logo cnj
COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA JUGOSLAVIA - onlus
ITALIJANSKA KOORDINACIJA ZA JUGOSLAVIJU


siete nella sezione dedicata alla disinformazione strategica su "Srebrenica"

 
rright10.gif (248 byte) iniziative
rright10.gif
                        (248 byte) documentazione

Documento
Costitutivo
rright10.gif
                        (248 byte) solidarietà
rright10.gif
                        (248 byte) informazione
rright10.gif
                        (248 byte) cultura
rright10.gif
                        (248 byte) politica
rright10.gif
                        (248 byte) amicizia
rright10.gif
                        (248 byte) valori fondativi



La disinformazione strategica su
Srebrenica




QUESTA SEZIONE CONTIENE / CONTENTS:

Link, video, libri, documenti:

Nostra replica al comunicato del presidente A.N.P.I. Carlo Smuraglia su Srebrenica (2015)

ED HERMAN ANALYSIS 2005 / L'Analisi degli avvenimenti di Srebrenica di Ed Herman (2005)
and its 2015 UPDATE (PDF, 1MB) by Herman and Peterson


ESCLUSIVO: Le madri di Srebrenica ricevono stipendi per la loro propaganda / Srebrenica mothers receive salaries for their performance / Majke Srebrenice kradu pare (2009)

Documento segreto dell'Armija bosniaco-musulmana del 28 agosto 1995

ESCLUSIVO: 8 "uccisi a Srebrenica" erano ancora vivi nel 1996... catturati dalla SFOR per terrorismo!

Analisi degli avvenimenti di Srebrenica (Ed Herman)

Il caso di Srebrenica al "tribunale" dell'Aia / 1: Milosevic e la testimonianza di Morillon

Carlos Martins Branco: Documentazione su Srebrenica



LINKS: VIDEO, LIBRI, DOCUMENTI


* Le iniziative e i video:


Madrid, 30 de Mayo de 2013
Conferencia: Srebrenica – Ciudad sin Dios ( Srebrenica – Godless city )

VIDEO - REPORT
 



Film: Srebrenica - Izdani grad (A town betrayed)
dir. Ola Flyum - David Hebditch / prod. Fenris Film - Tore Buvarp / 2009-2010 / 59min
URL:  http://www.youtube.com/watch?v=RUuhSGnLvv8  ili:  http://www.youtube.com/watch?v=3_TxfVLSXmI
Response to the Norwegian Helsinki Committee Complaint and the Helsinki Committee’s rebuttal
L'importante documentario norvegese "Srebrenica: una città tradita" è oggetto di ire furibonde non solo da parte della lobby bosgnacca, ma persino da parte dei responsabili del "Tribunale ah hoc" dell'Aia. Questi ultimi si sono peritati di inviare una lettera di diffida alla Radiotelevisione svedese che oserebbe trasmettere il film... E' stata iniziata una petizione di protesta contro tale atteggiamento censorio ed intimidatorio, da inviare al presidente del "Tribunale".


VIDEO: Dr. Ljubiša Simić, forezničar, 24.2.2010.: Srebrenica, žrtve, Haški tribunal



VIDEO: a preview clip from Boris Malagurski's latest film "The Weight Of Chains" dealing with Srebrenica and how it was used for greater geopolitical purposes: http://www.youtube.com/watch?v=VZ1Yc2aMY1M



VIDEOS: Srebrenica wie es wirklich war: Tag vor dem 11. Juli 1995 (10 apr 2015) und Srebrenica wie es wirklich war (15 giu 2015)
Eine Interview-Serie mit dem Autor Alexander Dorin, über die Zusammenhänge und die wirklichen Ereignisse in Srebrenica, bietet eine Fülle an Fakten, die aufzeigen, dass auch hier schwerwiegende Manipulationen seit 20 Jahren stattfinden. Das Wertvolle an Dorins jahrelangen Recherchen ist, er ist in alle Bereiche hineingegangen, um die Ereignisse und Verbrechen zu beleuchten, die unter dem Begriff „Srebrenica“ vereint sind und vertuscht werden. Brisant sind die Aussagen und Dokumente aus bosnisch-moslemischen Quellen...


VIDEO: 16 juli 1995, Dolazak Srebreničana na slobodnu teritoriju

VIDEO: Ratko Mladic at Srebrenica Fontana Hotel - July 11, 1995
1: https://www.youtube.com/watch?v=idf_sdeVpO4 [40']
2: https://www.youtube.com/watch?v=b3XSmDYV6BM [26']
(shortened i: https://www.youtube.com/watch?v=RjU5Aqs7Q-Y ii: https://www.youtube.com/watch?v=WpWTVX9LCN0 iii: https://www.youtube.com/watch?v=EeXfAeoovwI )


* I libri da leggere / Buecher zu lesen / books worth reading:


Stephen Karganović, Ljubiša Simić
RETHINKING SREBRENICA
Unwritten History Inc., 2013
../immagini/cover_RethinkingSrebrenica.jpg

“RETHINKING SREBRENICA” IN ENGLISH
Srebrenica Historical Project is pleased to announce that in cooperation with its American publisher Unwritten History Inc. it has published a new, revised, and expanded edition of its classic comprehensive critique of the standard account of Srebrenica events in July 1995, “Deconstruction of a Virtual Genocide,” now under a new title: “Rethinking Srebrenica.” The authors are Stephen Karganović and Ljubiša Simić.
While retaining the structure of the original volume, “Rethinking Srebrenica” has been considerably updated to include new evidence and testimony of relevant witnesses in the Mladić and Karadžić trials which was received since the last edition went to press. Also included are two new chapters, “ICTY radio intercept evidence” and “Srebrenica: Uses of the narrative.”
The new chapter on intercept evidence raises serious questions about the authenticity of the transcripts of alleged incriminating conversations that were used in trial proceedings before ICTY, upon which many significant factual and legal conclusions were based. The new final chapter, “Uses of the narrative,” presents a compelling argument that Srebrenica has not been treated primarily as it should have been, as a criminal investigation,  but rather as a political device serving at least two objectives which have nothing to do with any interest in the facts on the ground. The first is to provide a founding myth to cement the new Bosnian Muslim identity and produce an unbridgeable rift with the neighbouring Orthodox community, thus providing a rationale for permanent interference and arbitration by interested foreign parties. The second is to furnish a plausible motive for the R2P [Responsibility to protect] doctrine which was developed gradually after the Srebrenica events of July 1995 and has served  since as an interventionist vehicle against targeted sovereign states such as Serbia (Kosovo), Iraq, Libya, and now Syria. 
Chapters IV and V by Ljubiša Simić on the forensic evidence have been thoroughly revised and updated to reflect new information. They present an even more devastating picture than in the previous editions of the huge gap which separates the unfounded claims of the official Srebrenica narrative from the empirical evidence as collected by ICTY Prosecution’s own teams of experts and their admissions under cross examination in the Mladić and Karadžić trials.
For our readers’ benefit we have attached the electronic version of “Rethinking Srebrenica” and we encourage reader comments and criticisms:

DOWNLOAD THE ELECTRONIC VERSION (PDF, 6,5 MB)


Srebrenica - ciudad sin Dios
Libro en español par semanarioserbio.com - 2012 - Descarga gratuita (PDF 1,2MB)
Índice:
I INTRODUCCIÓN .................................................................................................................. 1
II SREBRENICA: ¿QUIEN, COMO, CUANDO, POR QUE? ............................. 3
¿Quién la necesitaba? ................................................................. 3
¿Cómo ocurrió todo? ................................................................... 5
Continuo baile de números no es más que otro disparo al corazón de las víctimas ....... 7
¿Quién determina la causa de la muerte de los cuerpos exhumados en zona de Srebrenica?.. 8
¿Quién ha sido condenado hasta ahora? ................................................. 9
III ELLOS ESTUVIERON ALLÍ ................................................................................................... 10
Un genocidio virtual: las mentiras y los juegos mediáticos ........................... 10
“Muyahidines cortaban las cabezas” ................................................... 15
IV LOS MEDIOS REINVENTAN LA HISTORIA ........................................17
La prueba que falta .................................................................. 17
Capitulo XIV ......................................................................... 23
Falta de censo permite juegos macabros con los muertos ............................... 25
V PROYECTO HISTÓRICO SREBRENICA .................................................................................. 27
Pruebas, contexto y política ......................................................... 28
Mentiras de Erdemović - oportunidad de Karadžić ...................................... 34
¿Por qué el asesinato de 8000 argentinos les convierte en víctimas de segunda y no se
considera un genocidio? .............................................................. 36
Entrevista con Stephan Karganovich ................................................... 39
VI JUICIOS ........................................................................................................................... 48
Naser Orić, otro criminal en libertad ................................................ 48
CIJ: Serbia inocente ¿y ahora qué? ................................................... 49
Aniversario de Srebrenica ............................................................ 51
El arresto del general Mladić y derecho internacional ................................ 54
VII TESTIGO CLAVE ................................................................................................................ 58
Srebrenica – testigo clave en La Haya ................................................ 59
La historia de Dražen Erdemović ...................................................... 63
Fechas clave ......................................................................... 67
El “testigo clave” en el proceso contra Karadžić ..................................... 69
El caso de D. Erdemović y la verdad oculta sobre Srebrenica .......................... 74
VIII LA DECLARACIÓN DEL PARLAMENTO SERBIO SOBRE SREBRENICA ................. 80
Gobierno de Tadić se disculpa a los musulmanes bosnios ............................... 80
Srebrenica: declaración sin reconciliación ........................................... 81
IX CIUDAD TRAICIONADA ....................................................... 86
Srebrenica desde Noruega ............................................................. 87
Srebrenica: ciudad traicionada (Ole Flyum) ........................................... 89
X OTROS HAN ESCRITO ........................................................................................................ 92
La cancamusa serbia y el periodismo piltrafa ......................................... 92
Los condenados (juzgados) de La Haya ................................................. 94
Srebrenica, Cataluña y amantes del falso paralelismo ................................. 97
Srebrenica, la historia “ocultada” ................................................... 99
XI ALGUNOS APUNTES PARA RECORDAR ............................... 103

En JUGOINFO la Introduccion par Aleksandar Vuksanović, 28 de junio de 2012
Conferencia à Madrid, 30 de Mayo de 2013 (VIDEO+REPORT)


----

A. DORIN / Z. JOVANOVIC
SREBRENICA
. Come sono andate veramente le cose
../immagini/cover-srebrenica-zambon.jpg
Prefazione italiana del Prof. Aldo Bernardini. Zambon editore, 2012
Documento segreto dell'Armija bosniaco-musulmana del 28 agosto 1995

THE ENGLISH VERSION / DEUTSCHE FASSUNG / NA SRPSKOHRVATSKOM:
Alexander Dorin, Zoran Jovanović: Srebrenica. What really happened
Ahriman 2010–2013 / incl. Dossier Srebrenica, a Documentary DVD by D. Josipović and M. Knežević

Online-Magazin Pârse&Pârse : Ein Interview mit Alexander Dorin zum Thema: Die Srebrenica-Lüge (2015)
SREBRENICA-Fakten Teil 1
SREBRENICA-Fakten Teil 2
SREBRENICA-Fakten Teil 3
SREBRENICA-Fakten Teil 4
SREBRENICA-Fakten Teil 5
SREBRENICA-Fakten Teil 6
SREBRENICA-Fakten Teil 7
SREBRENICA-Fakten Teil 8
SREBRENICA-Fakten Teil 9
SREBRENICA-Fakten Teil 10
SREBRENICA-Fakten Teil 11


Alexander Dorin
Srebrenica. Die Geschichte eines salonfähigen Rassismus
Verlag: Kai Homilius, Berlin; 2009

----


Stephen Karganović, Ljubiša Simić, Edward Herman, George Pumphrey, J. P. Maher, Andy Wilcoxson
DECONSTRUCTION OF A VIRTUAL GENOCIDE. An intelligent person's guide to Srebrenica
Belgrade : Srebrenica Historical Project, 2011 (Zemun : Pekograf)
ISBN 978–86–88135-02–3: PDF (12Mb)
: on Serbianna or Scribd
Book review by Jonathan Rooper (The Lord Byron Foundation)



The SREBRENICA MASSACRE. Evidence, Context, Politics
Edited by Edward S. Herman - Foreword by Phillip Corwin
Creative Commons License, 2011: PDF (1Mb)
CONTENTS:
Maps • 4-6
Foreword • 7 Phillip Corwin
Preface • 13 Edward S. Herman
Chapter 1. Introduction • 19 Edward S. Herman
Chapter 2. Prelude to the Capture of Srebrenica • 37 George Bogdanich
Chapter 3. The Military Context of the Fall of Srebrenica • 66 Tim Fenton
Chapter 4. The Numbers Game • 101 Jonathan Rooper
Chapter 5. Securing Verdicts: The Misuse of Witness Evidence at the Hague • 153 George Szamuely
Chapter 6. The ICTY and Srebrenica • 211 Michael Mandel
Chapter 7. UN Report on Srebrenica—A Distorted Picture of Events • 224 George Bogdanich
Chapter 8. U.S. Media Coverage of Srebrenica • 248 Edward S. Herman
Chapter 9. U.K. Media Coverage of Srebrenica • 259 Philip Hammond
Chapter 10. Summary and Conclusions • 278 Edward S. Herman
Note on Contributors • 299

na srpskohrvatskom: MASAKR U SREBRENICI: DOKAZI, KONTEKST, POLITIKA
FILIP KORVIN: KRAJ SREBRENIČKOG MITA
(2) - EDVARD S. HERMAN: RAZUMEVANJE MASAKRA U SREBRENICI
(3) - EDVARD S. HERMAN: DEVET MITOVA O ZLIM SRBIMA U BALKANSKOM RATU
(4) - DŽORDŽ BOGDANIĆ: UVOD U OSVAJANJE SREBRENICE
(5) - EDVARD HERMAN: 20 ZAKLJUČAKA O SREBRENICI



Germinal Civikov

Srebrenica. Der Kronzeuge
Verlag: Promedia, Wien; Auflage: 1., Aufl. (12. März 2009)
The Star Witness at The Hague. John Laughland and Edward S. Herman on the book by G. Civikov


Ibran Mustafić
PLANIRANI HAOS. 1990-1996
Sarajevo: Udruženje građna "Majke Srebrenice i Podrinja", 2008
ISBN: 9789958907708
Cijeli tekst:
http://slavicnet.com/sokolac/sokolac_planirani_haos_forum.html
http://sr.scribd.com/doc/70451871/Ibran-Mustafic-Planirani-haos-feljton-agencije-Srna
http://pdfcast.org/pdf/ibran-mustafic-planirani-haos
Komentari:
http://www.sarajevo-x.com/bih/clanak/080426014
http://www.politika.rs/rubrike/Svet/Pretuchen-Ibran-Mustafic.lt.html
http://www.magazin-tabloid.com/srp/clanak.php?br=158&clanak=3
http://www.blic.rs/Vesti/Politika/368550/Mustafic-Vise-od-500-Bosnjaka-u-Srebrenici-ubili-Bosnjaci
http://www.b92.net/info/vesti/index.php?yyyy=2013&mm=02&dd=20&nav_category=206&nav_id=688698

Ibran Mustafic: Srebrenica was a “Planned Chaos” / Srebrenica è stato un “caos pianificato” (anche su JUGOINFO)
Ibran Mustafic: We were killing our own people in Srebrenica / Abbiamo ucciso la nostra gente a Srebrenica (anche su JUGOINFO)
Ibran Mustafic: Sami smo ubili 1.000 svojih u Srebrenici! (i na JUGOINFO-u)

Gruppo di ricerca su Srebrenica
Il Dossier nascosto del "genocidio" di Srebrenica

Edizioni La Città del Sole, Napoli 2007, 12 euro

Cees Wiebes

Intelligence and the War in Bosnia 1992-1995
London: Lit Verlag, 2003


* Sulla dichiarazione del Parlamento della Serbia (2010):


APPEAL TO PRESIDENT BORIS TADIĆ AND THE SERBIAN PARLIAMENT:
DO NOT GAMBLE WITH YOUR COUNTRY’S FUTURE! NO TO THE SREBRENICA RESOLUTION (January 2010)

Rezolucija Skupštine Srbije o Srebrenici: Branko Radun i Dragomir Anđelković Favorite (VIDEO)

V. Jovanović:
REZOLUCIJA O SREBRENICI BILA BI GRESKA (http://www.beoforum.rs/ januar 2010)

S. Mirković: O Rezolucije Evropskog parlamenta o "genocida u Srebrenici" / Sulla risoluzione del Parlamento Europeo che istituisce l’ 11 Luglio quale Giorno del ricordo del genocidio a Srebrenica
(gennaio 2009)



* A proposito della disinformazione strategica su Srebrenica si vedano:



Stefan Karganovic, Aleksandar Pavic (Srebrenica Historical Project):
SREBRENICA 1995-2015: Just the Facts ... (from Srebrenica-project.org) /
СРЕБРЕНИЦА 1995-2015: СУВЕ ЧИЊЕНИЦЕ /
SREBRENICA 1995-­‐2015: Solamente i fatti ...
Introduzione
Srebrenica: fatti, supposizioni, fatti ignoti
1. Secondo le sentenze emesse dal Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia (ICTY), quante persone furono uccise a Srebrenica nel 1995?
2. Quante persone sono state condannate dall'ICTY come diretti autori o complici nelle esecuzioni di prigionieri dentro e attorno a Srebrenica nel luglio del 1995?
3. Quali verdetti ha emesso l'ICTY contro altri condannati per crimini o "genocidio" a Srebrenica?
4. Dopo quasi 20 anni di procedimenti penali, è riuscito l’ICTY a stabilire chi ha dato gli ordini per l’esecuzione dei prigionieri di guerra?
5. Quanti corpi sono stati seppelliti fin qui nel Memoriale di Potočari vicino a Srebrenica, il cimitero riservato alle vittime musulmane del luglio 1995?
6. E’ stato definitivamente accertato che tutti i corpi seppelliti nel Centro memoriale di Potočari sono le vittime di Srebrenica?
7. Quante persone sono state uccise nei combattimenti intorno a Srebrenica nel luglio 1995?
8. Secondo le prove forensi raccolte sotto la supervisione dell’ICTY, quante persone sono state identificate come vittime indiscutibili delle esecuzioni che avrebbero avuto luogo nel luglio 1995?
9. Quanti serbi di Srebrenica e dintorni sono stati uccisi dalle forze musulmano-bosniache che operavano da Srebrenica fra la primavera 1992 e il luglio 1995?
10. E' stato condannato qualcuno dall'ICTY per questi crimini contro la popolazione serba?
11. Srebrenica è stata veramente demilitarizzata, in linea con il suo status di Area Protetta ONU?
12. Quale era l'entità comparata delle forze serbo-bosniache attorno a Srebrenica e delle forze musulmano-bosniache dentro la "zona smilitarizzata" dell'enclave di Srebrenica all'inizio di luglio 1995?
13. Qual'è l'argomentazione principale a sostegno della tesi, di ispirazione occidentale, secondo cui a Srebrenica avrebbe avuto luogo un "genocidio"?
14. Nel suo Rapporto del 2004, la Commissione governativa della Repubblica Serba ha veramente "ammesso il genocidio"?
Conclusioni



In English:


SREBRENICA HISTORICAL PROJECT
http://www.srebrenica-project.org

SREBRENICA RESEARCH GROUP: SREBRENICA REPORT (2005)

ED HERMAN CONTRIBUTION / L'ANALISI DI ED HERMAN / L'Analyse par Ed Herman
2015 UPDATE (PDF, 1MB) OF SREBRENICA RESEARCH GROUP’S 2005 REPORT BY HERMAN AND PETERSON
L'INTERO REPORT PUBBLICATO IN ITALIANO / ENGLISH / FRANCAIS

OLD (DISCONTINUED) SREBRENICA RESEARCH GROUP WEBSITE


Report About Case Srebrenica (Republika Srpska Bureau for Cooperation with the ICTY, 2002 – PDF 16MB source)


NKPJ: ZAPADNI IMPERIJALIZAM NAJVEĆI RATNI ZLOČINAC
(14. jul 2015. godine – i na JUGOINFO-u)


George Pumphrey: Srebrenica. 20 Years Later, And Still Searching (2015 – also on JUGOINFO)

S. Karganovic (Srebrenica Historical Project): Srebrenica: 19-year-blueprint for US intervention
(RIA/VoR, 11 July 2014 – also on JUGOINFO)
Download audio file (MP3): 1.part


The Srebrenica massacre was a gigantic political fraud
Exclusive interview with Ed Herman - by John Robles - Voice of Russia, Jan 31, 2013
mit einem Kommentar von Alexander Dorin

Srebrenica Historical Project: The Tolimir verdict at ICTY / A question of credibility (December 19, 2012)

A. Wilcoxson: ICTY Exaggerates Number of Prisoners Captured by Bosnian-Serbs in Srebrenica Operation (July 27, 2012)

Srebrenica 15 Years After: The Politicization of "Genocide"
by Edward S. Herman
(20.07.2010 - also on JUGOINFO)
Srebrenica 15 ans après : Instrumentalisation du « Génocide »
par Edward S. Herman
(juillet 2010 - aussi dans JUGOINFO)

D. Johnstone: Srebrenica Revisited

http://it.groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/message/4640

George Pumphrey:
Six Sources of the Srebrenica Legend (February 2010)
http://www.beoforum.rs/dokumenti/Six-Sources-of-the-Srebrenica-Legend.pdf
or http://www.en.beoforum.rs/index.php?option=com_content&view=article&id=107:6ssa&catid=36:saopstenja&Itemid=65
or http://it.groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/message/6762

George Pumphrey: The Srebrenica Massacre: A Hoax
(Dialogue Vol. 7 No. 27-28/1998)
also on: http://www.ocf.berkeley.edu/~bip/docs/kosovo_polje/srebrenica_hoax.html


George Pumphrey and others: several analyses on the Srebrenica "Massacre"
http://free-slobo.de/themen/massaker.htm

Lewis MacKenzie: The Real Story Behind Srebrenica
http://www.transnational.org/SAJT/features/2005/MacKenzie_Srebrenica.html


Z. Trajković: UN GENOCIDIO VIRTUAL

http://it.groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/message/4499
Srebrenitsa, lies and media games ("OGLEDALO" Belgrade, June 22, 2005)
http://it.groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/message/4473

Srebrenica, laži i medijske igre (OGLEDALO - 21. juni 2005. / JUGOINFO July 12, 2005)

Interviju / Interview with Ratko Mladić (13/8/1995)

Auf Deutsch:

http://www.srebrenica-facts.com/

http://www.arbeiterfotografie.com/srebrenica/index-srebrenica-0001.html

Interview mit Alexander Dorin zu Srebrenica (Kaspar Trümpy, 12.09.2012)

»NATO hat im Fall Jugoslawien Blut an den Händen«
Gespräch mit Alexander Dorin (junge Welt, 15.07.2011)

Interview mit Peter Handke zu Srebrenica
Im Januar 2011 trafen Alexander Dorin und Peter Priskil den Schriftsteller Peter Handke in Paris... (Aus: Ketzerbriefe 169, September/Oktober 2011)
Alexander Dorin: Brief an Peter Handke (Aus: Ketzerbriefe 169, September/Oktober 2011)

Srebrenica und das Video von Dr. Werner Sauer, Graz (in .DOC format).

Siehe auch: "Der Mythos Srebrenica" von Dr. Hans-Georg Ruf, Augsburg (Download - nach kurzem Scrollen - unter http://www.forumaugsburg.de
)


* Altri link:


Questions on Srebrenica DNA "Evidence"
1) Shroud of Secrecy Leaves Room for Doubt on Srebrenica DNA Evidence
by Andy Wilcoxson - www.slobodan-milosevic.org / Srebrenica Historical Project,  August 7, 2011
2) Misrepresentation of DNA Evidence about Srebrenica
by Stephen Karganović - Srebrenica Historical Project / Global Research, July 25, 2011
3) Srebrenica-Manipulation. Das neueste aus der Werkstatt der Srebrenica-Lobby
by Alexander Dorin / K.Truempy, September 2010

La guerra dei mausolei
di Tommaso Di Francesco (Il manifesto 13.7.2010 p. 3)
Anche su JUGOINFO 15/7/2010

The Genocide Myth - The Uses and Abuses of "Srebrenica"
By Srdja Trifkovic
Also on JUGOINFO 15/7/2010

SREBRENICA REMEMBRANCE DAY - SERBIAN LIVES ARE NOT LESS IMPORTANT!

Bojan Ratkovic's Open Letter to the Canadian public
Also on JUGOINFO 9/7/2010


J. Gorin: U.S. Made Deal with Bosnian-Muslim Government to Sacrifice Srebrenica
http://www.juliagorin.com/wordpress/?p=1775

Hasta los vivos están en la lista de los  asesinados (Večernje Novosti, 13.06.2005.)
http://usuarios.lycos.es/alexmalex/html/modules.php?name=News&file=article&sid=573

Srebrenica-una visión diferente (Aleksandar Vuksanović)
http://www.iespana.es/semanarioserbio/numero27.htm
http://usuarios.lycos.es/alexmalex/html/modules.php?name=News&file=article&sid=39

Los serbios no fueron autores de ningún genocidio (Milan Bulajic)
http://usuarios.lycos.es/alexmalex/html/modules.php?name=News&file=article&sid=572

Voir aussi :
http://www.michelcollon.info/articles.php?dateaccess=2006-01-18%2015:44:08&log=attentionm


E. Vlajki: PRILOZI ZA HISTORIOGRAFIJU SREBRENICKE TRAGEDIJE
JUGOINFO July 13, 2005

SREBRENICA, LAZI I VIDEO TRAKE (Ivona Zivkovic)
JUGOINFO June 8, 2005

Genocide or propaganda? - by Christopher James (Morning Star - UK)
Remember Srebrenica  —  a.k.a. `So what if we globalized al Qaeda!' - by Julia Gorin (Jewish World Review)
http://groups.yahoo.com/group/yugoslaviainfo/message/5925
Also on JUGOINFO  July 11, 2005

The "Srebrenica video"
JUGOINFO June 7, 2005

"Ashdown Forces Srebrenica Statement on Bosnian Serb President Under Threat to Destroy Bosnian Serb State"
(Defense & Foreign Affairs Daily - Volume XXII, No. 168 - Wednesday, October 20, 2004)
http://www.slobodan-milosevic.org/news/dfad102004.htm
also on JUGOINFO, 31 Oct 2004
in italiano:
Ashdown costringe il presidente serbo-bosniaco alle affermazioni su
Srebrenica, sotto la minaccia di distruggere lo stato serbo-bosniaco
JUGOINFO January 10, 2005


Date: Saturday, March 20, 2003
Place: Srebrenica-Potocari Memorial and Cemetery, Bosnia
Event: Clinton opens a monument dedicated to Al Qaeda fighters and bows to it!
http://srpska-mreza.com/Bosnia/Srebrenica/AlQaeda.html

18 Emperor's Clothes Articles on Srebrenica
http://emperors-clothes.com/analysis/list-s.htm



Sulle stragi di Bratunac e dintorni e la personalità di Nasir Oric






Nel maggio 1996 la SFOR statunitense arrestò a Milici dieci terroristi islamisti del cosiddetto gruppo Laste,
sospettati di aver trucidato tre Serbi.

Otto di loro risultavano nell'elenco della Croce Rossa Internazionale come "dispersi a Srebrenica" nel 1995!



Documento del Tribunale di Zvornik
Documento del Tribunale di Zvornik con i nomi e le generalità degli arrestati.
Questa lista è stata depositata presso il Tribunale di Zvornik.


cover

lista
                              c

lista
                                d

lista
                                e

Sull'elenco dei "dispersi" sono sottolineati i nomi dei terroristi della "Laste".

[fonte della documentazione: Jean Toschi Marazzani Visconti]




THE POLITICS OF SREBRENICA MASSACRE (E. Herman, ZMag, July 2005)

http://www.zmag.org/content/showarticle.cfm?SectionID=74&ItemID=8244
http://it.groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/message/4475
http://www.michelcollon.info/articles.php?dateaccess=2006-01-20%2009:24:19&log=attentionm

Analyse des événements de Srebrenica (Ed Herman)

Texte traduit par les éditions Le Verjus et publié dans le livre : Le dossier caché de Srebrenica
http://www.b-i-infos.com/dossier_srebrenica.php


http://www.michelcollon.info/articles.php?dateaccess=2006-01-20 09:24:19&log=attentionm
http://it.groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/message/4740



Analisi degli avvenimenti di Srebrenica

di Ed Herman, professore universitario americano, (ZMAG- USA)

(Traduzione dal francese di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)


Srebrenica. L'episodio è divenuto il simbolo del male, particolarmente del male Serbo. Viene descritto come “un orrore senza pari nella storia di Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale”, che ha visto l’esecuzione a sangue freddo “di almeno 8.000 fra giovani e uomini adulti musulmani.” [1]   

Gli avvenimenti si sono svolti all’interno, o nei dintorni della città bosniaca di Srebrenica, fra il 10 e il 19 luglio 1995, quando la città è stata occupata dall’esercito Serbo Bosniaco (ASB), dopo aver combattuto e ucciso un gran numero di musulmani Bosniaci, dei quali non si conosce quanti siano morti nel corso degli scontri e quanti siano stati giustiziati.                                                                              

È fuori dubbio che ci siano state delle esecuzioni, e che molti musulmani Bosniaci siano morti durante l’evacuazione di Srebrenica e nelle fasi successive.                                                                           

Ma veramente quello che viene raramente messo in discussione, il problema più importante, è di sapere quanti fra quelli siano stati giustiziati, essendo dato che molti dei corpi ritrovati nelle sepolture sul posto sono di vittime dei combattimenti, e che una gran parte dei musulmani Bosniaci che erano scappati dalla città sono arrivati senza intoppi in territorio bosniaco musulmano. Alcuni cadaveri riesumati sono perfino dei numerosi Serbi ammazzati nel corso di razzie effettuate dai musulmani Bosniaci, mentre se ne andavano da Srebrenica nel corso degli anni che hanno preceduto il luglio 1995.

Il massacro di Srebrenica ha giocato un ruolo particolare nella politica occidentale di ristrutturazione della ex Jugoslavia, e più in generale nelle politiche di intervento.                                     

Il massacro ha suscitato un ritorno di interesse in concomitanza con la commemorazione del suo decimo anniversario nel luglio 2005.                                                                                                              

Viene citato costantemente come prova del “male Serbo” e delle volontà genocide della Serbia.                  

È servito per giustificare la punizione dei Serbi e di Milosevic, e nel contempo la guerra del 1999 della NATO contro la Serbia.                                                                                                                   

Inoltre ha fornito un alibi morale per le future guerre occidentali di vendetta, di proiezione di potere e di “liberazione”, dimostrando che esiste un male che l'Occidente può e deve sradicare.

Comunque, esistono tre elementi che avrebbero dovuto sollevare dei pesanti interrogativi a proposito del massacro, a quell’epoca e ancor oggi, cosa che non è mai avvenuta.                                     
Il primo è che il massacro ha soddisfatto molto opportunamente le necessità politiche del governo Clinton, dei musulmani Bosniaci e dei Croati.                                                                                                  
Il secondo è che già in precedenza si era tenuto conto, prima di Srebrenica (e si è continuato a farlo anche in seguito), di una serie di pretese atrocità serbe, rivelate regolarmente nei momenti strategici in cui si preparava un intervento violento degli Stati Uniti e del blocco della NATO, e perciò vi era la necessità di un solido sostegno dell’opinione pubblica e di relazioni pubbliche, atrocità che in seguito venivano dimostrate essere mai avvenute.                                                                                                                    
Il terzo è che le prove di un tale massacro, di almeno 8.000 fra giovani e uomini adulti, sono sempre state per lo meno poco attendibili.


