(english / italiano)

Auschwitz e Ucraina
Verso la Giornata della Memoria: la UE dalla parte dei nazisti

0) L'Europarlamento chiede sanzioni più pesanti contro la Russia
1) Ucraina e fascismo. La discussione al Parlamento Europeo (di Inês Zuber, PCP) / Precisazione di Barbara Spinelli
2) Liberation without the Liberators (GFP 2015/01/16)
3) Yatsenyuk accusa l'URSS di aver invaso Germania e Ucraina durante la Seconda guerra mondiale (B. Macdonald)
4) Kiev. “Democratizzazione” alla Stepan Bandera: comunisti fuorilegge, libri di scuola rivalutano Bandera (24/12/2014–21/1/2015)


Vedi anche:

Thousands of ultra-nationalists march in Kiev honoring Stepan Bandera (RT, 1 gen 2015)
Activists of the Svoboda (Freedom) and Right Sector Ukrainian nationalist parties hold torches as they take part in a rally to mark the 106th birth anniversary of Stepan Bandera, one of the founders of the Organization of Ukrainian Nationalists during WW2…
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=dKMzwhHzRps


=== 0 ===

Risoluzione del Parlamento europeo del 15 gennaio 2015 sulla situazione in Ucraina (2014/2965(RSP))
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=TA&reference=P8-TA-2015-0011&language=IT&ring=P8-RC-2015-0008
oppure http://comunicati.russia.it/risoluzione-del-parlamento-europeo-del-15-gennaio-2015-sulla-situazione-in-ucraina.html

---


15 gennaio 2015

L'Europarlamento chiede sanzioni più pesanti contro la Russia

Come indicato nella risoluzione approvata oggi dal Parlamento europeo sulla situazione in Ucraina, gli eurodeputati chiedono di estendere le sanzioni contro la Russia anche nel settore energetico, nonché limitare la capacità delle imprese russe di condurre transazioni finanziarie internazionali.
In precedenza il Wall Street Journal aveva riportato che l'Unione Europea era pronta ad alleggerire le sanzioni contro la Russia e a normalizzare parzialmente le relazioni con Mosca in caso di cambiamento della posizione sulla situazione in Ucraina. A sostegno della revoca delle sanzioni contro la Russia si sono espressi l'Austria, l'Ungheria, l'Italia, Cipro, la Slovacchia, la Francia e la Repubblica Ceca.

[Per commenti vedi ad esempio:
Il Parlamento Europeo marcia unanime verso la guerra (Marco Bordoni, 15/1/2015)

