(english / francais / russkij / castellano / italiano)


2 Maggio 2014–2016 ricordiamo il pogrom di Odessa

1) INIZIATIVE: Milano, Bologna, Urgent IAC/UNAC Appeal
2) DOCUMENTAZIONE. I link più importanti
3) TESTIMONIANZE. Strage di Odessa: parla una sopravvissuta
4) LE PERSECUZIONI. I casi di Igor Astakhov e Vladimir Grubnik
5) Consiglio d’Europa boccia Kiev.“A Odessa polizia fu complice” (5.11.2015)
6) Altri aggiornamenti sulla situazione a Odessa


=== 1 ===

BOLOGNA, lunedì 2 maggio 2016
dalle ore 18:00 in Piazza verdi

OMAGGIO ALLE VITTIME DEL POGROM DI ODESSA

Piazza Kulikovo, Odessa, Ucraina, 2 maggio 2014: bande di nazisti di EURO-Majdan assaltano e danno alle fiamme la “Casa dei Sindacati” bruciando vive decine di persone; quelli che riescono a fuggire dal rogo sono spesso linciati, chi si salva finisce in galera. L'impressione destata dalla strage è alla base della legittima rivolta delle province del Donbass contro il governo golpista instaurato a Kiev due mesi e mezzo prima.

A due anni da quei fatti, i più cruenti del nuovo corso politico europeista e atlantista dell'Ucraina, ed a pochi giorni da una nuova strage contro civili disarmati da parte del regime di Kiev (Olenovka 26 aprile: cinque morti e numerosi feriti per un colpo di artiglieria del battaglione Aidar), commemoriamo le vittime a Bologna così come in numerose altre città italiane ed europee. 

Protestiamo contro le classi dirigenti dei nostri paesi, che sono complici della rinascita del neonazismo, della affermazione del peggiore sciovinismo nazionale e revisionismo storico, della imposizione di politiche neocoloniali e iperliberiste in tutto il Continente. 
Solo la mobilitazione popolare può frenare la deriva verso nuove guerre dentro e fuori l'Europa.

SOLIDARIETA' CON L'UCRAINA ANTIFASCISTA!
SOSTEGNO AI LAVORATORI DEL DONBASS E ALLE LORO REPUBBLICHE POPOLARI!
NO ALLA JUNTA GOLPISTA DI KIEV! NO ALL'ESPANSIONE A EST DELLA NATO!
GIUSTIZIA PER I MORTI DI ODESSA!

NO PASARAN!

Comitato Ucraina Antifascista Bologna
e Campagna Noi Restiamo Bologna
promuovono il presidio che si terrà

a Bologna, lunedì 2 maggio 2016
dalle ore 18 in Piazza Verdi

ed invitano tutti i cittadini, i gruppi e le forze politiche antifasciste ad aderire e partecipare


---

MILANO, lunedì 2 maggio 2016
dalle ore 18:30 alla Loggia Dei Mercanti (piazza dei Mercanti)

REMEMBER ODESSA 2016

Chiediamo giustizia per i morti della strage di Odessa, che è stata perpretata anche al di fuori della Casa dei Sindacati. Ancora oggi non è dato sapere il numero esatto delle vittime, pur risultando disperse almeno trecento persone.


---

Urgent appeal to support activists in Odessa, Ukraine:

Join Ramsey Clark, Cynthia McKinney, 
John Pilger, Sara Flounders & more!


The International Action Center endorses this appeal from the United National Antiwar Coalition (UNAC) on behalf of besieged activists and family members in Odessa, Ukraine. We urge you to support UNAC's delegation to Odessa and share this information widely.

From UNAC Co-coordinators 
Marilyn Levine & Joe Lombardo:


It's been nearly two years since the world was shocked by reports of the deaths of scores of pro-democracy activists at the hands of extreme right-wing forces in the city of Odessa, Ukraine.

It was barely three months after a violent, right-wing coup overthrew the elected Ukrainian government. The activists had set up a tent city in Odessa's historic Kulikovo Square to publicize their demand for a national referendum to decide the legitimacy of the coup.