Convenienza politica

Gli avvenimenti di Srebrenica, e le rivelazioni di un enorme massacro, hanno aiutato notevolmente il governo Clinton, la dirigenza bosniaca musulmana e le autorità croate.                                                            

Clinton, nel 1995, era stato incalzato allo stesso tempo dai mezzi di informazione e da Bob Dole per una azione più energica in favore dei musulmani Bosniaci, [2] e il suo governo ricercava attivamente la giustificazione per una politica più aggressiva.                                                                                             

Le autorità Clintoniane si sono precipitate sulla scena di Srebrenica per confermare e rendere di pubblico dominio le affermazioni di un massacro, come più tardi, nel gennaio 1999, veniva fatto da William Walker. La pressante relazione presentata da Walker a Madeleine Albright l’aveva fatta esultare, tanto da esclamare: “La primavera è apparsa presto, quest’anno!” [3]                                           

Srebrenica, in quell’estate del 1995, ha permesso all’autunno di “apparire prima” all’amministrazione Clinton!
 
I leaders Bosniaco-musulmani si erano battuti per anni per convincere le potenze della NATO di intervenire più energicamente in loro favore, e ci sono forti indicazioni che loro erano pronti non solo a mentire, ma anche a sacrificare i loro stessi concittadini e soldati per ottenere l’intervento (problemi trattati nella seconda parte).                                                                                                           

Alcuni personaggi autorevoli musulmano-Bosniaci hanno dichiarato che il loro presidente, Alija Izetbegovic, aveva loro comunicato che Clinton aveva avvertito che l’intervento avrebbe avuto luogo solamente nel caso in cui i Serbi avessero ammazzato a Srebrenica più di 5.000 persone. [4]  L'abbandono di Srebrenica da parte di una forza militare ben più consistente di quella degli attaccanti, e la ritirata che aveva reso vulnerabile questa forza superiore e che aveva comportato moltissime vittime in combattimento o nelle rese dei conti, avevano permesso di arrivare a quelle cifre che corrispondevano, più o meno, al criterio di Clinton.                                                                      

Esistono le prove che la ritirata di Srebrenica non derivava da alcuna necessità militare, ma corrispondeva ad una decisione strategica, secondo la quale le perdite incorse erano un sacrificio obbligatorio in favore di una causa più importante. [5]                                                                                               

Le autorità Croate erano entusiaste di vedere che si svelava un massacro avvenuto a Srebrenica, poiché questo stornava l’attenzione dallo loro devastante pulizia etnica nella Bosnia occidentale, avvenuta ben prima, a spese dei Serbi e dei Musulmani di Bosnia, (pressoché completamente ignorata dai media Occidentali). [6] E questo avrebbe fornito una giustificazione per l’espulsione già pianificata di molte centinaia di migliaia di Serbi dalla regione della Krajina, in Croazia.
Questa operazione di pulizia etnica massiccia è stata condotta con l’approvazione degli Stati Uniti e il loro sostegno logistico, appena un mese dopo gli avvenimenti di Srebrenica, e ha probabilmente causato la morte di molti civili Serbi, che non avevano nulla a che vedere con le uccisioni di civili Bosniaci musulmani, avvenute in luglio nel settore di Srebrenica.                                                                

La maggior parte delle vittime musulmano-Bosniache erano combattenti, dato che i Serbi di Bosnia avevano messo al sicuro donne e bambini convogliandoli su autobus, cosa che i Croati non hanno fatto, ottenendo come risultato la morte di molte donne, bambini e vecchi, massacrati da loro nella Krajina.[7]                                                                                                                                                        
Il cinismo dei Croati era impressionante : “Le truppe delle Nazioni Unite hanno osservato con orrore i soldati Croati trascinare i cadaveri dei Serbi lungo la strada che fiancheggia il centro dell’ONU, imbottirli di pallottole di AK-47 e quindi schiacciarli sotto i cingoli di un carro armato.” [8] Ma di questo non si è fatta attenzione, vista l’esplosione di indignazione e di propaganda in seguito a Srebrenica, grazie ai grandi mezzi di informazione,  il cui ruolo bellicista giocato durante le guerre Balcaniche era già solidamente collaudato. [9]
Anche il Tribunale Penale Internazionale per la Jugoslavia (TPIY) e le Nazioni Unite hanno giocato un ruolo importante nel consolidamento della narrazione standard del massacro di Srebrenica.     

Dopo il suo esordio, il TPI è stato il braccio giuridico delle potenze della NATO che lo hanno creato, finanziato, utilizzato come strumento di polizia e di informazione, e di cui in contraccambio hanno beneficiato dei servigi che si aspettavano.[10] 
Il TPI si è concentrato intensamente su Srebrenica e ha raccolto sedicenti conferme importanti, indipendenti dalla realtà del massacro, accompagnate da affermazioni di “genocidio” pianificato “utilizzabili in ambito giudiziario”.                                                                                                                       

Le Nazioni Unite non sono di meno coinvolte nelle esigenze delle potenze della NATO, ma anzi hanno fatto loro eco e, nella questione di Srebrenica, hanno assunto le posizioni pretese dagli Stati Uniti e dai loro alleati.[11]                                                                                                                             

L'interesse politico del massacro di Srebrenica non prova naturalmente che la narrazione dei fatti da parte dell’establishment sia erronea. Ma implica la necessità di essere prudenti e di diffidare delle falsificazioni e delle affermazioni esagerate. Questa vigilanza ha completamente fatto difetto nei resoconti sui fatti di Srebrenica diffusi dai mezzi di informazione. 


Le menzogne senza tregua prima e dopo Srebrenica

Ad ogni tappa dello smantellamento della Jugoslavia e della sua pulizia etnica, come prima e durante la guerra della NATO per la provincia serba del Kosovo nel 1999, le menzogne propagandistiche hanno giocato un ruolo molto importante nel sostenere il conflitto e la giustificazione degli interventi antiserbi.  Ci sono state menzogne per omissione e menzogne che hanno propagato informazioni ed impressioni false.                     

Una delle più gravi menzogne per omissione è stata la presentazione sistematica di comportamenti criminali come una specificità serba, senza aggiungere che questi comportamenti erano  caratteristici anche dei Musulmani e dei Croati, per non parlare del complesso del conflitto.            

Caso dopo caso, i media hanno descritto le aggressioni e le atrocità serbe, senza menzionare gli attacchi preliminari lanciati contro i Serbi nelle medesime città, quindi facendo passare le risposte dei Serbi come azioni non provocate di aggressione e di barbarie.  Questo è risultato evidente fin dall’inizio degli scontri importanti del 1991 nella Repubblica di Croazia.  Ad esempio, nella loro copertura degli avvenimenti nella città di Vukovar, in Croazia orientale, i media (e il TPI) hanno insistito esclusivamente sulla presa della città, avvenuta nell’autunno del 1991 da parte dell’esercito federale jugoslavo, ignorando completamente il massacro di Serbi che vivevano in quella zona compiuto nella primavera e nell’estate precedenti da parte delle truppe della Guardia Nazionale croata e di paramilitari.                                                                                                                        

Secondo Raymond K. Kent, “una parte considerevole della popolazione serba dell’importante città slavona di Vukovar è scomparsa, senza essere fuggita, e sono rimasti segnali di torture nelle vecchie catacombe austriache sotto la città, e ci sono prove di violenze e di assassini. I media occidentali, già fortemente impegnati nella demonizzazione dei Serbi, hanno scelto di ignorare questi fatti.” [12] Questo approccio  tendenzioso e ingannevole è stata la pratica abituale dei grandi media e del TPI.
Altre menzogne per omissione sono state evidenti nell’aver messo in primo piano i campi di prigionia Serbo-bosniaci come quello di Omarska, descritti nei dettagli e con tanta indignazione, senza tenere conto del fatto che i Musulmani e i Croati avevano dei campi similari a Celebici, Tarcin, Livno, Bradina, Odzak e il campo Zetra di Sarajevo, fra gli altri, [13] con un numero di prigionieri e di installazioni del tutto confrontabili, ed un trattamento peggiore dei prigionieri. [14] Ma, a differenza dei Serbi, i Musulmani e i Croati hanno fatto ricorso ad agenzie competenti in relazioni pubbliche e si sono rifiutati di lasciare ispezionare le loro installazioni, e l’edificio di parzialità eretto ha fatto in modo che i media si interessassero solamente dei campi serbi. Folli affermazioni sulle condizioni di detenzione, tipo Auschwitz, nei “campi di concentramento” serbi sono state riprese dai giornalisti in servizi che hanno avvallato la propaganda diffusa dalle autorità musulmane e croate e dai loro incaricati in relazioni pubbliche.                                                                                            

Roy Gutman, che ha ricevuto il premio Pulitzer con John Burns per i suoi reportages sulla Bosnia nel 1993, si affidava quasi unicamente alle autorità musulmane e croate, a testimoni di dubbia credibilità e ad affermazioni inverosimili, ed è stato una fonte importante dello straordinario lavaggio dei cervelli, tendenzioso e menzognero, sui “campi di concentramento”. [15]                                         

Il premio Pulitzer per John Burns si basava su una lunga intervista a Boris Herak, un prigioniero Serbo bosniaco, che era stato messo a disposizione sua, e di un cineasta finanziato da Soros, dai Musulmani di Bosnia. Qualche anno più tardi, Herak denunciava pubblicamente che era stato costretto a fornire la sua confessione altamente inverosimile e che aveva dovuto imparare a memoria pagine e pagine di menzogne. Proprio due delle sue presunte vittime sono risultate più tardi viventi.                                                                                  

Però, nel reportage su Herak, John Burns e il New York Times, (come pure il film finanziato da Soros), hanno trascurato di citare un particolare che sarebbe stato la rovina della loro credibilità :  infatti, Herak accusava anche l’ex comandante dell’UNPROFOR, il generale canadese Lewis MacKenzie, di avere violentato una giovane musulmana in un bordello serbo. [16]                                                                           

Questi due scandalosi premi Pulitzer sono la testimonianza della parzialità mediatica che regnava nel 1992-93.                                                                                                                                                   
In un recente attacco di curiosità, nel corso di una visita a Izetbegovic morente, Bernard Kouchner ha interrogato l’ex Capo di Stato della Bosnia sui campi di concentramento serbo-bosniaci. Izetbegovic gli ha reso la sorprendente confessione che l’informazione su questi campi era stata distorta allo scopo di ottenere dalla NATO il bombardamento contro i Serbi. [17] Questa confessione importante non ha avuto mai alcuna menzione da parte dei media americani o inglesi.                               

Una delle più spettacolari menzogne degli anni Novanta è stata quella riguardante il campo serbo di  Trnopolje, visitato da giornalisti britannici della ITN nell’agosto 1992. Questi giornalisti hanno fotografato un certo Fikret Alic, mostrandolo emaciato e apparentemente rinchiuso dietro lo sbarramento di un campo di concentramento. In realtà, Fikret Alic si trovava in un campo di transito, era malato di tubercolosi ben prima di arrivare al campo, non rappresentava in alcun modo gli altri residenti del campo, e partiva poco tempo dopo per la Svezia. Inoltre, lo sbarramento circondava i fotografi, non venivano impediti i movimenti al fotografato. [18]                         

Ma questa foto particolarmente disonesta, che ha fatto il giro per tutto l’Occidente come prova dell’esistenza di un Auschwitz serbo, è stata accolta come prova di accusa dalle autorità della NATO, e ha fornito il fondamento per la creazione del TPI e della sua missione di combattere contro la malvagità dei Serbi.
Nel caso dell’assedio di Sarajevo, come nel caso dei conflitti intorno alle città “protette”, il governo musulmano bosniaco si è impegnato in un regolare programma di provocazioni contro i Serbi, condannandoli per le loro reazioni, mentendo sul numero delle vittime e cercando solitamente con successo di far addossare tutte le responsabilità sui Serbi.                                                                         
Come ha dichiarato Tim Fenton : “Le asserzioni di massacri di musulmani Bosniaci seguivano subitamente come la notte segue il giorno : il più eloquente era il Primo Ministro musulmano Haris Silajdzic che affermava che le Nazioni Unite erano responsabili della morte di 70.000 persone a Bihac all’inizio del 1995, quando in quella zona non si avevano avuti praticamente combattimenti e il numero delle vittime era stato molto poco elevato.” [19]                

Una rimarchevole caratteristica dello sforzo dei musulmani Bosniaci per demonizzare i Serbi, in vista di ottenere che la NATO corresse in loro soccorso con i bombardamenti, è stata la loro propensione ad ammazzare i loro stessi concittadini. L'esempio più eclatante è stato il bombardamento di civili di Sarajevo nel corso di tre massacri :  nel 1992, il “massacro della panetteria”; nel 1994, il “massacro del mercato” di Markalé ; e nel 1995, il secondo “massacro del mercato”. Secondo la versione ufficiale, erano stati i Serbi i responsabili di queste atrocità, e bisogna ammettere che è difficile credere che le autorità musulmane abbiano trucidato il loro stesso popolo per ottenere un vantaggio politico, anche se i fatti sono tutti convergenti in questa direzione.  Ma questi massacri sono stati l’oggetto di un “timing”, di una coordinazione temporale messa in atto per influenzare la decisione imminente degli Stati Uniti e della NATO per un intervento in favore dei musulmani Bosniaci.                                                                 

Per altro, numerose autorità dell’ONU e comandanti militari occidentali hanno affermato che esistono forti presunzioni del fatto che i tre massacri siano stati pianificati e messi in esecuzione dai musulmani Bosniaci.[20] L'ufficiale dell’esercito USA John F. Sray, che si trovava sul posto in Bosnia al tempo di questi massacri e dirigeva la sezione dei servizi informativi americani a Sarajevo, ha fatto le stesse considerazioni, che gli incidenti, e la probabile implicazione delle autorità musulmano-Bosniache, “meritano un’inchiesta approfondita del Tribunale Penale Internazionale”. [21] Inutile dire che non è stato dato corso a nessuna inchiesta.                                    

In una parola, l’analisi di questi tre massacri non fa riferimento alla teoria del complotto, ma trae la giusta conclusione, fondata su molteplici e attendibili constatazioni, alla quale nello stesso modo non si fa richiamo nei resoconti tendenziosi della storia recente dei Balcani. [22] 

Tornando al caso di Srebrenica, prima e dopo, la manipolazione delle cifre è stata una pratica corrente, che ha contribuito a sostenere il resoconto dei fatti dominante.                                                    

Per la Bosnia, nel dicembre 1992, il governo musulmano Bosniaco ha tenuto conto di 128.444 morti militari e civili, un numero che è salito a 200.000 nel giugno 1993, poi a 250.000 nel 1994. [23] Queste cifre sono state fagocitate senza batter ciglio dai politici occidentali, dai media e dagli intellettuali che esaltano la guerra, con Clinton stesso che citava il numero di 250.000 in un discorso del novembre 1995.                                                           

L'ex-responsabile del Dipartimento di Stato George Kenney ha fatto spesso riferimento a queste cifre, e si è meravigliato di constatare la credulità con cui i media le hanno accettate, senza la minima velleità di verificarle. La sua valutazione si è situata fra i 25.000 e i 60.000. [24]                       

Più di recente, uno studio patrocinato dal governo Norvegese ha fatto una valutazione di 80.000 morti, e una inchiesta del TPI stesso ha concluso su 102.000 vittime. [25] Ne’ l'uno ne’ l'altro di questi risultati è stato presentato dai mezzi di informazione USA, che avevano regolarmente infarcito i loro documenti con cifre all’ingrosso.                                                                                                                                                     
Una inflazione paragonabile è avvenuta nel 1999, durante i 78 giorni del bombardamento della NATO, con autorità americane di alto grado a fare menzione, in momenti diversi, di 100.000, 250.000 e 500.000 Albanesi del Kosovo trucidati da parte dei Serbi, ed utilizzare a sproposito il termine “genocidio” per descrivere le operazioni serbe in Kosovo. [26] A poco a poco, queste cifre sono state ricondotte a 11.000, e si sono fermate a questo livello, sebbene non siano stati trovati che 4.000 corpi nel corso di una delle più intense indagini condotte con metodi scientifici della storia, e che un numero imprecisato di questi corpi appartenevano a combattenti, a Serbi, o alle vittime dei bombardamenti americani.                                                                                                                              
Ma deve essere accettata come esatta la cifra di 11.000 morti, in quanto i membri della NATO e il TPI l'hanno dichiarata tale, e Michel Ignatieff ha dato assicurazioni ai lettori del New York Times che “la scoperta di questi 11.334 cadaveri dipendeva dal fatto che l’esercito e la polizia della Serbia li avessero o no rimossi.” [27]                                                                                                                      
Questo récital di sistematica disinformazione non prova necessariamente la falsità della versione ufficiale del massacro di Srebrenica. Ma richiama alla mente la necessità di esaminare con più attenzione le asserzioni, che tanto si sono dimostrate convenienti, un esame che i mezzi di informazione di massa si sono sempre rifiutati di fare.


Le affermazioni molto dubbie sul massacro

Al momento degli avvenimenti di Srebrenica del luglio 1995, lo scenario era stato ben collocato in modo tale che le affermazioni sul massacro sembrassero credibili.                                                   

Praticamente nessuno aveva smentito l’incessante serie di menzogne dei media, i processi di demonizzazione e di manicheismo “bene-contro-male” erano stati ottimamente collaudati, il TPI e i dirigenti dell’ONU osservavano alla lettera il programma degli USA e dei loro alleati, e i media seguivano pedissequamente le orme del loro bellicismo. Pertanto, sarebbe stato facile svelare le incrinature del contesto.                 
Un primo elemento del contesto avrebbe potuto essere quello di “zona protetta”, non altro che una frode : si supponeva che queste zone fossero disarmate. Ora non era vero nulla, e con la connivenza dell’ONU. [28] I musulmani Bosniaci le utilizzavano, a Srebrenica e altrove, come trampolini di lancio di attacchi contro i villaggi serbi dei dintorni. Nel corso dei tre anni che hanno preceduto il massacro, più di 1.000 civili Serbi sono stati ammazzati dalle forze musulmane in un gran numero di villaggi devastati. [29] Ben prima del luglio 1995, il comandante musulmano di Srebrenica Naser Oric aveva fatto vedere con fierezza ad alcuni giornalisti occidentali dei video che mostravano alcune delle sue vittime decapitate, e si vantava di questi assassini. [30]
Testimoniando davanti al TPI, il 12 febbraio 2004, il comandante militare delle Nazioni Unite in Bosnia nel 1992-93, il generale Philippe Morillon, ha ribadito la sua convinzione che l’attacco a  Srebrenica era stato una “reazione diretta” ai massacri dei Serbi compiuti da Naser Oric e dalle sue forze nel 1992-93, massacri di cui Morillon era perfettamente a conoscenza. [31]                                   

La testimonianza di Morillon non è stata di alcun interesse per i media occidentali, e quando il 28 marzo 2003 il TPI si è finalmente deciso a mettere sotto accusa Naser Oric,  probabilmente per costruirsi una immagine di imparzialità giuridica, quest’ultimo è stato imputato per l’assassinio di soli sette Serbi che erano stati torturati e picchiati a morte dopo la loro cattura, e di avere distrutto alcuni villaggi della zona circostante presi a casaccio. Benché si fosse vantato apertamente con i giornalisti occidentali di avere massacrato dei civili Serbi, il TPI “non ha riscontrato alcuna prova di vittime civili durante gli attacchi a villaggi serbi nel suo teatro di operazioni”. [32]               

Quando i Serbi di Bosnia si sono impadroniti di Srebrenica nel luglio 1995, veniva riferito che il 28.esimo reggimento dell’Esercito Musulmano Bosniaco (AMB), costituito da parecchie migliaia di uomini, se ne era già andato dalla città. [33] I media non si sono proprio domandati come una forza tanto importante potesse trovarsi in una “zona protetta” disarmata. Inoltre, avendo ignorato le angherie perpetrate in precedenza, promosse a partire dalla zona protetta, i media potevano adottare la versione ufficiale di un “genocidio” di una indicibile crudeltà, piuttosto che quella di una ritorsione, che i media hanno comunque ammesso per giustificare in parte la violenza esercitata dalle “vittime che vanno loro a genio” (come quella degli Albanesi che danno luogo ad espulsioni e ad uccisioni dei Serbi e dei Rom, dopo l’occupazione del Kosovo da parte della NATO).
Un secondo elemento del contesto è stata la possibile ragione politica della evacuazione di Srebrenica da parte di una forza in buona posizione difensiva, superiore numericamente all’attaccante Esercito Serbo Bosniaco (ASB), nel rapporto di sei o forse otto contro uno, ma che batteva in ritirata prima dell’assalto, e prima di tutto venivano ritirati i suoi comandanti da parte del governo musulmano Bosniaco. [34] Questa ritirata ha lasciato la popolazione senza protezione, e ha reso i quadri dell’Esercito AMB vulnerabili nel momento in cui si ritiravano in disordine verso le linee musulmano-Bosniache. Si trattava di una nuova manovra di auto-sacrificio da parte dei leaders in vista di produrre delle vittime, poteva essere per raggiungere l’obiettivo dei 5.000 morti fissato da Clinton, e indurre così la NATO ad un intervento più energico?  I media non si sono mai posti questo interrogativo.

Gli avvenimenti di Srebrenica presentano sicuramente degli aspetti che rendono “plausibile” la versione della esecuzione di 8.000 fra “uomini adulti e giovani”.  Fra questi aspetti vi è la confusione e l’incertezza rispetto alla sorte dei soldati musulmano-Bosniaci in fuga, alcuni erano riusciti a raggiungere Tuzla sani e salvi, altri erano finiti uccisi nei combattimenti, altri ancora erano stati fatti prigionieri.  La cifra pari a 8.000 è stata fornita di primo acchito dalla Croce Rossa, basata su una rozza valutazione che l’ASB aveva catturato 3.000 uomini e che 5.000 dovevano essere considerati “scomparsi”. [35]  È stato ben dimostrato che migliaia di “scomparsi” sono arrivati a Tuzla sani e salvi, o sono stati uccisi in combattimento. [36] Ma in una straordinaria trasformazione che testimonia dell’ardore di situare tutto il male dalla parte dei Serbi e di fare dei Musulmani delle vittime, per i mancanti all’appello sono state ignorate le categorie “arrivati sani e salvi” o “morti in combattimento”, e tutti i dispersi sono stati considerati come giustiziati!                                                     
Questa ingannevole conclusione è stata rinforzata dalla Croce Rossa, quando, facendo riferimento ai 5.000, li definisce come “semplicemente scomparsi”, non ha corretto questa qualificazione politicamente tendenziosa e non ha mai sottolineato, quantunque l’avesse riconosciuto, che “molte migliaia” di rifugiati erano arrivati nella Bosnia centrale. [37] Questa qualificazione ha ricevuto rinforzo anche dal rifiuto delle autorità musulmano-Bosniache di fornire i nominativi e il numero delle persone che si erano salvate senza intoppi. [38]  Ma, nell’establishment occidentale esisteva una spiccata propensione non solo a non tenere conto di questi che erano giunti a buon porto, ma di ignorare perfino i morti in combattimento e a considerare tutti i cadaveri come vittime di esecuzioni. 
In questo caso, la fede cieca è senza limiti : il reporter David Rohde ha visto un osso emergere da un sito di tombe nei pressi di Srebrenica, e ha saputo d’istinto che si trattava delle vestigia di una esecuzione e la prova effettiva di un “massacro”. [39]                                                                                           

La pratica corrente dei media è stata quella di passare dalla constatazione riconosciuta di migliaia di scomparsi, o dalla notizia di una esumazione di corpi in un sito, alla conclusione che così veniva dimostrata l’esecuzione di  8.000 persone. [40]                                                                                              

Con 8.000 esecuzioni e alcune migliaia di caduti in combattimento, si avrebbero dovuti trovare enormi siti di seppellimenti, e si sarebbero dovute accumulare tramite satellite le prove delle esecuzioni, dei seppellimenti ed eventualmente delle rimozioni dei corpi.  Ma le ricerche nel settore di Srebrenica hanno avuto riscontri “dolorosamente deludenti”, con la scoperta, per tutto l’anno 1999, di soli 2.000 corpi, compresi quelli dei morti in battaglia e anche di Serbi, alcuni morti già prima del luglio 1995.                         

La scarsità di questi risultati ha condotto all’idea che i corpi fossero stati rimossi e riportati in altri luoghi, ma era un’idea difficilmente convincente, visto che dopo il luglio 1995 i Serbi erano stati sottoposti ad un’intensa pressione militare. Era il periodo in cui la NATO bombardava le posizioni serbe e gli eserciti musulmano e croato sviluppavano un’offensiva in direzione di Banja Luka. L'ASB era sulla difensiva ed era carente in modo preoccupante di equipaggiamenti e di rifornimenti, compreso il carburante. Mettere in piedi un’operazione di tali dimensioni di esumazioni, del trasporto e della risepoltura di migliaia di cadaveri sorpassava di molto i mezzi che l’esercito Serbo Bosniaco disponeva a quell’epoca. Di più, mettendo in esecuzione un programma di tale ampiezza, non potevano sperare di passare inosservati da parte del personale dell’OCSE, dei civili locali e delle osservazioni da satellite.                                                                                                                                     

Il 10 ottobre 1995, ad una sessione a porte chiuse del Consiglio di Sicurezza, Madeleine Albright ha mostrato delle foto satellitari, come parti di un dossier accusatorio dei Serbi in Bosnia. Una di queste foto mostrava delle persone, indicate come musulmani di Bosnia delle vicinanze di Srebrenica, radunate in uno stadio, ed un’altra, presumibilmente scattata poco dopo, che mostrava un campo nei pressi, con il terreno “rivoltato”. Queste foto non sono mai state rese pubbliche, ma anche se fossero state autentiche, non avrebbero potuto costituire una prova, ne’ di esecuzioni, ne’ di seppellimenti. Inoltre, benché il TPI assumesse come reale il “tentativo organizzato e globale” di dissimulare i cadaveri, e che David Rohde parlasse di un “gigantesco sforzo da parte dei Serbi di nascondere i corpi”, [41] ne’ la Albright, ne’ chiunque altro hanno mai mostrato uno straccio di foto satellitare di esecuzioni di persone, di seppellimenti o di dissotterramenti per spostare i cadaveri, o di camions che trasportassero da altre parti migliaia di cadaveri. Ossia, una mancanza flagrante di documentazione, malgrado gli avvertimenti di Madeleine Albright ai Serbi : “Noi vi terremo d’occhio !”, e malgrado che a quel tempo, durante l’estate 1995, i satelliti facessero almeno otto passaggi quotidiani e che i droni geostazionari potessero piazzarsi sopra la Bosnia e prendere fotografie ad alta definizione. [42] I grandi mezzi di comunicazione hanno considerato che queste lacune non interessavano per nulla.
Un gran numero di corpi erano stati ammassati a Tuzla, qualcosa come 7.500 cadaveri o più, molti in pessimo stato o a pezzi, la loro raccolta e la loro manipolazione incompatibili con le norme scientifiche professionali, la loro origine incerta, i loro legami con gli avvenimenti del luglio 1995 a Srebrenica lontani dall’essere provati e persino improbabili, [43] e la causa della loro morte generalmente non ben definita. È interessante notare, allorquando i Serbi venivano di continuo accusati di nascondere i corpi, che nessuno abbia suggerito che i musulmani Bosniaci, incaricati da lungo tempo della ricerca dei cadaveri, e per questo in grado di mettere in atto falsificazioni, potessero spostare dei corpi e quindi manipolare le informazioni.                                                                          

È in corso un tentativo di utilizzare l’ADN per riunire i resti a Srebrenica, ma questo solleva numerosi problemi : a parte quelli delle procedure di investigazione e dell’integrità dei soggetti da esaminare, sarà di difficile risoluzione la differenziazione fra un’esecuzione e una morte in combattimento.                                          
Inoltre, esistono degli elenchi di scomparsi, ma sono pieni di errori, con dei doppioni, con nomi di persone decedute prima del luglio 1995, che si erano allontanate per evitare di servire nell’Esercito Serbo di Bosnia, o che, in seguito, nel 1997 si sono iscritte nelle liste elettorali, e gli elenchi comprendono anche i morti in combattimento, i nomi di superstiti che si erano messi al sicuro o che erano stati fatti prigionieri, e che si sono fatti una nuova esistenza da altre parti. [44]                          

Per di più, la cifra di 8.000 è incompatibile con l’aritmetica elementare applicata a Srebrenica, prima e dopo il luglio 1995. Le persone che si sono spostate da Srebrenica, vale a dire i sopravvissuti al massacro che si sono fatti registrare all’inizio dell’agosto 1995 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal governo Bosniaco, ammontavano ad un totale di 35.632.                      

I musulmani che hanno potuto guadagnare le linee musulmane “senza che le loro famiglie fossero informate” erano perlomeno 2.000, e circa 2.000 sono stati uccisi nei combattimenti. Considerando un totale di 37.632 superstiti, più i 2.000 morti in combattimento, se aggiungiamo gli 8.000 giustiziati, la popolazione di Srebrenica prima della guerra raggiungerebbe i 47.000 abitanti, quando in realtà si avvicinava ai 37-40.000. (Il giudice del TPI Patricia Wald ha fatto una stima di 37.000).
Quindi, le cifre non concordano! [45]                                                    

Ci sono stati riscontri di uccisioni a Srebrenica, dove persone hanno affermato di esserne stati testimoni. In numero minore, alcuni di questi testimoni avevano dei conti politici da regolare o si rivelavano poco credibili. [46] Comunque, molte testimonianze erano attendibili e descrivevano senza dubbio avvenimenti orribili e reali. Ma si parla di qualche centinaio di esecuzioni, non di 8.000 o di un numero qualsivoglia si avvicini a questo.                                                                                                            
Il solo testimone che ha preteso di avere partecipato direttamente ad un massacro di persone che superava il migliaio è stato Drazen Erdemovic, un Croato associato ad una banda di assassini mercenari, che avevano ricevuto un compenso di 12 chili di oro per i loro servigi in Bosnia e avevano finito, lui compreso, per andare a lavorare in Congo per il servizio informazioni Francese. La sua testimonianza è stata accettata, malgrado la sua inconsistenza e le sue contraddizioni, e malgrado il fatto che soffrisse di turbe mentali, al punto di essere stato esonerato dall’essere egli stesso processato, appena due settimane prima di essere ammesso come testimone, ma con la dispensa di essere contro interrogato.                 

Le deposizioni di questo e di altri testimoni sono spesso state inficiate da una procedura di patteggiamento preventivo, secondo cui, se imputati, potevano negoziare una riduzione di pena in cambio della loro collaborazione con il Tribunale. [47]                                                                                     

Allo stesso tempo, è importante sottolineare il numero di osservatori imparziali che non hanno visto, ne’avuto riscontri minimi di un massacro, compresi i membri delle forze Olandesi presenti nella “zona protetta”, e di personaggi come Henry Wieland, il comandante del corpo investigativo dell’ONU sugli abusi contro i diritti dell’uomo, che non ha trovato alcun testimone oculare di atrocità dopo cinque giorni di interviste nell’ambito di 20.000 sopravvissuti di Srebrenica, riuniti nel campo profughi presso l’aeroporto di Tuzla. [48]


Anomalie

Una anomalia specifica per Srebrenica consiste nella stabilizzazione della cifra in 8.000 vittime musulmane Bosniache nel luglio 1995, e 8.000 sono rimaste a tutt’oggi, malgrado il carattere approssimativo della prima valutazione, malgrado le prove che molti, se non la maggior parte, dei 5000 “scomparsi” avevano raggiunto il territorio musulmano-bosniaco, o erano stati uccisi nei combattimenti, e malgrado l’incapacità di produrre testimonianze probatorie, nonostante i massicci tentativi per farlo.