---

Fonte: pagina FB di Rolando Dubini, 19/1/2014

IL PARLAMENTO EUROPEO AL FIANCO DEI TAGLIAGOLE DI KIEV, 
CON L'AVVALLO DI TSIPRAS, AIUTA L'ATTACCO CONTRO I CIVILI DEL DONBASS E MINACCIA LA GUERRA ALLA RUSSIA
Nel momento in cui l'esercito ucraino inizia massicci bombardamenti dei quartieri residenziali di Donetsk e Gorlovka, l'Unione Europea vota nuove sanzioni alla Russia e pieno sostegno al governo golpista ucraino di Kiev che uccide la popolazione civile delle provincie orientali del Donbass. Con una decisione degna di Ponzio Pilato la Sinistra Europe - GUE - Tsipras si astiene dal voto. Solo.Eleonora Forenza del PRC Partito della Rifondazione Comunista ha votato contro. Mentre era scontato il voto delle forze conservatrici e socialdemocratiche, una certa sorpresa ha destato invece la spaccatura che è avvenuta tra i parlamentari del GUE/NGL (il gruppo unitario che raccoglie la maggior parte dei partiti comunisti e della sinistra continentale), diversi dei quali hanno preferito astenersi (come, tra gli altri, l'italiano Curzio Maltese e tutti gli appartenenti al partito greco di Syriza) o esprimere parere favorevole, come nel caso di molti eletti della Die Linke tedesca e di Barbara Spinelli, la più nota tra gli esponenti della “lista Tsipras” italiana (www.votewatch.eu).
Tra coloro che hanno votato contro questa mozione che contribuisce ad aumentare la tensione e i contrasti con la Federazione Russa e a confermare la pericolosa china del sostegno al fascismo e alle forme più brutali della repressione del dissenso democratico, su cui ormai da tempo si è avviata l'Unione Europea, c'è la maggior parte dei deputati comunisti aderenti al GUE/NGL, mentre i due parlamentari greci del KKE, che non fanno parte del GUE/NGL, non hanno partecipato alla votazione [http://www.marx21.it/…/25003-ucraina-e-fascismo-la-discussi… ].
La Lega Nord ha votato contro.
Complici inediti della crocefissione di antifascisti in Ucraina e civili nel Donbass. Questa e' la sinistra della Nato, senza se, con qualche flebile ma. Si chiamavano compagni, in modo indolore diventano camerati, ma si pensano aperti e moderni. Hanno pero' aiutato gli stragisti di Odessa e del Donbass con la loro astensione, indifferenti e insensibili. Perche'? Perche' vogliono tenere aperta una possibile collaborazione e complicita' col Partito Socialista Europeo. Sono diventati gli artisti di strada dell'imperialismo, la sinistra che non fa male, come la dolce euchessina, o l'aspartame, che pero' a lungo temine fanno ammalare. Anche per la sinistra della NATO vale lo slogan NO PASARAN. Ma diciamolo forte: vi credete innovatori e trasformatori, siete solo affabulatori e giuda dei popoli uccisi dalle politiche dell'Unione Europea.
Ecco i punti essenziali della delirante mozione europea dettata da Washington e dalla Nato: Leggendo all’interno della mozione approvata dal parlamento Europeo, oltre alla conferma del rinnovamento delle sanzioni verso la Russia vi si possono trovare alcuni punti che di sicuro raffredderanno ulteriormente i rapporti con Mosca e faranno alzare il livello di tensione generale:
-Al punto 5 “ Si condanna energicamente la politica definita aggressiva ed imperialista della Russia, che costituisce una minaccia per l’unità e l’indipendenza dell’Ucraina e rappresenta una minaccia potenziale per l’Unione Europea.”
– Al punto 6 “Si richiede la continuazione dell’odierno regime sanzionatorio dell’Unione Europea in particolare in occasione dell’imminente incontro del Consiglio del marzo 2015, dal momento che la Russia non rispetta e manca di aderire pienamente alle obbligazioni assunte, e sollecita la Commissione ad individuare strumenti per aumentare la solidarietà degli stati membri in caso di cronicizzarsi della crisi con la Russia.”
– Al punto 11 “Si ricorda che il 16 luglio il Consiglio dell’Unione Europea ha revocato l’embargo di armi nei confronti dell’Ucraina e che, conseguentemente, al momento non ci sono riserve, e nemmeno restrizioni legali, a che gli Stati Membri forniscano armi difensive all’Ucraina, la cui fornitura potrebbe essere basata su un accordo di affitti e prestiti.”
Al punto 13 “Si ritiene che l’ UE debba esplorare tutti i modi per sostenere il governo ucraino a migliorare le sue capacità di difesa e di protezione dei suoi confini esterni, e che ciò sia possibile solo dalla trasformazione delle forze armate aderenti all’ex Patto di Varsavia verso un esercito che sia vicino ai membri dell’Unione Europea ed in particolare da inquadrare all’interno dei piani di addestramento e armamento già previsti e in atto.
– Al punto 19 “Si sottolinea che, fra i progetti energetici, la priorità deve essere assegnata a quelli che diversificano le forniture e accoglie con soddisfazione l’interruzione del progetto South Stream.” ( Nota: il South stream sarebbe dovuto diventare la nuova linea di gasdotto che passando dall’Italia avrebbe dovuto rifornire di gas tutta l’Europa del Sud e parte dell’Europa centrale)
Ecco i punti essenziali della delirante mozione europea dettata da Washington e dalla Nato: Leggendo all’interno della mozione approvata dal parlamento Europeo, oltre alla conferma del rinnovamento delle sanzioni verso la Russia vi si possono trovare alcuni punti che di sicuro raffredderanno ulteriormente i rapporti con Mosca e faranno alzare il livello di tensione generale:
-Al punto 5 “ Si condanna energicamente la politica definita aggressiva ed imperialista della Russia, che costituisce una minaccia per l’unità e l’indipendenza dell’Ucraina e rappresenta una minaccia potenziale per l’Unione Europea.”
– Al punto 6 “Si richiede la continuazione dell’odierno regime sanzionatorio dell’Unione Europea in particolare in occasione dell’imminente incontro del Consiglio del marzo 2015, dal momento che la Russia non rispetta e manca di aderire pienamente alle obbligazioni assunte, e sollecita la Commissione ad individuare strumenti per aumentare la solidarietà degli stati membri in caso di cronicizzarsi della crisi con la Russia.”
– Al punto 11 “Si ricorda che il 16 luglio il Consiglio dell’Unione Europea ha revocato l’embargo di armi nei confronti dell’Ucraina e che, conseguentemente, al momento non ci sono riserve, e nemmeno restrizioni legali, a che gli Stati Membri forniscano armi difensive all’Ucraina, la cui fornitura potrebbe essere basata su un accordo di affitti e prestiti.”
Al punto 13 “Si ritiene che l’ UE debba esplorare tutti i modi per sostenere il governo ucraino a migliorare le sue capacità di difesa e di protezione dei suoi confini esterni, e che ciò sia possibile solo dalla trasformazione delle forze armate aderenti all’ex Patto di Varsavia verso un esercito che sia vicino ai membri dell’Unione Europea ed in particolare da inquadrare all’interno dei piani di addestramento e armamento già previsti e in atto.
– Al punto 19 “Si sottolinea che, fra i progetti energetici, la priorità deve essere assegnata a quelli che diversificano le forniture e accoglie con soddisfazione l’interruzione del progetto South Stream.” ( Nota: il South stream sarebbe dovuto diventare la nuova linea di gasdotto che passando dall’Italia avrebbe dovuto rifornire di gas tutta l’Europa del Sud e parte dell’Europa centrale)

