(srpskohrvatski / français / english / italiano)

Impunità assoluta

1) Arresto, squallido teatrino ed ovvio rilascio del criminale UCK-NATO Ramush Haradinaj in Francia 
– Р. Крсмановић: Застрашујућа победа неправде 
– SUBNOR: Зауставите ратне хушкаче!
– RT: Ex-Kosovo PM arrested in France on Serbian warrant 
– Ramush Haradinaj subito rilasciato su cauzione
– Links
2) Le ultime vergogne di UNMIK ed EULEX
– EULEX e il caso dei giornalisti scomparsi
– Kosovo, EULEX continua con poteri ridotti
– 2016: Cronaca di “ordinarie” violenze in Kosovo Metohija 


Su precedenti arresti e rilasci di Haradinaj si vedano: 
2010: https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/crj-mailinglist/conversations/topics/6808 (con numerosi link per un profilo di Haradinaj)
Sullo stato di illegalità cronica vigente in Kosovo si veda anche: http://www.cnj.it/documentazione/interventi/dirittorovescio2015.htm


=== 1 ===

Arresto, squallido teatrino ed ovvio rilascio del criminale UCK-NATO Ramush Haradinaj in Francia 

In ordine cronologico inverso:

---


Ратко Крсмановић  

ЗАСТРАШУЈУЋА ПОБЕДА НЕПРАВДЕ 

Истражно веће Апелационог суда у Колмару одбацило је захтев Србије за изручење Рамуша Харадинаја, којег српско тужилаштво терети за ратне злочине на Косову и Метохији 1998. и 1999. и укинуло му меру забране напуштања територије Француске. 
Бивши лидер терористичке ОВK, а данас лидер Алијансе за будућност Kосова, Рамуш Харадинај је одлуком суда на коју Србија више нема право жалбе, ослобођен и вратио се на Kосово. То су најновији показатељи вишедеценијске стратегије једне од водећих чланица НАТО и ЕУ. Француска је оглушивши се о начела права и правде, искористила политичке полуге да настави са понижавањем Србије и са вређањем жртава злочина једног од вођа терористичке ОВК.  
Тиме се директно охрабрују екстремисти међу Албанцима, а девалвира и слаби утицај Србије као политичког и економског фактора на Балкану. Истовремено се награђују албански екстремисти за послушност у улози реметилачког фактора на Балкану и асистента глобалних империјалистичких пројеката. Само славље поводом овакве одлуке суда у Колмару, било је подстицајно за еуфоричну најаву оживотворења „Велике Албаније“ и скорашњег споразума из Тиране, за реафирмацију примитивне етно-спаситељске балистичке демагогије у којој се једном рађао и развијао фашизам у свом најсвирепијем лику, односно покретање новог балканског сукоба.  
Отуда је оправдано питање - да ли ће Србија и даље пристајати на таква лицемерства водећих чланица ЕУ, истрајавајући на својој безрезервној „европској“ политици, и наставити поводљиву политику самопонижавања, самообмањивања и бесконачних уступака на рачун животних националних и државних интереса? Према реакцијама премијера Александра Вучића и официјалних структура, Србија је одлучна да истраје у одбрани истине, правде, права и националног достојанства. То и није увек у сагласности са праксом ЕУ. 
Француска се на овај начин сврстала у ред оних држава које дискриминишу жртве када су у питању сукоби на КиМ и оних који селективно прилазе кажњавању починилаца најтежих ратних злочина. Није сувишно подсетити да се сам фашизам зачиње, рађа и живи као велика лаж. У Колмару је страдала истина а награђена лаж и злочин.  
Француска је овим поступком открила део свог лица, за које, неспорни злочини, убијање, насиље, криминал, пљачка и тероризам, постају природан начин социјалне егзистенције. Иако смо веровали да су такви, деструктивни обрасци понашања цивилизацијски поражени, они и даље пулсирају и делују као прикривена опција. Да су радикални елементи Космета у минуле три деценије имали тајну подршку Француске, за већину и није неко посебно откриће, али је сада свака рукавица дугих француских руку поцепана.  
Нама је стало до жртава, до истине о ратним злочинима, до правде, до међународног правног поретка... Тако су реаговали српски званичници, суочени са болном чињеницом, да право и правда нису успели да надвладају политику. 
Французи су своје милосрђе према терористима ОВК показивали и кроз понашања Кушнера, Ширака и других званичника, који су директни саучесници почињених злочина на Косову и Метохији. Одлука Истражног већа Апелационог суда у Колмару се показала као наставак непромењене улоге француске политике на Балкану и њеног тријумфа над правдом и истином. Отуда су била илузорна очекивања да ће француско правосуђе проговорити језиком великог Де Гола, Сартра или Митерана, док савремена Француска носи терет кршења међународног права у виду НАТО агресије на Србију (СРЈ) 1999. године, етничког чишћење које је уследило и проглашења независности Косова.  
Заиста је било илузорно очекивање да ће таква Француска признати своје грешке, јер то и није њој својствена особина и поред одговорности за многа страдања, ратове и милионе жртава широм света. 