In altre situazioni, come per la valutazione delle vittime degli attentati dell’11 settembre, o per la stessa dei morti in Bosnia o delle vittime dei bombardamenti sul Kosovo, le cifre sono state riviste al ribasso nel momento in cui i ritrovamenti dei corpi rendevano indifendibili le prime valutazioni sovradimensionate in modo esagerato. [49]                                                                                                           

Ma, dato il suo ruolo politico fondamentale per gli Stati Uniti, per i Musulmani di Bosnia e per i Croati, e in ragione della fede quasi religiosa nell’esistenza delle atrocità che vi sarebbero state commesse, Srebrenica si è rivelata impermeabile ad ogni realtà. Dal primo giorno fino ad oggi, la cifra di 8.000 è stata considerata come una verità intangibile, la cui messa in dubbio deve essere considerata come una eresia e una apologia del demonio.                                                                                     

Un’altra anomalia che illustra il carattere sacrale, intoccabile e politicizzato del massacro nell’ideologia Occidentale, è stata la sua rapida qualificazione di “genocidio”.                                                

In questo caso, il Tribunale ha giocato un ruolo decisivo, con la straordinaria credulità, con i psicologismi a briglia sciolta, e con l’incompetenza dei ragionamenti giuridici, che i giudici hanno manifestato esclusivamente nei confronti dei casi riguardanti i Serbi.                                                               

In materia di credulità, un giudice ha convalidato come fatto reale l’affermazione di un testimone, che i soldati Serbi avessero costretto un vecchio musulmano a mangiare il fegato del suo nipotino. [50] E i magistrati hanno ininterrottamente rievocato come cosa assodata l’esecuzione di 7.000 o 8.000 musulmani, riconoscendo nello stesso tempo che le loro informazioni “suggerivano” che la “maggioranza”dei 7-8.000 scomparsi non erano stati uccisi in combattimento, cosa che diminuiva sensibilmente la cifra accettata per vera. [51]
Il Tribunale ha risolto l’imbarazzante problema dei Serbi... autori di genocidio, che trasportano con autobus in zone sicure le donne e i bambini musulmani Bosniaci, affermando che l’avevano fatto per ragioni di pubbliche relazioni, ma, come ha sottolineato Michael Mandel, non commettere un atto criminale, malgrado il desiderio di attuarlo, viene definito come un “atto criminale non commesso”. [52] Il Tribunale non si è mai domandato perché i Serbi...autori di genocidio non abbiano accerchiato la città, prima di conquistarla, per impedire a migliaia di uomini di fuggire, e nemmeno perché i soldati musulmani Bosniaci abbiano abbandonato le loro donne, i loro bambini e tanti loro compagni feriti alla mercé dei Serbi, [53] e non ha mai evidenziato il fatto che 10.000 abitanti di Zvornik, principalmente musulmani, si siano messi al sicuro dalla guerra civile rifugiandosi nella stessa Serbia, come è stato attestato dal testimone di accusa Borislav Jovic. [54]
Fra le altre incoerenze degli argomenti dei magistrati del Tribunale, figura il concetto per il quale si tratta di genocidio quando vengono uccisi i componenti di un gruppo etnico con l’obiettivo di diminuirne nel futuro la popolazione, rendendo quindi quel gruppo non più visibile in una certa area. Si potrebbe volerli eliminare semplicemente per impedire di essere in seguito eliminati, ma la Corte conosce meglio la psicologia dei Serbi, e quindi questa non poteva essere la sola motivazione, bisognava che ci fosse uno scopo più sinistro. Il ragionamento del Tribunale, condotto sulla base psicologica favorevole all’accusa, è che ogni evento di eliminazione di un avversario può essere considerato come genocidio.
Sussiste inoltre il problema della definizione di gruppo etnico. I Serbi cercavano di eliminare tutti i musulmani di Bosnia, o i musulmani in generale? O solamente i musulmani di Sarajevo? I giudici hanno considerato che la stessa espulsione di musulmani da Sarajevo doveva essere considerata come genocidio, e hanno grosso modo assimilato il genocidio con la pulizia etnica. [55]  Comunque, è importante sottolineare che il TPI non ha mai qualificato come “genocidio” la pulizia etnica di 250.000 Serbi dalla Krajina, sebbene in questo caso molte donne e bambini siano stati massacrati, e nonostante questa pulizia fosse stata applicata su un territorio più vasto e avesse causato più vittime civili che a Srebrenica. [56]
Il 10 agosto 1995, Madeleine Albright affermava a voce alta che “quasi 13.000 uomini, donne e bambini erano stati cacciati dai loro focolari” a Srebrenica. [57] Forse il Tribunale ha fatto propria l’impagabile formula di Richard Holbrooke che qualificava la Krajina come un caso di “espulsione involontaria”!  [58] La parzialità risulta eclatante, la politicizzazione dell’istanza giuridica estrema.
La copertura mediatica degli avvenimenti di Srebrenica e nella Krajina ha seguito il medesimo schema ed illustra come i media abbiano differenziato le vittime buone da quelle cattive, a seconda della presa di posizione politica.
Erano i Serbi il bersaglio del governo USA, e questo governo appoggiava in modo massiccio il programma Croato di pulizia etnica nella Krajina, e perciò i media hanno gratificato Srebrenica di un trattamento esagerato e denso di indignazione, usando un linguaggio pieno di odio, lanciando appelli all’azione ed evocando al minimo il contesto.  La Krajina, al contrario, non ha avuto il diritto che di un’attenzione debole e passeggera, scevra da ogni indignazione : la descrizione dettagliata della sorte delle vittime è stata ridotta al minimo, i modi per descrivere le rese dei conti sono stati neutri, e il contesto evocato ha reso gli avvenimenti degni di comprensione.

Il contrasto è stato tanto grossolano da risultare risibile: l’attacco su Srebrenica era “agghiacciante”, “assassino”, “selvaggio”, “criminalmente perpetrato a sangue freddo”, “genocida”, qualificato come “aggressione” e , ben inteso, come “pulizia etnica”; con la Krajina, nulla di paragonabile, perfino “pulizia etnica” risultava troppo. L'aggressione Croata non era che una grandiosa “rivolta” che “avrebbe indebolito il nemico”, una “offensiva lampo”, giustificata come una “risposta a  Srebrenica” e un prodotto degli “eccessi” compiuti dai leaders Serbi.

Il Washington Post ha perfino citato l’ambasciatore USA in Croazia, Peter Galbraith, che ribadiva “l’esodo serbo non è una pulizia etnica”. [59]  Il giornale non consentiva alcuna messa in dubbio di questo giudizio. Nei fatti, le operazioni croate in Krajina hanno fatto della Croazia il più etnicamente puro fra tutti gli stati componenti la ex Jugoslavia, benché l’occupazione del Kosovo da parte della NATO abbia consentito una pulizia che rivaleggia con la purificazione etnica della Croazia.

Un’altra anomalia nella questione di  Srebrenica è l’accanimento posto nel perseguire davanti al Tribunale tutti i criminali (Serbi), e ad ottenere dei carnefici (Serbi), che riconoscessero volontariamente la loro colpevolezza, essendo la loro confessione una loro esigenza di giustizia e la condizione per la riconciliazione. Il problema è che la giustizia non può essere di parte, altrimenti cessa dall’essere giustizia, e allora rivela il suo vero volto di vendetta e di giustificazione di obiettivi politici.  La pulizia etnica in Bosnia in alcun modo avveniva da una sola parte, e i morti per nazionalità non sono lontani dal corrispondere alle proporzioni della popolazione. [60]                                       

I Serbi affermano, documenti alla mano, di aver avuto migliaia di morti per mano dei musulmani di Bosnia e dei gruppi di moudjahidin da costoro introdotti, ed anche per mano dei Croati, ed hanno il loro gruppo di investigazione alla ricerca di identificare i corpi di fosse comuni stimate nel numero di 73. [61] Queste vittime non hanno attirato l’attenzione dei media occidentali o del TPI.                                     

L’eminente scienziato jugoslavo, il Dr. Zoran Stankovic, nel 1996 ha osservato che “il fatto che la sua squadra di lavoro avesse in precedenza identificato i corpi di 1.000 Serbi di Bosnia nella regione (di Srebrenica) non abbia riscosso alcun interesse da parte del procuratore Richard Goldstone.” [62]
Invece, si sente senza sosta la cantilena ripetitiva sulla tendenza dei Serbi di piangersi addosso e di lamentarsi, mentre le lamentazioni dei musulmani Bosniaci vengono considerate come quelle delle vittime vere e non sono mai paragonate a dei piagnistei.                                                                        

Lontana dal contribuire alla riconciliazione, l’insistenza sulle vittime e sugli assassini di Srebrenica stimola l’odio e il nazionalismo, come la guerra e la violenza in Kosovo vi hanno esacerbato gli odi e le tensioni, e hanno dimostrato che l’obiettivo ostentato da Clinton di un Kosovo tollerante e multietnico equivaleva ad una farsa.
In Kosovo, la propaganda di parte e l’occupazione da parte della NATO hanno scatenato una incontrollabile violenza antiserba e antirom, antiturca e contro i dissidenti Albanesi, sostenuta dalla compiacenza delle autorità della NATO, che distolgono gli occhi quando i loro alleati, le pretese vittime, si prendono la loro rivincita e perseguono il loro obiettivo di sempre, quello della purificazione etnica. [63]    
In Bosnia e in Serbia, i Serbi, senza tregua, sono stati denunciati ed umiliati, e i loro leaders e i loro comandanti militari puniti, mentre i criminali fra i musulmani Bosniaci, i Croati e i potenti della NATO (Clinton, Blair, Albright, Holbrooke, ecc.) non sono stati fatti oggetto di alcuna sanzione, ma, al contrario, alcuni fra costoro (Clinton et al.), sono presentati come campioni di giustizia. [64]             

È evidente che l’intento di quelli che pretendono il castigo dei Serbi non è ne’ la giustizia ne’ la riconciliazione. Si tratta solo di unificare e consolidare la posizione dei musulmani di Bosnia, di schiacciare la Republika Srpska per eliminarla completamente come entità indipendente in Bosnia, di mantenere la Serbia in uno stato destrutturato, disorganizzato, di debolezza e di dipendenza dall’Occidente, e di continuare a presentare sotto una luce favorevole l’aggressione degli USA e della NATO e lo smantellamento della Jugoslavia.

Questo ultimo obiettivo richiede di distogliere l’attenzione dal ruolo di Clinton e dei musulmani di Bosnia nella costituzione di una testa di ponte di Al Qaeda nei Balcani, nella costruzione di un’alleanza fra Izetbegovic e Osama bin Laden, in appoggio alla “Dichiarazione islamica” che esprime l’ostilità verso lo Stato multietnico, [65] e per l’introduzione di 4.000 mudjahidin a condurre una guerra santa in Bosnia, con l’aiuto attivo del governo Clinton e dell’associazione UCK-Al Qaeda.
Questo aspetto della presa di posizione in favore dei musulmani di Bosnia ha sempre imbarazzato i produttori della propaganda di guerra, e l’imbarazzo è accresciuto dopo gli attentati dell’11 settembre. Il rapporto della Commissione USA sull’11 settembre afferma che due degli undici pirati dell’aria, Nawaf al Hazmi e Khalid al Mindhar, così come uno dei cervelli dell’attacco, Khalid
Sheikh Mohammed, hanno “combattuto” in Bosnia, e che Bin Laden aveva degli “uffici” a Zagabria e a Sarajevo. [66] Malgrado l’enorme copertura mediatica sull’11 settembre e su Al Qaeda, questi collegamenti non sono mai stati menzionati dai grandi mezzi di comunicazione e non hanno mai prodotto effetti sul proconsole in Bosnia Paddy Ashdown, che ha assistito ai funerali di Izetbegovic e che continua a prendere le parti dei musulmani Bosniaci.                                                                           
Certamente, già dal 1993, i Serbi avevano denunciato le crudeltà ( e le decapitazioni) da parte dei moudjahidin, ma i media e il TPI non se ne sono mai interessati a quell’epoca, e non se ne interessano nemmeno oggi.  Bisogna solo parlare di Srebrenica, dei musulmani di Bosnia come uniche vittime, e dei generosi soccorsi, comunque un po’ tardivi, recati da Clinton e dall’Occidente a questi disgraziati oppressi. 
Ma i Serbi di Bosnia, non sono stati loro ad aver “confessato” di aver massacrato 8.000 civili? I media occidentali si sono impadroniti di questa “confessione”, dimostrando una volta di più la loro sottomissione all’agenda politica dei loro leaders. I Serbi hanno effettivamente pubblicato un rapporto su Srebrenica nel settembre 2002, [67] ma questo rapporto è stato respinto da Paddy Ashdown, per non essere sfociato in opportune e appropriate conclusioni. Il proconsole ha preteso un nuovo rapporto, congedando una carrettata di politici ed analisti della Republika Srpska, minacciando il governo per l’appoggio dato, e ha terminato con il fare redigere un testo da certuni che accettavano le conclusioni ufficialmente approvate. [68] Dunque, questo rapporto, pubblicato l’11 giugno 2004, è stato accolto dai media Occidentali come una conferma significativa della versione ufficiale.
Il refrain era che i Serbi avevano “ammesso” il massacro e che la questione era ormai regolata. Il divertente sta nel fatto che questo rapporto, imposto con la forza, è ben lontano dal riconoscere le 8.000 esecuzioni (non parla che di “ diverse migliaia”). La sola cosa che “prova” questo episodio è che la campagna Occidentale, destinata a far umiliare i Serbi vinti, non è terminata, nemmeno è giunta alla fine la credulità dei media e il loro assoggettarsi alla propaganda.


Conclusione

Il “massacro di Srebrenica” è il più grande trionfo del lavaggio dei cervelli rispetto alle guerre dei Balcani. Altre asserzioni e menzogne hanno giocato il loro ruolo nei conflitti Balcanici, ma comunque hanno occupato un rango modesto nel repertorio propagandistico rispetto alla menzogna sul massacro di Srebrenica, che le sorpassa tutte per il suo potere altamente simbolico, nonostante la concorrenza di tante altre falsità (Racak, il massacro di Markalé, il rifiuto serbo di negoziare a Rambouillet, i 250.000 morti di Bosnia, la conquista della Grande Serbia come elemento motore delle guerre Balcaniche). [69] Srebrenica rappresenta il simbolo della malvagità dei Serbi e della sofferenza dei musulmani di Bosnia, come della giustezza dello smantellamento della Jugoslavia e degli interventi Occidentali, che comprendono i bombardamenti e l’occupazione della Bosnia e del Kosovo.
Disgraziatamente, non esiste alcun legame fra questo trionfo della propaganda, e la verità e la giustizia. La negazione della verità si incarna nel fatto che la prima valutazione di 8.000 morti, compresi i 5.000 “scomparsi” che avevano abbandonato Srebrenica per ricongiungersi alle linee Bosniaco-musulmane, è stata tenuta per valida anche dopo che si era rapidamente stabilito che in molte migliaia avevano raggiunto quelle linee, e che migliaia di altri erano morti nei combattimenti.   Ad oggi, questa cifra bella tonda resta intoccabile, anche di fronte all’incapacità di trovare i corpi dei giustiziati e malgrado l’assenza della pur minima foto satellitare che mostri delle esecuzioni, dei cadaveri, delle persone che scavano, o dei camions che trasportano dei corpi per rimuoverli e risseppellirli.
A questo riguardo, i media si sono ben guardati di porsi degli interrogativi, nonostante la promessa di Madeleine Albright dell’agosto 1995 : “Noi vi terremo d’occhio”. La dichiarazione dell’Albright, e le foto che all’epoca è andata in giro a mostrare, hanno distolto l’attenzione dal “massacro della Krajina” avvenuto nella Krajina croata, una pulizia etnica di una crudeltà ben più importante che a Srebrenica, comportando meno combattimenti effettivi che a Srebrenica, una purificazione fatta di aggressioni, di omicidi e di espulsioni di civili indifesi. A Srebrenica, i Serbi di Bosnia hanno portato al sicuro le donne e i bambini, e non esiste alcuna prova che ne abbiano uccisi [70]; invece nella Krajina non è stata organizzata alcuna separazione di questo genere e si stima in 368 il numero di donne e bambini massacrati, con numerosi infelici troppo anziani o infermi per scappare. [71]                     

Il successo della propaganda può essere misurato dal fatto che i media non hanno mai evocato la possibilità che l’intensità dell’attenzione rivolta al massacro di Srebrenica sia servita per mascherare il “massacro della Krajina”, che è immediatamente seguito, e che ha ricevuto il sostegno degli Stati Uniti. Per i media, Srebrenica ha contribuito a provocare la Krajina, e i Serbi hanno meritato quello che gli è capitato. [72]
I media hanno giocato un ruolo importante nel trionfo della propaganda che è stato il massacro di Srebrenica. Come abbiamo detto in precedenza, nel 1991 i media sono divenuti i complici del bellicismo, e tutte le regole dell’obiettività sono scomparse, per fare posto al loro sostegno servile di una politica pro musulmani di Bosnia e contro i Serbi.                                                                           

Prendendo in considerazione i reportages di Christine Amanpour, e di altri, riguardanti i combattimenti intorno a Gorazde, già nell’ottobre 1995 il tenente colonnello dell’esercito USA John Sray aveva messo per iscritto che le informazioni “erano deprivate di qualsiasi parvenza di verità”, che gli Americani dovevano subire un “monumento di disinformazione”, che “l’America non era stata mai tanto deplorevolmente ingannata” dopo la guerra del Vietnam, e che la percezione popolare sulla Bosnia “era stata manipolata da una prolifica macchina di propaganda che è riuscita a congegnare fatti illusori per sostenere gli scopi dei musulmani.” [73]  La macchina della propaganda ha conquistato i liberali e una grande parte della sinistra negli Stati Uniti, che hanno avvallato la versione dominante dei Serbi malvagi alla ricerca di egemonie, che hanno fatto ricorso a strategie brutali e di genocidio, e che hanno portato alla rovina l’oasi multietnica che esisteva in precedenza in Bosnia, un’oasi governata da Osama bin Laden e dal suo amico ed alleato Alija Izetbegovic e, secondo una tardiva correzione apportata da Clinton, Holbrooke e dalla Albright, strettamente collegata all’Iran, alla Turchia e all’Arabia Saudita!

La coalizione bellicista liberale-di-sinistra doveva demonizzare i Serbi per giustificare la guerra imperiale, e questo è stato fatto impregnandosi dell’insieme delle menzogne e dei miti che hanno costituito la versione ufficiale. [74] Questo amalgama di “missili da crociera della sinistra (MCG)” [75] e di liberali ha molto contribuito allo sviluppo della tesi dell’“intervento umanitario”, che è consistito nell’aggredire i Serbi a tutto vantaggio dell’Esercito di Liberazione del Kosovo, e, nei fatti, ha preparato il terreno per le guerre di “liberazione” di Bush.

Il massacro di Srebrenica ha aiutato a convincere i liberali e il MCG per la crociata nei Balcani e ha fornito loro la giustificazione morale per il sostegno dei loro paesi e dei loro alleati all’espansionismo imperiale.    

L'ex-responsabile dell'ONU Cedric Thornberry, in un testo del 1996, ha annotato : “Messa in evidenza da un certo numero di mezzi di comunicazione internazionali liberali, la presa di posizione è che i Serbi sono gli unici mascalzoni”. Già nel 1993, presso il quartier generale delle Nazioni Unite, egli aveva lanciato l’avvertimento in questi termini: “Mettetevi al riparo, la falsificazione è in corso!”. [76] In effetti, la manipolazione era già in corso, anche se era ancora tacita, ma si stava infiltrando nelle relazioni fra governo, i media e il TPI. La menzogna ha contribuito a fare del massacro di Srebrenica il simbolo del male e, con l’aiuto della “giustizia”del Tribunale e il sostegno dei liberali e del MCG, ha fornito una giustificazione dell’aggressione USA-NATO e dello smembramento della Jugoslavia, e più in generale dell’“intervento umanitario”.                                  

Cosa si può domandare di più ad un sistema di propaganda?                                                                             


Testo tradotto in francese dalle edizioni Le Verjus e pubblicato nel libro : “Il dossier nascosto su Srebrenica”
http://www.b-i-infos.com/dossier_srebrenica.php

Vedere anche :
http://www.michelcollon.info/articles.php?dateaccess=2006-01-18%2015:44:08&log=attentionm



Note:

Questo documento è ricavato in parte e cita capitoli dell’importante volume sul massacro di Srebrenica, “Srebrenica: The Politics of War Crimes”, scritto da George Bogdanich, Tim Fenton, Philip Hammond, Edward S. Hermann, Michael Mandel, Jonathan Rooper, e George Szamuely. Questo libro viene citato nelle note di seguito come “Politics of War Crimes”. L’autore e i suoi colleghi ringraziano per la collaborazione Diana Johnstone, David Peterson, Vera Vratusa-Zunjic, Milan Bulajic, Milivoje Ivanisevic, Konstantin, Kilibarda, e George Pumphrey. “Fools Crusade” della Johnstone è uno studio fondamentale di eccellenza, un punto di vista alternativo sulla Guerra dei Balcani. “Srebrenica: Three Years Later, And Still Searching” di George Pumphrey è una critica esemplare di ciò che viene riferito dall’establishment sul massacro di Srebrenica e reiteratamente colpisce il bersaglio  con fatti ed analisi a tutt’oggi mai smentiti.                                                                                                   

[1] "Bosnia : 2 Officials Dismissed for Obstructing Srebrenica Inquiry" (Bosnia : due ufficiali fatti dimettere per aver ostacolato l'inchiesta su Srebrenica), Dispaccio di AP, New York Times, 17 aprile 2004.
Marlise Simons, "Bosnian Serb Leader taken before War Crimes Tribunal" (Un leader Serbo di Bosnia portato davanti al Tribunal per i Crimini di Guerra), New York Times, 8 aprile 2000.
Nazioni Unite, "The Fall of Srebrenica" (La caduta di Srebrenica) (A/54/549), Rapporto del Segretario Generale in seguito alla Risoluzione 53/35 dell'Assemblea Generale, 15 novembre 1999, § 506 (http://www.un.org/News/ossg/srebrenica.pdf)

[2] Cf. Ivo Pukanic : "US Role in Storm : Thrilled with Operation Flash, President Clinton gave the Go Ahead to Operation Storm" (Il ruolo degli USA nella Tempesta : entusiasta per l'Operazione Flash (Lampo), il Presidente Clinton ha dato il via libera all'Operazione Tempesta), Nacjonal (Zagabria), 24 maggio 2005.

[3] Barton Bellman, "The Path to Crisis : How the US and its Allies Went to War" (Il percorso della crisi : come gli stati Uniti e i loro alleati sono entrati in guerra), Washington Post, 18 aprile 1999.

[4] "Alcuni sopravvissuti, appartenenti alla delegazione di Srebrenica, hanno affermato che il Presidente Izetbegovic aveva anche detto che aveva appreso che sarebbe stato possibile un intervento della NATO in Bosnia-Erzégovina, ma che quseto non sarebbe avvenuto se i Serbi non fossero entrati in Srebrenica e non avessero massacrati almeno 5.000 dei suoi abitanti. Il Presidente Izetbegovic ha negato categoricamente di aver fatto una tale dichiarazione."    
"The Fall of Srebrenica" (La caduta di Srebrenica), (A/54/549), Rapporto del Segretario Generale in seguito alla Risoluzione 53/35 dell'Assemblea Generale, 15 novembre 1999, § 115  (http://www.haverford.edu/relg/sells/reports/Unsrebrenicareport.htm).
Il rapporto dell'ONU non cita che a questa riunione erano presenti altre nove persone, e che una fra queste, Hakija Meholijic, ex-comandante della polizia di Srebrenica, aveva dichiarato che otto di queste, tutte superstiti, "potevano confermare" il… suggerimento di Clinton. (Dani, 22 giugno 1998) (http://edsp.neu.edu/info/students/marko/dani/dani2.html).

[5] "Politics of War Crimes" (La politica dei crimini di guerra), Bogdanich, capitolo 2, "Prelude to Capture" (Preludio alla cattura) e Fenton, capitolo 3, "Military Context" (Contesto militare).
Vedere anche Tim Ripley, "Operation Deliberate Force" (Operazione premeditata con la forza), Centro studi di difesa e sulla sicurezza, 1999, p. 145.

[6] Nella sua « Balkan Odyssey », Lord David Owen ha affermato "che avallando la conquista della Slavonia occidentale da parte del governo Croato, il Gruppo di Contatto in effetti ha dato il via libera ai Serbi di Bosnia di attaccare Srebrenica e Zepa." (pp. 199-200). Owen si sbaglia : il Gruppo di Contatto sosteneva solo una parte, e il fatto che i media non abbiano mai reso conto ne' criticato l'aggressione, anzi l'hanno avallata, ha permesso di presentare la presa di Srebrenica come un evento eccezionale e non provocato.

[7] Veritas ha valutato che nel corso della Operazione Storm (Tempesta), erano stati uccisi 1205 civili, fra cui 358 donne e 10 bambini. Vedere "Croatian Serb Exodus Commemorated" (Commemorazione dell'esodo dei Serbi dalla Croazia), Agence France Presse, 4 agosto2004.                      
E sempre Veritas a www.veritas.org.yu : nella tombe intorno a Srebrenica ispezionate nel corso del 1999, è stato identificato come femminile uno solo dei 1.895 cadaveri esumati.

[8] Ripley, "Operation Deliberate Force" p. 192. Vedere anche le note 56 e 70.

[9] Questo ruolo co-belligerante è stato esaminato da Peter Brock in "Dateline Yugoslavia : the Partisan Press" (Jugoslavia : la stampa partigiana), Foreign Policy, inverno 1993-1994.
Un libro pubblicato da Brock che tratta di "Media Cleansing, Uncovering Yugoslavia's Civil Wars" (Pulizia mediatica : rivelazioni sulle guerre civili jugoslave) fornisce più copiosi dettagli su questa parzialità. Nella sua autobiografia, il Segretario di Stato James Baker scrive che aveva dato istruzioni alla sua addetta stampa Margaret Tutweiler di sostenere la causa dei musulmani di Bosnia, sottolineando di averle "prescritto di utilizzare i suoi contatti con le quattro catene televisive, il Washington Post e il New York Times." (James A. Baker, "The Politics of Diplomacy" (La politica della diplomazia), Putnam 1995, pp. 643-644.)

[10] Quando, il 16 maggio 1999, è stato interrogato il portavoce della NATO Jamie Shea, sulla possibilità di vedere la NATO esposta a certe accuse da parte del Tribunale, egli dichiarava di non provare alcuna inquietudine. Il rappresentante dell'Accusa, ha continuato Shea, darà inizio alle sue inchieste "solo dopo che noi gli daremo l'autorizzazione a farlo". Inoltre, "i paesi della NATO hanno dato al Tribunale i finanziamenti", e sulla necessità di insediare una seconda corte "in modo da accelerare le requisitorie, noi siamo totalmente in sintonia con il Tribunale su questo punto, noi vogliamo veder giudicati i criminali di guerra !"
http://www.nato.int/kosovo/press/p990516b.htm
Vedere anche Michael Mandel, "How America Gets Away with Murder" (Come l'America la fa franca dei propri crimini), Pluto, Londra 2004, cap. 4-5, e Edward Herman, "The Milosevic Trial, Part 1" (Il processo Milosevic, parte prima), Z Magazine, aprile 2002.

[11] Cf. Bogdanich, "Politics of War Crimes" (La politica dei crimini di guerra), cap.7 : "UN Report on Srebrenica : a distorted Picture of Events" (Il rapporto de l'ONU su Srebrenica: una immagine distorta degli avvenimenti).

[12] Raymond K. Kent, "Contextualizing Hate, the Hague Tribunal, the Clinton Administration and the Serbs" (Il contesto dell'odio: il Tribunale dell'Aja, il governo Clinton e i Serbi), Dialogue, Parigi, dicembre 1996, v. 5, n° 20 (presente sul sito in Internet di Emperor's Clothes, www.emperorsclothes.com/misc/kent.htm

[13] Carl Savich, "Celebici", http://www.serbianna.com/columns/savich/047.shtml

[14] Sarà difficile sorpassare l'efferatezza dei musulmani di Bosnia nel campo di Celebici, descritto nel testo di Savich. Cf. anche Diana Johnstone, "La crociata dei folli ", Il tempo delle ciliege, Parigi 2005, pp. 140-141.

[15] Cf. i due lavori di Peter Brock (vedi nota [9]) e Diana Johnstone, "La crociata dei folli", p.146.

[16] Per i particolari e le citazioni, vedere l'articolo e il libro di Peter Brock (vedi nota [9]).

[17] Bernard Kouchner, "I guerrieri della pace", Parigi, Grasset 2004, pp. 372-374.

[18] Johnstone, "La crociata dei folli ", pp. 133-135. Thomas Deichmann, "Misinformation : TV Coverage of a Bosnian Camp" (Disinformazione: la copertura Televisiva di un campo Bosniaco), Covert Action Quarterly, autunno 1998, pp. 52-55.

[19] Comunicazione privata, in data 21 novembre 2003.

[20] Per un eccellente sommario di queste questioni di "atrocità autoinflitte", con altri riferimenti, vedere il Rapporto dello Staff del Senato del gennaio 1997 su "Clinton Approved Iranian Arms Transfers Help Turn Bosnia into Militant Islamic Base" (Il consenso di Clinton per i trasferimenti di armi dall'Iran trasforma la Bosnia in una base di Islamici militanti),
http://www.senate.gov/%7erpc/releases/1997/iran.htm#top
Vedere anche Cees Wiebes, "Intelligence and the War in Bosnia", 1992-1995, Londra, Lit.Verlag 2003, pp. 68-69.
http://213.222.3.5/srebrenica/toc/p6_c02_s004_b01.html

[21] John E. Sray, "Selling the Bosnian Myth to America : Buyer beware" (Vendere il mito bosniaco all'America: acquirente, attenzione!), Foreign Military Studies, Fort Leavenworth, Kansas, ottobre 1995.
http://fmso.leavenworth.army.mil/documents/bosnia2.htm

[22] Alcune eccezioni a questa regola: Leonard Doyle, "Muslims Slaughter their own People" (I musulmani massacrano il loro stesso popolo), The Independant, 22 agosto 1992 ; Hugh Manners, "Serbs not Guilty of Massacre" (I Serbi non colpevoli per il massacro), The Sunday Times (Londra), 1 ottobre 1995. David Binder non ha potuto ottenere dal suo stesso giornale, The New York Times, la pubblicazione delle sue analisi di un possibile coinvolgimento dei musulmani nei massacri di Sarajevo, e ha dovuto farle pubblicare da altre parti. Vedere David Binder, "The Balkan Tragedy : Anatomy of a Massacre" (La tragedia balcanica: anatomia di un massacro), Foreign Policy, n° 97, inverno 1994-1995, e David Binder, "Bosnia's Bombers" (I bombaroli Bosniaci), The Nation, 2 ottobre 1995.

[23] Per un buon sommario, vedere Srdja Trifkovic, "Una spettacolare revisione delle cifre", B. I. (Balkans-Infos), febbraio 2005.

[24] Georges Kenney, "The Bosnian Calculation" (Il calcolo bosniaco), New York Times Magazine, 23 aprile 1995

[25] Cf. Trifkovic, vedi nota [23], e inoltre http://grayfalcon.blogspot.com/2004/12/deathtolls-part-3.html.

[26] Cf. Edward Herman e David Peterson, "The NATO-Media Lie Machine: `Genocide' in Kosovo" (La macchina delle menzogne della NATO e dei media: il "genocidio" nel Kosovo), Z Magazine, maggio 2000.
http://www.zmag.org/Zmag/articles/hermanmay2000.htm

[27] Michael Ignatieff, "Counting bodies in Kosovo" (La conta dei corpi in Kosovo), New York Times, 21 novembre 1999.

[28] Bogdanich, "Politics of War Crimes" (La politica dei crimini di guerra), cap.2, "Prelude to capture" (Preludio alla conquista).