---


IL PARLAMENTO EUROPEO BATTE TUTTI I RECORD

La risoluzione sulla situazione in Ucraina, approvata dal PE il 15 gennaio segna una serie di record assoluti di tutta la storia parlamentare europea.
1)Record di ipocrisia.
2)Record di menzogna.
3)Record di doppiopesismo.
4)Record di prepotenza.
5) Record di irresponsabilità
Chi è curioso vada a vedere come hanno votato i deputati italiani (sul sito del PE). Vedrai che sorprese!
Esempio del punto 1, (ipocrisia), ad esempio: leggi il considerando A, che definisce valide le elezioni "nel - non ridete - rispetto generale delle libertà fondamentali". Non hanno visto i candidati gettati nei cassonetti. Non si sono accorti del pogrom di Odessa. 
Esempio del punto 2, (menzogna): tutte le colpe sono dei separatisti, leggi il considerando D; o della Russia, leggi i consideranda G e F. 
Esempio del punto 3, (doppiopesismo): condanna degli atti di terrorismo dei separatisti nell'Ucraina orientale e in Crimea (punto 1) dimenticando totalmente che dalla parte ucraina agiscono battaglioni privati di nazisti e nazionalisti ultra che massacrano i russi.
Esempio del punto 4, (prepotenza): là dove si applaude alla rinuncia dell'Ucraina allo status di paese non allineato. Evviva, tra poco entrerà nella Nato!
Esempio del punto 5, (irresponsabilità): richiesta di proseguimento dell'attuale regime di sanzioni contro la Russia (punto 7). Sono solo alcuni esempi.
Infine , il colmo dell'impudenza, inqualificabile, cialtronesco: Il Parlamento Europeo "riconferma il proprio sostegno ai fini dell'inchiesta internazionale sull'abbattimento del volo MH17 delle Malaysian Airlines". Non sanno, poveretti, che c'è una quaterna, o quadriglia, o quartetto, di paesi, due dei quali europei (Olanda e Belgio), uno quasi europeo (Ucraina), più Australia, che si sono auto-riservati il diritto di nascondere i risultati dell'inchiesta. 
Quanto basta per considerare molto pericolosa l'attuale maggioranza dei Parlamento Europeo. Quelli sono pronti ad avallare qualsiasi golpe, incluso un golpe nazista. Anzi questo lo hanno già avallato.

Giulietto Chiesa


=== 1 ===


Ucraina e fascismo. La discussione al Parlamento Europeo

18 Gennaio 2015

di Inês Zuber, parlamentare europea del Partito Comunista Portoghese
da www.avante.pt | Traduzione di Marx21.it

Il 15 gennaio il Parlamento Europeo ha approvato una mozione in 28 punti (www.pressenza.com), che suona come una dichiarazione di guerra alla Russia e di sostegno esplicito sia al governo nazional-fascista che si è insediato in Ucraina in seguito a un vero e proprio colpo di Stato che, persino (con la richiesta di supporto militare all'esercito ucraino), al genocidio che le autorità di Kiev stanno compiendo nelle regioni del Donbass (punto 11 e 13 della mozione). Un documento che sembra ricalcare quello qualche tempo fa approvato dal Congresso degli Stati Uniti. Mentre era scontato il voto delle forze conservatrici e socialdemocratiche, una certa sorpresa ha destato invece la spaccatura che è avvenuta tra i parlamentari del GUE/NGL (il gruppo unitario che raccoglie la maggior parte dei partiti comunisti e della sinistra continentale), diversi dei quali hanno preferito astenersi (come, tra gli altri, l'italiano Curzio Maltese e tutti gli appartenenti al partito greco di Syriza) o esprimere parere favorevole, come nel caso di molti eletti della Die Linke tedesca e di Barbara Spinelli, la più nota tra gli esponenti della “lista Tsipras” italiana (www.votewatch.eu).
Tra coloro che hanno votato contro questa mozione che contribuisce ad aumentare la tensione e i contrasti con la Federazione Russa e a confermare la pericolosa china del sostegno al fascismo e alle forme più brutali della repressione del dissenso democratico, su cui ormai da tempo si è avviata l'Unione Europea, c'è la maggior parte dei deputati comunisti aderenti al GUE/NGL, mentre i due parlamentari greci del KKE, che non fanno parte del GUE/NGL, non hanno partecipato alla votazione.

A respingere i contenuti vergognosi della mozione è stata anche Ines Zuber, parlamentare comunista portoghese, che, alla vigilia del dibattito, aveva scritto questa nota, da noi pienamente condivisa.

Mauro Gemma

Questa settimana sarà commemorato, al Parlamento Europeo, il 70° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz. Quasi contemporaneamente ci sarà la discussione sulla situazione in Ucraina. Da un lato si dirà che non accetteremo più il terrore fascista. Dall'altro, si appoggerà il terrore fascista, travestito da “transizione democratica”. L'esperienza ci insegna che la versione falsificata della storia, così spesso propagandata, quasi si trasforma in verità.

Ciò che è accaduto nel febbraio del 2014 in Ucraina non è stata una vittoria delle forze popolari che, giustamente, rivendicavano migliori condizioni di vita, abituate come sono ad essere governate da oligarchie ora del Partito delle Regioni ora delle “rivoluzioni arancioni”. Ciò che è accaduto è stata la costruzione e la promozione, da parte di USA e UE – e manipolando il giusto malcontento della popolazione ucraina – di un colpo di Stato promosso dalle “marionette” più utili in quel momento. - i settori dell'estrema destra di matrice fascista e neo-nazista (Svoboda e Settore di Destra). Questa non è una supposizione. Gli USA hanno ammesso il finanziamento del “movimento” con cinque milioni di dollari, sono state pure rese note le conversazioni telefoniche dell'ambasciata degli Stati Uniti a Kiev a proposito dei “cavalli” su cui scommettere e l'indifferenza di Catherine Ashton, vice-presidente della Commissione Europea, quando fu allertata dall'allora ministro estone degli Affari Esteri sul fatto che era forte l'evidenza che gli spari di franchi tiratori sul Majdan non provenivano da forze governative ma da forze del “movimento” appoggiato e promosso da USA e UE.