---

Општи апел – Објављено под Актуелно |  28. априла 2017.

ЗАУСТАВИТЕ РАТНЕ ХУШКАЧЕ!

Председништво СУБНОР-а Србије, традиционалне и антифашистичке организације са преко 130.000 чланова, са огромном забринутошћу прати ратнохушкачка кретања на Балкану и оштро се супротставља поновном ширењу ратног пожара у организацији и спонзорисању  гарнитура на власти у Албанији и других  који сањају као у кошмарним ноћима прекрајање граница и стварања неких нових држава по националистичком рецепту.
Изазивање немира у Македонији прети и осталим државама у региону, а уље на ватру долио је суд у француском Колмару који је одбио крајње објективан захтев државе Србије да изручи ратног злочинца Харадинаја. Та одлука је још један доказ непринципијелности појединих европских држава и кршење међународних прописа и правила и у исто време прети, као опасан преседан, читавом европском континенту да се претвори у зону безакоња и легализовања најтежих злочина попут оних што су албански терористи током деведесетих година прошлог века починили српском и другим народима на Косову и Метохији.
СУБНОР Србије, као активни и уважени учесник најважнијих светских ветеранских организација, обавестио је о овој тешкој и крајње забрињавајућој ситуацији челнике тих организација са седиштем у Паризу и Берлину, као и пријатељска удружења попут Сверуског савеза ветерана Руске Федерације.
СУБНОР Србије је уверења, остајући привржен антифашизму и миру и разумевању међу народима и државама, да ће и сродне ветеранске организације у том погледу реаговати и дати допринос стабилизовању стања у интересу човечанства.

---

KOSOVO : LA JUSTICE FRANÇAISE REPORTE ENCORE SON VERDICT SUR L’EXTRADITION DE RAMUSH HARADINAJ VERS LA SERBIE (Par Laurent Geslin / CdB, 6 avril 2017)
La justice française a, pour la troisième fois, reporté son verdict dans l’affaire Ramush Haradinaj. La Cour d’appel de Colmar a annoncé cet après-midi qu’une nouvelle audience aurait lieu le 27 avril...
https://www.courrierdesbalkans.fr/Kosovo-la-justice-francaise-reporte-encore-son-verdict-sur-l-extradition-de

JUSTICE : RAMUSH HARADINAJ SERA FIXÉ LE 2 MARS PROCHAIN SUR SON SORT (Courrier des Balkans, 9 février 2017)
Lors de l’audience du jeudi 9 février, la Cour d’appel de Colmar a expliqué qu’elle rendrait sa décision sur l’extradition de Ramush Haradinaj vers la Serbie le 2 mars prochain...

Kosovo stato (inventato) canaglia (PandoraTV, 5 gen 2017)

France : arrestation d'un criminel de guerre kosovar - Pour un juste procès ! (Daniel Salvatore Schiffer)
Un important criminel de guerre Kosovar, Ramush Haradinaj, ancien Premier Ministre du Kosovo, vient d'être appréhendé en France suite à un mandat d'arrêt international lancé par la Serbie. C'est là l'une des conséquences de la terrible guerre qui ravagea en 1999, avant l'intervention de l'OTAN, l'ex-Yougoslavie...
Cet article a été publié aussi à la "une " du site d'information français "AgoraVox". En voici le lien:

KOSOVO : RAMUSH HARADINAJ ARRÊTÉ EN FRANCE SUR LA BASE D’UN MANDAT SERBE (CdB, 4 janvier 2017)
Ramush Haradinaj, ancien commandant de l’UÇK et ancien Premier ministre du Kosovo, a été arrêté mercredi après-midi dans la partie française de l’aéroport international de Bâle-Mulhouse-Fribourg, sur la base d’un mandat d’arrêt international émis par la Serbie en 2004...
http://www.courrierdesbalkans.fr/le-fil-de-l-info/kosovo-ramush-haradinaj-arrete-en-france-sur-la-base-d-un-mandat-serbe.html