On May 2, a large mob led by organized fascist groups set fire to the camp, forcing the activists to retreat into the nearby five-story House of Trade Unions. The building was then set on fire. Many died of smoke inhalation or were burned alive. Some jumped to their deaths. Some of those attempting to flee the building were shot or beaten to death. One pregnant woman was strangled. At least 46 activists were killed and many more were injured. (You can find many Internet videos. A good overview is here: https://www.youtube.com/watch?v=yflMScowPfk)

Every week since the massacre, family members, friends and supporters, organized as the Mothers Committee for May 2, have held memorials in Kulikovo Square. These memorials are often harassed by the same or similar right-wing thugs, many of whom belong to neo-Nazi organizations.

The Mothers Committee is now planning a large memorial for this May 2 to mark the second anniversary of the massacre. The fascist organizations have publicly declared that they will not allow the memorial to take place.

In response to this very serious situation, and in consultation with our contacts in Odessa, UNAC is working to re-focus the world's attention on Odessa, in the hope that this might help convince the U.S. and Ukrainian governments that allowing an attack on the memorial would not be in their best interests.

As part of this effort, UNAC will be sending a delegation of U.S. human rights activists to Odessa to monitor the memorial. We also sent a statement to the United Nations Human Rights Committee endorsing the call by the Mothers Committee for an international investigation into the 2014 massacre. Significantly, one of the leading fascist organizations, called Maidan, has formally asked the U.N. to deny this request.

 

YOU CAN HELP! 

We also have drawn up the attached statement calling on the city government of Odessa, the federal government of Ukraine and the U.S. government to ensure that the civic rights of those attending the May 2 memorial, including the U.S. monitors, are respected. The statement also again endorses the Mothers Committee's call for an international investigation into the events of May 2, 2014.

We are now appealing to human rights and progressive organizations and prominent individuals to sign on to this statement. We are asking you to help with this effort. Please send endorsements to: 

UNACpeace@....

TIME IS OF THE ESSENCE

In order to be effective, we will need to send the statement to the Odessa, Ukrainian and U.S. authorities as soon as possible. At the same time, we will be releasing the statement to the world media.
------------------------
Statement in support of May 2 memorial in Odessa and for a United Nations investigation into the tragic events of May 2, 2014

On May 2, 2016, a memorial will be held in Odessa, Ukraine, to honor the memory of scores of pro-democracy activists who were brutally murdered on that date in Odessa two years ago. There is no reason for the City authorities to forbid a peaceful memorial, but right-wing radicals - some of whom are believed to have been involved in the events of 2014 - have declared that they will not allow it to proceed. 


Partial list of endorsers:
Ramsey Clark - Former U.S. Attorney General; Human Rights Activist
Cynthia McKinney, Ph.D - Former Member, U.S. Congress; 
2008 Green Party U.S. Presidential Candidate

John Pilger - Award-winning Journalist
Marilyn Levin & Joe Lombardo - Co-Coordinators, United National Antiwar Coalition (UNAC)
Ray McGovern - Former CIA Analyst; Co-Founder,
Veteran Intelligence Professionals for Sanity

Margaret Kimberley - Editor and Senior Columnist, Black Agenda Report
Bernadette Ellorin - Chairperson, Bayan USA
Ana Edwards - Chair, Virginia Sacred Ground Historical Reclamation Project, Richmond, Virginia
Sara Flounders, Co-Director, International Action Center
U.S. Peace Council
See full statement and full list here: http://nepajac.org/ukrainepetition.htm

This statement was initiated by the United National Antiwar Coalition, a broad coalition of peace and justice organizations in the United States. UNAC encourages the circulation of this petition among human rights organizations all over the world. Please send all new endorsements to: UNAC, PO Box 123, Delmar, NY 12054 USA; Phone:  518-227-6947; Email: UNACpeace@...; Web: www.unacpeace.org/

International Action Center
c/o Solidarity Center, 147 W. 24 St., 
Suite 2, New York, NY  10011

Phone: 212-633-6646
IACenter.org
No2NATO.org



=== 2 ===

DOCUMENTI, DOSSIER E VIDEO:

RASSEGNA DI DOCUMENTI E VIDEO SULLA STRAGE DI ODESSA:

ПРИНИМАЕМ ОГОНЬ НА СЕБЯ! ОДЕССА 2 МАЯ 2014 ГОДА. 
DOSSIER dettagliato in russo sulla strage realizzato da Evgenija Kulikova, con nomi e fotografie di 47 vittime accertate


NUOVE SEGNALAZIONI:

L’ONU SI ACCORGE DEL MASSACRO DI ODESSA (PTV news 25 marzo 2016)
Una conferenza all'ONU il 22.3.2016 ha esposto fatti gravissimi che a molti ancora restano ignoti