E' importante anche non dimenticare che USA e UE hanno cominciato a demonizzare il presidente ucraino deposto Yanukovich solamente quando egli si è rifiutato di firmare l'Accordo di associazione tra l'Ucraina e l'UE e “ha osato” chiedere aiuto finanziario alla Russia. E' stato innanzitutto l'interesse di costoro a firmare accordi – come, del resto, hanno fatto dopo il colpo di Stato – a legare l'Ucraina ai meccanismi di dipendenza economica e politica nei confronti delle troike interne alla UE, che impongono tagli salariali, tagli dei diritti sociali, alienazione delle risorse naturali e dell'apparato produttivo nazionale, privatizzazione di importanti settori pubblici, e creazione di una zona di libero commercio in cui l'Ucraina viene a trovarsi in condizioni estremamente svantaggiose. Giorni fa Juncker ha annunciato un “aiuto” aggiuntivo di 1,8 milioni di euro a Kiev, che avrà come contropartita l'espropriazione delle sue ricchezze.

Ciò che oggi è stato avviato è il processo di fascistizzazione dello Stato dell'Ucraina. I partiti fascisti, ultra-nazionalisti e di estrema destra controllano milizie private che seminano il terrore, la repressione e la violenza – anche attraverso assassini – tra tutti coloro che sfidano le autorità di Kiev, e controllano posizioni-chiave nei servizi di polizia e nei servizi segreti. Il Partito Comunista di Ucraina si trova sotto la minaccia di messa fuori legge, in un processo giudiziario che è iniziato in piena campagna per le elezioni dell'ottobre scorso, che l'OSCE considera essersi svolte in modo positivo. Da poche settimane è stato approvato un progetto di legge nel Parlamento ucraino che pretende di criminalizzare e mettere fuori legge l'ideologia e i simboli comunisti. La popolazione del Donbass e i patrioti ucraini che resistono alla fascistizzazione dell'Ucraina – volgarmente descritti nei media dominanti come “terroristi filo-russi”, definizione che è condivisa da USA e UE – sono diventati il bersaglio di una guerra genocida.

Ciò che è in causa con la situazione ucraina è il consolidamento del progetto di accerchiamento della Russia che la NATO sta mettendo in pratica e soprattutto, negli ultimi tempi, con la crescente dislocazione di mezzi ed effettivi militari della NATO nell'Europa dell'Est. Il dominio politico, economico e militare dell'Ucraina mira all'utilizzo di questo paese nella strategia della tensione e del confronto aperto con la Russia, il che comporta enormi potenziali pericoli per la sicurezza a livello mondiale.

In conclusione, è evidente che solo una soluzione politica potrà mettere fine alla crisi ucraina. Ma per garantire la pace, la sovranità, la democrazia e il progresso sociale in Ucraina è necessario che il dialogo si realizzi direttamente tra le due parti in conflitto, riconoscendo lo statuto di parte belligerante e il diritto di resistenza alle forze del Donbass che lottano contro la fascistizzazione del paese dopo un colpo di Stato. E' necessario che questo processo di dialogo sia centrato sulle rivendicazioni economiche e sociali delle popolazioni. Senza tali condizioni, non ci sarà pace ma solo imposizione.

---

Fonte: pagina FB "Premio Goebbels per la disinformazione", 19 gennaio alle ore 22.04 

Pubblichiamo la precisazione di Barbara Spinelli sulla mozione antirussa votata dal parlamento europeo :

<< Circola in rete la notizia secondo cui diversi deputati del GUE/NGL avrebbero votato, il 15 gennaio a Strasburgo, a favore della risoluzione di mozione comune sull’Ucraina (tra questi, Barbara Spinelli e alcuni deputati della Linke) o si sarebbero astenuti (Curzio Maltese e Syriza). La notizia è destituita d’ogni fondamento: il GUE/NGL ha votato compatto contro la risoluzione maggioritaria (RC-B8-0008/2015) radicalmente antirussa. 
Purtroppo l'approvazione di quella risoluzione non ha permesso al GUE di votare la propria mozione (B8-0027/2015) che difendeva una linea diametralmente opposta e che resta agli atti.
La tesi di chi accusa Spinelli e la Linke di appoggio alla mozione maggioritaria rimanda a una pagina del sito indipendente www.votewatch.eu. Quella pagina riporta dati corretti, registrando la divisione all'interno del GUE su dei singoli emendamenti alla risoluzione approvata, ma non sulla risoluzione stessa. 
Tutti gli emendamenti presentati dal GUE/NGL sono stati bocciati dal Parlamento europeo. Le differenze all'interno di ciascun gruppo parlamentare sugli emendamenti non sono infrequenti, soprattutto quando si discutono argomenti particolarmente drammatici. Ben altra rilevanza avrebbe la divisione sul voto finale, che tuttavia non c’è stata. Ed è bene che non ci sia stata, alla luce dell'offensiva militare che il governo di Kiev ha lanciato in questi giorni nell'Est dell'Ucraina. >>