---


Ex-Kosovo PM arrested in France on Serbian warrant

5 Jan, 2017 – French police arrested former Kosovo Prime Minister Ramush Haradinaj on an international warrant filed by Serbia in 2004. Haradinaj is wanted for alleged war crimes committed during his late-nineties insurgency campaign in the southern Serbian province.
Haradinaj, a former commander in the ‘Kosovo Liberation Army’ (KLA) turned politician, was charged with atrocities during the 1998-1999 conflict. Serbia considers the KLA a terrorist organization.
French police detained Haradinaj on arrival at Basel-Mulhouse airport from Pristina, according to sources who spoke to Reuters. He was reportedly travelling on his diplomatic passport.
A statement by Kosovo’s foreign ministry, cited by Reuters, said Haradinaj “was stopped by French authorities based on an arrest warrant issued by Serbia in 2004, which for us is unacceptable.” The ministry added it was doing everything in its power to secure Haradinaj’s release.
"With these primitive acts, Serbia is not only hurting the spirit of the dialogue to have good neighborly relations, but is proving that it is a destabilizing factor in the whole region”, Edita Tahiri, Kosovo's minister for dialogue with Serbia, is quoted as saying by Reuters.
Haradinaj will remain in custody until Serbia makes a formal extradition request, a French appeal court said on Thursday.
“Our prosecutor's office has numerous pieces of evidence against Mr. Haradinaj," Serbia’s Prime Minister Aleksandar Vucic said on Thursday, as quoted by AP.
“He is accused of so many [crimes] that they are impossible to list,”he added. Vucic also noted that West European countries would have to stop "patronizing" his country on judicial reforms for EU accession if Paris fails to extradite Haradinaj.
Haradinaj, who currently heads the opposition party Alliance for the Future of Kosovo (AAK) was previously detained in Slovenia in 2015, but released two days later after diplomatic pressure from the EU.
The former prime minister has already been tried twice before the war crimes tribunal in The Hague but was acquitted both times, as witnesses against him turned up dead or unwilling to talk.
 He served as prime minister of Kosovo in 2004-2005, while the southern Serbian province was occupied by NATO and under UN administration.
NATO attacked Serbia in 1999 to aid the ethnic Albanian insurgency in Kosovo. The breakaway province unilaterally declared independence from Serbia in 2008, with the backing of Western powers.

---

Ramush Haradinaj è stato rilasciato su cauzione, ma ha l’obbligo di non lasciare la Francia. 

L’ex premier kosovaro era stato arrestato all’aeroporto di Mulhouse in vrtù di un mandato di cattura internazionale richiesto dalla Serbia che lo vuole processare per crimini di guerra. Haradinaj deve restare a disposizione in attesa dell’esame della richiesta di estradizione presentata da Belgrado. L’ex leader delle milizia kosovara Uck è tra l’altro accusato dell’uccisione di 60 civili, di atti di tortura e rapimenti. Per i kosovari, invece, è un eroe.

[Fonte: da Intopic . Si decidessero, gli articolisti, definire chi sono, questi "kosovari"...! Ivan]

KOSOVO : LA JUSTICE FRANÇAISE ORDONNE LA REMISE EN LIBERTÉ DE RAMUSH HARADINAJ (Courrier des Balkans | Par la rédaction | jeudi 12 janvier 2017)
La Cour d’appel de Colmar a ordonné ce jeudi la remise en liberté de Ramush Haradinaj, arrêté le 4 janvier en France à la suite d’un mandat d’arrêt international émis par la Serbie, une décision qui avait provoqué la colère dans le monde albanais...
LA SERBIE MET EN GARDE LA FRANCE CONTRE TOUTE IMPUNITÉ ACCORDÉE À RAMUSH HARADINAJ (Courrier des Balkans | vendredi 13 janvier 2017)
La réaction de Belgrade à l’annonce de la libération, jeudi, de Ramush Haradinaj par la justice française ne s’est pas faite attendre. La Serbie menace de « réciprocité » la France, notamment pour les affaires de terrorisme, si l’ancien commandant de l’UÇK n’est pas extradé...