[29] L'ambasciatore di Jugoslavia all'ONU ha presentato alle Nazioni Unite le prove dei "Crimini di guerra e di genocidio nella Bosnia orientale, (comuni di Bratunac, Skelane e Srebrenica) perpetrati contro la popolazione Serba dall'aprile 1992 all'aprile 1993."
Vedere anche Milivoje Ivanisevic, "Expulsion of Serbes from Bosnia and Herzegovina, 1992-1995" (L'espulsione dei Serbi dalla Bosnia-Erzegovina, 1992-1995), Edition WARS Book II, 2000, e Joan Phillips, "Victims and Villains in Bosnia's War (Le vittime e i malfattori nella guerra di Bosnia), Southern Slav Journal, primavera-estate 1992.

[30] Bill Schiller, "Muslim Hero vows he'll Fight to the Last Man" (L'eroe dei musulmani giura che combatterà fino all'ultimo uomo), Toronto Star, 31 gennaio 1994, e John Pomfret, "Weapons, Cash and Chaos lend Clout to Srebrenica's Tough Guy" (Le armi, il denaro, e il caos rafforzano il brutale individuo di  Srebrenica), Washington Post, 16 febbraio 1994.

[31] Carl Savich, "Srebrenica and Naser Oric : an Analysis of General Philippe Morillon's Testimony at the ICTY" (Srebrenica e Naser Oric : una analisi della testimonianza del Generale Philippe Morillon al TPI), http://www.serbianna.com

[32] "No Evidence of Civilian Casualties in Operations by Bosnian Commander" (Nessuna prova di vittime civili durante le operazioni condotte dal comandante Bosniaco), Rivista della BBC di informazioni internazionali, 11 aprile 2003.
Per un rendiconto delle operazioni di Oric e una analisi critica della decisione del TPI, vedere Carl Savich, "Srebrenica, the Untold Story" (Srebrenica, la storia mai raccontata),
http://www.serbianna.com/columns/savich/o51.html

[33] "Politics of War Crimes" (La politica dei crimini di guerra),cap. 2-3. L'ONU ha valutato che prima della sua caduta, a Srebrenica fossero presenti dai 3000 ai 4000 soldati musulmani.

[34] Ibid.

[35] "Politics of War Crimes", cap. 2

[36] "Conflict in the Balkans, 8.000 Muslims Missing" (Conflitto nei Balcani, 8.000 musulmani scomparsi, AP, New York Times, 15 settembre 1995.

[37] Un responsabile della Croce Rossa ha riferito ad un intervistatore tedesco che i musulmani giunti al sicuro "non potevano essere cancellati dalla lista degli scomparsi... dato che noi non ne abbiamo ricevuto l'elenco dei nomi", citazione di Pumphrey, "Srebrenica Three Years Later, and still Searching" (Srebrenica, tre anni dopo: le ricerche continuano). Vedere anche "Former Yugoslavia, Srebrenica: Help for Families still awaiting News" (Ex Jugoslavia, Srebrenica : aiuto alle famiglie che ancora sono in attesa di notizie), Comitato internazionale della Croce Rossa, 15 settembre 1995.
http://www.icrc.org/Web/Eng/siteeng0.nsf/iwpList74/7609D560283849CPC1256B6600595006

[38] Ibid.

[39] Johnstone, "La croisade des fous", p. 76

[40] Questo balzo, da qualche corpo a 8.000 giustiziati, è stato di recente illustrato, nel London Observer, dal commento di Tim Judah e Daniel Sunter al video dell'esecuzione di sei musulmani di Bosnia, che nel giugno 2005 ha beneficiato di una pubblicità enorme. Questa è "l'evidenza, la prova finale e irrefutabile della partecipazione dei Serbi ai massacri di Srebrenica, in cui più di 7.500 uomini e ragazzi musulmani Bosniaci sono stati assassinati.". "How the Video that put Serbs in Dock was brought to Light" (Come è venuto alla luce il video che pone i Serbi sul banco degli accusati), 5 giugno 2005.

[41] ICTY, Amended Joinder Indictment (TPI, emendato il cumulo delle accuse), 27 maggio 2002, § 51.
http://www.un.org/icty/indictment/english/nik-ai020527c.htm
e David Rohde, "The World Five Years Later : the Battle of Srebrenica is now over the Truth" (Il mondo, cinque anni dopo: la battaglia di Srebrenica ora è al di sopra della verità), New York Times, 9 luglio 2000.

[42] Steven Lee Meyers, "Making Sure War Crimes are'nt Forgotten" (Assicurarsi che i crimini di guerra non vengano dimenticati), New York Times, 22 settembre 1997. In effetti, un responsabile americano ha riconosciuto, alla fine di luglio 1995, che "i satelliti non avevano mostrato nulla ". Paul Quinn-Judge, "Reports on Atrocities Unconfirmed so Far : US Aerial Surveillance Reveals Little" (Finora i rapporti sulle atrocità non hanno avuto conferme : la sorveglianza aerea USA rivela ben poco), Boston Globe, 27 luglio 1995.

[43] Il sito Internet della Commissione Internazionale sulle persone disperse nella ex Jugoslavia ha riconosciuto che i corpi "sono stati esumati in diverse località della Bosnia Erzegovina del nord-est", non solo nella regione di Srebrenica. Citazione del 2003 in un "Statement by ICMP Chief of Staff Concerning Persons Reported Missing from Srebrenica in July 1995" (Dichiarazione del direttore del personale dell'ICMP riguardante le persone scomparse a Srebrenica nel luglio 1995), Gordon Bacon.

[44] "Politics of War Crimes", Rooper, cap. 4, "The Numbers Game" (Il gioco delle cifre).

[45] Ibid.

[46] Ibid. Cf. anche "Politics of War Crimes", Szamuely, cap. 5, "Witness Evidence" (Le testimonianze).

[47] Szamuely "Witness Evidence".

[48] Butcher, "Serb Atrocities in Srebrenica are Unproven" (Le atrocità dei Serbi a Srebrenica non sono provate), The Daily Telegraph, 24 luglio 1995.

[49] "Politics of War Crimes", Rooper, cap. 4, "The Numbers Game".

[50] Questa affermazione appare negli atti di accusa del novembre 1995 contro Radovan Karadzic e Ratko Mladic. Era stata puntualizzata nei dettagli dal poliziotto francese Jean-René Ruez, ed era stata pronunciata per la prima volta presso il TPI all'inizio del luglio 1996, durante un'audizione, organizzata come uno scoop pubblicitario, durata sette giorni di accuse pesanti contro Karadzic e Mladic. All'epoca, l'Associated Press ha riportato in questi termini la testimonianza di Ruez sull'epatofagia (Jennifer Chao, 3 luglio 1996) :
"Nel mezzo del febbrile massacro, si riscontrava un sadismo che prende alla gola per l'orrore. Ruez ha citato un avvenimento in cui un soldato ha costretto un uomo ad aprire col coltello il ventre del suo nipotino e a mangiarne il fegato. Ruez ha dichiarato alla Corte: `Ha afferrato il vecchio e gli ha messo in mano un coltello... e lo ha costretto ad aprire il ventre del ragazzino, e poi con la punta del coltello ha fatto uscire l'organo e ha costretto l'uomo a mangiarlo."

[51] "Politics of War Crimes", Mandel, cap.6, "The ICTY calls it Genocide" (Il TPI definisce questo come Genocidio)

[52] Ibid.

[53] Chris Hedges, "Bosnian Troups Cite Gassing at Zepa" (Truppe Bosniache parlano di gas a Zepa), New York Times, 27 luglio 1995.

[54] Jovic ha testimoniato al processo contro Milosevic, il 18 novembre 2003, http://www.slobodan-milosevic.org/

[55] "Politics of War Crimes", Mandel, cap. 6. Vedere anche Michael Mandel, "How America Gets Away with Murder", (Come l'America la fa franca dei propri crimini), Pluto 2004, pp. 157-158

[56] Carlos Martin Branco, un ex osservatore militare dell'ONU in Bosnia, considera che è molto più individuabile un processo di genocidio premeditato in Krajina che non a Srebrenica, "quando l'esercito Croato ha intrapreso una massiccia eliminazione di tutti i Serbi trovati sul posto. In questa occasione, i media hanno osservato un silenzio assoluto, benché questo genocidio sia durato tre mesi.
L'obiettivo di Srebrenica era una pulizia etnica e non un genocidio, a differenza di quello che è avvenuto nella Krajina, dove, in assenza di qualsiasi operazione militare, l'esercito Croato ha decimato i villaggi." ("Was Srebrenica a Hoax ? Eye-Witness Account of a Former UN Military Observer in Bosnia" (Srebrenica è stata una mistificazione? La testimonianza visiva di un ex osservatore militare dell'ONU in Bosnia) http://globalresearch.ca/articles/BRA403A.htm

[57] Madeleine Albright, una volta di più davanti al Consiglio di Sicurezza : "The Situation in the Republic of Bosnia and Herzegovina" (La situazione nella Repubblica di Bosnia Erzegovina), S/PV.3564, 10 agosto 1995, 17.30 h, pp. 6-7.

[58] Richard Holbrooke, sull'emittente The MacNeil/Lehrer NewsHour, trascrizione #5300, 24 agosto 1995.

[59] "UN Report : Bosnian Serbs Massacred Srebrenica Muslims" (Rapporto dell'ONU : i Serbi di Bosnia hanno massacrato i musulmani a Srebrenica), Washington Post, 12 agosto 1995.
John Pom-fret, "Investigators Begin Exhuming Group of Mass Graves in Bosnia" (Gli inquirenti hanno dato corso alle esumazioni in una serie di fosse comuni in Bosnia), Washington Post, 5 luglio 1996. Biggest Upheaval is in Softening up the Enemy (Il più grande sconvolgimento consiste nell'indebolire il nemico), NewsWeek, 21 agosto 1995.

[60] Vedere le conclusioni di una ricerca norvegese sulle vittime in Bosnia: http://grayfalcon.blogspot.com/2004/12/death-tolls-part-3.html

[61] Slavisa Sabijic, "The Trade in Bodies in Bosnia-Herzegovina" (Il commercio dei corpi in Bosnia Erzegovina), a http://www.serbianna.com/press/010.html
e Joan Phillips, "Victims and Villains in Bosnia's War" (Vittime e malfattori nella guerra di Bosnia), Southern Slav Journal, primavera-estate 1992.

[62] "Yugoslav Forensic Expert Says no Proof about Srebrenica Mass Grave" (Un esperto medico legale jugoslavo afferma che non esistono prove dell'esistenza di fosse comuni a Srebrenica), BBC, Rivista delle emittenti mondiali, 15 luglio 1996.

[63] Kosta Christitch, "Le effettive ragioni di un fallimento", B. I. (Balkans-Infos), marzo 2005. Come ha affermato Diana Johnstone : "Avallando tutte le accuse contro i Serbi, e non tenendo conto dei crimini commessi contro di loro, gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno dato carta bianca alla violenza antiserba. I bambini di origine albanese si fanno grandi nella convinzione che nessuno li rimprovererà di andare alla caccia di vecchi Serbi e di picchiarli a morte."
Il rapporto OSCE : "Things Told and Things Seen" (Le cose raccontate e le cose viste), Znet Commentary, 26 dicembre 1999, e B. I. (Balkans-Infos) n° 40, gennaio 2000. Vedere anche l'articolo della Johnstone sul rapporto OSCE in B. I. n° 42, marzo 2000.

[64] Esiste un numero modesto di eccezioni, principalmente riguardanti figure secondarie musulmane e croate, che sono state incolpate in generale quando la disparità di trattamento appariva assolutamente esagerata e si rendeva necessaria una correzione di immagine in materia di pubbliche relazioni. Nessun leader croate o bosniaco è stato l'oggetto di procedimenti giudiziari, benché sia stato detto che atti di accusa fossero stati predisposti poco dopo i decessi di Tudjman e di Izetbegovic, ma non hanno mai avuto spiegazione le lunghe dilazioni. Nessun leader della NATO, nemmeno uno dei suoi membri qualsiasi, è stato accusato. Per una valida analisi di questa parzialità, vedere Mandel, "How America Gets Away with Murder", (Come l'America la fa franca dei propri crimini), seconda parte.

[65] Nella sua "Dichiarazione islamica" del 1970, che non ha mai rinnegato, Izetbegovic ha scritto: "Non esiste ne' pace, ne' coesistenza fra la religione islamica e le istituzioni politiche o sociali non islamiche. Avendo il diritto di governare il proprio mondo, l'Islam esclude evidentemente il diritto e la possibilità di conformarsi ad una ideologia straniera sul suo territorio." Citazione di D. Johnstone, da "La croisade des fous", p. 80.

[66] "The 9/11 Commission Report" (Il rapporto della Commissione sull'11 settembre), rapporto ufficiale della Commissione Nazionale sugli attacchi terroristici contro gli Stati Uniti, edizione ufficiale governativa, pp. 58, 146-147, 155, 238-239.

[67] Centro di documentazione della Republika Srpska, "Report About Case Srebrenica, the First Part" (Rapporto sul caso Srebrenica, prima parte), Banja Luka, settembre 2002. Si tratta del testo integrale di questo rapporto che è stato pubblicato in seguito a questo testo di Herman (NDLR).

[68] Gregory Copley, "US Official Implicated with Bosnian High Representative Ashdown in Attempting to Force Fabricated Report on Srebrenica" (Un funzionario Statunitense implicato con l'alto Rappresentante per la Bosnia Ashdown nel tentativo di imporre un rapporto fabbricato a tavolino su Srebrenica), Defense & Foreign Affairs Daily, 8 settembre 2003,
http://slobodan-milosevic.org/news/ssi09082003.htm
e Nebojsa Malic, "Srebrenica Revisited Reports, Confessions and the Elusive Truth" (Un nuovo punto di vista sui rapporti su Srebrenica, le confessioni e la verità evanescente), Antiwar.com, 24 giugno 2004,
http://antiwar.com/malic/?articleid=2865Villains

[69] Sulle falsificazioni concernenti Racak, Rambouillet e la conquista della Grande Serbia come cause delle guerre, vedere D. Johnstone, "La croisade des fous", e Mandel, "How America Gets Away with Murder".

[70] Un solo corpo, fra i 1883 trovati nei dintorni di Srebrenica, nelle 17 fosse comuni riesumate dal TPI nella Bosnia orientale fra il 1996 e il 2000, è stato identificato come quello di una donna. Queste cifre sono state fornite dopo una analisi ufficiosa delle caratteristiche dei resti, diffusa dal Dr. Zoran Stankovic, uno specialista scientifico, veterano dell'ONU, che ha a lungo studiato il caso di Srebrenica.

[71] Cf. la nota [7] precedente.  Secondo Tim Ripley : "Migliaia di persone, troppo vecchie o malate per scappare, sono rimaste sul posto. Le pattuglie della NATO hanno trovato subito centinaia di assassinati da parte dei Croati, militari o civili che fossero. Praticamente tutte le abitazioni erano state saccheggiate." (p. 192).

[72]  I profughi Serbi a Srebrenica nel 1997 vengono descritti come "provenienti da altre zone vicine, che gli eserciti Croato e Musulmano avevano cacciato per rappresaglia in risposta alle atrocità e alle uccisioni di Srebrenica", Dana Priest, "US Troops Extend a Hand to Refugees Tainted by War" (Le truppe USA tendono una mano ai profughi toccati dalla guerra), Washington Post, 18 febbraio 1997.

[73] Sray, "Selling the Bosnia Myth" (Dare credito al mito Bosniaco).

[74] Per una analisi e una critica di questi interventisti umanitari, vedere Edward Herman e David Peterson, "Morality's Avenging Angels : the New Humanitarian Crusaders" (Gli angeli vendicatori dello spirito etico: i nuovi crociati umanitari), in David Chandler, ed. "Rethinking Human Rights" (Ripensare ai diritti dell'uomo), Palgrave 2002. Per una confutazione più approfondita dei loro argomenti, vedere "La croisade des fous" di D. Johnstone e "How America Gets Away with Murder" di Mandel.

[75] Sul significato del mio paradigma di "missile da crociera della sinistra", vedere "The Cruise Missile Left : Aligning with Power" (Il missile da crociera della sinistra : allinearsi al potere), Z Magazine, novembre 2002, e "The Cruise Missile Left (part 5) : Samantha Power and the Genocide Gambit" (Il missile da crociera della sinistra, parte quinta:  Samantha Power e il gambetto del genocidio), Znet Commentaries, 17 maggio 2004.

[76] Cedric Thornberry, "Saving the War Crimes Tribunal : Bosnia-Herzegovina" (Salvare il TPI : Bosnia Erzegovina), Foreign Policy, settembre 1996.





La verità sull'episodio della guerra in ex Jugoslavia presentato dai grandi media come la peggiore atrocità in Europa dalla seconda Guerra Mondiale

Il Dossier nascosto del "genocidio" di Srebrenica

- L'analisi del gruppo di ricercatori americani
- Documenti e testimonianze inedite
- Il rapporto censurato dei Serbi di Bosnia
- Un video dubbio passato al microscopio

Edizioni La Città del Sole,
Napoli 2007, 12 euro

traduzione di Jean Toschi Marazzani Visconti
Editing di Ivana Kerečki
collana Frontiere del Presente / 15
ISBN 978-88-8292-351-8

( il libro è la versione italiana del documento edito in Francia :

Le dossier caché du "genocide" de Srebrenica
200 pages, Editions Le Verjus, 2005

Correspondance: CAP 8, BP 391, 75869 Paris cedex 18

email: ldalmas @ wanadoo.fr - www.b-i-infos.com
http://www.b-i-infos.com/dossier_srebrenica.php

sulla base del lavoro di ricerca svolto dallo SREBRENICA RESEARCH GROUP:



Contiene il rapporto censurato dei serbi di Bosnia
(in inglese: Report About Case Srebrenica by the Republika Srpska Bureau for Cooperation with the ICTY, 2002 – PDF 16MB –  source)

Una recensione in lingua italiana: http://www.resistenze.org/sito/se/li/seli7d11.htm


---

IL GRUPPO DI RICERCA SU SREBRENICA

Questo libro è il secondo di una collezione che vuole essere il
riflesso fedele di una realtà troppo sovente deformata dai grandi
media, e che si impegna quindi a pubblicare documenti inediti, celati
o ignorati.

La prima opera è stata un'analisi dell'ultimo decennio dei Balcani,
fatta dal " criminale di guerra" Slobodan Milosevic [1], a cui nessuno
aveva osato dare le parole. Il suo testo – ne  arringa o
autobiografia, o memorie, ma esposizione geostrategica abbondantemente
documentata – ci è sembrava un contributo storico interessante nella
misura in cui si differenziava in modo  solidamente sostenuto dalla
versione ufficiale degli avvenimenti

Il dossier nascosto del " genocidio di  Srebrenica è dedicato ad un
episodio diventato il simbolo della "barbarie serba": la conquista da
parte dei serbi di Bosnia di una" zona di sicurezza" dell'ONU, la
cittadina di Srebrenica, strappata alle forze bosno-musulmane nel
luglio 1995. Secondo gli occidentali, la caduta di questa enclave è
stata insanguinata dall'esecuzione di 7 a 8 mila musulmani, adulti
maschi e giovani, indistintamente militari e civili, un massacro
qualificato dai media del mondo intero "genocidio" e "il peggior
orrore perpetrato in Europa dall'a fine della seconda Guerra Mondiale."

Il dossier che abbiamo assemblato mette seriamente in dubbio questa
affermazione.


 Il dossier è diviso in quattro parti:

  - L'analisi del gruppo di ricercatori americani

  - Documenti e testimonianze inedite

  - Il rapporto censurato dei Serbi di Bosnis

  - Un video dubbio passato al microscopio


 1 Parte:

Il risultato di numerosi anni di ricerca effettuate da un gruppo
indipendente di personalità anglosassoni – the Srebrenica Research
Group  (Gruppo di Ricerca su Srebrenica) -  ciascuna un'autorità nel
suo campo, che si sono prefisse come obbiettivo di investigare sugli
avvenimenti di Srebrenica senza pregiudizi o partiti presi. Le loro
conclusioni ampiamente documentate sono appena state pubblicate negli
Stati Uniti. Noi abbiamo scelto di tradurre gli articoli di tre dei
firmatari del rapporto [2][Unp1]: l'alto responsabile delle Nazioni
Unite Philip Corwin, che descrive un contesto nel quale egli ha avuto
un ruolo capitale; lo scrittore e giornalista Ed Herman, che riassume
l'insieme del lavoro del gruppo; Michael Mandel, che passa al pettine
l'accusa di genocidio formulata dal Tribunale penale internazionale
dell'Aja.

 2 Parte:

Opinioni e testimonianze degli attori responsabili degli avvenimenti,
come il generale canadese Lewis Mac Kenzie e l'alto funzionario
dell'ONU Carlos Martins Branco, o persone che hanno vissuto delle
esperienze sul terreno.

 3 Parte:

Il testo integrale del rapporto redatto da una commissione speciale
del governo dell'entità serba di Bosnia, la Repubblica Srpska, Questo
rapporto contiene una descrizione precisa dei fatti che sono seguiti
alla caduta della cittadina, e un'enumerazione dei commessi nei suoi
dintorni, durante gli anni precedenti, dalla guarnigione musulmana
dall'enclave cosiddetta smilitarizzata. E' stato censurato dall'Alto
Rappresentante delle Nazioni Unite in Bosnia, Lord Paddy Ashdown, che
l'ha fatto sostituire con un testo redatto a sua convenienza.

 4 Parte :

L'analisi critica di una video cassetta che mostra l'esecuzione di sei
prigionieri musulmani da parte di un gruppo paramilitare serbo. Questa
cassetta è stata opportunamente "ritrovata" nel 2005, in concomitanza
con il decimo anniversario della caduta di Srebrenica, ed è stata
presentata dai grandi media mondiali come la prova "definitiva ed
irrefutabile"del massacro.

Per ultimo, delle conclusioni riassumono l'insieme del dossier ed
enumerano alcune ragioni per non accettare la versione ufficiale
propagata dai media  occidentali da oltre dieci anni.

Alcuni si stupiranno di vedere l'Associazione Verité et Justice
consacrare una seconda opera a quella che può essere considerata come
una difesa dei Serbi. In effetti questa non è la specialità che si è
fissata per vocazione.

Ma i Serbi sono stati l'oggetto, nel corso dell'ultimo decennio, di
una demonizzazione unilaterale ed incessante da parte di tutti i
grandi media occidentali, accompagnati da una costante riduzione al
silenzio di tutti coloro che si inquietavano per questa imparzialità
[3],  che ci è sembrato la più elementare equità dare la parola alla
parte emarginata. Non si scrive la storia ascoltando solo una parte.
Il nostro ruolo non è di dire ai Serbi che hanno sempre ragione; è di
ascoltarli. Se l'opinione pubblica vuole giudicarli, che lo faccia a
conoscenza di causa, permettendo agli accusati di esprimersi. Questo
non è stato il caso fino ad ora, ed è questo disquilibrio che noi
abbiamo voluto compensare, ricercando, conformemente al nome della
nostra associazione, la verità pensando alla giustizia.

Ringraziamo specialmente Frédeic Saillot, che ha tradotto dall'inglese
il rapporto della Repubblica Srpska, [4] Ivanka Mikitic, che ha
tradotto dal serbo le testimonianze di certi testimoni e ha riletto le
prove, Kosta Kristic e Fabrice Garniron, che hanno rivisto i testi e
apportato le correzioni necessarie.

                                                           Louis Dalmas

  Presidente dell'associazione Verité et Justice



[1] Ma Verité di Slobodan Milosevic – Edizioni Le Verjus (Associazione
Verité et Justice)

[2] Il rapporto comprende altri testi importanti per i quali non
avevamo sfortunatamente posto per la pubblicazione: in particolare
quelli di gorge Bogdanic, che ha contribuito a due rimarcabili analisi
del contesto politico e militare dell'affare Srebrenica, diJonathan
Rooper, che ha studiato la manipolazione delle cifre, e di Philip
Hammond che ha esaminato in dettaglio il modo in cui i media
britannici hanno riportato gli avvenimenti.

[3] Da più di otto anni, il mensile B.I. (ex Balkans Infos) ha
rilevato numerosi esempi di questa informazione tendenziosa. La
collezione completa dei numeri può essere consultata sul sito
b-i-infos.com

[4] Il rapporto era scritto in un inglese a volte maldestro, risultato
indubbio della traduzione dal serbo. Non abbiamo potuto ottenere la
versione serba originale, la cui diffusione è stata proibita dall'Alto
rappresentante delle Nazioni Unite [Unp1]

 ---

PRIMA PARTE

IL GRUPPO DI RICERCA SU SREBRENICA

(Il gruppo americano di ricerca su Srebrenica)

 Il SREBRENICA RESEARCH GROUP  è un gruppo autofinanziatosi di
giornalisti e ricercatori universitari che lavorano insieme da oltre
tre anni allo studio di tutte le informazioni relative alla caduta di
Srebrenica, e alla comparazione fra i fatti reali e la loro
presentazione unilaterale e in grande scala che ne è stata fatta.

Il gruppo è diretto da Edward Herman, dell'Università di Pensylvenia,
autore di molti libri sugli avvenimenti militari e la loro copertura
mediatica Egli è coeditore con Philip Hammond di una serie di saggi
intitolata "Degraded capability: the Media and Kosovo crisis" (
Capacità degradata: la crisi dei Media e del Kosovo), ed è coautore
con Noam Chomsky di "Manufacturing consent" (Consenso fabbricato), uno
studio classico del ruolo della stampa nella guerra del Vietnam e
d'altri conflitti.

Sono membri attivi del gruppo il giornalista della BBC Jonathan
Rooper, che esercita a Londra dopo aver tenuto una rubrica nel New
York Press,  che ha collaborato con numerose pubblicazioni inglesi e
americane e che lavora per il National Law Journal a New York, George
Bogdanic, anch'egli a New York, i cui articoli sono stati pubblicati
da Chicago Tribune, The Nation, The Progressive e molti altri e che ha
realizzato e prodotto con Martin Lettmayer il documentario
"Yugoslavia: la guerra evitabile" proiettato in Europa e in Canada.

Mchael Mandel,  professore di diritto internazionale all'Università
York di Toronto, ha scritto molto sul tribunale per i crimini di
guerra. Un altro commentatore della copertura mediatica dei conflitti
è Philip Hammond, dell'Università London South Bank. Tim Fenton è un
ricercatore e documentarista londinese. David Petersen, che risiede
nei dintorni di Chicago, scrive di politica estera per diverse
pubblicazioni e molti siti internet. Milan Bulajic, del Fondo di
ricerca sul genocidio, ha passato cinquant'anni di carriera a studiare
i crimini di guerra. Giurista di diritto internazionale, ha diretto la
Commissione dello Stato jugoslavo sui crimini di guerra ed il Museo
del genocidio, e è l'autore di sessanta libri sui genocidi e i crimini
di guerra.

Fra i collaboratori e consiglieri del gruppo figura Phillip Corwin, ex
coordinatore dell' ONU per gli affari civili in Bosnia e  ex redattore
dei discorsi del Segretario dell'ONU Perez de Cuellar, autore di "
Dubious mandate: a Memoir of the UN in Bosnia" e di "Doomed in
Afganistan".

Un altro responsabile dell'ONU, Carlos Martins Branco, ha servito come
vice direttore dell'UNMO ( UN Monitors in Bosnia-  i controllori delle
Nazioni Unite in Bosnia) e ha "débriefé" gli osservatori dell'ONU a
Srebrenica. Egli è oggi colonnello dell'esercito portoghese.

Hanno in ugual maniera prodigato i loro consigli Diana Johnstone,
autrice di "La crociata dei pazzi" , il professore belgradese Vera
Vratusa, il  ricercatore residente in Germania George Pumphrey, lo
scrittore di Belgrado Milivoje Ivanisevic, che si è occupato di
importanti ricerche sui crimini di guerra in Bosnia., l'esperto
scientifico militare internazionalmente riconosciuto Zoran Stankovic,
e l'archeologo Srboljub Zivanovic, membro londinese del Royal
Anthropological Institute.


 (français)

 Le dossier caché du "genocide" de Srebrenica

  200 pages, Editions Le Verjus, 2005
  Correspondance: CAP 8, BP 391, 75869 Paris cedex 18
  email: ldalmas @ wanadoo.fr -- www.b-i-infos.com

---

 http://www.b-i-infos.com/dossier_srebrenica.php

 Le dossier caché du "génocide" de Srebrenica

  Recueil de documents

      Editions Le Verjus

En publiant l'an passé, sous le titre "Ma vérité", la version
française du plaidoyer que Slobodan Milosevic a prononcé devant le
Tribunal pénal international de La Haye en introduction à sa défense,
l'association Vérité et Justice ne prenait pas le parti de l'ancien
président de la République fédérale de Yougoslavie, mais celui d'une
information complète et équitable. Si ce procès était le "procès du
siècle", comme le proclamait la presse en France et ailleurs, les
comptes rendus de son audience auraient dû être constants et
abondants. Or ils ne l'ont été que dans les périodes où le procureur
portait ses accusations, mais pour ainsi dire jamais lorsque l'accusé
démontrait leur inanité. "Ma vérité" visait ainsi à rétablir pour le
public français un équilibre négligé par les chroniqueurs de La Haye.
Et elle permettait dans le même temps de faire entendre sur la
tragédie yougoslave une argumentation et des réalités auxquelles,
durant une quinzaine d'années, les colonnes des journaux de ce pays
étaient hermétiquement closes.

C'est avec le même souci de fournir une information complète que
parait aujourd'hui le deuxième ouvrage de l'association Vérité et
Justice, consacré, cette fois, au dossier de Srebrenica. A l'occasion
du 10e anniversaire des crimes commis après la prise par les Serbes de
Bosnie de cette "zone de sécurité" de l'ONU en juillet 1995, la
communauté internationale a organisé, l'été dernier, dans la région du
drame, une cérémonie du souvenir, en lui donnant une solennité
conforme à la thèse qu'elle avait soutenue durant la décennie écoulée
et qui assimilait ces crimes à la "pire horreur perpétrée en Europe
depuis la fin de la Seconde guerre mondiale". En rendant compte de
cette manifestation, tous les médias ont répété, sans la moindre
réserve, la version officielle en l'honneur depuis dix ans et selon
laquelle les forces serbes de Bosnie, après avoir pris le contrôle de
la ville, avaient exécuté de sang froid de 7 à 8.000 prisonniers
musulmans, aussi bien civils que militaires, selon un plan conçu à
l'avance, connu et autorisé par les principaux dirigeants de la
Républika Srpska, à savoir Radovan Karadzic et le général Mladic, et
même par Slobodan Milosevic, président alors de la Serbie. Et dans
cette présentation des faits, la tuerie n'apparaissait pas seulement
comme un massacre ordinaire, mais comme un génocide caractérisé,
perpétré délibérément contre la population musulmane en vue de
l'éliminer de la région.
Cette version a été d'autant plus ressassée à l'occasion de la
commémoration qu'elle avait été "légalisée" auparavant par le TPI.

Le 2 août 2001, la chambre de première instance du tribunal de La Haye
avait, en effet, jugé que les évènements de Srebrenica en juillet 1995
constituaient un "génocide" et avait condamné pour ce crime (et
d'autres) le général Ratislav Krstic, commandant une unité engagée
dans cette opération, à 46 ans de prison. Certes, la chambre d'appel
du même tribunal avait réduit, le 19 avril 2004, la sentence à 35
années de détention, estimant que l'officier serbe n'était coupable
que "d'aide et de complicité", mais elle avait maintenu la
qualification de "génocide" pour le cas de Srebrenica dans son ensemble.
La presse française a applaudi à ces deux jugements qui satisfaisaient
son attente parce qu'ils justifiaient ses engagements passés. Elle a
omis de signaler que son avis était loin d'être partagé par des
experts de réputation mondiale.