=== 2 ===

Orig.Artikel auf Deutsch: Befreiung ohne Befreier  (GFP, 16.01.2015)
---

http://www.german-foreign-policy.com/en/fulltext/58817

Liberation without the Liberators
 
2015/01/16
BERLIN/WARSAW
 
(Own report) - Through their virtual disinvitation, EU countries are preventing the Russian president from participating at the commemoration of the 70th anniversary of the liberation of Auschwitz. The highest representative of the country, whose army had halted the mass murder in the German extermination camp January 27, 1945, is thereby excluded from the commemoration ceremonies. However, Germany's president, will participate. Joachim Gauck had already used his speech on the 75th anniversary of Germany's invasion of Poland, to massively stir up sentiments against Moscow and to transform the commemoration of Nazi crimes into an appeal for closing ranks against Russia. In his memoirs, Gauck described Red Army soldiers, who had liberated Germany, as beings "with Asian facial features," "reeking of Vodka," who "requisitioned and stole." A few years ago, he complained, "the occurrence of the German Judeocide has been inflated to a uniqueness," because "certain milieus of post religious societies" were seeking "a certain shudder in face of the unspeakable." In 2010, he was quoted saying, he "wonders how much longer we Germans want to nurture our culture of chagrin."
"Just Like Nazi Troops"
The commemoration of the 70th anniversary of the liberation of the German Auschwitz extermination camp had been the focus of political intrigues already last year. At the commemoration of the 60th anniversary of its liberation, Russian President Vladimir Putin's participation was still taken for granted. After having suffered severe losses, the Soviet Army reached Auschwitz January 27, 1945, putting an end to the ghastly murders Germans were committing. First attempts to exclude Putin from the commemoration of the 70th Anniversary were made in Poland in the summer 2014. A parliamentarian was quoted saying that the Red Army "had been an aggressor" in WW II, "just like Nazi troops," which is why the Russian President should only be allowed to make a "penitential pilgrimage" to Poland.[1] At the time, Bronisław Komorowski could see nothing wrong with Putin's participation at the Auschwitz commemoration. However, anti-Russian forces have prevailed and the Russian President's invitation was cancelled through diplomatic channels. According to reports, Poland's Prime Minister Ewa Kopacz has also campaigned to prevent Putin from participating at a parallel commemoration ceremony in Prague. This would exclude the president of the country, whose army had lost more than a million soldiers just to liberate the German Reich and the Polish territories under German occupation.
Turned against Russia
The anti-Russian instrumentalization of the memory of German crimes against humanity is making headway with Putin's virtual disinvitation. Already on September 1, 2014, German President Joachim Gauck used his memorial address in Gdansk - commemorating the 75th Anniversary of the German invasion of Poland - to stir up anti-Russian sentiments. Referring to the Ukraine conflict, Gauck accused Russia of giving a higher priority to "a quest for power," rather than to "maintaining stability and peace." Completely blotting out western support for the Ukrainian putsch and the civil war, while ignoring all the wars waged by the West from Yugoslavia to Iraq on up to Libya, Gauck alleged that Russia had "violated international law" and "annexed foreign territory."[2] Alluding to Great Britain and France's approbation for Germany's occupation of parts of Czechoslovakia in October 1938, targeting Russia, Gauck declared, "history teaches us that territorial concessions often whet the appetite of the aggressors." The commemoration of Nazi crimes was thereby transformed into an appeal to close ranks against Russia, which Germany had invaded.
A "Culture of Chagrin"
On various occasions before becoming president, Gauck, who, unlike Russia's President Putin, will be present at Auschwitz January 27, had made public statements showing how he views Germany's 1945 liberation and the Shoah. In his memoires, he wrote on the subject of Germany's liberation, that it arrived as "horrible news," he depicted the Red Army soldiers as beings "with Asian facial features," reeking "of vodka," who "requisitioned and stole" and systematically raped women.[3] 2006, Gauck remorsefully claimed that there is "a tendency toward sanctifying the Holocaust," wherein "the occurrence of German Judeocide is inflated to a uniqueness that ultimately escapes comprehension and analysis." "Certain milieus of post-religious societies" were persistently searching "for the dimension of the absolute, a certain shudder in face of the unspeakable." This could also be achieved by "the absolute evil" and is "paradoxically of psychological advantage."[4] Gauck has stated several times that "the Germans" would be well advised to change their approach to history. In the fall of 2010, he mused, "I ask myself, how much longer do we Germans want to nurture our culture of chagrin."[5] This was after he had positively responded to the question whether "the majority of the Germans" are mature enough for a "reorientation toward their own victims, the reorientation toward the patriotic." "That's how I see it."[6]
Broad Brush
Until he was inaugurated president, Gauck's historical views were criticized in German public opinion, For example, he has a knack for using the "broad brush," in reference to his remarks on the "Black Book of Communism."[7] Gauck had written that "the communists had also made themselves unpopular, when they ... approved Poland's westward acquisition of territory and thereby Germany's loss of its eastern territories." "To both the natives and the expellees, this loss of the homeland was considered a great injustice, which the communists sealed in 1950, by recognizing the Oder-Neisse as the new German-Polish border,"[8] alleges Gauck. In the conflict over the "Centre against Expulsions," he took the side of the president at the time, Erika Steinbach, who was sharply criticized for her historical revisionist statements, particularly in Poland. Gauck is quoted on the German League of Expellees' (BdV) website saying, Berlin is most certainly the best location for a "Centre against Expulsions." It blends in, because Berlin is where "there are various 'topographies of terror,' the location of the Wannsee Conference and the Stasi Headquarters, the former seat of government of brown and red despots."[9]
Yatsenyuk's "Soviet Invasion"
Gauck's Auschwitz speech and Putin's disinvitation coincide with Berlin's open cooperation with the fascist successors of Nazi collaborators to stage a pro-western coup in Kiev. (german-foreign-policy.com reported.[10]) The Kiev government has adopted their anti-Russian standpoints, which are also increasingly having an influence on the German debate where they dovetail with old anti-Russian sentiments. Arseniy Yatsenyuk recently caused a stir with his interview on German television. He literally alleged, "We all remember well the Soviet invasion of Ukraine and Germany."[11] This statement has remained unchallenged.