=== 2===

Le ultime vergogne di UNMIK ed EULEX

In ordine cronologico inverso:

---

En français: KOSOVO : EULEX ET L’ÉTRANGE AFFAIRE DES JOURNALISTES DISPARUS
Osservatorio Balcani e Caucaso | European Center for Press and Media Freedom | Traduit par Béranger Dominici |vendredi 10 mars 2017
« Il n’existe aucune archive secrète, aucun document relatif aux enlèvements et aux assassinats commis au Kosovo qui ne soit déjà entre les mains d’Eulex. » C’est en tout cas ce que soutient la Mission des Nations unies au Kosovo (Minuk). Pourtant, sur les douze cas de journalistes disparus durant la guerre de 1999 ou juste après, ni la Minuk ni Eulex n’ont traduit le moindre suspect en justice...



Eulex e il caso dei giornalisti scomparsi

Dopo più di quindici anni dai fatti, né Unmik né Eulex sono riuscite a fare chiarezza sulla scomparsa di 12 tra giornalisti e operatori dell'informazione serbi durante e subito dopo il conflitto in Kosovo

02/03/2017 -  J. L. Petković

(Originariamente pubblicato da Vesti  , il 19 febbraio 2017, titolo originale Euleksu dokazi kucaju na vrata, nema ko da otvori  )

"Non c'è alcun archivio 'segreto', nessun documento relativo alle indagini su rapimenti e omicidi contro la popolazione civile in Kosovo che non sia già in mano ad Eulex" sostengono alla missione UNMIK. Fino ad oggi però né Eulex né Unmik sono riuscite a portare davanti alla giustizia nemmeno un sospettato del sequestro e omicidio di 12 tra giornalisti e operatori dell'informazione scomparsi durante o subito dopo il conflitto in Kosovo.

Da Unmik a Eulex e ritorno 

La Commissione consultiva per i diritti umani (Human Rights Advisory Panel), istituita nel 2006 sotto l'egida dell'Unmik (United Nations Interim Administration Mission in Kosovo), divenne operativa nel 2008, anno in cui tutta la documentazione prodotta nel corso dell'attività investigativa di questa amministrazione provvisoria, ovvero le sue competenze in materia di tutela dello Stato di diritto furono trasferite all'Eulex (European Union Rule of Law Mission in Kosovo). Lo scopo della Commissione era quello di esaminare le denunce mosse dai familiari di persone uccise o scomparse, che erano convinti che la missione dell'Onu in Kosovo non avesse fatto nulla per scoprire la verità su quanto accaduto.

A rivolgersi a questa Commissione erano soprattutto i familiari delle vittime di nazionalità serba, tra cui anche quelli di quattro giornalisti e operatori dell'informazione scomparsi o uccisi in Kosovo. Dal momento che tutta la documentazione prodotta sia dall'Unità per le persone scomparse che dall'Ufficio legale dell'Unmik era già stata consegnata alla Procura di Eulex, la Commissione, ogni volta che doveva esaminare una denuncia, era costretta a chiederla indietro.

Come affermato dagli ex dipendenti del Segretariato della Commissione, il cui mandato è scaduto nel 2016, “nell'assoluta maggioranza dei casi relativi a persone scomparse, i documenti esaminati dalla Commissione sono stati ottenuti da Eulex, innanzitutto dall'Ufficio del procuratore speciale per i crimini di guerra. Non esiste nessun archivio 'segreto' dell'Unmik, che conterebbe documenti della cui esistenza Eulex non è a conoscenza. A prescindere da quali fossero state le conclusioni della Commissione consultiva – senza eccezione rese pubbliche e contenenti, tra l'altro, un resoconto delle attività investigative con informazioni dettagliate su possibili sospettati – Eulex è in possesso di tutti questi documenti, sia che si tratti di originali o di copie“.

Informazioni “non disponibili“ si trovano sul web

Queste affermazioni sono in netto contrasto con quanto dichiarato dall'attuale capo della missione Eulex Alexandra Papadopoulou durante una recente conferenza sulla sicurezza dei giornalisti organizzata dall'OSCE. In quell'occasione la Papadopoulou ha precisato che, per quanto riguarda i quattro casi di giornalisti rapiti e uccisi, Eulex non dispone di nessuna informazione, aggiungendo che nel loro archivio non vi è nessun dato su Mile Buljević, dipendente della RTV Pristina scomparso nel 1999. Il fatto che la Commissione consultiva, nel prendere posizione sulla denuncia presentata nel 2013 dalla sorella di Mile, Ljubica Buljević, si era avvalsa di informazioni fornitele proprio da Eulex, solleva però molte questioni. Innanzitutto quella di una presunta “sparizione“ di documenti dall'archivio di Eulex.

Il 13 dicembre 2013 la Commissione ha reso pubblica la propria posizione su questo caso, dopodiché, più precisamente il 2 aprile 2014, il Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite in Kosovo ne ha ufficialmente informato Eulex.