Ainsi Michael Mandel, professeur de droit international à l'université
York de Toronto déclarait, dans un texte figurant dans l'ouvrage de
l'association Vérité et Justice : "L'affirmation du Tribunal qu'un
génocide a eu lieu à Srebrenica, n'est corroborée ni par les faits
relevés ni par le droit invoqué". Rien de moins, et il en faisait une
brillante démonstration qui aurait dû, à coup sûr, retenir
l'attention. Le juriste soutenait aussi : "Si le cas de Krstic (le
général condamné) a un sens quelconque, il signifie qu'il n'y a pas eu
de génocide à Srebrenica. La conclusion de la cour ne peut être
considérée que comme une forme légale de propagande, et comme une
nouvelle contribution à l'impression grandissante que le tribunal est
plus un 'instrument politique' qu'une 'instance juridique', pour
paraphraser son plus célèbre accusé" (Slobodan Milosevic).
Michael Mandel travaille depuis des années au sein du Srebrenica
Research Group réunissant des personnalités anglo-saxonnes
indépendantes décidées à faire la lumière sur le cas de Srebrenica en
bannissant tous les préjugés. Ce groupe de recherche a publié
récemment ses conclusions où il apparaît qu'aucune des propositions
articulant la version officielle de l'affaire de Srebrenica ne résiste
à un examen sérieux des faits, du nombre des victimes musulmanes
jusqu'à l'accusation de génocide commis par les forces serbes de
Bosnie, en passant par la préméditation et la planification, deux
conditions nécessaires pour que ce crime soit constitué, et sans même
parler des responsabilités remontant au sommet de la hiérarchie serbe
qui ne sont jamais sorties du domaine des présuppositions du Tribunal
de La Haye. Qu'il y ait eu des exécutions sommaires, donc des
atrocités, ne fait aucun doute pour tous les collaborateurs du groupe.
Simplement ils estiment, s'appuyant sur leurs analyses, que le nombre
et la nature des victimes, ainsi que le contexte général des
évènements de Srebrenica, ont été présentés de manière tendancieuse et
qu'il faudrait les réexaminer sans parti pris. Et pour y parvenir,
écrivent-ils, il est indispensable de replacer ces crimes à la fois
dans les conditions de la guerre civile qui a ravagé cette région de
Bosnie occidentale depuis 1992, et dans le déploiement par les
principaux protagonistes des dispositions tactiques et stratégiques
qui, durant l'année 1995, ont précédé et préparé le nettoyage des
Serbes de la Krajina et la réduction, toujours par la force, des
dimensions, donc aussi du poids, de la Republika Srpska, à laquelle
les accords de Dayton finiront par attribuer les droits et les
frontières actuelles.

"Le dossier caché du génocide de Srebrenica" réunit la traduction d'un
certain nombre de textes étrangers, indispensables à la manifestation
de la vérité, et sur lesquels la presse française a observé un mutisme
complet, donc coupable, quelles qu'en soient les véritables raisons.

Dans une première partie figurent trois contributions du Groupe de
recherche sur Srebrenica : celle de Michael Mandel sur le TPI et le
concept de "génocide" ; l'analyse générale (et lumineuse) des
évènements faite par le directeur du groupe, Edward Herman, de
l'université de Pennsylvanie ; et, enfin, le témoignage de Philip
Corwin qui a été le coordinateur des affaires civiles en Bosnie.

La deuxième partie présente les témoignages personnels du général
canadien Lewis MacKenzie, premier commandant des forces de la paix de
l'ONU à Sarajevo, et d'un officier portugais, Carlos Martins Branco,
ancien observateur militaire de l'ONU en Bosnie et selon lequel les
chefs bosniaques musulmans auraient facilité la reprise de Srebrenica
par les Serbes en juillet 1995 pour pouvoir mieux les isoler sur le
plan international en les culpabilisant à outrance pour les méfaits
qu'ils ne manqueraient de commettre.
Dans cette même partie, on trouvera deux témoignages sur le chef
musulman Nasser Oric et ses hommes qui avaient massacré des civils
serbes et harcelé sans cesse cette population avant et après la
création à Srebrenica d'une zone de sécurité de l'ONU.

La troisième partie est constituée par le rapport sur Srebrenica que
deux organismes de la Republika Srpska (le Centre de documentation et
le Bureau gouvernemental chargé des relations avec le TPI) ont rendu
public le 3 septembre 2002.
C'est un document inédit car il n'a jamais pu être diffusé. Dès sa
présentation, il était dénoncé avec violence par les milieux
musulmans, le Haut commissaire Paddy Ashdown, l'ambassade des
Etats-Unis et celle du Danemark parlant au nom de l'Union européenne.
Le TPI le déclarait "scandaleux et honteux" parce qu'il ignorait "les
preuves établies par le Tribunal lors du procès (en première instance)
du général Ratislav Krstic pour génocide commis sur les musulmans de
Srebrenica".
Le gouvernement de Banja Luka était contraint de le retirer et
d'abandonner son projet de lui donner une suite. Il sera plus tard
forcé de parrainer un autre rapport, autrement plus en phase avec les
désirs de la communauté internationale, mais ce texte n'a pas été
publié jusqu'à ce jour, sans qu'on en connaisse le vrai motif. Il
était en tout cas normal que le rapport condamné de 2002 figure dans
ce livre car il montre de manière indirecte ce que cette "communauté"
refuse d'entendre dans son souci pragmatique d'imposer une vérité au
lieu de s'intéresser à la vérité.

"Le dossier caché du génocide de Srebrenica" témoigne que l'enquête
sur cette affaire est loin d'être terminée car, pour satisfaire
l'esprit et le cœur, elle doit être complète non seulement sur les
faits eux-mêmes, mais aussi sur leurs manipulations et sur les auteurs
de celles-ci, avec leurs mobiles et leurs calculs. "L'hypocrisie,
disait Péguy, est la forme la plus abjecte de la violence". C'est dans
le but précis d'illustrer ces évidences que ce livre a été conçu et
publié.

 Kosta CHRISTITCH





    From:       jugocoord@tiscali.it
    Subject:     [JUGOINFO] Il caso di Srebrenica al "tribunale" dell'Aia / 1: Milosevic e la testimonianza di Morillon
    Date:     December 3, 2004 11:26:31 PM GMT+01:00
    To:       crj-mailinglist@yahoogroups.com



(italiano / francais / english)

Il caso di Srebrenica al "tribunale" dell'Aia / 1: Milosevic e la
testimonianza di Morillon

1. Milosevic :   Srebrenica è stato un complotto per screditare i serbi
(settembre 2002)

2. Srebrenica e Naser Oric: Un’analisi sulla testimonianza del Generale
Philippe Morillon all’ICTY
(di Carl Savich, marzo 2004 - WITH ENGLISH LINKS)

3. Le témoignage Morillon sur Srebrenica au TPI
(mars 2004)


=== 1 ===

http://www.resistenze.org/sito/os/ta/osta4m19.htm

Milosevic :   Srebrenica è stato un complotto per screditare i serbi

Di Abigail Levene, The Scotsman, 28-9-02


L’AIA (Reuters) – Slobodan Milosevic ha dichiarato venerdì che
mercenari guidati dai leaders bosniaco-musulmani e spie dei servizi
francesi eseguirono il massacro di Srebrenica del 1995, in una
cospirazione ordita per far sì che l’opinione pubblica mondiale odiasse
i serbi.
L’-ex leader serbo è stato portato a giudizio per genocidio, e uno dei
punti d’imputazione si riferisce a Srebrenica…
All’apertura sulle controversie delle sezioni di Bosnia e Croazia, un
punto fondamentale del processo sui crimini di guerra, egli ha
sostenuto e rivendicato che i serbi erano semplicemente i capri
espiatori, dunque non da biasimarsi.
Ha dichiarato: “Voglio che venga rivelata la verità riguardo questo
folle crimine – si deve chiarire nell’interesse della giustizia davanti
all’opinione pubblica mondiale.”
Milosevic ha così riassunto il pensiero che a suo dire stava dietro
Srebrenica: “Come pretesto per l’impegno militare, il genocidio portato
a termine dai serbi fu … costruito ad arte … facendolo sembrare un
genocidio, un anatema fu posto sulle teste dei serbi con le conseguenze
che si crearono….”
Milosevic, imputato di genocidio in Bosnia e di crimini contro
l’umanità in Croazia, afferma che quei responsabili erano membri del
governo bosniaco-musulmano, ed un’unità mercenaria – all’interno
dell’esercito bosniaco-musulmano, ma non comandata da quest’ultimo – e
da servizi di intelligence francese.
Egli ha riferito di fronte al Tribunale Internazionale per i Crimini
dell’ONU per la ex-Iugoslavia all’Aia, che la cospirazione del massacro
fu tramata nell’abitazione di un funzionario municipale, durante un
incontro tenutosi nel luglio 1995, appena qualche giorno prima dei
massacri.
“Furono d’accordo sul commettere questo crimine – sull’abbandonare
Srebrenica e nel mettere in atto questa carneficina” ha dichiarato
Milosevic, mentre il pubblico accusatore Carla Del Ponte lo osservava
con attenzione in aula.

... L’anno scorso il tribunale dell’Aia ha posto un precedente,
giudicando colpevole di genocidio il generale Radislav Krstic, a
proposito del massacro di Srebrenica che ha scioccato il mondo.
Milosevic ha affermato che né Kristic né l’ex-comandante serbo-bosniaco
Ratko Mladic – ricercato dall'Aia per genocidio insieme al leader di
guerra serbo-bosniaco Radovan Karadzic, non erano al corrente di nulla
che riguardasse gli eccidi di Srebrenica.
“Sono convinto che l’onore militare di Mladic e Krstic non
permetterebbe loro di giustiziare civili,” ha affermato .
Egli stesso venne a conoscenza del massacro di Srebrenica
dall’ex-inviato ONU nei Balcani Carl Bildt, ha detto, aggiungendo: “…Il
presidente Karadzic mi giurò di non sapere assolutamente nulla riguardo
a ciò...”

I pubblici ministeri, che hanno aperto il caso su Bosnia e Croazia
giovedì, hanno affermato il collegamento fra Milosevic e Srebrenica a
causa del coinvolgimento nel caso della polizia del ministero
dell’interno della Serbia.
Milosevic ha ribadito: “La denuncia che ho compilato … parla di come
(il leader bosniaco-musulmano Alija Izetbegovic)  utilizzò il caso
Srebrenica per ogni tipo di manipolazione, usandolo per obbiettivi e
accordi politici.

PRIMO TESTIMONE

Al termine dell’intervento di apertura di Milosevic, i pubblici
accusatori hanno chiamato il loro primo testimone: un ex-politico serbo
proveniente dalla Slavonia, regione della Croazia abitata dall’etnia
serba che si era ribellata alla secessione croata dalla Jugoslavia e 
poi riconquistata dai croati durante il blitz militare del 1995.
Si trattava di un membro moderato del Partito Democratico Serbo (SDS)
in Croazia – il quale nel 1999 aveva esortato i serbi a ribellarsi
contro l’indipendenza di Zagabria, la cui identità si è provveduto a
proteggere, mantenendola celata, così da conoscerlo come C-037.
L’SDS acquisì in Croazia una posizione maggiormente radicale, ottenendo
la maggioranza

Sulle posizioni più moderate. I serbi radicali respingevano il
concetto, l’idea di restare all’interno della Croazia se questa si
fosse separata, staccata, dalla Iugoslavia. Il procedimento giudiziario
cerca di provare che, con l’approvazione di Milosevic, i serbo-croati
radicali rifiutarono il negoziato con il governo croato e fecero
ricorso alla violenza, e che Milosevic offrì la protezione
dell’esercito iugoslavo alla fazione radicale dell’SDS.
Il progetto dell’accusa prevede di chiamare sulla scena 177 testimoni,
compreso l’ex-presidente Zoran Lilic e il presidente della Croazia
Stjepan Mesic, per provare la loro tesi circa la Bosnia e la Croazia.

Gli accusatori hanno già esposto le loro tesi contro di lui in
relazione ai crimini di guerra del Kosovo ….
Essi affermano che fu Milosevic a ideare e dirigere nei primi anni ‘90
un piano di pulizia etnica per fare largo al suo progetto di una Grande
Serbia. Milosevic ha rifiutato di riconoscere il tribunale dell’Aia… ma
persiste nell’affermare che il suo ceppo etnico fu vittima, non
perpetratore della guerra.
L’ex-presidente serbo e iugoslavo si trova ad affrontare 61 capi
d’accusa per la Croazia e la Bosnia, che includono il periodo 1991-95.
Il caso del Kosovo che i pubblici ministeri hanno portato a termine due
settimane fa trattava il 1999 e ha visto protagonisti 124 testimoni in
udienze a porte aperte.
Milosevic è il primo capo di stato ad essere posto in stato di accusa
per simili crimini durante il proprio mandato. Egli fu presidente serbo
dal 1990 al 1997, quando divenne poi presidente iugoslavo.

Traduzione di Carla Gagliardini (Associazione SOS Yugoslavia)


=== 2 ===

[ The original text in english:

Morillon at Hague: Srebrenica and Naser Oric
An Analysis of General Philippe Morillon’s Testimony at the ICTY

( Please go to http://www.serbianna.com/columns/savich/052.shtml to
read more of Carl Savich's archives regarding NATO's intervention into
the Balkans, such as:  "Srebrenica, the Untold Story", of  5 March 2004
and "Eyewitness to Genocide in Kosovo; Kosovo & Metohija and the
Skanderbeg Division," 23 Oct. 2000 )

http://www.serbianna.com/columns/savich/052.shtml

SEE ALSO:

UN general 'foresaw Srebrenica'. General Philippe Morillon promised not
to abandon Muslims
http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/3481619.stm

The end of the prosecution case: The testimony of Philippe Morillon
http://www.slobodan-milosevic.org/news/smorg030904.htm

Telling the truth now a crime in Bosnia?
http://www.antiwar.com/blog/more.php?id=487_0_1_0_M  ]

http://www.resistenze.org/sito/os/ta/osta4m19.htm

http://www.serbianna.com/columns/savich/052.shtml

Srebrenica e Naser Oric:

Un’analisi sulla testimonianza del Generale Philippe Morillon all’ICTY


di Carl Savich, 27-3-2004


Introduzione:  La Pistola Fumante

Giovedì 12 febbraio 2004 Philippe Morillon ha testimoniato al Tribunale
Penale Internazionale per l’ex-Yugoslavia (ICTY) istituito dagli USA e
dalla NATO ed avente sede all’Aia. Morillon è stato proposto come
ultimo importante testimone contro Slobodan Milosevic. La sua
testimonianza avrebbe dovuto fornire “la pistola fumante” per provare
la colpevolezza di Milosevic, sul quale pendeva l’accusa di genocidio
in merito alla caduta di Srebrenica del 1995. Morillon è stato in un
primo tempo interrogato dal Prosecutor ICTY Dermot Groome, poi da
Slobodan Milosevic, e da Branislav Tapuskovic, l’Amicus Curiae.

Chi è Philippe Morillon?

P. Morillon è nato il 24 ottobre 1935 a Casablanca in Marocco, figlio
di un ufficiale francese morto nella seconda Guerra Mondiale. Nel 1956
si laureò all’accademia militare francese di Saint-Cyr. Dal 1954 al
1995 è stato ufficiale dell’Esercito Francese. Negli anni Ottanta aveva
ricoperto l’incarico di presidente della commissione franco-iugoslava
per l’approvvigionamento di armi. Il suo primo incarico militare era
stato in Algeria durante la guerra  che esplose nel paese africano alla
metà degli anni Cinquanta. Con altri ufficiali francesi, Morillon aveva
combattuto per impedire la secessione del paese, affinché esso restasse
parte della Francia. Nel 1961 il presidente francese Charles de Gaulle
ordinò all’esercito francese di abbandonare l’Algeria e di ritirarsi in
Francia…

Morillon si unì a un gruppo di ufficiali che si erano ribellati
all’ordine di ritiro delle truppe intimato da De Gaulle. Questi anziani
ufficiali francesi ribelli vennero in seguito epurati. Nel caso di
Morillon si trattava di un ufficiale di medio livello, e come tale fu
risparmiato. Egli divenne poi un generale a quattro stelle. Il 20
luglio del 1999 egli fu eletto al parlamento dell’Unione Europea (UE).
Negli anni 1992 e 1993, nel corso della guerra civile bosniaca, egli fu
inviato nella zona bellica in qualità di comandante dell’Unione Europea
e fautore di una politica che tentava di affermare la neutralità
dell’ONU in Bosnia. La sua politica di neutralità lo rese impopolare
presso la fazione musulmana bosniaca. Morillon intervenne a Srebrenica,
per impedire la sconfitta militare di Naser Oric e la caduta
dell’enclave nel 1993. Morillon si insediò a Srebrenica, instaurandovi
una situazione di “porto sicuro”, senza tuttavia riuscire a
demilitarizzare l’area. Naser Oric riuscì nell’intento di dispiegare la
28esima Divisione Fanteria a Srebrenica dopo che essa divenne un’area
protetta.

Morillon: la caduta di Srebrenica del 1995 fu la “reazione diretta” ai
massacri perpetrati nel 1992-1993 da Naser Oric nei confronti dei serbi
bosniaci
Quale è stata la testimonianza di Morillon all’Aia? Cosa ha rivelato? I
cosiddetti media occidentali appartenenti al “mondo libero” hanno
manipolato, censurato e falsificato la sua testimonianza. Attraverso la
tecnica propagandistica incentrata sull’ “enfasi” che è stata portata
avanti dai media occidentali, la sua testimonianza è stata manipolata
al fine di appoggiare la versione ufficiale della NATO, la cosiddetta
“linea di partito”. Cosa ha detto realmente Philippe Morillon all’Aia?

Quel che segue è la conclusione principale desunta dalla testimonianza
di Morillon: la caduta di Srebrenica avvenuta nel 1995 fu la “reazione
diretta” ai massacri di serbi bosniaci perpetrati dalle forze di Naser
Oric nel corso del 1992-1993. Morillon ha riconosciuto che le truppe di
Oric  commisero crimini di guerra nella Bosnia orientale. Morillon ha
testimoniato personalmente riguardo l’esumazione dei corpi di civili e
soldati serbi bosniaci i quali avevano subito torture, mutilazioni ed
esecuzioni. Vide con i propri occhi i villaggi serbi rasi al suolo
dalle fiamme all’interno della sacca, dell’enclave di Srebrenica. Più
di chiunque altro, Morillon comprese il livello di devastazione della
Bosnia orientale, così come la vastità e la natura dei massacri contro
i serbi bosniaci.


Come ebbe inizio la guerra civile in Bosnia

Qual è il contesto nel quale si sviluppò la crisi a Srebrenica? Come
ebbe inizio la guerra civile bosniaca? A chi si sarebbe dovuta imputare
la responsabilità della guerra civile bosniaca?
Tale guerra ebbe inizio senza venire sollecitata? Colse tutti di
sorpresa?
Fu pianificata e orchestrata ?
La guerra civile bosniaca fu programmata e orchestrata dal governo
degli Stati Uniti.
Warren Zimmermann, ambasciatore USA presso la Jugoslavia, fu
direttamente responsabile per l’inizio e la perpetrazione di questa
inutile guerra civile. In altre parole, il governo USA fu la causa
della guerra civile bosniaca e delle conseguenti perdite in termini di
vite umane che ivi si verificarono.

Durante la seconda guerra mondiale, la Bosnia-Herzegovina fece da
scenario ad una fra le peggiori guerre civili. Le fazioni musulmane e
croate  bosniache parteciparono ad un genocidio contro i serbi
bosniaci. Tutti intravidero il potenziale per un rinnovarsi di una
carneficina, simile in tutto a quella della seconda guerra mondiale….
Nel 1992 si giunse all’accordo di compromesso conosciuto con il nome di
Piano di Lisbona. Soltanto il governo USA ignorò il potenziale di tale
conflitto, e con noncuranza insistette nell’effettuare pressione…

Cos’era il Piano di Lisbona? Perché il Piano di Lisbona fallì?
Milosevic è riuscito a dimostrare che il rifiuto del piano di Lisbona
opposto da Alija Izetbegovic fu ciò che precisamente condusse alla
guerra civile in Bosnia. José Cutileiro, a quel tempo presidente
portoghese dell’Unione Europea (UE), mediò e negoziò il piano di
distrettualizzazione per la Bosnia, il Piano di Lisbona appunto. Il 18
marzo 1992 fu firmato un accordo da Radovan Karadzic, leader della
fazione serbo-bosniaca, Alija Izetbegovic, leader della fazione
musulmano-bosniaca, e Mate Boban, leader della fazione bosniaco-croata.
Tutto ciò costituiva un compromesso che intendeva allontanare e
prevenire in maniera incondizionata la guerra civile. Tutte e tre le
fazioni etniche della Bosnia accettarono la secessione della Bosnia
dalla Jugoslavia e il suo riconoscimento in qualità di stato
indipendente. Il Piano di Lisbona si proponeva di assicurare che
nessuna delle fazioni sarebbe stata dominata dalle altre. Garantiva la
pace.

Tuttavia, il 25 marzo 1992, Izetbegovic ritrattò la sua firma
dall’accordo dopo essere stato persuaso a tale gesto dall’ambasciatore 
Warren Zimmermann, il quale si attribuì enfaticamente il titolo di
“ultimo ambasciatore”. Perché il piano di Lisbona fallì? Il Piano di
Lisbona non riuscì perché il governo USA non voleva che esso avesse
successo, che si concretizzasse.

Milosevic ha messo l’accento sul fatto che i serbi bosniaci
desiderassero mantenere la pace pervenendo ad un accordo di
compromesso, di transazione.

Milosevic ha citato un’affermazione pronunciata da Morillon quando
giunse in Bosnia nel 1992 come comandante ONU :

”… stando a quel che ricordo, sin dal primissimo giorno in cui
incontrammo il parlamento bosniaco nel 1992, vi fu l’occasione di
ascoltare il discorso del generale Nambiar, il quale pronunciò queste
parole: “…Siamo qui per calmare le vostre paure. Sono un generale
indiano, sono qui con il mio capo consiglio, un pakistano, poi ci sono
anche un generale francese e un diplomatico tedesco. Siamo qui per
dimostrarvi che la riconciliazione è sempre possibile...”.”

Fu un momento commovente, perché in risposta a questo discorso, un
serbo si alzò e disse: “Sono un serbo, e accanto a me ho un musulmano.
E’ mio fratello. E non vedo come un giorno potremmo mai affrontarci
l’uno contro l’altro, come nemici.”

In altre parole, non c’era bisogno della guerra civile bosniaca. Tale
conflitto fu fomentato e sostenuto dal governo USA e dai media
associati. Prima del coinvolgimento USA, le tre fazioni in Bosnia
avevano raggiunto un accordo di compromesso. Sono stati gli USA a
fomentare il conflitto. Gli USA sono da ritenersi responsabili della
guerra civile bosniaca che ne conseguì.

I primi attacchi e omicidi a carattere etnico verificatisi in Bosnia
furono commessi contro serbi bosniaci. Anche prima dell’inizio della
guerra civile, civili serbi erano stati assassinati in Bosnia da
musulmani bosniaci e da croati. Milosevic  ha esposto i fatti in modo
da dimostrare che il primo omicidio etnico ebbe luogo nel centro di
Sarajevo, quando si verificò l’uccisione del serbo bosniaco Nikola
Gardovic.
Milosevic ha domandato a Morillon se sapesse che la prima persona a
perdere la vita nella guerra civile bosniaca il 2 marzo 1992 era stato
un serbo bosniaco, Nikola Gardovic. Egli fu assassinato da un cecchino
bosniaco musulmano di fronte all’Antica Chiesa serbo ortodossa di
Sarajevo, costruita nell’XI secolo. Gardovic stava partecipando alla
celebrazione di un matrimonio serbo nel centro di Sarajevo. Si trattava
di un rito ortodosso, fondato sulla cerimonia e le usanze ortodosse, le
quali includevano il vessillo serbo.

Morillon ha replicato affermando di ricordare tale assassinio: “…Sì, il
serbo in questione, conformemente agli eventi di cui sono a conoscenza,
fu ucciso nel corso di un matrimonio. Si trattò di un omicidio a
carattere etnico religioso. Gardovic fu ucciso esclusivamente a causa
della sua appartenenza all’etnia serba e perché era un cristiano
ortodosso. La sua brutale esecuzione durante una cerimonia nuziale
stava a dimostrare palesemente l’intolleranza dei musulmani bosniaci
nei confronti dell’etnia serba e della religione ortodossa. Fu la
scintilla che infiammò un clima già da tempo destabilizzato. In Bosnia,
la fazione dei musulmani bosniaci aveva dichiarato guerra ai serbi e
all’ortodossia...”.

Secondo Milosevic, il messaggio che i musulmani bosniaci volevano
inviare ai serbi era: “Ci siamo rivelati a favore dell’indipendenza, e
ora possiamo uccidervi.”
Apparvero i comandanti paramilitari musulmani, come Juka Prazina,
comandante paramilitare sotto Alija Izetbegovic, e Ramiz Delalic.
Chi diede inizio alle uccisioni e ai massacri etnico-religiosi in
Bosnia?
 Il primissimo massacro in Bosnia fu perpetrato contro i serbi
bosniaci. Il 26 marzo 1992 furono massacrate intere famiglie serbe nel
nord della Bosnia, vicino a Bosanski Brod nel villaggio di Sijekovac.
Dal 3 al 6 aprile 1992 truppe appartenenti all’esercito regolare, che
si erano illegalmente trasferite oltre il confine sino ad invadere la
Bosnia, massacrarono 56 serbi. Il 4 aprile 1992, musulmani bosniaci
armati, provenienti da Korace uccisero 117 serbi, anziani, donne e
bambini, tutti profughi serbi di Barice e Kostres. Decine, se non
centinaia di serbi furono assassinati addirittura prima che la
guerra/conflitto in Bosnia avesse inizio.
Morillon commentò a proposito di questi massacri di serbi: “Tutto ciò
contribuì alla malattia della paura...”.

Il timore dei serbi bosniaci tuttavia era autentico e giustificato, a
causa di questi avvenimenti in Bosnia. La paura dei serbi bosniaci non
era fondata sul “nazionalismo”, sulla paranoia o su antichi miti
provenienti dalla seconda guerra mondiale, ma su veri eccidi
etnico-religiosi che terroristi musulmani bosniaci e  croati stavano
commettendo nel presente, non nel passato.

L’8 aprile 1992, con l’incitamento del governo USA, vi fu una
dichiarazione di guerra da parte della fazione bosniaca musulmana.
Iniziò allora la guerra civile in Bosnia.
Milosevic ha domandato a Morillon: “I serbi uccisero qualcuno in quel
periodo? Avete un solo esempio cui fare riferimento?”
 Morillon ha risposto che non sapeva. Vi furono al tempo “voci,
dicerie” che giunsero alle sue orecchie. Morillon ha ammesso tuttavia
che la guerra civile ebbe inizio in Bosnia con attacchi contro
l’Esercito Nazionale Jugoslavo (JNA) da parte della fazione bosniaca
mussulmana.

Quando iniziò il vero assedio di Sarajevo?

Morillon ha risposto: “Suppongo il 2 maggio 1992, dopo che i comandanti
e le reclute del JNA furono circondati nella caserma Maresciallo Tito e
il JNA tentò di ritirarsi da quella difficile situazione...” In un
primo tempo il JNA fu posto sotto assedio, poi “…l’assedio di Sarajevo
fu effettivamente una reazione a ciò...”

Milosevic ha chiesto a Morillon: “E’ esatto, Generale?”.  Morillon:
“…Inizialmente, si…” L’assedio di Sarajevo fu una “reazione provocata.”

Il primo attacco a Sarajevo si verificò quando le truppe di musulmani
bosniaci uccisero i soldati dell’Esercito Nazionale Jugoslavo (JNA) che
si stavano ritirando dalla città in seguito ad un accordo stipulato in
precedenza. Le forze musulmane bosniache attaccarono una colonna
milite  del JNA in strada Dobrovoljacka  a Sarajevo proprio mentre si
stava ritirando. Durante questi attacchi, numerosi soldati del JNA
furono crudelmente assassinati e i loro corpi bruciati e mutilati.
Anneriti, deturpati e carbonizzati, essi vennero poi assiepati ai lati
delle strade. La sola ragione per cui si era tesa loro un’imboscata
trasformatasi in un massacro era quella di appartenere all’etnia serba
e di far parte della comunità cristiana ortodossa. Il precedente
accordo, finalizzato al ritiro delle truppe, era stato dunque violato
dalla fazione musulmana. Si trattò di un massacro a sangue freddo
oppure di omicidio provocatorio di soldati del JNA, i quali si stavano
ritirando in Jugoslavia. Fu un atto criminale, un omicidio. Ma il
governo USA e i media non condannarono mai questo crimine, il massacro
di serbi da parte dei musulmani . I cosiddetti media occidentali non lo
citarono nemmeno.

Milosevic ha domandato a Morillon: “…Si ricorda di tali avvenimenti?”

Morillon : “Sì… ci fu una strage...”

La fazione dei musulmani bosniaci aveva radunato un reparto di grandi
dimensioni in Bosnia, i cui primi attacchi erano indirizzati contro il
JNA. Milosevic ha citato un libro del comandante dell’esercito dei
musulmani bosniaci Sefer Halilovic, il quale sosteneva che i musulmani
bosniaci avessero  “120.000 soldati in assetto di guerra” quando la
guerra scoppiò nel 1992.
Hasan Efendic asserì che a Tuzla 160 membri del JNA furono uccisi e 200
feriti durante le operazioni di evacuazione di Tuzla. Vi era stato un
accordo per il loro ritiro da Tuzla, così come vi era stato a Sarajevo.
In effetti, il 15 aprile 1992, durante il ritiro della truppe del JNA
dalla città di Tuzla occupata dai musulmani, 160 soldati del JNA furono
uccisi e 200 feriti in seguito a un attacco mussulmano deliberato. La
fazione dei musulmani bosniaci stava creando l’anarchia e la
disgregazione in Bosnia, stava tentando intenzionalmente di provocare
il JNA e i serbi bosniaci a reagire e a rispondere.

Morillon ha riscontrato analogie fra la Bosnia e il Libano: “…Paragonai
questo processo a ciò che si verificò in Libano..”. Stando a Morillon,
vi fu una “libanizzazione”, laddove “ciascuna comunità si rinchiudeva
nei propri confini e i signori della guerra iniziavano a governare
precisamente da quel preciso periodo in avanti. Vi furono orrori… ed
ebbero luogo in realtà anche attacchi sferrati contro le forze che si
stavano ritirando.”

Gli USA e l’UE perseguirono una politica estera anti-serba e
anti-jugoslava, avente come finalità lo smembramento della precedente
Jugoslavia, professandosi fautori della cosiddetta “balcanizzazione”,
stati piccoli e deboli, definite “democrazie principianti” nel gergo
propagandistico del periodo, i quali avrebbero potuto agire come
governi fantoccio, mandatari, alleati, surrogati degli stati USA e
l’UE. Un esempio di questo tipo di influenza era costituito dalla
presenza dell’esercito regolare Croato in Bosnia. Gli USA e l’UE non
parvero accorgersi della presenza delle truppe croate. La modalità per
“sconfiggere la Serbia” era porre in atto sanzioni contro la
Jugoslavia, conformemente agli USA e all’UE. Sia gli uni che gli altri
riuscirono nell’intento di imporre sanzioni alla Jugoslavia,
nascondendo intenzionalmente un rapporto USA che arrivava alla
deduzione del ritiro del JNA dalla Jugoslavia, mentre l’esercito
regolare Croato aveva occupato il territorio bosniaco.

Milosevic ha citato un rapporto stilato dal Segretario Generale delle
Nazioni Unite Bhoutros Ghali: il documento deduceva che il JNA si era
ritirato dalla Jugoslavia, mentre invece l’esercito regolare Croato
manteneva le proprie truppe in Bosnia. Milosevic ha menzionato tale
resoconto del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che dimostrava quindi,
che l’esercito serbo bosniaco non si trovava sotto il controllo di
Belgrado, e che le truppe dell’esercito regolare croato erano in
Bosnia. Tale verbale fu deliberatamente celato, non comunicato
dall’austriaco Peter Hohenfellner, allora presidente del Consiglio di
Sicurezza, sino a quando non furono votate sanzioni contro la
Jugoslavia.