QU’EST CE QUI S’EST PASSÉ CE 2 MAI 2014, À ODESSA ? (7 Mar 2016, Paul Moreira)
Quand j’ai commencé cette enquête sur l’Ukraine, j’ai découvert avec sidération à quel point le massacre d’Odessa en mai 2014 avait disparu des mémoires… 45 personnes tuées dans un incendie au coeur d’une grande ville européenne en plein milieu du XXIème siècle. Tout avait été filmé par des dizaines de caméras et de téléphones portables. Autour de moi, personne ne s’en souvenait...


=== 3 ===

Si veda anche la testimonianza esclusiva di un assalitore, da noi resa pubblica nel 2015

---


Strage di Odessa: parla una sopravvissuta. “La brutalità ed il terrore di quel giorno dovevano essere una lezione per qualunque oppositore.”


Ripercorriamo con le parole di una testimone diretta il giorno in cui il mostro creato in Ucraina ha sprigionato tutta la sua atroce brutalità


 
di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti

Notizia del:  30/03/2016
 
A quasi due anni da uno dei più tragici episodi di violenza fascista dei nostri tempi, abbiamo intervistato Svetlana, una sopravvissuta della strage consumatasi ad Odessa il 2 Maggio del 2014.
 
Svetlana, di cui non riveliamo la reale identità per ragioni di sicurezza, vive in Italia da tempo.

Alleghiamo al testo alcune foto e documenti utili a contestualizzare questa testimonianza.

Sulla scia di sangue di Maidan, la tragedia di Odessa, insieme al massacro di Mariupol, segnano un “prima” e un “dopo” nel conflitto ucraino: una guerra civile che si protrae da quasi due anni nel  silenzio assordante dei media occidentali.
 
Nonostante i documenti ufficiali parlino di 48 persone uccise, la maggior parte dei testimoni e dei giornalisti che hanno seguito la vicenda concorda sul fatto che il numero reale dei morti sia tragicamente più alto.

Nel frattempo, sabato 27 Marzo circa 100 neonazisti ucraini hanno attaccato il presidio dei parenti delle vittime che ogni domenica ricorda la strage radunandosi presso la Casa dei Sindacati di Odessa.


L'Intervista per l'AntiDiplomatico
 

Che cos'è successo ad Odessa il 02 Maggio del 2014?
 
Doveva esserci una partita tra il Chernomorets (Nda, la squadra di calcio di Odessa)  ed il Metallist (Nda, quella di Kharkov). I fascisti ucraini avevano annunciato di voler marciare nel centro della città. I ragazzi del movimento Kulikovo Pole (Nda: in russo “Campo Kulikovo”, il movimento odessita di opposizione al Maidan. Prende il nome ) intendevano fermarli: verso le due del pomeriggio si erano dati appuntamento per impedirgli di marciare ed avevano organizzato la difesa dell'accampamento di fronte alla Casa dei Sindacati.
C'erano anche alcune donne, tra cui io, per un totale di circa 400 persone. Gli organizzatori avevano concordato i movimenti di piazza con la polizia: in tre mesi di mobilitazioni non avevamo creato alcun tipo di disordine.
La fazione che comprendeva gli ultras e la gente radunata dai fascisti contava oltre 3000 persone. Dopo alcune provocazioni è cominciato uno scontro: l'obiettivo dell'aggressione contro Kulikovo Pole era quello di sgomberare la piazza prima del 9 Maggio, l'anniversario della vittoria contro il nazifascismo: la giornata avrebbe richiamato migliaia di persone tra le nostre fila dando molta forza al nostro movimento. Consapevoli di questo ci eravamo fermamente rifiutati di abbandonare la piazza. La loro incomparabile forza militare li ha convinti che quel giorno avrebbero avuto la possibilità di spazzarci via da Odessa definitivamente.
Come me molti tra noi si erano rifugiati nella Casa dei Sindacati, davanti alla quale avevamo costruito delle barricate, presupponendo che il livello del probabile scontro non sarebbe andato oltre quello che ci aspettavamo: mani nude, pietre, bastoni. Altri consideravano, che nel peggiore dei casi l'intervento della polizia avrebbe comunque evitato un aggravarsi della situazione, ma quando i fascisti hanno cominciato a buttare le bottiglie incendiare dentro la Casa dei Sindacati sul posto c'erano solo due volanti.
Credo che la loro scelta di utilizzare il fuoco non fosse casuale, ma piuttosto volta a rendere la loro azione il più brutale possibile.
Probabilmente oltre ai pneumatici che avevano incendiato, hanno utilizzato anche delle sostanze tossiche: c'era un odore acre, che rendeva l'aria irrespirabile. Alcuni parlavano di strani fumi verdastri che mozzavano il respiro in un attimo. La gente cercava di scappare nei corridoi rifugiandosi nelle stanze o vicino alle finestre ma, come si vede nei filmati, i fascisti sparavano da fuori contro di noi e continuavano a lanciare bottiglie incendiarie. 
Pravij Sektor, Svoboda e tutti i gruppi fascisti intendevano dare una dimostrazione di forza, mostrandosi come i padroni dell'Ucraina. Quello che è successo mi ha ricordato esattamente quello che i banderisti (Nda: seguaci di Stepan Bandera, capo del collaborazionismo nazista ucraino) hanno fatto in Galizia ai polacchi, agli ebrei, e a tutti coloro – russi e ucraini – che sostenevano l'Unione Sovietica. Uno degli episodi tristemente più simili a quello che è successo il 2 Maggio ad Odessa forse è stata la Strage di Khatin (Nda, il paese bielorusso dove  il 22 Marzo del 1943 come rappresaglia i nazisti bruciarono vivi almeno 149 civili dopo averli radunati in un edificio).
Ad Odessa, città eroica nella resistenza contro il fascismo, la brutalità ed il terrore di quel giorno dovevano essere una lezione per qualunque oppositore.