“Dopo che la Commissione ha constatato che l'Unmik non aveva adeguatamente indagato su questo caso, chiedendo al Rappresentante speciale di porgere pubbliche scuse alla famiglia [di Buljević] nonché di sollecitare Eulex a provvedere allo svolgimento di opportune indagini, egli ha accolto positivamente tali raccomandazioni, il 6 gennaio 2014 inviando una lettera di scuse alla famiglia della vittima e qualche tempo dopo, il 2 aprile 2014, informando Eulex dell’intera vicenda”, ha spiegato, fornendo documentazione al riguardo, Andrey Antonov, ex responsabile del Segretariato della Commissione.

Da alcune testimonianze, integralmente riportate nei documenti dell'Unmik, emerge che Buljević fu rapito in pieno giorno nel centro di Pristina: il 25 giugno del 1999, verso mezzogiorno e mezzo, nei pressi di un centro per i rifugiati, Buljević fu fermato da alcune persone che gli chiesero di aiutarle a caricare della merce su un camion. Pochi istanti dopo, apparve una jeep nera con dentro tre uomini e una donna che indossavano uniformi dell'Uçk (Esercito di liberazione del Kosovo). Questi aggredirono fisicamente Buljević e, dopo avergli fatto perdere i sensi, lo buttarono dentro alla macchina, insieme a M. J, marito di una testimone. Stando al racconto della donna, suo marito venne buttato fuori dalla macchina fermatasi a circa 50 metri dall'accaduto, mentre Buljević rimase dentro. La testimone e suo marito avevano immediatamente informato il fratello di Mile nonché la Kfor di quanto era avvenuto.

Diversi sospettati, nessuna indagine

Stando alle parole di Alexandra Papadopoulou, nemmeno sul caso del rapimento del giornalista Ljubomir Knežević, di cui i media hanno più volte parlato (appellandosi proprio alle conclusioni della Commissione consultiva, risalenti al 2014), ci sarebbero informazioni disponibili. Tuttavia, il testo del parere emesso dalla Commissione consultiva in merito a questo caso, e consultabile sul suo sito ufficiale, contiene un resoconto delle attività investigative svolte dall’Unità per le persone scomparse che include informazioni su due possibili colpevoli.

Nello stesso testo si fa riferimento anche ad altra documentazione prodotta nel corso delle indagini su questo caso, dalla quale emergono indizi su almeno altri nove possibili sospettati. Tra i vari documenti citati vi è un elenco, originariamente redatto dal Centro di coordinamento per il Kosovo e Metohija, contenente i nomi delle persone legate all’Uçk presumibilmente coinvolte in crimini contro la popolazione civile. Tra queste vi sono due membri dell’unità dell’Uçk di Vučitrn, un certo G.I. sospettato di aver preso parte al rapimento di 23 persone di nazionalità non albanese, tra cui anche Ljubomir Knežević, e un tale S.S., anch’egli sospettato del “rapimento e omicidio” di Knežević.

Giustizia inerte

Per quanto riguarda il caso di Aleksandar Simović, soprannominato Sima, giornalista di Media Action International e traduttore, sia l’Ufficio del procuratore speciale del Kosovo sia il capo di Eulex hanno confermato che l’indagine sul suo rapimento è stata sospesa il 22 luglio 2009. Entrambi i garanti dello stato di diritto in Kosovo hanno dichiarato che le indagini saranno riaperte qualora dovessero emergere nuove prove.

Aleksandar Simović fu rapito a Pristina il 21 agosto 1999 e da allora si perde ogni sua traccia. Suo padre Stevan ne aveva immediatamente denunciato la scomparsa a tutte le autorità internazionali, chiedendo una scorta che lo accompagnasse dal comandante dell’Uçk, presumibilmente coinvolto nel sequestro. Le autorità si rifiutarono di ottemperare a tale richiesta.

Nel corso delle indagini svolte dall’Unmik è emersa la testimonianza di V.S., che raccontò di aver visto Simović nel jazz bar “Ćafa”, dove era in compagnia di una donna che lo avvertì di essere prudente perché al tavolo accanto a loro erano seduti tre membri dell’Uçk che lei aveva “già visto a Tetovo, in Macedonia”. Simović fu rapito nel bar “Pikaso” a Pristina, insieme ad un amico albanese, che poi fu rilasciato. Una parte delle sue ossa venne trovata nel villaggio di Obrinje, nei pressi di Glogovac.