[1] Streit in Polen über Einladung Putins zu Auschwitz-Gedenken 2015. www.tt.com 09.05.2014.
[2] Gedenkfeier zum deutschen Überfall auf Polen 1939. www.bundespraesident.de 01.09.2014.
[3] Joachim Gauck: Winter im Sommer, Frühling im Herbst. München 2009. See Hans-Rüdiger Minow: Der Zug der Erinnerung, die Deutsche Bahn und der Kampf gegen das Vergessen.
[4] Joachim Gauck: Welche Erinnerungen braucht Europa? www.robert-bosch-stiftung.de. See The Consensus President.
[5] "Mutige Politiker ziehe ich vor". www.sueddeutsche.de 30.09.2010.
[6] Gauck: Erinnerung an Vertreibung leugnet nicht den Nazi-Terror. www.dradio.de 31.08.2006.
[7] Daniela Dahn: Gespalten statt versöhnt. www.sueddeutsche.de 10.06.2010.
[8] Stéphane Courtois et al.: Das Schwarzbuch des Kommunismus. Unterdrückung, Verbrechen und Terror. München 1998.
[9] www.z-g-v.de.
[10] See Vom Stigma befreit
[11] www.facebook.com/tagesschau/posts/10152968920374407


=== 3 ===

www.resistenze.org - popoli resistenti - ucraina - 14-01-15 - n. 526

La retorica nazista del Primo ministro ucraino Yatsenyuk: accusare l'URSS di aver invaso Germania e Ucraina durante la Seconda guerra mondiale

Bryan Macdonald | globalresearch.ca
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

12/01/2015

Il Primo ministro dell'Ucraina Arseniy Yatsenyuk ha dichiarato, alcuni giorni fa, che fu l'Unione Sovietica ad invadere la Germania e l'Ucraina nella Seconda guerra mondiale. Nonostante i tentativi della stampa occidentale di seppellire la storia, la Russia ora chiede risposte da Berlino.

Niente è più assordante del silenzio. Lo so io, come lo sapete voi e si può essere certi che Angela Merkel lo sappia fin troppo bene. Perché allora è il governo della Cancelliera rifiuta di commentare le strabilianti osservazioni di Yatsenyuk? Le ragioni sono composite, come cercherò tra breve di spiegare.

Prima però, ecco l'esatta citazione di Yatsenyuk: "Tutti noi ricordiamo ancora chiaramente l'invasione sovietica di Ucraina e Germania - ha detto all'emittente di Stato tedesca ARD - E' da evitare [che si ripeta]". "Nessuno ha il diritto di riscrivere gli esiti della Seconda guerra mondiale - ha ancora aggiunto - e il Presidente russo Putin sta cercando di fare proprio questo".

Appena letto il tweet, ero convinto fosse uno scherzo, data la tanta disinformazione circolante sulla piattaforma e l'ho respinto automaticamente come citazione non appropriata. Sicuramente un politico di alto livello non dice una cosa del genere. Solo 24 ore più tardi però, mi sono reso conto che in realtà era stato proprio Yatsenyuk a pronunciare quelle parole.

Arseniy Yatsenyuk, apparentemente selezionato con cura per il posto di Primo ministro dalla diplomatica statunitense Victoria Nuland [1], crede che l'URSS abbia invaso la Germania nella Seconda guerra mondiale. Ciò contrasta la narrazione universalmente accettata che nella realtà la Germania abbia prima attaccato i sovietici con l'Operazione Barbarossa e, dopo aver respinto l'attacco, le forze sovietiche sono infine entrate a Berlino dove hanno incontrato le altre potenze liberatrici, Stati Uniti e Gran Bretagna.

Naturalmente, alcuni affermano che quello di Yatsenyuk sia stato un lapsus. Ma questa è una sciocchezza perché in effetti l'unica cosa a cadere è stata la sua maschera. Ho sentito già in precedenza commenti simili in Ucraina occidentale, la terra del Primo ministro. Yatsenyuk proviene da Chernivsti, ampiamente considerata la seconda capitale culturale della regione, dopo Lvov, da molti vista come la roccaforte nazionalista.

Qualcosa di interessante era solito avvenire in Ucraina ogni 9 maggio (anniversario della resa tedesca nel 1945). Kiev, Kharkov, Odessa, Donetsk, Dnipropetrovsk e tutte le altre grandi città, tranne una, celebrano la sconfitta dei nazisti. Molti a Lvov non hanno mai guardato troppo bene a questa data. Infatti, nel 2011, alcuni "patrioti" locali hanno attaccato un piccolo nucleo di veterani che commemoravano l'occasione [2].

La ragione di questo sentimento è semplice. Gli ucraini occidentali credono di aver perso la guerra. La loro parte è stata sconfitta. In parole povere, Yatsenyuk è solo un prodotto del suo ambiente. Tuttavia, questa volta ha espresso pubblicamente un'opinione che probabilmente in precedenza era riservata ai discorsi privati. E' possibile che pensasse che il pubblico tedesco avrebbe potuto trovarsi in sintonia con la sua posizione. Se è stato così, ha compiuto un enorme errore di lettura del popolo tedesco.