 
Come sei riuscita a salvarti?
 
Io mi sono nascosta in un ufficio, dentro il quale alcuni di loro hanno cercato di entrare con la forza. 
Alcuni sono stati feriti, altri uccisi. Molte donne sono state violentate: le foto e video girati dai sopravvissuti – oltre alle autopsie - lo dimostrano chiaramente.
Probabilmente sono sopravvissuta solo perché oltre ai gruppi di fascisti armati quel giorno c'erano alcuni odessiti che sostenevano Maidan ma che non intendevano rendersi complici di quel  massacro: una parte di quelli che aveva appoggiato il Maidan, dopo quel giorno si è rifiutata di continuare a sostenere queste bande di assassini e di criminali. Così alcuni tentarono di risparmiare delle donne, tra cui io. Mentre uscivamo, altri cercavano di picchiarci. Ricordo di una mia amica presa a calci mentre cercava di scappare. Quasi tutti venivano fermati e perquisiti dai fascisti: guardavano nelle borse. prendevano i cellulari, i documenti e anche i soldi. La maggior parte di loro si è comportata esattamente come si comportano i veri fascisti: come delle bestie. 
Alcune persone sono state evidentemente freddate da dei colpi di pistola: lo dimostrano anche le autopsie. Credo che in fondo dopo questo episodio i fascisti abbiamo raggiunto il loro scopo: terrorizzare la gente e mettere a tacere ogni possibile dissenso.  
Quel giorno tanti sono stati portati ad Odessa dall'Ucraina occidentale o da Kiev. Credo che la responsabilità sia dell'attuale governo e degli oligarchi come Kolomoiskij, sicuramente in accordo con chi aveva gestito materialmente il Maidan. Molti politici ucraini si sono complimentati per l'ottimo lavoro svolto e per aver eliminato “il separatismo” da Odessa.
 

Qual è stato il ruolo della polizia in questa vicenda?
 
Alcuni poliziotti – sopratutto quelli non odessiti – bloccavano il passaggio dalle uscite secondarie della Casa dei Sindacati obbligandoci a passare in mezzo ad una specie di “corridoio della vergogna” pretendendo così di umiliarci ulteriormente.
La maggior parte di loro è stata a guardare,  intervenendo solo con enorme ritardo. 
Chi tra i tra poliziotti avesse voluto opporsi a quello che stava succedendo era di fatto impotente: la polizia presente era disarmata.
Dopo il golpe il governo ha inserito tra i ranghi della polizia nuovi funzionari, che assecondando e rendono possibile la nostra persecuzione.

 
Conoscevi alcune delle persone che sono morte quel giorno?
 