Milosevic aveva dimostrato di non possedere più alcuna autorità
sull’esercito serbo bosniaco né una leadership dopo il maggio 1993.
Egli poteva ancora esercitare solo un’influenza politica, ma furono
Radovan Karadzic e Ratko Mladic a prendere tutte le decisioni nella
Repubblica Srpska (RS) dopo questa data.


Morillon: non ci sono stati buoni o cattivi

L’obiettivo della fazione dei musulmani bosniaci era quello di indurre
l’intervento militare degli Stati Uniti a fianco dei musulmani.
Perseguendo questa politica, la fazione dei musulmani bosniaci si
impegnò nella propaganda, organizzò e perpetrò massacri, uccise civili
musulmani bosniaci al fine di raccogliere comprensione e compassione, e
impiegò ostaggi civili o scudi per promuovere una propaganda
persecutoria. Morillon, Lewis MacKenzie, Sir Michael Rose ed altri
ufficiali ONU hanno riconosciuto questo obiettivo. Le cronache
giornalistiche dei media occidentali durante la guerra civile in Bosnia
avevano un unico obiettivo: quello di ottenere lo schieramento degli
USA nel conflitto, dalla parte della fazione musulmana bosniaca. Il
solo modo per ottenere la realizzazione di ciò era presentare la guerra
civile come un “genocidio”. Questa è la ragione per cui il governo USA
e i media associati fecero affidamento sulla propaganda a proposito di
un genocidio /Olocausto in Bosnia. Soltanto una tale tipologia
propagandistica, basata sull’idea dominante di genocidio avrebbe avuto
la meglio. Perciò la guerra civile bosniaca venne associata
all’Olocausto. Si trattò di una montatura giornalistica, parte
integrante della strategia informativa e bellica USA. In Iraq è stata
la scusa delle armi di distruzione di massa inesistenti e fittizie. In
Bosnia, fu quella della propaganda di un genocidio o Olocausto
inesistente e fittizio. In entrambi i casi, questa propaganda è stata
orchestrata, pianificata e coordinata dal governo USA e dai media ad
esso associati.

Tutti lo sapevano. Milosevic ha citato l’affermazione che Morillon
aveva fatto a Parigi: “…Il proposito della Presidenza fu sin
dall’inizio quello di garantire l’intervento delle forze internazionali
per il proprio profitto, ed è questa una delle ragioni per cui essi non
furono mai inclini ad impegnarsi in conferenze e discorsi...” Fu la
fazione dei musulmani bosniaci ad opporsi alla pace. Perseguendo
infatti la politica atta ad incitare l’intervento USA, i musulmani non
avrebbero permesso ad uno soltanto di loro di lasciare Sarajevo per
scopi propagandistici come gli scudi umani, o sacrificarsi
nell’interesse della propaganda musulmana. Analogamente, non venne
permesso ai civili musulmano-bosniaci di Srebrenica di sfollare, poiché
la leadership musulmano-bosniaca voleva utilizzarli come scudi umani
per scopi propagandistici.

Morillon ha ammesso che le forze bosniaco-musulmane bombardarono la sua
residenza nel corso della guerra. Furono azioni del genere a
persuaderlo del fatto che non vi fossero buoni o cattivi in Bosnia. La
propaganda USA contava tuttavia sulla caratterizzazione semplicistica e
fine a se stessa degli aggressori e delle vittime, dei buoni e dei
cattivi. Morillon ha affermato: “…Poco tempo dopo l’accaduto ricevetti
un senatore americano, il quale mi chiese:  “…Dove sono i bravi
ragazzi?” E io risposi che sfortunatamente non vi sono buoni o cattivi;
sono tutti cattivi. Presi in questo vortice infernale non hanno avuto
altri mezzi, altre possibilità da nessuna delle due parti...”

Morillon ha sottolineato il suo dissenso dalla politica propagandistica
USA che demonizzava il popolo serbo: “…I serbi non dovrebbero essere
demonizzati...”. Milosevic ha citato la dichiarazione di Morillon: “…Ho
sempre respinto la tesi secondo la quale c’erano gli aggressori da una
parte e le vittime dell’aggressione dall’altra...” Milosevic ha citato
anche un’asserzione del generale indiano Satish Nambiar, comandante
militare ONU in Bosnia, in un discorso pronunciato il 12 aprile 1999 a
Nuova Delhi, il quale anche rifiutò di assegnare la responsabilità ad
un’unica parte:

“…Ritrarre i serbi come i malvagi e tutti gli altri come buoni non fu
soltanto controproducente, ma anche disonesto. Secondo la mia
esperienza, tutte le parti erano colpevoli, ma soltanto i serbi hanno
ammesso di non essere angeli, mentre gli altri hanno insistito sulla
loro innocenza. Con 28.000 unità di forze armate sotto il mio controllo
e mediante contatti costanti con l’UNHCR e gli ufficiali della Croce
Rossa Internazionale, non siamo stati testimoni di alcun genocidio,
oltre gli eccidi e i massacri perpetrati da tutte le parti in causa;
condizione questa tipica di tali condizioni di conflitto….”

Milosevic ha chiesto a Morillon se fosse d’accordo con la definizione
data da Nambiar del conflitto bosniaco. Morillon ha concluso: “…Non
bisogna demonizzare i serbi sulla questione: non ci furono i buoni da
una parte e i cattivi dall’altra.”

Morillon ha asserito che la guerra civile bosniaca era un risultato o
reazione ai “ricordi” della guerra civile che ci fu in Bosnia durante
la seconda guerra mondiale e a conflitti ancora precedenti: “…Penso che
questo avvenimento drammatico provenga ancora una volta da ricordi, da
una memoria storica alimentata...”  Morillon ha rimproverato aspramente
coloro i quali “…rievocavano alla memoria collettiva i massacri
ancestrali accaduti in Bosnia…” e “…quelli che riportarono alla mente,
fecero rivivere la memoria di antiche paure…”. Milosevic ha domandato a
Morillon se fosse stato in possesso di qualche sua deposizione che
dimostrasse il suo sostegno ad altra causa che non fosse stata quella
della tolleranza e della pace in Bosnia e nell’ex Jugoslavia. Morillon
ha ammesso di non riuscire a trovare nessun indizio che suggerisse
l’incitamento verso chiunque, da parte di Milosevic, al conflitto
etnico o religioso.

Ma come reagirono i serbi bosniaci quando una rivista
bosniaco-musulmana, Novi Vox, in un’uscita dell’ottobre 1991 avrebbe
annunciato che i mussulmani bosniaci avevano preparato Handzar, una
nuova divisione delle SS naziste, (“Spremna Handzar Divizija”), facente
allusione alla 13esima Waffen Gebirgs Division der SS
“Handzar/Handschar” della seconda guerra mondiale, formata da Heinrich
Himmler per contrastare la lotta partigiana in Bosnia? Si trattò forse
semplicemente di una pubblicazione isolata di nessuna rilevanza? La SS
Division Handzar nazista dei musulmani bosniaci era davvero non
attinente ai timori e alle inquietudini serbo-bosniache? In una cronaca
da Fojnica del 29 dicembre 1993, un articolo eludeva la censura del
governo USA sui media, il corrispondente del Daily Telegraph di Londra
Robert Fox dimostrò che effettivamente la leadership bosniaco-musulmana
aveva formato una nuova Divisione Handzar che contava 6000 uomini. Non
erano meri “ricordi” ad alimentare il conflitto, bensì un vero scontro
fra le tre fazioni, impegnate in un’autentica guerra di secessione o
liberazione.

Durante la guerra civile, la fazione bosniaco-musulmana uccise i suoi
civili, con l’intento di coinvolgere le forze serbo-bosniache e
raccogliere consensi propagandistici. Milosevic ha fatto riferimento a
un documento ONU datato 6 febbraio 1994 che dava la responsabilità alle
forze bosniaco-musulmane dell’attacco ai civili musulmani:

“…L’UNPROFOR è sicuro quasi al 100% che i bosniaci musulmani in almeno
due occasioni nel corso degli ultimi 18 mesi sono stati all’origine dei
bombardamenti che hanno provocato perdite umane a Sarajevo...” Gli
ufficiali ONU e i funzionari maggiori occidentali ritennero i bosniaci
musulmani responsabili del cosiddetto massacro della fila per il pane
sulla strada Vasa Miskina.

Dal Kosovo Hospital di Sarajevo, i musulmani bombardarono con mortai
collocati nell’ospedale stesso per provocare una risposta serba
sull’ospedale.

Nella dichiarazione di Morillon si può leggere quanto segue: “…Vedemmo
un mortaio là, pronto a provocare una reazione da parte serba. Lo
facevano in continuazione. So che alcuni osservatori ONU hanno visto il
mortaio all’ospedale...”

La fazione bosniaco-musulmana aveva pianificato di instaurare un regime
militante nazionalista musulmano prima che la guerra civile irrompesse
nel 1992.  Milosevic ha dimostrato che i musulmani formarono una
cosiddetta Lega Patriottica il 31 marzo 1991, dunque un anno prima
della guerra civile, che costituiva un braccio armato dell’SDA, partito
di Izetbegovic, il Partito dell’Azione Democratica è infatti un partito
nazionalista musulmano. Fu il primo esercito di partito ad apparire in
Europa e ad essere instaurato nell’Europa stessa dopo la seconda guerra
mondiale e l’esperienza di Hitler. Le SS erano state un esercito di
partito similare a questo durante la seconda guerra mondiale. Nel 1991,
Alija Izetbegovic aveva dato forma a un esercito di partito militante
in Bosnia.

Milosevic ha citato una dichiarazione di Morillon:

“…Milosevic spiegò che non poteva dare ordini al BSA( esercito serbo
bosniaco)… Il nuovo ruolo di Milosevic in qualità di pacificatore
determinante e mediatore franco era piuttosto evidente...”

Milosevic e Morillon impiegarono tutta l’“influenza politica che
avevamo, ed era quella l’unica influenza che avessimo per conseguire
tale scopo...” Milosevic ha dichiarato che “…tutta l’influenza che
avrei potuto esercitare... fu utilizzata con la finalità di fermare lo
spargimento di sangue, e di impedire che tale logica venisse posta in
atto… E’ corretto, Generale?” Morillon ha replicato: “...Sì.”

Morillon ha ripetuto che : “…Rifiuto di vedere i serbi demonizzati.” Ha
affermato che: …“non sono soltanto i serbi ad essere responsabili del
conflitto in Bosnia…”

Morillon, avvertì Milosevic, tuttavia, che “sarete voi ad essere
demonizzati, se Srebrenica fosse caduta nelle mani delle forze
serbo-bosniache…”.


Sandzaki in Bosnia

Milosevic ha citato un verbale redatto da Morillon che rilevava la
realtà dei combattimenti fra i cittadini jugoslavi in Bosnia: “membri
delle forze armate da Sandzak… molti volontari da Sandzak nell’esercito
dei bosniaco-mussulmani.” Izetbegovic li aveva dispiegati all’aeroporto
di Sarajevo e a Srebrenica. Morillon: “Li chiamavamo i Sandzaki. Vi
erano alcune unità che erano come milizie, probabilmente parecchie
centinaia, ma non molte di più. Erano essenzialmente, i Sandzak(i),
posizionati nella regione di Srebrenica… Alcuni Sandzaki… alcuni
mujahedin, sì.” Milosevic ha domandato cosa sapesse a proposito dei
mujahedeen “fondamentalisti”, i cosiddetti mujahedin o guerrieri della
jihad?” Morillon ha risposto che questi ultimi erano attivi soprattutto
nella regione di Vitez. C’era, per così dire una brigata.” Morillon
specificò: “Li ho visti in azione.” I mercenari sono coperti dal
protocollo 1977 della Convenzione di Ginevra, e non hanno diritto alla
classificazione di combattenti o di POWs (= prigionieri di guerra),
conformemente a tali protocolli stilati il 12 agosto 1949.
Milosevic ha dimostrato che nell’area di Zvornic erano operativi
diversi gruppi paramilitari musulmani, come ad esempio i Mosque Doves
(Dzamijski Golubovi) e i Kobras guidati da Sulejamn Terzic. Questi
gruppi paramilitari musulmani massacrarono i civili serbo-bosniaci
presenti nella Bosnia orientale, assassinando civili serbi anziani come
anche attaccando villaggi serbo-bosniaci.


Al Qaeda in Bosnia

Morillon ha citato il capo di accusa formulato dalla Corte Distrettuale
della Virginia orientale negli Stati Uniti contro Zacarias Moussaoui,
implicato nell’attacco terroristico dell’11 settembre: “Al Qaeda
funzionava con l’appoggio di vari gruppi della jihad in paesi diversi,
compresa la Bosnia.”

Il giudice Patrick Robinson non ha permesso permesso a Milosevic di
proseguire con argomenti di tale attinenza. Milosevic ha obiettato che
il capo d’accusa statunitense dimostrava che “in quel periodo Al Qaeda
era attiva in Bosnia-Herzegovina.” Al Qaeda intraprese una strategia
per commettere atti di terrorismo che oltrepassassero i confini
nazionali.” Prima dell’attacco a New York l’11 settembre 2001, la rete
terroristica di Al Qaeda era impegnata in una guerra terroristica in
Bosnia, conto i serbo-bosniaci. Effettivamente, uno dei dirottatori
dell’11 settembre aveva un passaporto bosniaco. Si presume che Osama
bin Laden abbia incontrato Alija Izetbegovic e che sia stato attivo in
Bosnia, assicurando le truppe di Al Qaeda all’esercito
musulmano-bosniaco. Qual era quindi il ruolo del governo statunitense
nel mettere insieme Osama bin Laden e Al Qaeda in Bosnia? Negli anni
Ottanta, Osama bin Laden era rifornito e addestrato dagli Stati Uniti
in qualità di alleato in l’Afghanistan contro l’URSS. I mujahedeen
creati dagli Stati Uniti vennero poi trasferiti in Bosnia per
combattere nell’esercito musulmano-bosniaco. Tutti sapevano della loro
presenza in Bosnia. Ma che ruolo giocarono gli USA nel portare gli
uomini di Osama bin Laden, i mujahedeen e Al Qaeda in Bosnia?


Srebrenica e Naser Oric

Nella sua testimonianza, Morillon ha confermato che l’enclave di
Srebrenica veniva utilizzata dall’armata bosniaco-musulmana come base
militare operativa sotto il comando di Naser Oric. Lo stesso Oric
contribuì alla crisi umanitaria gestendo azioni di guerriglia mediante
la strategia attacco-fuga, che avevano come obiettivo villaggi serbi.

Morillon ha spiegato: “Queste enclaves vennero parzialmente occupate da
forze musulmane sotto il comando di Naser Oric, che intraprese regolari
battaglie. Così, la possibilità di ottenere approvvigionamenti
alimentari, che si auspicava venisse sia da Belgrado che da Split via
Mostar furono notevolmente ostacolate, e i serbo-bosniaci ci dissero
che  ciò era dovuto ai combattimenti che ebbero luogo.”

Dermot Groome, pubblico ministero dell’ICTY, ha posto a Morillon una
domanda riguardo l’attacco di Kravica nella sera del Natale ortodosso:
“Generale, la sua asserzione descrive dettagliatamente gli attacchi di
Naser Oric, in particolare quello sferrato la sera del Natale
ortodosso.” Morillon replicò: “Le azioni alle quali lei fa riferimento
furono una delle ragioni del deterioramento della situazione nell’area,
in special modo durante il mese di gennaio. Naser Oric si impegnò in
attacchi durante le vacanze ortodosse, distruggendo i villaggi e
massacrandone gli abitanti. Ciò originò una tale ondata di violenza e
ad un livello di odio straordinario, inaudito nella regione, inducendo
così la regione di Bratunac in particolare – interamente a popolazione
serba – ad insorgere e ribellarsi alla sola idea che mediante gli aiuti
umanitari si potesse aiutare la popolazione ivi presente...”


Non ci si può preoccupare dei prigionieri

Secondo le Convenzioni di Ginevra, torturare e giustiziare un
prigioniero di guerra costituisce un crimine di guerra, tuttavia è quel
che Naser Oric fece precisamente nell’enclave di Srebrenica. Egli non è
stato accusato per questi crimini di guerra flagranti e per le evidenti
violazioni delle Convenzioni di Ginevra e dei Protocolli del 1997.
Perché Carla Del Ponte non ha imputato Oric per l’uccisione e la
tortura di prigionieri serbo-bosniaci? Come dimostra la testimonianza
di Morillon, Oric stesso ammise l’accaduto di fronte a Morillon, ed
esiste un’abbondante e schiacciante evidenza di prove a dimostrazione
di ciò.

Di cosa erano accusate le forze serbo-bosniache quando presero
Srebrenica nel 1995? La propaganda USA accusò i serbo-bosniaci di
giustiziare soldati musulmano-bosniaci. La propaganda USA e la
terminologia dell’informazione bellica facevano riferimento a “uomini e
ragazzi musulmani” al fine di praticare il lavaggio del cervello,
inducendo a pensare o a credere che si trattasse di civili musulmani
inermi, incapaci di reagire. Tutto ciò è stato uno stratagemma, un
inganno messo in atto dai propagandisti statunitensi per sottoporre a
lavaggio del cervello l’opinione pubblica.

In effetti, queste forze erano molto ben equipaggiate e armate. Erano
un esercito vero e proprio, il 28° Divisione Fanteria dell’esercito
bosniaco-mussulmano, dislocato a Srebrenica, rifornito, comandato e
occupato dal musulmano Tuzla. Così le forze serbo-bosniache furono
accusate di giustiziare prigionieri di guerra bosniaco-mussulmani. E’
un crimine di guerra? E’ possibile torturare, mutilare e giustiziare
prigionieri di guerra?
E’ possibile se si è alleati, clienti del governo USA e fiduciari dei
media a loro associati. Questo è quel che ha attuato sistematicamente
Naser Oric nel 1992 e nel 1993. Così in conclusione, i frammenti del
puzzle combaciano. Naser Oric non è stato imputato o accusato dalla Del
Ponte per crimini di guerra, per aver giustiziato prigionieri di guerra
serbo-bosniaci, perché questo capo d’accusa è stato riservato soltanto
alle forze serbo-bosniache. Tutto ciò avrebbe costituito il fondamento,
la base per l’imputazione di “genocidio”. Così tutto trova un  senso.

Ci si può domandare: ma nel 1992 e 1993 le forze di Naser Oric non
“massacrarono” le forze serbo-bosniache in maniera del tutto analoga?
Ma questo è il fatto che deve essere nascosto e messo a tacere,
soppresso da Carla Del Ponte e dall’ICTY. Questa è la ragione per cui
Naser Oric non è imputato di crimini di guerra in relazione alle
uccisioni di massa di prigionieri di guerra serbo-bosniaci. Se venisse
ammesso tale dato di fatto, cioè che Oric abbia commesso crimini di
guerra nel giustiziare prigionieri di guerra serbo-bosniaci, l’intero
costrutto propagandistico statunitense allora crollerebbe. E’ il motivo
per cui tale questione è cruciale nella comprensione del caso di
Srebrenica. Esistono in questo caso sottigliezze legali che mostrano
l’ICTY come un processo politico-show, avviato e diretto dalla NATO e
dagli USA.

Vi è poi l’altra questione riguardante la politica sistematica di Naser
Oric di bruciare i villaggi serbo-bosniaci e di ucciderne gli abitanti.
L’atto di accusa dell’ICTY implica che nessuno vivesse in quei
villaggi, così Oric è solamente accusato di averli distrutti e
bruciati. Ma che dire riguardo la politica sistematica di Oric di
assassinare tutti i civili serbi in quei villaggi? Oric non è imputato
per quei crimini. Perché? Questa premessa intende preservare e
sostenere l’immagine propagandistica veicolata dagli USA che vittimizza
la fazione bosniaco-musulmana.

Accettare una tesi differente vorrebbe dire ammettere che quella
bosniaca fu una guerra civile, nella quale tutte e tre la fazioni hanno
responsabilità. Per questo il processo Oric è limitato a un ristretto
numero di crimini pro-forma, nominali, di crimini contro la proprietà.

Il pubblico ministero dell’ICTY Groome ha interrogato Morillon circa il
trattamento dei prigionieri di guerra bosniaci: “…Posso chiederle, cosa
le disse il sig. Oric in riferimento alla sua condotta con i
prigionieri durante questo periodo di tempo?” Morillon ha risposto:

“Naser Oric era un capo militare, un signore della guerra che regnò
imponendo un regime di terrore sull’area da lui controllata e sulla
popolazione stessa. Penso che egli avesse compreso che queste erano le
regole di una guerra orribile, che non poteva dunque permettersi di
catturare prigionieri. Stando al mio ricordo, egli non cercò nemmeno
una scusa, un pretesto. Fu una semplice asserzione: non ci si può
preoccupare dei prigionieri...”

Rifiutarsi di catturare e giustiziare prigionieri di guerra costituisce
un crimine di guerra. L’8 giugno 1977 si afferma all’articolo 40 dei
protocolli della Convenzione di Ginevra del 12 agosto 1941: “E’
proibito ordinare che non vi debbano essere sopravvissuti.” Le medesime
proibizioni sussistono sia all’interno dei protocolli internazionali
che di quelli internazionali del 1977. Perché Carla Del Ponte non ha
processato Oric per questi crimini di guerra documentati ed evidenti…?

Morillon ha spiegato di come gli erano stati mostrati i corpi dei
serbo-bosniaci massacrati in Bosnia orientale:

“Non fui sorpreso quando i serbi mi condussero in un villaggio per
mostrarmi l’esumazione dei corpi degli abitanti che erano stati gettati
in una fossa comune in un villaggio vicino a Bratunac. E ciò mi ha
fatto comprendere il grado a cui questa situazione infernale di sangue
e vendetta – penso a Sudetic… (il riferimento è al giornalista
croato-americano Chuck Sudetic e al libro Blood and Vengeance (Sangue e
Vendetta), il quale descrive benissimo di questo concetto di  Sangue e
Vendetta, e il grado al quale questo portò la situazione, per questo io
personalmente temevo che il peggio sarebbe accaduto, se i serbi di
Bosnia fossero riusciti a fare irruzione nelle enclaves e a Srebrenica.”

Morillon si aspettava ritorsioni a Srebrenica: “Temevo che i serbi, i
serbi locali, i serbi di Bratunac, i miliziani, volessero vendicarsi
per tutto ciò che attribuivano a Naser Oric. Non era soltanto di Naser
Oric che volevano vendicarsi, volevano vendicare i loro morti del
Natale ortodosso. ”

Ci si deve domandare: “Perché il governo USA e i serbi giustificano le
uccisioni per vendetta in Kosovo e non a Srebrenica? Perché il
cosiddetto massacro del 1995 non è semplicemente una vendetta di
ritorsione? Certo, ma soltanto gli alleati degli USA possono
partecipare a “uccisioni per vendetta”. Giuridicamente l’omicidio è
omicidio. Non esiste qualcosa di simile all’“uccisione per vendetta”
così come la propaganda USA sostiene. In un modo o nell’altro, tutte le
uccisioni sono     “uccisioni per vendetta”. Questo dimostra tuttavia
come gli USA concepiscono l’omicidio in Kosovo contro i serbi del
Kosovo. Come dimostra il caso di Srebrenica, gli Stati Uniti applicano
questa concezione selettivamente. Che dire poi dell’attacco armato
croato responsabile della pulizia etnica di più di 250.000 serbi a
Knin, Pakrac e nell’area di Krajina, tutti territori sotto protezione
ONU? Centinaia se non migliaia di serbi di Krajina furono uccisi
nell’azione di pulizia etnica orchestrata dagli Usa, il più vasto atto
singolo di pulizia etnica verificatosi durante il conflitto iugoslavo.
Le truppe croate massacrarono non soltanto i civili serbi di Krajina,
ma anche peacekeepers (operatori di pace) dell’ONU. Dove sono
l’indignazione, la preoccupazione per questi massacri? Questi atti
perpetrati contro i serbi a Krajina furono ignorati e nascosti, coperti
dal governo USA e dai media, perché essi stessi hanno orchestrato,
diressero e controllarono i massacri contro i serbi in Krajina.

Morillon è arrivato alla conclusione che la caduta di Srebrenica del
1995 fu dovuta ai massacri commessi dalle forze di Naser Oric nel 1992
e nel 1993.

Il magistrato Patrick Robinson ha domandato a Morillon: “Sta dunque
affermando, generale, che ciò che accadde nel 1995 fu una reazione
diretta a ciò che Naser Oric fece ai serbi due anni prima?”

Morillon replicò: “Sì. Sì, vostro Onore. Sono convinto di ciò.”

Morillon era convinto che la crisi di Srebrenica fosse manipolata dagli
USA e dai leaders bosniaco-musulmani per conseguire altri obiettivi
politici e propagandistici. Milosevic ha citato un’affermazione di
Morillon: “Ero convinto che la popolazione di Srebrenica fosse vittima
di un interesse più elevato … questo interesse superiore era
localizzato a Sarajevo e a New York.” Morillon ha parlato di come
Mladic fosse stato indotto con un inganno ad attaccare Srebrenica. Oric
era già stato fatto sgombrare con un elicottero a Tuzla. La leadership
politica e militare bosniaco-musulmana aveva già abbandonato Srebrenica
dopo aver provocato l’attacco serbo-bosniaco.

Come ha spiegato Morillon il presunto massacro del 1995?  Quando la
questione è stata posta a Morillon, egli aveva risposto: “…Odio
accumulato. Le teste cadevano. Vi erano terribili massacri commessi
dalle forze di Naser Oric in tutti i villaggi circostanti. E, nel
momento in cui intervenni, quando mi recai a Bratunac, sentivo tutto
ciò...”

Milosevic ha riferito di come le forze bosniaco-musulmane fecero fuoco
con l’artiglieria verso la  Serbia, minacciando la rete idroelettrica
di Bajina Basta in Serbia. Questa fu la ragione per cui le forze
militari iugoslave aprirono il fuoco contro le postazioni
bosniaco-musulmane.

Morillon ha chiarito i complotti e le strategie propagandistiche in cui
i leaders bosniaco-musulmani  erano impegnati. Il comandante di
Srebrenica riceveva ordini da Sarajevo e non permettevano di fare
irruzione in Srebrenica.
Milosevic gli ha domandato: “Così era tutto manovrato da Sarajevo? …
Erano manipolati e diretti come su un palcoscenico teatrale.” La
dichiarazione di Morillon  è stata letta da Milosevic: “…Il fatto che
mi trattenessero come prigioniero a Srebrenica fu orchestrato da
Sarajevo.”
Le autorità di Izetbegovic si opponevano all’evacuazione umanitaria di
civili da Srebrenica, “dalle 2000 alle 3000 donne…”, perché intendevano
usarli come scudi umani e creare una crisi umanitaria in modo da
provocare  l’intervento militare USA. Milosevic ha citato Lord David
Owen, il quale difendeva la tesi secondo la quale Izetbegovic aveva
impedito lo sfollamento di civili da Sarajevo come mossa
propagandistica, per raccogliere la comprensione, la simpatia del mondo
.

…Quindi, sia a Sarajevo che a Srebrenica, Izetbegovic era determinato
ad impiegare civili bosniaco-musulmani con intenti propagandistici,
sacrificandoli a proprio vantaggio, “mettendo a segno” punti a livello
propagandistico.
L’Amicus Curiae, Branislav Tapuskovic, ha interrogato a Morillon circa
le sue riunioni con Naser Oric, comandante militare bosniaco-musulmano
a Srebrenica. Morillon ha affermato di avere incontrato Oric a Konjevic
Polje e a Srebrenica.

Morillon ha affermato : “…Ogni notte, Naser Oric effettuava incursioni,
scorrerie fuori città a danno dei serbo-bosniaci.”

Quando  il generale Morillon gli si oppose, Oric gli disse che quello
era l’unico modo che aveva per procurarsi armi e munizioni. Ammise di
avere ucciso serbo-bosniaci ogni notte.

Morillon ha ripetuto l’ammissione di responsabilità resagli da Oric,
secondo la quale quest’ultimo non catturò mai prigionieri di guerra
serbo-bosniaci: “Oric disse che queste erano le regole del gioco, e che
in questa tipologia di guerra partigiana, lui non poteva fare
prigionieri…” Morillon ha confermato che Naser Oric riceveva direttive
e istruzioni da Alija Izetbegovic a Sarajevo: “Il regno di Naser Oric
implicava una conoscenza approfondita dell’area controllata dalle sue
forze. Mi sembrò che stesse rispettando istruzioni politiche
provenienti dalla presidenza a Sarajevo...”


La Convenzione di Ginevra e il trattamento dei prigionieri di guerra

La Convenzione del 12 agosto 1949 stabilì le linee guida per il
trattamento dei prigionieri di guerra. Tali linee guida legali
internazionali per il trattamento dei prigionieri di guerra emersero
nella scia della seconda guerra mondiale. Il trattamento dei
prigionieri di guerra era stato al centro di trattative, negoziati e
convenzioni internazionali intrapresi alla metà del XIX secolo. Nel
1864 apparve un tentativo di codificazione delle “leggi di guerra”,
quando 12 nazioni approvarono, sanzionarono la prima Convenzione di
Ginevra per il miglioramento della condizione dei feriti in tempo di
guerra. Un trattato successivo fu ratificato da 54 stati. Esso venne
rimpiazzato dalla Convenzione di Ginevra del 1906 e dalla successiva
Convenzione di Ginevra del 1929. Tali trattati si occupavano di: 1)
protezione degli ospedali, dello staff medico e delle attrezzature
mediche; 2) protezione dei civili; e, 3) il diritto al rispetto. Il
primo tentativo di regolare il trattamento  internazionale dei
prigionieri di guerra si è verificato a Bruxelles nel 1874, ed ha avuto
come conseguenza la Dichiarazione di Bruxelles. La Conferenza di pace
dell’Aia del 1899 votò favorevolmente la Convenzione di Ginevra del
1864. Tali linee guida furono ulteriormente codificate nel 1907
all’interno dei Regolamenti dell’Aia. Il 12 agosto 1949, le Convenzioni
di Ginevra definirono il trattamento dei prigionieri di guerra nel
diritto internazionale. L’8 giugno 1977 furono promulgati i Protocolli
alle Convenzioni di Ginevra, i quali aggiungevano maggiori protezioni
riguardo i prigionieri di guerra e i civili.

Le forze di Naser Oric commisero sul territorio della ex-Yugoslavia
serie infrazioni delle Convenzioni di Ginevra, oltre ad altre
violazioni delle legislature umanitarie internazionali. L’articolo 3
delle Convenzioni di Ginevra concerne le guerre civili. Vi si enuncia
l’obbligo di trattare i prigionieri di guerra in maniera umana,
l’omicidio, la mutilazione, la tortura e il trattamento crudele sono
proscritti, banditi. I prigionieri di guerra non possono essere
giustiziati a meno che non vi sia un pubblico processo, un debito
processo, e il diritto di ricorrere in appello. Mentre la vendetta e la
ritorsione non sono permesse, le “rappresaglie di guerra”, sono
tuttavia riconosciute nei confronti dei combattenti. Un rappresaglia è
“un atto altrimenti illegale cui si ricorre dopo che la controparte si
è essa stessa concessa il diritto di compiere atti illegali.” Le
ritorsioni sono ammesse in misura proporzionale all’ingiustizia subita.
Non è ciò che le forze serbo-bosniache hanno intrapreso durante la
presa di Srebrenica del 1995, cioè ritorsioni contro le forze di Naser
Oric?