Gli standard dei libri di storia negli Usa e in Europa occidentale danno agli studenti l'impressione che la Seconda guerra mondiale in Europa sia stata una lotta tra Germania, Unione Sovietica, Francia e Regno Unito, con gli Stati Uniti a farsi coinvolgere nel conflitto successivamente. Gli altri paesi in cui è stata combattuta la guerra sono, in gran parte, considerati vittime della Germania. Questo è semplicistico. In realtà, la Germania non era da sola a invadere l'Unione Sovietica nel 1941. Anche le forze di Romania, Finlandia, Italia, Ungheria e Slovacchia hanno preso parte all'operazione ed elementi ucraini occidentali collaborarono con la macchina da guerra hitleriana. La differenza tra Ucraina e, per esempio, Slovacchia è che gli slovacchi giunsero a capire che il loro comportamento era sbagliato 
durante la guerra. Il leader filo-nazista, Jozef Tiso, è giustamente vituperato dalla stragrande maggioranza delle persone a Kosice e Bratislava. Tuttavia, in Ucraina occidentale, al loro capo Stepan Bandera, accolito di Hitler, è accordato il titolo di "eroe". In effetti, c'è una sua statua gigantesca di fronte alla stazione ferroviaria principale di Lvov.

Il riguardo ucraino per reliquie del passato nazista è sia imbarazzante, che preoccupante per la Germania. Sono convinto che la Merkel spesso abbia desiderato dai suoi alleati la ricerca di uno Stato cliente più ragionevole per fungere da antagonista verso la Russia. Il rifiuto dell'Ucraina di affrontare il proprio passato a testa alta è una piaga infetta per i diplomatici europei.

Proprio questa settimana, il Presidente ceco, Milos Zeman, è stato coinvolto in una discussione con giovani studenti ucraini sostenitori di Bandera. "Siete a conoscenza della dichiarazione di Bandera: «Devi uccidere ogni persona polacca tra i 16 ed i 60 anni di età»? Se dite di non saperlo, allora che razza di studiosi di cose ucraine siete?", ha scritto.

E Zeman prosegue: "Voglio dirvi che Bandera ha voluto fare dell'Ucraina uno stato vassallo della Germania... non posso congratularmi con un Paese che ha simili 'eroi nazionali'".

Questo spiega anche il silenzio dei media tedeschi sulle parole di Yatsenyuk. Se il pubblico tedesco fosse stato reso pienamente consapevole di ciò che l'ospite da Kiev aveva dichiarato, si sarebbe indignato. Tanto che la Merkel si sarebbe sentita in dovere di ritirare il sostegno all'Ucraina.

Se i commenti di Yatensyuk fossero stati ampiamente diffusi, avrebbero incoraggiato i revisionisti, che purtroppo non mancano, in Germania e altrove.

Così, quando sembrava che la storia dovesse finire lì, il ministero degli Esteri russo è intervenuto chiedendo a Berlino di definire la sua posizione ufficiale sulla verbosità di Yatsenyuk. La risposta, ammesso che arrivi, sarà da raccontare.


=== 4 ===


Kiev. “Democratizzazione” alla Stepan Bandera: comunisti fuorilegge

di Marat Grassini, 24 Dicembre 2014

Dopo il voto della Rada sulla rinuncia allo status di Paese fuori dai blocchi, la Giunta al potere a Kiev compie un altro passo, casomai qualcuno non l'avesse intesa, sulla strada dell'aperta democratizzazione, intesa alla maniera di Stepan Bandera.
Secondo notizie d'agenzia, la Corte d'Appello di Kiev ha rinviato al Tribunale di primo grado il caso della proibizione del Partito Comunista d'Ucraina. In tal modo, scrivono le agenzie, è stata annullata la sentenza del Tribunale amministrativo distrettuale di Kiev sulla sospensione del procedimento.
La decisione sarebbe stata presa dopo l'esame del ricorso da parte del Ministero della Giustizia e del Servizio di Registrazione di Stato. Lo scorso 8 luglio, infatti, il Ministero della Giustizia aveva avviato una causa presso il Tribunale amministrativo distrettuale di Kiev per il divieto delle attività del Partito Comunista d'Ucraina, sulla base di una “documentazione di attività illegali dei comunisti” e di “partecipazione diretta dei rappresentanti del Partito Comunista alle azioni di guerra contro le forze ucraine”, presentata dal Ministro della Giustizia Pavel Petrenko.
Il 5 novembre scorso, tuttavia, la Corte distrettuale amministrativa di Kiev aveva sospeso l'esame della richiesta di divieto delle attività del PCU, fino a quando il tribunale non avesse esaminato le querele a sua volta presentate dallo stesso PCU contro il Ministero della Giustizia e il Servizio statale di registrazione.
Sempre nel luglio scorso, la Procura generale e il Servizio di Sicurezza dell'Ucraina avevano avviato 308 procedimenti penali contro i membri del Partito Comunista ucraino. Secondo le accuse, i comunisti erano sospettati "di sostenere l'annessione della Crimea e la creazione delle Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk”.
Il vice Ministro della Giustizia Igor Alekseev aveva detto che in tribunale erano state fornite "prove inconfutabili" a conferma che "i vertici del Partito Comunista e i suoi esponenti locali erano intervenuti a sostegno del movimento separatista nelle regioni orientali."
Il 24 luglio era stata sciolta la frazione del Partito Comunista alla Rada. "Il gruppo comunista contava 33 deputati; 10 ne sono usciti, così che ora non ci sono sufficienti deputati per il funzionamento della frazione. Sciogliendo la frazione, abbiamo corretto un errore storico. Spero che non ci sarà più ideologia comunista nella nostra società" aveva detto l'allora speaker della Rada e attuale Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale, nonché capo della frazione parlamentare del "Fronte Popolare", Alexander Turcinov.
E una decina di giorni fa, poi, era stato portato all'OdG della Rada un disegno di legge per vietare la propaganda dell'ideologia comunista. Primo firmatario dell'iniziativa, ancora l'ex speaker della Rada Turcinov. Lo stesso Turcinov che, secondo le recenti dichiarazioni del deposto presidente ucraino Janukovic, sarebbe il diretto responsabile (era allora Presidente ad interim dell'Ucraina) dell'avvio delle azioni di guerra contro la popolazione del Donbass.
Secondo il testo del disegno di legge, firmato anche dai rappresentanti dei cinque partiti della Giunta di governo, la coalizione parlamentare in Ucraina intende vietare la propaganda comunista e anti-ucraina – insieme, teoricamente, a quella nazista e fascista tornate invece in gran voga - in qualsiasi forma. Uno degli obiettivi è anche "il completamento della decomunistizzazione di tutte le sfere della vita pubblica" dell'Ucraina affermano gli estensori del provvedimento.

