che non la posso descrivere».

(dal libro Operazione Foibe a Trieste, di Claudia Cernigoi - I ed. 1997)



Note sulla Risiera di San Sabba

La Risiera di San Sabba, Trieste - stabilimento per la pilatura del riso edificato nel 1913 - venne utilizzata dopo l'8 settembre 1943 dai nazisti come campo di prigionia, e destinato in seguito allo smistamento dei deportati diretti in Germania e Polonia, a deposito dei beni razziati e alla detenzione ed eliminazione di ostaggi, partigiani, detenuti politici ed ebrei. Dal lager della Risiera di San Sabba a Trieste saranno deportate nei lager nazisti circa 8000 persone, di cui molti partigiani jugoslavi. Il 4 aprile 1944 venne messo in funzione anche un forno crematorio.

Nel 1965 la Risiera di San Sabba fu dichiarata Monumento Nazionale con decreto del Presidente della Repubblica.
Nel 1975 la Risiera, ristrutturata su progetto dell'architetto Romano Boico, divenne Civico Museo della Risiera di San Sabba.
Nell'ottimo video "Fuma l camin" le immagini della Risiera con i versi del poeta triestino Carlo Cergoly recitati da Moni Ovadia e cantati dal gruppo di Alfredo Lacosegliaz.

(Fabio Muzzolon)


Il sito internet del Museo della Risiera





=== * ===

P A R T I G I A N I !
Una iniziativa internazionale ed internazionalista
nel 60.esimo anniversario della Liberazione dal nazifascismo

http://www.cnj.it/PARTIGIANI/index.htm

Per contatti: PARTIGIANI! c/o CNJ,
C.P. 13114 (Uff. Roma 4), 00100 ROMA - ITALIA

partigiani7maggio @ tiscali.it
 FAX +39- 36 333-6100425


=== * ===