Si, personalmente ne conoscevo due. Uno di loro era Vyacheslav Markin, un deputato del parlamento regionale: uno dei pochissimi dei deputati regionali che si opponeva ai risultati di Maidan senza paura.
Quel giorno dopo essere stato picchiato è morto anche Vadim Papura: nonostante fosse religioso Vadim faceva parte del Komsomol (Nda: l'organizzazione giovanile del partito comunista ucraino): come è possibile vedere nelle foto e nei video il giorno prima, per il 1 Maggio, era nelle prime file del corteo con la bandiera rossa: probabilmente è stato riconosciuto ed hanno deciso di fargliela pagare.

 
Che cosa è successo in quasi due anni ai responsabili di questa vicenda? 
 
Ad oggi molti di loro continuano a vantarsi pubblicamente di quello che è stato fatto quel giorno: anzi, alcuni si rammaricano di aver fatto un numero di morti troppo basso. I sopravvissuti invece stanno tutt'ora subendo le persecuzioni del governo: alcuni di loro vennero arrestati sulla base di alcune testimonianze di persone che  in seguito hanno detto pubblicamente di essere state costrette sotto tortura a dichiarare il falso. Ogni due mesi viene prorogata la loro detenzione senza che nei loro confronti venga formulata un'accusa specifica. 
Altri, che potrebbero fornire delle testimonianze utili, secondo il tribunale sono irreperibili. Probabilmente sono stati semplicemente costretti al silenzio. 
Ad oggi in carcere non c'è nessuno tra i responsabili della strage. Uno di loro, ad esempio, circa un anno fa - poco dopo il suo arresto - è stato liberato a causa delle pressioni dei gruppi fascisti.
Alle loro spalle questa gente sente il sostegno dell'Unione Europa e degli Stati Uniti, ed è convinta, forse a ragione, che questo per loro rappresenti la migliore protezione.
Anche se l'Unione Europea sostiene di non dare sponda ai fascisti, il suo appoggio a Poroshenko rappresenta un aperto sostegno nei loro confronti. I fascisti sono parte delle istituzioni: sono a capo delle forze di polizia e dei battaglioni punitivi (Nda: ad esempio il battaglione Aidar, o il battaglione Azov). Questo è motivo per cui ad oggi per lo stato ucraino non esistono responsabili della strage di Odessa.  Il fascismo rappresenta una minaccia per il mondo. I fascisti di tutta Europa vedono nell'Ucraina un possibile modello replicabile altrove. 

 
Qual'è stato secondo te l'atteggiamento dei media italiani nei confronti della strage di Odessa della guerra civile in corso?
 
Nei media italiani c'è stato un silenzio totale su quello che è successo ad Odessa come sulla guerra in Donbass: a me questo stupisce. Noi siamo europei, ma evidentemente solo quando fa comodo.
Per fortuna quando parlo con le persone, spesso molte non capiscono del tutto: è difficile soprattutto per chi non ha l'abitudine di usare internet, dove comunque non è semplicissimo capire la verità. 
Ma in ogni caso tutti, dopo i miei racconti, si convincono che c'è qualcosa che non va. Un anno fa alcuni mi chiedevano: ma se secondo te è giusto che in Ucraina ci sia un'opposizione fascista contro il governo? La realtà è evidentemente un'altra. Noi siamo antifascisti, e subiamo la persecuzione di un governo di fascisti e di criminali. La Federazione Russa è stato l'unico Paese del mondo a dichiarare ufficialmente che la strage di Odessa rappresenta un atto criminale contro il popolo. 

 
Ed oggi qual'è la situazione per gli oppositori in Ucraina?
 
Per chiunque critichi il governo oggi la situazione non è diversa da quella che c'era in Italia durante il fascismo. Devi avere paura di parlare con chiunque anche delle cose più banali, anche con il tuo vicino di casa. Il meccanismo della delazione è favorito dal governo.  Non vengono perseguitati solo gli oppositori politici, ma chiunque sia critico verso la situazione sociale, verso i prezzi, i tagli ai servizi sociali, la disoccupazione può essere arrestato. Chiunque viene accusato di essere un “agente del Cremlino”.
E' prevista una multa per chi indossa il nastro di S.Giorgio (Nda, il nastro a bande orizzontali nere e arancioni che da circa un decennio simbolizza la vittoria dei popoli dell’ex Unione Sovietica contro il nazifascismo) . E' stato proibito l'utilizzo della Bandiera della Vittoria, perché è una bandiera del periodo sovietico. Le organizzazioni comuniste sono state messe fuori legge. Tanti sperano nell'arrivo dei propri parenti in armi dal Donbass: la gente sente la propria terra occupata, e l'occupazione è anche mentale. Ho sentito alcuni banderisti dire che ci avrebbero fatto avere paura persino di pensare in russo.