Nella parte conclusiva del suo parere in merito a questo caso, reso pubblico il 24 ottobre 2015, la Commissione consultiva ha chiesto all’Unmik di riconoscere pubblicamente, anche tramite i media, la propria responsabilità per il mancato svolgimento di adeguate indagini sul rapimento e l’omicidio di Simović, nonché di rendere pubbliche scuse alla sua famiglia, sollecitando inoltre Eulex ad avviare opportune indagini. Cosa, quest’ultima, che fino ad oggi non è avvenuta.

Lacune nell’operato dell’Unmik

Quanto invece al caso della scomparsa del giornalista Marjan Melonaši, esso è stato inoltrato al Tribunale di primo grado di Pristina il 3 maggio 2011. Melonaši, giornalista della redazione serba della Radio Televisione Kosovo, fu visto per l’ultima volta il 9 settembre 2000 nel centro di Pristina, mentre saliva su un taxi. Da quel momento di lui si perde ogni traccia. Nonostante sua madre avesse immediatamente avvisato (dell’accaduto) tutti gli organi competenti, l’Unmik ha aspettato cinque anni per avviare un’indagine. Nel frattempo nessuno fu indagato né furono eseguite perquisizioni nella casa e nel luogo di lavoro della vittima.

Fu solo nel 2005 che le informazioni sulla scomparsa di Melonaši vennero inserite nella banca dati della polizia, ma il caso fu subito chiuso. Resta ignoto se qualcuno ne fosse stato ritenuto responsabile. Il capo dell’Unmik ha informato Eulex riguardo a questo caso, seguendo le raccomandazioni della Commissione consultiva che, nel suo parere del 14 ottobre 2014, ha ritenuto che la polizia dell’Onu in Kosovo non si fosse dimostrata pronta a fare chiarezza sui crimini che si sospettava fossero stati commessi dai membri dell’Uçk.


---


Kosovo, EULEX continua con poteri ridotti

La missione EULEX rimane sul campo in Kosovo fino al 2018, ma con responsabilità largamente ridotte. Per le istituzioni locali il passo indietro dell'UE è un'opportunità e una sfida


19/07/2016 -  Violeta Hyseni Kelmendi Pristina 

Sebbene sia stata duramente criticata per i risultati ottenuti nel processo di rafforzamento dello stato di diritto e nella lotta alla corruzione in Kosovo, la missione europea EULEX (European Union Rule of Law Mission in Kosovo) continuerà ad operare nel paese almeno fino al giugno 2018. Il suo mandato è stato infatti rinnovato dal Consiglio Europeo per la terza volta, ma la missione avrà meno competenze nei prossimi due anni.

L'UE ha accolto le richieste del Kosovo di ridurre la portata di lavoro di EULEX, che da ora si limiterà al ruolo di controllore, guida e di consulenza delle istituzioni locali, pur mantenendo alcune responsabilità esecutive. Lanciata nel 2008 sulla scia dell'indipendenza del Kosovo, EULEX prevede di continuare a lavorare ai processi più delicati ancora in corso, relativi a crimini di guerra, terrorismo, criminalità organizzata e corruzione, e affronterà nuovi casi solo in circostanze eccezionali, con l'approvazione della magistratura del Kosovo.

Attraverso la sua funzione esecutiva, la missione sosterrà le decisioni della giustizia costituzionale e civile, così come il perseguimento e il giudizio delle cause penali selezionate. Allo stesso tempo, i casi EULEX saranno continuamente valutati e riqualificati come casi comuni, impegnando ulteriormente i tribunali kosovari, le procure e le autorità investigative al fine di migliorare le capacità del Kosovo in questi settori.

Missione a poteri ridotti

"In linea di principio, tutte le indagini e i nuovi processi penali saranno condotti da autorità kosovare, in camere giurisdizionali composte da giudici kosovari. Solo in circostanze eccezionali un caso può essere assegnato ad un procuratore dell'EULEX o ad una camera composta da una maggioranza di giudici EULEX", spiega un comunicato emesso dalla stessa missione in seguito alla decisione di estenderne il mandato.

La missione inoltre, in stretta cooperazione con il Rappresentante Speciale dell'UE in Kosovo, fornirà sostegno al dialogo tra Belgrado e Pristina al fine di facilitare l'attuazione di accordi riguardanti lo stato di diritto.