---


Kiev all’assalto, ancora morti. I libri di scuola rivalutano Bandera

di Marat Grassini 
Mercoledì, 21 Gennaio 2015

Ancora quattro civili uccisi e 12 feriti nelle scorse ore dalle artiglierie ucraine su Donetsk che hanno colpito almeno 25 volte il capoluogo e le città vicine, secondo quanto dichiarato dal vice Ministro della difesa della Repubblica di Donetsk Eduard Basurin. Ancora una volta  il maggior numero di vittime (tre morti e un ferito in gravissime condizioni) a una fermata di autobus nel centro della città. Non si può proprio dire che i sistemi “Grad” e le salve dell'esercito ucraino fungano da qualcosa di diverso che non il terrorismo su vasta scala contro la popolazione inerme.

Da parte sua, il Presidente della Repubblica di Donetsk Aleksandr Zakharcenko ha annunciato che i corpi dei soldati governativi morti nella battaglia per l'aeroporto cittadino verranno restituiti alla parte ucraina e anche i militari fatti prigionieri saranno consegnati alle famiglie. Nei giorni scorsi infatti, su insistenza del Presidente del Consiglio nazionale di difesa ucraino ed ex speaker della Rada, Aleksandr Turcinov, il presidente Petro Poroshenko ha gettato l'esercito all'attacco dell'aeroporto di Donetsk. 
Secondo lo stesso Basurin, l'improvvisazione e la mancanza di preparazione degli attaccanti avrebbe causato la morte di oltre 200 soldati e il ferimento di altri trecento, oltre che la perdita di un'ottantina di mezzi corazzati e la cattura di numerosi combattenti da parte delle forze armate della Repubblica Popolare di Donetsk. Le milizie lamentano la perdita di 16 uomini e il ferimento di oltre 20. Sempre Basurin parla anche di oltre trenta civili uccisi da raid aerei ucraini (negati da Kiev) su Gorlovka, dove in precedenza si era avuta notizia di due morti, alla fermata cittadina di un autobus.

Intanto, mentre si attendono le conclusioni della riunione straordinaria dell'Osce dedicata specificamente all'Ucraina, il Ministero degli esteri russo conferma la partecipazione del Ministro Sergej Lavrov all'incontro a Berlino del cosiddetto Gruppo di Contatto secondo il “formato di Normandia” (Francia, Germania, Russia e Ucraina), in programma per oggi, mercoledì 21 gennaio.

Nessuna novità di rilievo invece da Kiev, considerando che le ultime notizie seguono perfettamente la linea tracciata da tempo dalle autorità golpiste sulla scia del redivivo Stepan Bandera: il Ministero per l'istruzione ha annunciato che sui manuali di storia a uso scolastico, d'ora in poi l'Urss verrà qualificata come potenza “occupante”. Il periodo postbellico sarà definito come “occupazione sovietica”; la Grande guerra patriottica (così veniva definita in epoca sovietica e lo è tuttora in Russia e in altri paesi dell’ex Urss; ma in Ucraina la si reputa una formula “propagandistica staliniana”) diventerà semplicemente Seconda guerra mondiale e l'organizzazione nazionalista fascista OUN-UPA diventerà un “combattente contro il nazismo”. Poco importa che gli attuali continuatori delle gesta efferate – contro soldati sovietici, contro ebrei e contro ucraini stessi – delle truppe di Bandera sventolino oggi proprio le insegne hitleriane. Inoltre, la liquidazione postbellica dei rimasugli di OUN-UPA che avevano collaborato coi nazisti viene definita come “lotta fratricida”. Di seguito, i nuovi manuali non conterranno più la frase “liberazione dagli occupanti fascisti” e al suo posto apparirà la “cacciata degli occupanti nazisti dall'Ucraina”. Si sottintende con ciò che, con la fine dell'occupazione nazista, nel 1944, l'Ucraina non rimase libera, ma si ritrovò a essere occupata da un altro oppressore. Così, i prossimi 8 e 9 maggio, giorni in cui in tutti i Paesi dell'ex Unione sovietica si ricorda la  vittoria sulla Germania nazista, in Ucraina si festeggeranno il “Giorno del ricordo e della pacificazione” e il “70mo della fine della guerra in Europa”. Il finale è che “L'Ucraina è divenuta libera solo il 24 agosto del 1991, con la fine dell'Unione sovietica”.
Ma il vero finale della giunta golpista e delle sorti dell'Ucraina appare oggi tutto da scrivere.