Conclusione

La testimonianza di Philippe Morillon al processo Milosevic dell’Aia ha
dimostrato come le truppe di Naser Oric abbiano torturato, mutilato e
giustiziato soldati e civili serbo-bosniaci. Questi furono crimini di
guerra flagranti e violazioni delle Convenzioni di Ginevra per le quali
né Naser Oric, né Alija Izetbegovic, né Sefer Halilovic sono stati
imputati da Carla Del Ponte. Morillon ha rivelato che la caduta di
Srebrenica del 1995 fu la “reazione diretta” ai massacri e agli omicidi
di massa che Oric aveva commesso contro i serbo-bosniaci nella sacca di
Srebrenica. La propaganda USA  sostiene che “7000 uomini e ragazzi
mussulmani” furono “trucidati” a Srebrenica, ma essa non è basata su
prove e testimonianze effettive. Si tratta di un’accusa ancora da
provarsi, di un’incriminazione del governo USA che intende addossare la
responsabilità della guerra civile bosniaca alla fazione
serbo-bosniaca, quando invece la guerra fu di fatto fomentata dal
governo USA. Un testimone d’accusa che ha testimoniato mercoledì 11
febbraio 2004: un soldato serbo-bosniaco che partecipò alla presa di
Srebrenica, ha dimostrato che molte delle perdite umane
bosniaco-musulmane furono subite, sofferte quando elementi della 28
divisione fanteria hanno tentato di rompere l’accerchiamento serbo-
bosniaco. La 28 divisione stava cercando di ritirarsi a Tuzla,
controllata dai musulmani. Molte truppe bosniaco-musulmane rimasero
uccise durante questo tentativo fuga di massa. Ma comunque molte di
queste truppe bosniaco-musulmane riuscirono a ritirarsi a Tuzla. Il
governo USA e la propaganda mediatica insinuano che le forze
serbo-bosniache abbiano giustiziato civili inermi e indifesi. Ma ciò è
palesemente falso. Come hanno dimostrato chiaramente la fotografie, le
forze di Oric indossavano uniformi militari di fatica, insegne e
distintivi militari ed erano in possesso di AK-47, artiglieria,
lancia-granata, missili anti-carro armato, carri armati e elicotteri.
Non si trattava di civili, ma di combattenti armati, soldati, assassini
che avevano massacrato civili serbi e bruciato interi villaggi. I
bosniaco-musulmani avevano loro formazioni militari a Srebrenica. La
caduta di Srebrenica del 1995 fu un disastro militare per le forze
dell’esercito bosniaco-musulmano guidate da Naser Oric, ma non fu un
“massacro” di civili.

Quel che è trapelato dalla deposizione di Morillon è che i
bosniaco-musulmani e i croati si impegnarono in “omicidi di massa” di
serbi, anche prima dello scoppio del conflitto. Le prime vittime della
guerra civile bosniaca furono civili serbi. Oltre a ciò, Morillon ha
rivelato che Izertbegovic ha tentato di impiegare i civili musulmani
come scudi a Sarajevo e a Srebrenica per raccogliereconsensi e per fare
proseliti. Morillon ha dimostrato che il vero assedio di Sarajevo
iniziò quando i musulmani circondarono e attaccarono il JNA, uccidendo
i soldati JNA nel momento in cui si stavano ritirando. La fazione
bosniaco-musulmana ha violato gli accordi attaccando le truppe. Un tale
omicidio premeditato e dissoluto, arbitrario, poteva provocare soltanto
una risposta equivalente. Ma è chiaramente stata la fazione
bosniaco-musulmana a provocare la violenza.

Le “fosse comuni” bosniaco-musulmane non sono state trovate per
convalidare, addurre fatti a prova delle imputazioni/incriminazioni.
Nell’area di Srebrenica c’erano molte fosse comuni. Le forze di Naser
Oric avevano assassinato centinaia se non migliaia di civili
serbo-bosniaci nell’area di Srebrenica. Almeno 50 villaggi
serbo-bosniaci in Bosnia orientale sono stati bruciati e rasi al suolo
dalle forze di Oric. La testimonianza di Morillon ha dimostrato che la
caduta di Srebrenica del 1995 fu la “reazione diretta” agli eccidi
perpetrati da Naser Oric nel 1992 e nel 1993.

Da www.serbianna.com

Traduzione a cura di E. Vigna
(Associazione SOS Yugoslavia)


=== 3 ===

Subject:    [TV-STOP] Le témoignage Morillon sur Srebrenica au TPI

From:    "TV-STOP" <tv-stop @bluewin.ch>


Si les médias francophones ont tronqué ou déformé le témoignage du
général Morillon au procès Milosevic, la BBC en donne un compte rendu
objectif, citant notamment les échanges-clefs entre l'accusé et le
témoin.
Il en ressort deux points cruciaux:

1. Que si Morillon avait "prévu" la tragédie de Srebrenica, c'est parce
qu' "il craignait que les attaques des forces musulmanes [basées à
Srebrenica] prenant pour cibles des civils serbes avaient fait enrager
les Serbes de Bosnie et entraîneraient des représailles féroces contre
la ville".
Autrement dit, que la tragédie avait été provoquée par des crimes
antérieurs, connus des forces de l'ONU, sur lesquels pourtant le TPI
n'a pas entamé d'enquête.

2. Que Morillon tenait Milosevic pour "la seule personne pouvant
l'aider" à prévenir ou atténuer la tragédie. Témoin cet échange :
Milosevic : "L'influence que je pouvais avoir - et qui était politique
-, je l'ai utilisée pour arrêter le bain de sang là-bas... et tout a
été arrêté, n'est-ce pas?"
Morillon : "Exactement."

Avec ce nouveau "témoin à charge", et de poids, qui  à la différence de
Wesley Clark a parlé ouvertement, sans demander le huis-clos ni la
censure de ses propos, l'accusation du TPI vient de s'ôter un argument
de plus contre l'ex-président de Serbie. La défense, assurée par
lui-même, débute aujourd'hui 19 février. L'inconsistance de
l'accusation et le parti pris évident du TPI n'empêcheront probablement
pas une condamnation sans doute déjà arrêtée... ne serait-ce que parce
qu'un acquittement était exclu d'emblée par les médias occidentaux.

[TV-STOP]





www.resistenze.org - popoli resistenti - bosnia - 07-05-04
Da www.balkanpeace

traduz. a cura di E. Vigna ( Associazione SOS Yugoslavia)


Documentazione su Srebrenica


Quel che segue è l’analisi di un italiano che fu realmente sul terreno
bosniaco durante la guerra, ed in particolare nel corso della caduta di
Srebrenica.
Si può essere d’accordo oppure no con l’analisi politica, ma si
dovrebbe davvero leggere il resoconto di come Srebrenica cadde, su chi
sono le vittime i cui corpi sono stati sino a questo punto ritrovati, e
la ragione per cui l’autore crede che i serbi volessero sopraffare e
conquistare Srebrenica, mettendone in fuga i musulmani bosniaci,
piuttosto che avere nei loro confronti qualunque proponimento di
commettere una carneficina. E’ anche piuttosto istruttivo il confronto
Srebrenica e Krajina, così come la relazione mediatica che con esso ha
attinenza diffusasi tra la “stampa libera” in Occidente.
Vi sono scarsi dubbi sul fatto che almeno 2000 musulmani bosniaci
perirono nel  combattere l’esercito serbo bosniaco. Permane tuttavia la
domanda, QUANDO si verificò la maggioranza di tali perdite? Stando
all’analisi sottostante, ciò avvenne prima della caduta definitiva di
Srebrenica; dove i musulmani opposero pochissima resistenza nell’estate
del 1995.

Carlos Martins Branco


Vorrei esprimere le mie opinioni riguardo gli eventi di Srebrenica.
Invio qui un articolo che ho scritto tempo fa , che rispecchia un modo
di accostarsi alla questione molto diverso da quello trasmesso dai
media occidentali, e dalla CNN in particolare. Ero UNMOs Deputy Chief
Operations Officers del UNPF (a livello di luogo in cui si svolgono le
azioni) e le mie informazioni si fondano sui rapporti successivi alle
operazioni militari dell’UNMOs che in quei giorni venivano spediti a
Srebrenica per posta, e su alcuni verbali dell’ONU non resi noti
all’opinione pubblica. Le mie fonti non sono Ruder & Finn Global Public
Affairs, che non include il mio nome nel suo database. Non voglio
dibattere di numeri e questioni simili. Tali argomenti non mi
interessano in alcun modo. Non vi sono informazioni attendibili, e le
cifre sono state usate e manipolate a fini propagandistici, non sono
orientati ad una seria comprensione del conflitto iugoslavo.
L’articolo si fonda su informazioni VERE e include la mia analisi degli
eventi. La storia è più lunga di quella dell’articolo, ho tuttavia
tentato di essere il più conciso possibile. Spero contribuisca a fare
ulteriore chiarezza su ciò che realmente accadde a Srebrenica e quel
che si celava al di sotto degli eventi, specialmente per quel che
riguarda l’atteggiamento dei mussulmani bosniaci. Credo fermamente che
Srebrenica possa costituire una sorta di modello, di esempio di
condotta bellica delle due fazioni che si combattono nel conflitto: da
una parte i musulmani bosniaci che provocano i serbi, tentando in tutti
i modi di convincere la comunità internazionale ad intervenire con la
forza contro i serbi in modo da risolvere la questione militare;
dall’altro lato la mancanza di intelligence all’interno della
leadership serba, che fornisce così ai musulmani le giustificazioni ed
i motivi che cercavano. So bene che ad alcuni di voi non piaceranno i
contenuti dell’articolo. Mi dispiace per loro.

L’accaduto di Srebrenica è stato un inganno?

Sono passati anni da quando l’enclave musulmana Srebrenica, è caduta
nelle mani dell’esercito serbo in Bosnia. Molto è stato scritto su tale
questione controversa. Nondimeno, la maggioranza dei resoconti si è
limitata ad una generica esposizione mediatica dell’accaduto,
apportandovi uno scarso rigore analitico. Un dibattito su Srebrenica
non può limitarsi al genocidio e alle fosse comuni, che costituiscono
un’evenienza quasi banale da un capo all’altro dell’ex-Jugoslavia.
Un’analisi rigorosa degli eventi deve prendere in considerazione il
retroterra culturale, le circostanze che hanno fatto da sfondo, così da
comprendere le reali motivazioni che hanno condotto alla caduta
dell’enclave.

La zona di Srebrenica, come quasi tutta la Bosnia orientale, è
caratterizzata da un terreno molto accidentato ed aspro. Scoscese
vallate con fitte foreste e profondi precipizi rendono impossibile il
passaggio ai mezzi di trasporto da guerra, avvantaggiando decisamente
le forze difensive. Date le risorse alla portata di  entrambe le parti
e le caratteristiche del terreno, parve verosimile che l’esercito
bosniaco (ABiH) avesse la forza necessaria per attuare una strategia
difensiva, se si fosse fatto pieno ricorso al vantaggio offerto dalla
configurazione del territorio. Tuttavia, ciò non accadde.

  Stabilito il vantaggio militare delle forze difensive, risulta molto
difficile spiegare l’assenza di una resistenza militare. Le forze
musulmane non instaurarono un sistema di difesa effettivo, e non
tentarono nemmeno di trarre vantaggio della loro artiglieria pesante,
sotto controllo delle forze delle Nazioni Unite (ONU), in un momento in
cui avrebbero avuto ogni ragione per fare ciò.
La mancanza di una risposta militare si colloca in netto contrasto con
l’assetto offensivo che caratterizzò le azioni delle forze di difesa
durante le precedenti situazioni di assedio, connotate dai tipici
“raids” violenti sferrati contro i villaggi serbi circostanti
l’enclave, causando in tal modo perdite gravose fra la popolazione
civile serba.

Ma in questo caso, con l’attenzione dei media che convergeva sull’area,
la difesa militare dell’enclave avrebbe svelato l’autentica situazione
delle zone di sicurezza, provando così che queste ultime non erano mai
state autenticamente demilitarizzate com’era stato rivendicato e come
si sosteneva, ma che al contrario davano protezione e nascondiglio ad
unità altamente militarizzate. Una resistenza militare avrebbe messo a
repentaglio l’immagine di “vittima” così accuratamente costruita, il
cui mantenimento i musulmani consideravano di capitale importanza.

Dall’inizio alla fine dell’intera operazione fu chiaro che esistevano
disaccordi radicali fra i leaders dell’enclave. Da un punto di vista
strettamente militare regnava il caos totale. ORIC, il carismatico
comandante di Srebrenica, era assente.

Il governo di Sarajevo non ne autorizzò il ritorno, così da poter
guidare la resistenza. Il potere militare cadde fra le mani dei suoi
luogotenenti, i quali avevano una lunga storia di incompatibilità. La
mancanza di una chiara leadership da parte di Oric condusse ad una
situazione di totale inettitudine. Gli ordini contraddittori dei suoi
successori paralizzarono completamente le forze sotto assedio.

Anche la condotta dei leaders politici risulta interessante. Il
presidente locale SDP, Zlatko Dukic, in un’intervista con gli
osservatori dell’Unione Europea, spiegò che Srebrenica era parte di una
transazione d’affari, di un negoziato che coinvolgeva una via di
supporto logistico verso Sarajevo, passante attraverso VOGOSCA. Affermò
anche che la caduta dell’enclave faceva parte di un’operazione militare
orchestrata per screditare l’Occidente e persuadere i paesi islamici,
al fine di ottenerne l’appoggio. Questa era dunque la motivazione per
cui ORIC si era tenuto a distanza dalle sue truppe. Tale tesi fu anche
sostenuta dai sostenitori locali del DAS. Correvano anche molte voci di
rapporti commerciali all’interno della popolazione locale dell’enclave.

Un altro aspetto curioso fu l’assenza di una reazione militare da parte
del 2° Corpo dell’esercito musulmano, che non fece nulla per attenuare
la pressione militare sull’enclave. Era risaputo che l’unità serba
nella regione, i “Drina Corps” fosse esausta, e che l’attacco a
Srebrenica sarebbe stato possibile soltanto mediante l’aiuto di unità
provenienti da altre regioni.
  Ciononostante, Sarajevo non mosse un dito per sferrare un attacco che
avrebbe diviso le forze serbe ed esposto i punti vulnerabili creati
dalla concentrazione delle risorse attorno a Srebrenica. Un tale
attacco avrebbe ridotto la pressione militare gravante sull’enclave.

E’ anche importante notare il patetico appello del presidente di
Opstina, Osman Suljic, il 9 luglio, che implorava gli osservatori
militari di dire al mondo che i serbi stavano impiegando armi chimiche.
Il medesimo gentiluomo accusava più tardi i media di trasmettere false
notizie riguardo la resistenza delle truppe nell’enclave, richiedendo
un diniego da parte dell’ONU. Secondo Suljic, le truppe mussulmane non
rispondevano e non avrebbero mai risposto con l’artiglieria pesante.
  Allo stesso tempo, egli lamentava la mancanza di derrate alimentari e
sottolineava la situazione dal punto di vista umanitario. Stranamente,
agli osservatori non fu mai permesso di ispezionare i depositi di
stoccaggio cibo. L’enfasi mostrata dai leaders politici sulla mancanza
di risposta militare e sull’assenza di provviste alimentari suggerisce
vagamente una politica ufficiale che iniziava a delinearsi, a
distinguersi.

Alla metà del 1995, il protrarsi della guerra aveva scoraggiato
l’interesse pubblico. Vi era stata una sostanziale riduzione nella
pressione dell’opinione pubblica delle democrazie occidentali. Un
incidente di tale rilievo avrebbe nondimeno fornito per settimane nuovo
materiale scottante per i media, risvegliando l’opinione pubblica ed
incitando nuove passioni. Sarebbe così stato possibile prendere due
piccioni con una fava: si sarebbe potuta rivelare la pressione in modo
da togliere l’embargo, ed allo stesso tempo sarebbe stato difficile per
i paesi occupanti ritirare le loro forze, un’ipotesi quest’ultima
avanzata dai vertici dell’ONU, e cioè da personalità come Akashi e
Boutros-Boutros Ghali.

Nei musulmani albergava da sempre una segreta speranza riguardo il
sollevamento dall’embargo. Ciò era divenuto l’obiettivo principale del
governo di Sarajevo, alimentato dal voto al Senato e Congresso USA a
favore di tale misura. Tuttavia, il presidente Clinton pose il veto
alla decisione e richiese una maggioranza dei due terzi in entrambe le
Camere.

Il collasso delle enclaves costituì la pressione decisiva di cui la
campagna necessitava. A seguito di tale caduta, il Senato statunitense
votò con un maggioranza di oltre due terzi a favore dell’eliminazione
dell’embargo. Era chiaro, inevitabile, che prima o poi le enclaves
sarebbero cadute sotto il controllo serbo. Vi era consenso fra i
negoziatori (l’amministrazione USA, l’ONU e i governi europei) sul
fatto che fosse impossibile mantenere le tre enclaves mussulmane, e che
queste ultime si sarebbero dovute cedere in cambio di territori della
Bosnia centrale. In molteplici occasioni, fu Madeleine Albright a
proporre a Izetbegovic tale scambio, basato sulla proposta del gruppo
di contatto. All’inizio del 1993, primo momento di crisi dell’enclave,
Karadzic aveva proposto ad Izetbegovic di scambiare Srebrenica con le
zone periferiche attorno a Vogosca. Tale scambio includeva il movimento
di popolazioni in entrambe le direzioni. Questo era l’obiettivo cui
miravano i negoziati segreti, per evitare pubblicità indesiderata. Ciò
implicava che i paesi occidentali accettassero ed incoraggiassero la
separazione etnica.

La verità è che sia gli americani che il presidente Izetbegovic erano
tacitamente convenuti alla decisione che non aveva senso insistere con
la permanenza di tali enclaves isolate in una Bosnia divisa. Nel 1995
nessuno credeva più nell’inevitabilità di una divisione etnica del
territorio. Nel mese di giugno 1995, prima dell’operazione militare in
Srebrenica, Alexander Vershbow, assistente speciale del presidente
Clinton, dichiarava che “l’America dovrebbe incoraggiare i bosniaci a
pensare in termini di territori con maggiore coerenza e compattezza
territoriale.” In altre parole ciò stava a significare che si sarebbero
dovute dimenticare le enclaves. L’attacco a Srebrenica, attuato senza
aiuto da parte di Belgrado, fu del tutto inutile, e ha esemplificato al
massimo grado il fallimento politico della leadership serba.

Nel mentre, i media occidentali esacerbavano la situazione trasformando
le enclaves in una potente icona ad uso e consumo dei media; situazione
che Izetbegovic avrebbe presto esaminato attentamente.

La CNN trasmetteva quotidianamente le immagini di fosse comuni per
migliaia di corpi, ottenute da satelliti spia. Nonostante la precisione
microscopica nella localizzazione di tali fosse, risulta certo che
nessuna scoperta ha sinora confermato tali sospetti. Poiché non
sussistono più restrizioni di movimento, è inevitabile che si facciano
congetture, che si mediti sul perché esse non siano state ancora
mostrate al mondo.

Se vi fosse stato un piano premeditato di genocidio, invece di
attaccare in un’unica direzione, da sud verso nord – che lasciava adito
all’ipotesi di fuga verso nord e ovest, i serbi si sarebbero insediati
in maniera tale da impedire a chiunque di sfuggire loro. I posti di
osservazione dell’ONU a nord dell’enclave non furono mai disturbati e
protrassero la loro attività anche al termine delle operazioni militari.

Esistono ovviamente fosse comuni alla periferia di Srebrenica, come nel
resto della ex-Yugoslavia, laddove hanno avuto luogo i combattimenti,
ma non sussistono argomenti ragionevoli per la campagna che è stata
montata, e nemmeno per i numeri avanzati dalla CNN.
Le fosse comuni sono riempite da un numero limitato di corpi da
entrambe le parti, conseguenza di battaglie e combattimenti animati, ma
non risultato di un piano premeditato di genocidio, come si è invece
verificato per le popolazioni serbe di Krajina nell’estate del 1995,
quando l’esercito croato portò a termine uno sterminio di massa di
tutti i serbi che là si trovavano.

In questo caso, i media serbarono un silenzio assoluto, nonostante il
fatto che il genocidio si fosse protratto lungo un periodo di tre mesi.
L’obiettivo di Srebrenica era la pulizia etnica e non il genocidio, a
differenza di ciò che accadde in Krajina, dove benché non vi fosse
stata azione militare, l’esercito croato decimò i villaggi.
Nonostante si sapesse che le enclaves erano già una causa persa,
Sarajevo insistette nel trarre dividendi politici dal fatto. La
ricettività che era stata creata negli occhi dell’opinione pubblica
rendeva più semplice vendere la tesi del genocidio.

Quel che rivestì ancora una maggiore importanza della tesi del
genocidio e dell’isolamento politico dei serbi fu il ricatto teso
all’ONU: o quest’ultimo avrebbe unito le forze del proprio contingente
a quelle del governo di Sarajevo nell’economia del conflitto (quel che
in seguito si verificò) oppure l’organismo ONU sarebbe stato
completamente screditato agli occhi dell’opinione pubblica, inducendola
successivamente ad appoggiare la Bosnia.

Srebrenica fu il colmo che indusse i governi occidentali a cercare e
raggiungere un accordo per la necessità di porre fine alla loro
condizione di neutralità ed intraprendere un’azione militare
schierandosi con una delle due parti in conflitto. Fu la goccia che
fece traboccare il vaso, ciò che unì l’Occidente nel suo desiderio di
rompere “la bestialità serba”. Sarajevo era conscia di mancare della
capacità militare necessaria a distruggere i serbi. Era necessario
creare le condizioni attraverso le quali la comunità internazionale
avrebbe agito per essa. Srebrenica assunse un ruolo vitale in tale
processo.

Srebrenica rappresenta un atto all’interno di una serie attuata dai
leaders serbi, che intendevano provocare l’ONU, dimostrando in questo
modo la loro impotenza. Fu un errore strategico che sarebbe costato
loro caro. Fra i due contendenti, colui che traeva tutto il suo
guadagno dal dimostrare l’impotenza delle Nazioni Unite era la
leadership di Sarajevo e non quella di Pale. Nel 1995 era chiaro che il
mutamento dello status quo richiedesse un intervento potente in grado
di rovesciare il potere militare serbo.

Srebrenica fu uno di tali pretesti, conseguenza della ristrettezza di
vedute dei leaders serbi bosniaci.
Guidate con sapienza, le forze assediate avrebbero potuto difendere
l’enclave con facilità, almeno per molto tempo ancora. Si rivelò
conveniente lasciare che l’enclave cadesse in tal modo.

Poiché l’enclave era condannata a cadere, si preferì lasciare che ciò
accadesse nella maniera più vantaggiosa. Ma ciò sarebbe stato fattibile
soltanto se Sarajevo avesse avuto iniziativa politica e libertà di
movimento, eventualità che non si sarebbe mai verificata attorno al
tavolo dei negoziati. La caduta deliberata dell’enclave potrebbe
apparire come un terribile atto di orchestrazione machiavellica, ma la
realtà è che il governo di Sarajevo aveva molto da guadagnare, come fu
dimostrato. Srebrenica non fu un intrigo, un disegno senza conseguenze.
I serbi ottennero una vittoria militare che ebbe però effetti
collaterali altamente negativi sul piano politico, che portarono al
loro definitivo ostracismo.

Potremmo aggiungere una singolare nota conclusiva. Non appena le
postazioni degli osservatori Onu furono attaccate e si rivelarono
impossibili da mantenere, le forze si ritirarono. Le barricate
innalzate dall’esercito musulmano non fecero passare le truppe. Queste
ultime non furono trattate come soldati in fuga dal fronte, ma
piuttosto con una sordida differenziazione.

Non soltanto i musulmani si rifiutarono di combattere per difendere
loro stessi, essi obbligarono altri a combattere in loro nome. In un
caso, il comandante di un veicolo olandese decise, dopo alcune
conversazioni con l’ABiH, di oltrepassare la barriera. Un soldato
musulmano lanciò una granata da mano i cui frammenti lo ferirono a
morte. L’unico soldato ONU che morì nell’offensiva di Srebrenica fu
ucciso dai musulmani.


Carlos Martins Branco European University Institute

Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali Badia Fiesolana, Italia






JUGOINFO, January 6, 2004

BAJRO MAHMUTOVIC, MARTIRE DI SREBRENICA ?

Bajro Mahmutovic aveva cambiato domicilio e si era trasferito a Novi
Sad, in Serbia, ancora prima che scoppiasse la guerra in Bosnia. A
causa di problemi con la giustizia, per ruberie varie ed imbrogli,
viene condannato dalla Corte di Novi Sad a 17 mesi da scontare nella
prigione di Sremska Mitrovica. Per buona condotta viene poi transferito
dalla prigione vera e propria in una casa di detenzione meno severa. In
effetti, Bajro preferisce prendersi una vacanza e non ritornarci piu'.
Ora e' ricercato, per la pena non scontata, in Serbia, dove, di fatto,
ha vissuto per tutti questi anni.
Ma intanto in Bosnia il padre di Bajro, senza risorse ad Abdulic
(vicino a Bratunac), percepisce una pensione  per il figlio martire di
Srebrenica...

Fonte: http://www.politika.co.yu/2003/1229/01_28.htm
(A cura di Olga)


http://www.politika.co.yu/2003/1229/01_28.htm

SLUČAJ IZ SREMSKOMITROVAČKE KAZNIONICE

Bajro se nije vratio

Tek po bekstvu iz sremskomitrovačkog zatvora saznalo se da se Bajro
Mahmutović vodio kao nestala osoba u Bosni i Hercegovini

Sremska Mitrovica, 28. decembra

Osuđenik u Kaznenom zavodu u Sremskoj Mitrovici Bajro  Mahmutović dobio
je krajem prošlog meseca četvorodnevno nagradno  odsustvo zbog dobrog
vladanja na izdržavanju zatvorske kazne od 17  meseci. Otišao je na
odsustvo, ali se još nije vratio. Za tri nedelje  čekanja da se Bajro
vrati, nadležni su o njemu saznali neke pojedinosti  koje dodatno
obeshrabruju nadu u njegov povratak na izdržavanje kazne.

Pokazalo se, naime, da je Bajro Mahmutović mnogo ranije nestao  iz
života! Za bosanskohercegovačke vlasti Bajro je nestao u građanskom 
ratu, u sukobima oko Srebrenice, a njegov otac u susednoj državi prima 
novčani dodatak po osnovi gubitka sina hranioca. Bajro se, međutim, 
odjavio iz Abdulića kod Bratunca još pre rata i nastanio se u Novom 
Sadu, što samo još više zapliće ovu priču.

Bajro Mahmutović počinio je neke prevare i tešku krađu u  produženju,
zbog čega je u Opštinskom sudu u Novom Sadu osuđen na  17 meseci
zatvora. Na izdržavanje kazne u Sremskoj Mitrovici javio se  sam, a
korektno je i nastavio sa izdržavanjem kazne. Zbog primernog  ponašanja
premešten je iz zatvorenog u poluotvoreno odeljenje  Kaznenog zavoda, a
dobio je i druge nagrade, pa čak i novčanu za rad u  drugom tromesečju
ove godine.

Sada ga traže u dve države. U SCG je tražen da izdrži kaznu, a u  Bosni
i Hercegovini ga traže da provere sumnje u moguće lažno  prijavljivanje
nestanka u ratu radi sticanja uslova za novčanu pomoć.

D. Dragičević






Sulle stragi di Bratunac e dintorni e la personalità di Nasir Oric

Soltanto nella giornata ortodossa di S. Pietro, il 12 luglio 1992, l' armata della BiH (di Izetbegović) con a capo Naser Orić ha ammazzato 69 civili, mentre a Bratunac, Srebrenica e dintorni fino al 1995, sono stati uccisi più di 3000 serbi...


* 2015:

Il criminale di guerra Naser Oric, arrestato in Svizzera, è stato consegnato alla Bosnia-Erzegovina anziché alla Serbia che ne aveva chiesto l'estradizione – per cui evidentemente neanche stavolta dovrà rispondere delle accuse riguardanti i massacri dei serbi nella zona attorno a Srebrenica...

SREBRENICA : VERS UNE ANNULATION DES CÉRÉMONIES DU VINGTIÈME ANNIVERSAIRE ?
Courrier des Balkans | De notre correspondant à Sarajevo | mercredi 24 juin 2015
Les commémorations du 11 juillet prochain au mémorial de Potočari pourraient être annulées, en raison de l’arrestation de l’ancien commandant de la défense de Srebrenica. Naser Orić a été interpelé en Suisse le 10 juin, et la Serbie réclame son extradition...


A RISCHIO LO SVOLGIMENTO DEL VENTENNALE DI SREBRENICA
di Andrea Oskari Rossini, 23 giugno 2015
Se le autorità elvetiche non rimetteranno in libertà Naser Orić, il comandante della difesa di Srebrenica arrestato il 10 giugno in Svizzera su richiesta della Serbia, la commemorazione del ventennale del genocidio sarà cancellata. Lo ha dichiarato poche ore fa ai media di Sarajevo Hatidža Mehmedović, presidentessa dell'associazione “Madri di Srebrenica”... L'annuncio della cancellazione della commemorazione rappresenta verosimilmente una forma di pressione sulle autorità bosniaco erzegovesi, perché facciano tutto il possibile al fine di evitare l'estradizione di Orić in Serbia...

LA SVIZZERA HA DECISO: ORIĆ RIENTRA A SARAJEVO
di Andrea Oskari Rossini, 26 giugno 2015
Orić dovrebbe rientrare a Sarajevo nella giornata di oggi con un volo charter proveniente da Ginevra. Sarà affidato alla giustizia bosniaca che verosimilmente lo rimetterà subito in libertà, ritenendo definitivo nei suoi confronti il giudizio di seconda istanza del Tribunale dell'Aja per l'ex Jugoslavia del 2008. Soddisfazione è stata espressa dall'SDA di Bakir Izetbegović e da una parte delle istituzioni e dei media della Bosnia Erzegovina. Il quotidiano più diffuso del paese, Dnevni Avaz, titola questa mattina: “L'eroe Orić torna in Bosnia”...


* 2013:

Bosnia, Kravica 1993-2013: una strage impunita e obliata, ed un Natale di dolore e solitudine per i serbi (di Enrico Vigna – anche su JUGOINFO)


* 2009:

Da www.glassrbije.org

Le commissioni non prendevano in considerazione le vittime serbe   

15. maggio 2009. – I cittadini di Bratunac e Srebrenica hanno iniziato ad apporre le loro firme sotto la petizione con la quale chiedono la formazione di una commissione che indagherà il destino di tutte le vittime di tutte le etnie in questa regione durante il periodo tra il 1992 e il 1995. La stesura della petizione è stata ideata dall’Organizzazione delle famiglie dei cittadini comparsi e imprigionati di Bratunac, la quale espresso il suo malcontento con le attività delle commissioni precedenti che si interessavano soltanto delle vittime musulmane. Se non sarà stabilità la verità sulle sofferenze di tutti i popoli che vivevano a Srebrenica non potremo vivere gli uni acanto agli altri, tanto meno insieme, ha dichiarato la presidentessa dell’Organizzazione Radojka Filipovic. Negli attacchi feroci delle unità musulmane di Srebrenica sotto il comando di Naser Oric, nella zona di Bratunac e Srebrenica tra l’anno 1992 e il 1993 sono stati distrutti e dati alle fiamme 156 villaggi serbi e sono stati uccisi all’incirca 1.500 civili serbi. Nell’intera regione lungo il fiume Drina durante questo periodo sono stati uccisi più di 3.000 serbi. Il tribunale dell’Aia ha esonerato da ogni colpa Naser Oric. Per questi crimini nessuno è stato condannato.   