 
Qual è invece la situazione economica e sociale?
 
La situazione è disastrosa ed è destinata ad aggravarsi: mentre gli stipendi e le pensioni fermi, i prezzi per beni di prima necessità sono in continuo aumento. Il Fondo Monetario Internazionale impone all'Ucraina tutto questo: la politica antirussa del governo fa si che solo per pagare le spese per il riscaldamento un anziano debba spendere circa metà della sua pensione. senza considerare acqua, elettricità e le tasse. Tanti già non possono comprare il necessario. 
 

APPENDICE ALL'INTERVISTA
 
Riportiamo di seguito i video dell'aggressione ai parenti delle vittime della strage pubblicati insieme all'articolo

Sulla Strage di Khatin  - in inglese - 
 
Servizio di RT sulla Strage di Odessa
Odessa Massacre: 'Right Sector wouldn't let people out of burning building'' (RT 2 mag 2014)
To fully understand the ongoing situation in Odessa, RT spoke with anti-Kiev protesters who were attacked and trapped inside the Trade Unions House by members of the ultra-nationalist Right Sector group on Friday...
VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=ec0mgpwW6_Y
READ MORE: http://on.rt.com/4x084j

Riprese fatte dall'esterno della Casa dei Sindacati

Altri filmati all'esterno ed all'interno della Casa dei Sindacati

Il funerale di Vadim Papura

Un dossier sulla Strage curato da Nico Macce e pubblicato dal blog Carmilla
 
Su indicazione di Svetlana segnaliamo anche questo dossier – in russo - sulla strage di Odessa realizzato da Evgenija Kulikova
 
Il documentario “Lauffeuer” girato dal giornalista tedesco Ullrich Heyden sulla strage di Odessa nella versione tedesca con sottotitoli in inglese, russo e greco
 


=== 4 ===


Also to read: Kiev’s Repression of Anti-Fascism in Odessa (by Eric Draitser 27.5.2015)
http://www.counterpunch.org/2015/05/27/kievs-repression-of-anti-fascism-in-odessa


--- IGOR ASTAKHOV

Igor Astakhov, prigioniero politico e attivista antifascista di Odessa, è morto in carcere, ucciso dalla mancanza di cure delle autorità ucraine (Enrico Vigna, aprile 2016)
Nella tarda serata del 23 aprile 2016 è morto nel carcere di Odessa il prigioniero politico Igor Astakhov, ucciso dalla illegalità e dalla mancanza di cure, oltreché per le torture e violenze subite in detenzione. Il cuore malato dell'uomo si è fermato. Era il giorno del suo compleanno... Era stato arrestato il 20 gennaio 2015, accusato per i fatti del 2 maggio ad Odessa...

Ucraina: gli antifascisti “uccisi” dal carcere (di Maurizio Vezzosi e Giacomo Marchetti, 28.4.2016)
... Lo scorso 23 Aprile è morto all’età di 48 anni, Igor Astakhov, detenuto in una cella del carcere “Sizo” di Odessa.
Astakhov era in carcere dal 20 Gennaio del 2015, essendo stato accusato di aver ucciso Yana Shishman - e insieme a lei, le sue guardie del corpo -, una delle responsabili della Strage di Odessa del 2 Maggio 2014...
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=15419


--- VLADIMIR GRUBNIK

Ucrania: Un médico de Odessa, simpatizante con Novorossia, fue torturado y está en condiciones deplorables en la cárcel (13/12/2015)
Se sospecha que es una táctica de la junta fascista para intimidar a la oposición y también para expulsar a los partidarios de las posiciones de Novorossia y abrir el camino a su ocupación por los partidarios de Kiev...