L'Ufficio UE in Kosovo/Rappresentante speciale dell'UE ha sottolineato che con il nuovo mandato EULEX, il Kosovo sarà responsabile dello stato di diritto e della lotta contro la criminalità organizzata e la corruzione. L'Ufficio UE afferma: "Le autorità devono utilizzare il nuovo mandato per continuare il chiaro passaggio di proprietà e di responsabilità da EULEX al Kosovo. Dal momento che questo richiederà ancora del tempo, è importante che il cambiamento sia graduale, in modo da non mettere a repentaglio ciò che è stato realizzato finora per il rafforzamento dello stato di diritto".

Il Kosovo prende responsabilità

Dren Ajeti, ricercatore del Gruppo di Studi Giuridici e Politici a Pristina ha sottolineato che con le due nuove leggi introdotte, approvate dall'Assemblea del Kosovo, la nuova Missione EULEX dovrebbe essere soggetta alla perdita di diverse competenze, che saranno reindirizzate alle istituzioni giudiziarie del Kosovo, vale a dire, l'azione penale e i tribunali.

"EULEX continuerà a partecipare alla gestione di tali casi, tuttavia non avrà il ruolo principale nel processo. Secondo la nuova legge che regola il mandato di EULEX (che tra l'altro ha esteso il mandato della Missione in Kosovo fino al 2018), i tribunali saranno costituiti principalmente da giudici kosovari. Lo stesso vale anche per il pubblico ministero. In linea di principio, tutti i casi saranno oggetto d'indagine da parte del Procuratore di Stato, a meno che, con la richiesta del capo della Procura, il Consiglio giudiziario permetta che i casi siano oggetto di indagine da parte di EULEX. Quindi, il ruolo di EULEX è stato limitato tanto da poter prevedere che, dopo il 2018, la Missione potrà essere ulteriormente limitata o cessare di esistere", dice Ajeti.

Missione sotto accusa

EULEX è accusata di aver fallito nel soddisfare le aspettative della popolazione del Kosovo considerando sopratutto le centinaia di milioni spesi dall'UE per questa missione. La sua reputazione è stata danneggiata particolarmente nel 2014, quando un procuratore britannico di EULEX, Maria Bamieh, ha sostenuto che alcune prove di potenziale corruzione all'interno della Missione siano state insabbiate. EULEX veniva continuamente accusata di ignorare i casi relativi a personaggi di alto profilo e invece di concentrarsi su casi di basso livello. Ma la missione ha negato ogni accusa.

Nonostante il diffuso giudizio negativo dei cittadini sui risultati della missione EULEX, secondo le istituzioni del Kosovo il ritiro totale della missione sarebbe prematuro. Gli esperti legali concordano sul fatto che la presenza di EULEX in Kosovo sia ancora indispensabile. L'avvocato Kujtim Kerveshi ha detto a OBC che il ruolo di EULEX è un'occasione per far sopravvivere lo stato di diritto in Kosovo. "Nel corso degli ultimi anni alcune accuse sono state presentate alla corte di Pristina per reati gravi, tuttavia le indagini sono state condotte per lo più da EULEX, prima che il mandato venne rivisto. Credo che EULEX continuerà completando i casi in corso, tra cui quelli dei reati gravi ".

Dopo oltre 17 anni di amministrazione internazionale del Kosovo e dei poteri esecutivi esercitati da missioni come l'UNMIK prima e EULEX poi, la situazione dello stato di diritto, secondo gli esperti legali, rimane debole. Si ritiene che le istituzioni giudiziarie del Kosovo non siano ancora in grado di condurre indagini indipendenti contro alti funzionari presumibilmente coinvolti in casi di corruzione e nella criminalità organizzata.

"Ho paura che le missioni internazionali abbiano provocato un gap delle realtà locali nell'assumere competenze forti e fondamentali. Le istituzioni locali dello stato di diritto dipendono dalla missione EULEX ed è un dato di fatto che le istituzioni locali non siano attive nei casi di gravi reati come invece fa EULEX, anche se EULEX non ha più le ampie competenze che aveva prima. Credo che le istituzioni locali stiano usando la Missione EULEX come scudo di protezione per la loro mancanza di attività nell'esecuzione dei casi di corruzione e di criminalità organizzata, nascondendosi dietro la copertura di EULEX ", dice l'esperto legale Kujtim Kerveshi.

Dren Ajeti, del Gruppo di Studi Giuridici e Politici, concorda sul fatto che, anche se EULEX ha una cattiva immagine agli occhi dell'opinione pubblica kosovara, i cittadini del Kosovo considerano la presenza internazionale come necessaria per il processo di state building. "Inoltre il nostro sistema giudiziario ha bisogno del sostegno e dell'esperienza dei giudici internazionali in quanto è ancora ritenuto incapace di occuparsi di reati come la tratta di esseri umani, droga, ecc. per non parlare di crimini come la corruzione o l'abuso di potere".