Support the Immediate Release of Vladimir Grubnik (December 12th, 2015)




04/04/2016

Ucraina: non si ferma la brutalità dei golpisti



A Odessa, il professore dell'ateneo cittadino Vladimir Ghrubnik accusato di terrorismo si trova in regime d'isolamento da mesi ed in gravi condizioni di salute.


di Svetlana Pravda, perseguitata politica ucraina
 
a cura di Maurizio Vezzosi e di Giacomo Marchetti
 
 
Svetlana, di cui non riveliamo la reale identità per ragioni di sicurezza è una perseguitata politica ucraina che vive in Italia da qualche tempo. Attivista del movimento “Kulikovo Pole”, in opposizione al crescendo golpista e neofascista di Kiev,  è sopravvissuta alla Strage di Odessa del 2014 e recentemente ha raccontato quel giorno all'Antidiplomatico. 
 
Secondo la Repubblica Popolare di Donetsk ad oggi l'Ucraina detiene illegalmente 1106 persone: di queste 362 sono soldati, 575 oppositori politici e 169 civili a cui vengono attribuite responsabilità nel conflitto.  Tra i prigionieri ci sono 39 uomini e 83 donne che hanno più di 60 anni. Al totale di 1106 persone detenute si deve aggiungere il numero di ben 421 persone scomparse.1
 
Nel pubblicare l'articolo di Svetlana ci limitiamo a rimuovere alcuni refusi ed apportare alcune correzioni per favorirne la lettura e la diffusione.

*
 
Dal momento che questa notizia non è conosciuta né in Europa occidentale né in Ucraina ho deciso di raccontarla in Italia, nella speranza che qualcuno possa raccogliere il mio appello.
 
Vladimir Ghrubnik è professore all'Università Nazionale della Medicina di Odessa, di cui detiene la Cattedra di Chirurgia n.3 ed è anche il chirurgo dell'ospedale n.11 della mia città, nonché membro dell'Associazione Europea della Chirurgia endoscopica (European Assciation for endoscopic surgery, EAES).
 
Le autorità di Kiev lo accusano di aver partecipato ad attività terroristiche: è detenuto nel carcere di Odessa dall'ottobre dello scorso anno, nonostante dichiari la sua innocenza e la sua estraneità a qualsiasi attività illegale. Secondo le informazioni che ho solo ad Odessa ci sono almeno 50 prigionieri politici.
 
Nei confronti di Vladimir Ghrubnik la polizia ha utilizzato ed utilizza sistematicamente la violenza per indurlo a mentire e a dichiarare il falso: è rinchiuso in isolamento in una cella umida e buia, e nonostante la sua giovane età di 33 anni si trova in gravi condizioni di salute. Secondo le notizie che ho ricevuto avrebbe i sintomi della tubercolosi, ma al momento non ci sono informazioni più precise.
 
Le continue violenze che subisce sono rese evidenti dai segni visibili in queste foto: non è difficile immaginare quali siano le condizioni nel resto del suo corpo.

La situazione è preoccupante: Vladimir Ghrubnik, all'interno del carcere viene sottoposto a continue brutalità. Il suo stato di salute può solo peggiorare ed è necessario che le associazioni e le ONG che si occupano di diritti umani intervengano affinché la brutalità e la violenza vengano fermate e che Vladimir Ghrubnik venga liberato.
 
Secondo alcune informazioni che ho ricevuto da altri prigionieri politici Vladimir continua a subire brutali pestaggi, e non so quanto tempo potrà resistere a questo genere di pressione fisica.
 
I prigionieri politici durante i processi dichiarano da tempo che la polizia politica ucraina utilizza regolarmente la tortura contro di loro durante gli interrogatori. Tra il personale di Odessa nei servizi segreti ucraini – SBU - il più crudele è l'ufficiale Ismailov, autore di torture mostruose.
 
Ad Odessa gli artefici del golpe del 2014 stanno cercando di assumere la direzione di tutte le cariche istituzionali: nella magistratura, nella polizia, negli ospedali, nelle università. Vengono inseriti dappertutto amici, parenti e familiari allontanando dai posti di lavoro i comuni cittadini di Odessa. I vertici delle forze dell'ordine vengono occupati illegalmente da simpatizzati dal criminale Mishiko Saakashvili – Ndc, Governatore della regione di Odessa - , ricercato dal governo della Georgia.
 
Spero che Vladimir, come gli altri nelle sue condizioni, possano ricevere il sostegno delle organizzazioni italiane ed europee per i diritti umani in modo che questa vicenda riceva l'attenzione dell'opinione pubblica e che l'Unione Europea prenda dei provvedimenti: la violazione dei diritti umani in Ucraina deve cessare.
 




Medical doct

(Message over 64 KB, truncated)