Gli esperti avvertono che ora, con la riduzione delle responsabilità di EULEX, nessuna delle attività principali sarà condotta dalla missione dell'Unione europea e a partire da adesso, i nuovi potenziali fallimenti del sistema giudiziario kosovaro non potranno venire attribuiti ad altri, ma solo alle autorità locali.


---


Cronaca di “ordinarie” violenze in Kosovo Metohija 

Scritto da Enrico Vigna

Assaltata con bombe e armi automatiche una sala pubblica a Zubin Potok 

A Zubin Potok il 2 aprile alle tre della notte, nella sala dove il giorno dopo doveva parlare il Primo Ministro serbo A. Vucic, è stata lanciata una bomba e sono state sparate raffiche di armi automatiche da una macchina. Nella sala al momento dell’attacco si trovavano dieci persone, che stavano preparando la sala, ma non ci sono stati feriti. 


Da sei settimane bloccati i camion di merci della Serbia

Al confine di Merdare è stato bloccato l'accesso ai camion e agli autisti diretti dalla Serbia centrale verso le enclavi del Kosovo, con il pretesto che le leggi kosovare di Pristina non riconoscono i certificati ADR per il trasporto delle merci.
Il Primo Ministro del Kosovo Isa Mustafa ha confermato che agli autocarri della Serbia non sarà permesso di entrare in Kosovo fino a quando non verrà raggiunto un accordo.
Prima della decisione del governo del Kosovo arrivavano ogni giorno ​​tra 15 e 20 camion.
Il Kosovo, secondo i dati ufficiali locali, perde ogni giorno oltre centomila euro, la Serbia tra i 20 e i 70 mila euro.
Il Kosovo nei giorni scorsi ha aumentato il prezzo del petrolio tra i sette e i dieci centesimi al litro.

 

Militanti del Movimento Vetevendosje (Autodeterminazione) kosovaro, hanno assaltato e rovesciato un altro camion serbo

L’11 marzo attivisti del Movimento albanese Vetevendosje (Autodeterminazione) hanno assaltato e fatto andare fuori strada un secondo camion serbo, dopo quello attaccato 3 marzo.
Esponenti di Vetevendosje hanno detto che i suoi attivisti hanno sequestrato l'autocarro con targhe serbe su una strada in Kosovo, come protesta contro le politiche di Belgrado in Kosovo. 
"Per questo motivo, gli attivisti del movimento Vetevendosje hanno ribaltato un camion con prodotti serbi sulla strada nazionale. Tali azioni proseguiranno fino a quando il governo della Serbia non cambierà la sua posizione nei confronti del Kosovo, e non smetterà di negare i diritti della nostra nazione", ha avvertito Vetevendosje.
Vetevendosje pratica simili azioni di protesta dal 2012, con diversi camion dalla Serbia rovesciati nel tentativo di impedire alle merci serbe di entrare in Kosovo.

 

La polizia EULEX ha arrestato dieci serbi e li ha portati a Pristina

22 aprile 2016 

La polizia EULEX ha arrestato nella mattinata del 22 aprile (poco prima delle 11) dieci serbi e li ha portati a Pristina.

Nota soprattutto per le continue pressioni sui serbi e per la corruzione nel suo governo, emersa nello scandalo dello scorso anno, la polizia dell'Unione europea in Kosovo, EULEX, ha fermato e arrestato dieci serbi, verso le 11 del mattino. Il fatto è avvenuto nella zona di Leska, vicino al confine amministrativo di Vracevo.

Come riportato dai media locali, EULEX ha intercettato un pulmino di una ditta di trasporti proveniente da Kragujevac; il veicolo non era passato attraverso i confini amministrativi, controllati dalla polizia albanese kosovara. Con un dispiegamento di molte jeep, EULEXha arrestato i viaggiatori serbi che erano sul pulmino e li ha portati a Pristina.

Sul furgone fermato c'era anche il medico Aleksandra Djukic, che vive a Kragujevac e lavora nel centro di salute a Zubin Potok.

Gli arrestati sono accusati di essere "entrati illegalmente" nel territorio del Kosovo, perché non volevano rispettare i controlli della polizia kosovara ai valichi amministrativi tra Belgrado e Pristina, stabiliti in seguito dell'attuazione degli accordi di Bruxelles del 2013.