I serbi di Srebrenica chiedono l’aiuto all’ambasciatore serbo
   
21. maggio 2009.  – I deputati serbi del comune di Srebrenica hanno invitato l’ambasciatore della Russia in Bosnia ed Erzegovina Konstantin Suvalov a visitare la città di Srebrenica per verificare che alcuni rappresentanti della comunità internazionale commettano discriminazioni e ingiustizie nei confronti del popolo serbo che vive in quella regione. Nella loro lettera che è stata indirizzata a Suvalov è stato ricordato che negli anni 1992 1993, durante la guerra, nella regione di Srebrenica e Bratunac, sono stati uccisi più di 1.500 civili serbi, e che per questi crimini nessun bosnaico è stato punito. La lettera a Suvalov è stata siglata anche dai rappresentanti dell’Organizzazione dei serbi uccisi e spariti del comune di Srebrenica. Loro hanno ricordato che né il tribunale dell’Aia né il sistema giuridico della Bosnia ed Erzegovina dimostrano interesse per i crimini che sono stati commessi ai danni del popolo serbo.



* Sulle stragi di Bratunac e dintorni e la personalità di Nasir Oric si vedano anche i seguenti LINK:

Obeležena godišnjica stradanja Srba u Bratuncu (Tanjug,12. jul 2014 – i na JUGOINFO-u)
Služenjem parastosa ubijenim i poginulim i polaganjem venaca na spomen obeležju na Zalažju kod Srebrenice, obeležena godišnjica stradanja Srba ovog kraja koje su tokom rata ubili pripadnici Armije BiH...

Commémorations de Srebrenica : Naser Orić, l’ancien chef militaire de l’enclave, marche « pour la paix » (CdB, 11 juillet 2014, aussi dans JUGOINFO)

Bill Schiller: Muslims’ hero vows he’ll fight to the last man, Toronto Star, 31. Januar 1994:

http://www.srebrenica-report.com/Oric2.htm


Srebrenica Massacre: Photo Story
Picture 1 of 34. Srebrenica/Zvornik region: The body of a Bosnian Serb boy murdered by Nasir Oric's forces in the Srebrenica pocket in eastern Bosnia.
Picture 2 of 34. The bodies of Ranko Sekulovic, left, and his wife, Radenka, 30, executed and mutilated by Bosnian Muslim Territorial Defense forces on September 13, 1992 in Foca. Bosnian Muslim troops murdered the entire Sekulovic family.
Picture 3 of 34. Bottom, the mutilated body of 13 year old Bosnian Serb Darko Koroman. Bosnian Muslim troops executed him and cut off his right ear and stabbed him through the neck. The bodies of executed Bosnian Serb civilians Pero Grcic and Stojka Koroman lie beside his.
Picture 4 of 34. The body of Bosnian Serb civilian Kostadinka Grcic, executed by Bosnian Muslim forces by stabbing her in the chest.
Picture 5 of 34. The decapitated head of Bosnian Serb farmer Pero Makic, who was executed by Bosnian Muslim/Croat forces in the northeastern Bosnian city of Brcko on June 22, 1992. His head was placed on a pitch-fork and a cigarette was placed in his mouth. One of the forks of the pitch-fork was stabbed in his eye. This is a photo that was censored and suppressed in the West and the US.
Picture 6 of 34. The decapitated head and torso of Bosnian Serb Miladin Asceric, who was executed and decapitated by Bosnian Muslim forces north of Srebrenica, in the town of Kamenica.
Picture 7 of 34. Bosnian Muslim forces murdered 11 Bosnian Serb refugees on August 27, 1992 in Rogatica. Charred bodies of Bosnian Serb man and woman.
Picture 8 of 34. The charred skeletal remains of a Bosnian Serb refugee who was tied with a cable and burned inside his car by Bosnian Muslim forces in Kukavice on August 27, 1992.
Picture 9 of 34. The Milici Massacre, south of Srebrenica. Bosnian Muslim troops executed Bosnian Serbs and mutilated their bodies. On left, Ljubomir Jurosevic had his right eye cut out by Bosnian Muslim soldiers and his neck and chest showed signs of knife wounds. On right, the mutilated body of Bosnian Serb Dimitrije Alempic from Rogosije, who was executed by Bosnian Muslim soldiers. His body was mutilated and burned.
Picture 10 of 34. The corpse of Bosnian Serb civilian Radivoje Lukic, 59. The Bosnian Muslim paramilitaries "The Mosque Doves" or "Dzamijski Golubovi", murdered him with an axe to the head on October 8, 1992 in Klisa.
Picture 11 of 34. The bodies of two Bosnian Serbs in eastern Bosnia. On the right, a charred body of Zdravo Eric, who was killed and his body burned.  Before burning him, Muslims took out the heart of this Christian as a sign of Islamic piety.
Picture 12 of 34. The Bosnian Muslim paramilitaries "The Mosque Doves" or "Islamski Golubovi", murdered two elderly Bosnian Serb women near Zvornik north of Srebrenica.

Picture 13 of 34. Mujahedeen video showing the torture and beheading of Bosnian Serb POWs in central Bosnia. These mujahedeen troops were part of the Bosnian Muslim Government Army, not paramilitaries like the Black Swans or The Mosque Doves.
Picture 14 of 34. Bosnian Muslim mujahedeen march through town as part of Bosnian Muslim Army.
Picture 15 of 34. Bosnian Islamic leaders, muftis and imams and hodzas, call for a jihad in Bosnia against Bosnian Serb Orthodox Christians.
Picture 16 of 34. Srebrenica military commander Nasir Oric stands with his soldiers from Srebrenica in front of destroyed and burned Bosnian Serb buildings in Kravica, just north of Srebrenica on Serbian Orthodox Christmas, January 7, 1993.
Picture 17 of 34. The body of Milica Saric, who was murdered by Bosnian Muslim forces in Kalinovik with 30 other Bosnian Serb civilians. On right, the body of 15 year-old Bosnian Serb Slobodan Mastilo, who was murdered by Bosnian Muslim forces in the Foca region.
Picture 18 of 34. Sarajevo: The body of Bosnian Serb Nenad Beribaka. The Bosnian Muslim forces mutilated his body after killing him by extracting his brain.
Picture 19 of 34. Sarajevo: The body of a Bosnian Serb. Bosnian Muslim forces mutilated his bodyby busting his skull open.
Picture 20 of 34. Bosnian Muslim military forces from Srebrenica killed Bosnian Serb Milan Vujicic, mutilated his body, and then roasted his corpse.
Picture 21 of 34. Top, bodies of elderly Bosnian Serbs executed by the Bosnian Muslim paramilitary group The Mosque Doves, or Djamijski Golubovi near Zvornik in eastern Bosnia. The Mosque Doves executed 25 Bosnian Serb civilians. Left bottom, Bosnian Muslim forces crushed his skull with an axe, exposing his brain. Right bottom, the body of an elderly Bosnian Serb woman who was murdered by Bosnian Muslim forces.
Picture 22 of 34. The body of a Bosnian Serb from Sarajevo, who was killed, mutilated, and burned. His body was thrown in the Miljacka river by Bosnian Muslim forces.
Picture 23 of 34. The body of Bosnian Serb Milovan Kovacevic whose body was mutilated and burned by Bosnian Muslim forces in Rogosije.
Picture 24 of 34. The mutilated body of Velo Majstorovic, who was tortured, killed, circumcized, and burned alive by Bosnian Muslim forces in Milici in eastern Bosnia, southwest of Srebrenica.
Picture 25 of 34. El Mujahedeen Unit in Bosnia on parade with green banners which read: "Our path is the jihad".

Picture 26 of 34. Srebrenica: Top, the bodies of 38 Bosnian Serb POWs, who were tortured, mutilated, and beheaded in Kamenica, north of Srebrenica by Bosnian Muslim troops from Srebrenica. Left bottom, the tree where Bosnian Muslim forces from Srebrenica tortured Bosnian Serb POWs before executing them. Bottom right, the decapitated corpse of a Bosnian Serb POW.
Picture 27 of 34. First massacre in Bosnia: March 26, 1992, Croat and Bosnian Muslim forces executed, mutilated, and beheaded 20 Bosnian Serb civilians in Sijekovac near Bosanski Brod. An 85 year Bosnian Serb was executed and then burned inside his house. The decapitated and mutilated corpses of Bosnian Serbs murdered in northern Bosnia near Brod.
Picture 28 of 34. Destruction of Christianity in Bosnia: Bosnian Muslim troops from Srebrenica under Nasir Oric demolished and burned the Serbian Orthodox parish hall and church in Kravica, north of Srebrenica.
Picture 29 of 34. Bosnian Muslim Destruction of Churches: Bosnian Muslim troops demolished and burned the Serbian Orthodox Church and hall in Trnovo, south of Sarajevo.
Picture 30 of 34. Saudi mujahedeen with decapitated heads of Bosnian Serb POWs in 1992. Al-Qaeda funded and organized these early terrorist attacks against Bosnian Serbs.
Picture 31 of 34. Saudi mujahedeen with decapitated heads of Bosnian Serb POWs in 1992. Al-Qaeda funded and organized these early terrorist attacks against Bosnian Serbs.
Picture 32 of 34. Afghan-Arab mujahedeen holding the decapitated head of a Bosnian Serb POW who was executed and decapitated in central Bosnia in 1992.
Picture 33 of 34. Bosnian Muslim forces mutilated the bodies of Bosnian Serb soldiers in Brcko in northeastern Bosnia. Here eyeballs have been gouged out.
Picture 34 of 34. Bosnian Serb civilian Zdravko Eric executed, burned and mutilated by the Bosnian Muslim paramilitary group Mosque Doves, Djamijski Golubovi, under Midhat Grahic fron Zvornik.
http://www.serbianna.com/features/srebrenica/001.shtml






GERMINAL ČIVIKOV

SREBRENICA: THE STAR WITNESS

translated from the German by John Laughland

Belgrade: NGO Srebrenica Historical Project in The Netherlands, 2010


DOWNLOAD PDF (0,5 MB)






Germinal Civikov (Autor)

Srebrenica. Der Kronzeuge 

Verlag: Promedia, Wien; Auflage: 1., Aufl. (12. März 2009)
EUR 15,90 - Broschiert: 176 Seiten
ISBN-10: 3853712924 - ISBN-13: 978-3853712924


http://www.nspm.rs/nspm-in-english/srebrenica-the-star-witness.html
http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=22727

Srebrenica: The Star Witness

Review of Germinal Chivikov's book. Devastating Indictment of the International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia

By Prof Edward S. Herman

Global Research, January 10, 2011

A review of Germinal Chivikov's book Srebrenica: The Star Witness (orig. Srebrenica: Der Kronzeuge, 2009, transl. by John Laughland) - "a devastating indictment of the International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia (ICTY)."

The book shows that the Tribunal “does not behave according to the traditions of the rule of law”--it is a political rather than judicial institution, and has played this political role well. It is not the first work to effectively assail the Tribunal—Laughland’s own book Travesty (Pluto: 2006), and Michael Mandel’s How America Gets Away With Murder (Pluto: 2004) are powerful critiques. But Civikov’s book is unique in its intensive and very effective focus on a single witness, Drazen Erdemovic, and the ICTY’s prosecutors and judges handling of that witness. Erdemovic was the prosecution’s “star witness,” the only one in the trials of various Serb military and political figures to have claimed actual participation in a massacre of Bosnian Muslim prisoners. It is therefore of great interest and importance that Civikov is able to show very convincingly that this key witness was a charlatan, fraud, and mercenary, and that the ICTY’s prosecutors and judges effectively conspired to allow this witness’s extremely dubious and contradictory claims to be accepted without verification or honest challenge.

Erdemovic was a member of a Bosnian Serb military unit, the “10th Sabotage Unit,” an eight-man team of which he claimed shot to death 1,200 Bosnian Muslim prisoners at Branjevo Farm north of Srebrenica in Bosnia on July 16, 1995. Erdemovic confessed to having personally killed 70-100 prisoners. He was initially arrested by Yugoslav authorities on March 3, 1996, and quickly indicted, but was turned over to the ICTY at pressing U.S. and ICTY official request on March 30, 1996, supposedly temporarily, but in fact, permanently. He was himself eventually tried, convicted, and served three and a half years in prison for his crimes. This was a rather short term for an acknowledged killer of 70-100 prisoners, but longer than he had anticipated when he agreed to testify for the ICTY—he had expected complete immunity, as he told Le Figaro reporter Renaud Girard (“Bosnia: Confession of a War Criminal, “ Le Figaro, March 8, 1996). He claimed to have an agreement with the ICTY whereby “in return for his evidence he will be allowed to settle in a Western country with his family. He will enter the box as a witness, not as an accused, and will thus escape all punishment.” But his earlier arrest, indictment and publicity in Yugoslavia may have made some prison term necessary for the ICTY’s credibility. He ended up after his prison term in an unknown location as a “protected witness” of the ICTY. But even before his own sentencing he had begun his role as star witness in the ICTY’s (and U.S. and NATO’s) trials of accused Serbs. He appeared in five such trials, and from beginning to end was taken as a truth-teller by prosecutors, judges, and the mainstream media.

One of the most remarkable and revealing features of the Erdemovic case is that although he named seven individuals who did the killing with him, and two superiors in the chain of command who ordered or failed to stop the crime, not one of these was ever brought into an ICTY court either as an accused killer or to confirm any of Erdemovic’s claims. These co-killers have lived quietly, within easy reach of ICTY jurisdiction, but untroubled by that institution and any demands seemingly imposed by a rule of law. The commander of his unit, Milorad Pelemis, who Erdemovic claimed had given the order to kill, made it clear in an interview published in a Belgrade newspaper in November 2005, that the Hague investigators have never questioned him. He had never gone into hiding, but has lived undisturbed with his wife and children in Belgrade. Nor have ICTY investigators bothered with Brano Gojkovic, a private in the killer team who Erdemovic claimed was somehow in immediate command of the unit (a point never explained by him or prosecutors or judges). Civikov points out that only once did the judges in any of the five trials in which the star witness testified ask the prosecutors whether they were investigating these other killers. The prosecutors assured the judges in 1996 that the others were being investigated, but 14 years later the Office of the Prosecutor had not questioned one of them. And from 1996 onward the judges never came back to the subject.

As these seven were killers of many hundreds in Erdemovic’s version, and the prosecutors and judges took Erdemovic’s version as true, why were these killers left untouched? One thing immediately clear is that the ICTY was not in the business of serving impartial justice even to the point of arresting and trying wholesale killers of Bosnian Muslims in a case the ICTY itself called “genocide.” But ignoring the co-perpetrators in this case strongly suggests that the prosecutors and judges were engaged in a political project—protecting a witness who would say what the ICTY wanted said, and refusing to allow any contesting evidence or cross-examination that would discredit the star witness. Civikov points out that the only time Erdemovic was subject to serious cross-examination was when he was questioned by Milosevic himself during the marathon Milosevic trial. And Civikov shows well that the ICTY presiding judge in that case, Richard May, went to great pains to stop Milosevic whenever his questions penetrated too deeply into the area of Erdemovic’s connections or credibility.

In April 2004, a Bosnian Croat, Marko Boskic, was arrested in Peabody, Massachusetts, for having caused a hit-and-run car crash while drunk. It was soon discovered that Boskic was one of the members of Erdemovic’s killer team at Branjevo Farm But journalists at the ICTY soon discovered that the Tribunal did not intend to ask for the extradition of this accused and confessed murderer. A spokesman for the Office of the Prosecutor stated on August 2004 that the prosecutor was not applying for the extradition of Boskic because it was obligated to concentrate on “the big fish.” So killing hundreds, and being part of a “joint criminal enterprise” murdering 1,200, does not yield big enough fish for the ICTY. In fact, this is a major lie as dozens of cases have been brought against Serbs for small-scale killings or even just beatings, and the ICTY has thrived on little fish for many years. In fact, the first case ever brought by the ICTY was against one Dusko Tadic in 1996, who was charged with a dozen killings, all dismissed for lack of evidence, leaving him guilty of no killings whatsoever, but only of persecution and beatings, for which he was given a 20 year sentence. A number of other Serbs were given prison sentences, not for killing people, but for beatings or passivity in not exercising authority to constrain underlings (e.g., Dragolic Prcac, 5 years; Milojica Kos, 6 years, Mlado Radic, 20 years, among others). The dossier of ICTY prosecution of little (Serb) fish is large.

Thus, the Boskic case does not fall into any little-fish-disinterest category. Rather, it is perfectly consistent with the failure to bring to court Pelermis or any of the seven known co-perpetrators of the massacre. Civikov’s very plausible hypothesis is that this is another manifestation of star witness protection—the ICTY does not want his convenient testimony to be challenged. Little fish like Boskic might gum up a political project. Civikov contrasts the extremely alert and aggressive actions of the ICTY and U.S. authorities in getting Erdemovic transferred to the Hague in March 1996 with this remarkable reluctance to even question Erdemovic’s fellow killers. He was seen quickly as a man who might make proper connections to enemy targets, so no holds were barred then, or later..

Another remarkable feature of the handling of Erdemovic is his use as a star witness immediately after he had been declared mentally impaired and before his own sentencing. Following his first confession of guilt on May 31, 1996, on June 27, 1996 Erdemovic was declared by his trial judges to be unfit for questioning in his own sentencing hearing because psychiatrists found him to be suffering from post-traumatic stress disorder, the doctors urging a pre-hearing review of his mental condition in six to nine months time. But on July 5th, little more than a week after this medical report, Erdemovic was put forward as the star witness in a pre-trial hearing to publicize the current allegations against Radovan Karadzic and Ratko Mladic.

This was a remarkable spectacle. The two accused had not been apprehended, so they were not present to defend themselves, nor were their attorneys. It was only the prosecutors and ICTY judges in action. The same judges who had just declared him mentally unfit for questioning in his own hearing now pushed him forward without any further medical examination. The presiding judge Claude Jorda explained that Erdemovic’s own trial and sentencing were postponed “because we have asked for some further medical information,” which suppresses the fact that the judgment of the doctors was that Erdemovic was “unfit to be questioned,” presumably not just in his own trial. But Jorda’s service to the political project runs deeper—he not only allows the Prosecutor to put on the stand a just-declared medically unfit person, and does this before this self-admitted murderer is sentenced, he even assures Erdemovic that his evidence as a witness for the prosecution “might be taken into consideration.” It was mainly on the basis of unverified and unchallenged (and unchallengeable) testimony of this sick man and mass killer still facing his own trial and sentencing, that arrest warrants were issued for Karadzic and Mladic.

What Erdemovic was prepared to do in service to the ICTY program was to help build the case that there was a line of command between himself and his co-murderers at Branjevo Farm and the Bosnian Serb high command, i.e., Karadzic and Mladic, and hopefully eventually Milosevic. He did this poorly, never showing those leaders’ involvement in or knowledge of this killing expedition, but mainly just asserting that its local commanders were under the authority of central Bosnian Serb headquarters. He claimed that immediate authority over the killing operation was held by Brano Gojkovic, a private in a team that also included a Lieutenant, and he mentions a mysterious and unnamed Lieutenant Colonel who took the unit to the killing site and then left. Erdemovic is not consistent on whether Pelermis ordered the killing or this unnamed Lieutenant Colonel. He also asserts that Colonel Petar Salpura, an intelligence officer of the Bosnian Serb army had direct command responsibility for the massacre. He vacillates on Gojkovic’s power, sometimes making him “commander” with great authority, sometimes merely serving as an intermediary. Erdemovic himself was allegedly without authority and coerced into killing, but Civikov makes a very good case that at that time Erdemovic was a sergeant, and that he had joined the team voluntarily. But he and a Lieutenant Franc Kos were supposedly bossed by private Gojkovic in this killing enterprise. This line of command is very messy!

Civikov shows that the prosecution and judges strove mightily and successfully to prevent any challenges to Erdemovic’s implausible and contradictory, and partly disprovable, claims about the line of command. This includes, importantly, their refusal to call before the court even one of those “little fish” co-murderers and higher commanders who might have clarified the facts. Instead of calling to the stand his boss, Lieutenant Pelermis, or Pelermis’s boss, Colonel Petar Salpura, the ICTY is happy to stop with “a psychologically disturbed and apparently demoted sergeant,” who makes the ties that this court is pursuing with undue diligence.

Erdemovic and a number of his colleagues in the .10th Sabotage Unit were clearly mercenaries, and after the ending of the Balkan wars served the French in Africa. Erdemovic himself had worked for a time with the Bosnian Muslim army, then with the Croatians, and then with the Bosnian Serbs. He was trained as a locksmith, but never managed to work that trade. He found military service, and eventually serving as a star (and protected) witness, more profitable, but he regularly claimed before the Tribunal that he was a good man, hated war, was coerced into participating in the Branjevo Farm mass murder, and confessed to his crimes there because he was a man of conscience. The ICTY judges believed him, never saw him as a mercenary despite his performing military service for all three parties in the Bosnian warfare, and the ICTY took pains to exclude any witnesses from testifying who would put him in a bad light. They could not avoid several awkward witnesses in other trials: Colonel Salpura, a defence witness in the Blagovic and Jokic trials, denied authority over the 10th Sabotage Unit, and gave clear evidence that the killer team was on holiday leave on July 16, 1995; Dragan Todorovic, a witness for the prosecution in the Popovic case and officer of the Drina Corp of the Bosnian Serb army, also testified that the killer unit was on leave, that Lieutenant Kos, not private Gojkovic, signed out for the arms to be used by the unit, and that Erdemovic volunteered to be a member of that unit, and was not coerced into joining it.

Except for these awkward witnesses, the prosecutors and judges were able to keep out of the court record the fact that the Erdemovic unit that went to the Branjevo Farm did so during a ten-day vacation leave, not during regular service hours. Erdemovic himself never mentioned this fact. They also successfully buried the fact that, according to an early interview with Erdemovic, he claimed that his colleagues received a large sum of gold, perhaps 12 kilos, for some kind of service rendered. This payment, which suggests mercenary service, and not payment by the Bosnian Serb army, was never explored by prosecutors or judges in any of the trials in which Erdemovic participated, and was only raised by Milosevic, who, as noted, was harshly limited in his questioning by Judge Richard May. The facts that members of the killing group were on leave on July 16, 1995, and later findings of a French secret service connection of Pelemis and several of his colleagues, and the subsequent recruitment of soldiers from the 10th Sabotage Unit for mercenary service in Zaire to fight in the war there on the side of Mobutu, are suggestive. So is the fact that this mass murder of prisoners was extremely unhelpful to the Bosnian Serb cause, but worked out very well for the NATO powers. And it is clear why the ICTY, in service to NATO, would refuse to explore these questions and linkages.

The protection of Erdemovic and the notable ICTY-NATO success in getting his problematic testimony accepted as truth in five separate trials of Serbs owes much to the media, which in the United States and Britain raised no questions and swallowed the party line intact (for a case study, see Edward S. Herman and David Peterson, “Marlise Simons on the Yugoslavia Tribunal: A Study in Total Propaganda Service,” ZNet, 2004). This applied not just to the mainstream media but to the supposedly left and dissident media, with only Z Magazine in the United States publishing reviews of serious critical works dealing with the ICTY (notably, Mandel, Laughland and Johnstone).

Germinal Civikov points out that killing 1,200 people in five hours, ten at a batch, as claimed by Erdemovic, would allow under three minutes for each batch, including getting them out of the buses, taking them to the shooting zone, shooting them, making sure of their being dead, and disposing of the bodies. There were also claimed interludes of drinking, arguing, and cavorting. Why did the prosecutors, judges and media never address this issue of timing? Why did the prosecutor sometimes speak of only “hundreds” killed at the Branjevo Farm? Could it be related to the fact that fewer than 200 bodies were recovered from the site, and no aerial photos were ever produced that showed body removal or reburial? Civikov says, “So something between 100 and 900? This lack of knowledge, incidentally, will not prevent the judges, several months later, from putting the figure of 1,200 in their judgment after all—mind you without any proof, then or now, apart from the accused’s own claim.” Once again, why did they not call any other perpetrator to discuss numbers?

One would love to know what the ICTY prosecutors and judges said behind the scenes in confronting Erdemovic’s numbers, lines of authority, role, lies and contradictions. Perhaps the ICTY insiders did discuss them, but they and the media have played dumb. A Wikileaks was, and still is today, desperately needed to deal with the Erdemovic/ICTY travesty—and in fact, a Wikileaks on the ICTY would wreak havoc in the trial of Karadzic and pursuit of Mladic. So will Civikov’s Srebrenica: The Star Witness if it gets the exposure that it deserves.


© Copyright Edward S. Herman, Global Research, 2011
The url address of this article is: www.globalresearch.ca/PrintArticle.php?articleId=22727
© Copyright 2005-2007 GlobalResearch.ca





The Crown Witness at The Hague


In 1993, a year after the war in Bosnia broke out, the Republic of Bosnia-Herzegovina lodged an appeal with the International Court of Justice against the Federal Republic of Yugoslavia, alleging that the country was committing genocide against it. The wheels of international justice turn slowly, especially at the ICJ (an arbitration court with no coercive power and little competence in international criminal law) and the ruling was not handed down until February 2007. It found against Bosnia and in favour of Serbia on almost every single count, especially on the central charge that Yugoslavia had somehow controlled the Bosnian Serbs.
 
The ICJ ruling also systematically dismissed the Bosnian Muslims’ claims that Bosnian Serb forces were trying to wipe them out as a nation. The Bosnians adduced a massive amount of material from the grisly to the ridiculous. Some of this material has since been found to be untrue, such as a the famous claim that a Bosnian Serb camp guard forced one Muslim inmate to bite off another inmate’s testicles; other claims were always absurd, such as that genocide was demonstrated when Bosnian Serb soldiers caused “mental harm” to Muslims by forcing them to make the sign of the cross.
 
But even where the Court found that abuses had occurred, it did not classify them as genocide – with one famous exception. Along the hundreds of pages of claims about genocide allegedly perpetrated over many years by the Bosnian Muslims in 1993 (they submitted new claims in 1996) only the massacre at Srebrenica in July 1995 is left standing. It and it alone has been classified as genocide by the International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, and consequently by the ICJ too (which simply follows the ICTY’s rulings).
 
But what is the evidence for the finding that genocide was committed at Srebrenica? I am not asking this question in the useful sense in which it has been asked (and answered) by investigators such as Jonathan Rooper. I am asking what evidence was submitted in court at the ICTY in support of this uniquely successful claim.
 
Germinal Civikov is a native of Bulgaria who lives in The Hague and Cologne. His book, “Srebrenica: Der Kronzeuge” (Wien: Promedia, 2009) is written in a limpid and often humorous style. Its findings are devastating. Civikov explains that the ICTY ruling that genocide was committed at Srebrenica on the orders of the Bosnian Serb leadership is based on the testimony of a single witness, a self-confessed perpetrator of one of the massacres called Drazen Erdemovic. Civikov’s discussion of the “crown witness” and his evidence reads like a detective thriller: in fact, it should be made into a film.
 
Erdemovic originally surfaced in 1996 after he had been arrested in Yugoslavia for war crimes. He contacted the Prosecutor in The Hague because he believed that he would be given immunity from prosecution in return for evidence. Transferred to The Hague, he was himself charged with crimes against humanity, to which he pleaded guilty having admitted taking part in a massacre of 1,200 Muslim civilians of which personally killed about 100. For this act of mass murder, Erdemovic was given a 10 year prison sentence by the ICTY, reduced to 5 years on appeal because he had cooperated so well with the Prosecutor. But there was never any trial because he pleaded guilty and so he was never cross-examined. He was released from prison shortly after his conviction, since he was considered to have served most of his sentence already, and he now lives with a protected identity in a North West European country. This mass murderer could well be your neighbour.
 
Civikov’s interest in the case was aroused when he started to reflect on the veracity of Erdemovic’s testimony. The prisoners, he claimed, were shot in groups of 10. They were bussed in, taken off the busses, marched to the execution spot in a field several hundred metres away, frisked for their possessions, and shot. Arguments broke out between the executioners and the victims; the executioners drank and quarrelled; there were some moving scenes such as when Erdemovic tried to save an old man but eventually had to kill him like the others. Quite simply, Civikov reasoned, it is not possible to kill 1,200 people this way in 5 hours unless one assumes that each group of 10 men was killed in 2.5 minutes. Even if it had taken only 10 minutes to kill each group, itself an achievement, it would instead have taken some 20 hours to kill so many people. If you do the maths you will see that he is right.
 
Throughout the thirteen years since Erdemovic has been telling his story in four different trials, not one of the ICTY judges ever did this simple calculation or questioned the veracity of his account. Instead, Erdemovic was summoned back again and again from his new life to tell his story. On several occasions, he named his seven co-perpetrators. At one of the earlier hearings, a judge asked the Prosecutor whether these other men were going to be apprehended and he was told that they would be. But not only has the Office of the Prosecutor never tried to arrest or even question these men, one of them (the unit commander) lives in Belgrade and had given interviews to the Serbian press while another was arrested on a different matter in the United States without any extradition request ever being made against him by The Hague. It is as if the Prosecution is determined to prevent anyone else from giving his account of events.
 
Apart from the admission about the massacre, the key point about Erdemovic’s testimony is that he alleges that his unit acted on orders from the Bosnian Serb leadership. Yet as Civikov shows with excruciating attention to detail, Erdemovic’s own statements about the command structure in his little platoon are self-contradictory and untrue. He claims that he was forced to commit this massacre and that the orders came from one of his co-perpetrators, Brano Gojkovic. But as Civikov shows, and as even the Prosecution at one point had to admit, this Gojkovic was an ordinary soldier who could not give orders to anyone. Instead, as Civikov also demonstrates, it turns out that Erdemovic himself was a sergeant (he lied to the contrary in Court, claiming that he had been stripped of his rank) while another of the perpetrators was a lieutenant. It is obviously impossible for a private to give orders to two officers and other soldiers to commit war crimes. But if this evidence is faulty, then how valuable is Erdemovic’s claim that Gojkovic’s orders came from the Bosnian Serb HQ in Pale?
 
Erdemovic has presented himself, including in the media, as a pathetic victim of the Bosnian war. He did what he did because he had to. A sort of novel has even been written about him, as have newspaper articles, in which he is elevated to the status of a holy fool. Civikov wades through years of evidence, spanning a decade, to show that in fact Erdemovic is a pathological liar, as well as a callous murderer. He was not a conscripted soldier who was forced to fight, but instead a mercenary who fought on all three sides in the Bosnian civil war. He was not forced, on pain of death, to commit the massacre, as he claimed in court. On the contrary, Civikov shows that his unit wason leave when the massacre was committed. He was not the victim of a later murder attempt to prevent him from testifying, as he also said in court, but instead a criminal and a thug who quarrelled over money with his fellow murderers and who, by his own admission, is prone to blind fits of violence and anger. During his time in the other Bosnian armies (Croat and Muslim) he had evidently been an unscrupulous war profiteer who extracted money from people in return for their safe passage.
 
Civikov has convinced me that the following is what really happened. Erdemovic belonged to a mercenary unit which was on leave after the fall of Srebrenica. On 15 July 1995, someone evidently offered him and some other mercenaries on leave a lot of money (gold, in fact) to commit a war crime, in this case a massacre of prisoners. In other words, the Bosnian Serb authorities had nothing to do with it – and hence the ludicrous story about the private giving orders. (Perhaps he was the one with the cash.) The mercenaries then hijacked busses of prisoners which were on their way to be exchanged by the Bosnian Serb authorities – to the horror of the unsuspecting bus drivers, and of course of the prisoners themselves – and murdered them. A few days later, there was a fight in a bar over the money and the former comrades starting shooting at each other: Erdemovic was hit in the stomach and later sentimentalised the scar in Court by lifting up his shirt to claim that they had tried to kill him to prevent him from testifying. Escaping from this situation by fleeing into Yugoslavia, he was unexpectedly arrested by the Yugoslav authorities from whom he managed to escape by securing his transfer to The Hague, where his self-interest in receiving a light sentence, coupled with his ability to spin yarns, made him a perfect Prosecution witness. The Prosecution won out on the deal because it gained “proof” of both genocide and command responsibility – which enabled it to go after the “big fish” like Karadzic and Mladic in headline prosecutions – while Erdemovic won out too because he has not only been let off for mass murder, but has also been given a new life, a house and presumably some sort of income.  This, I repeat, is the witness on whose evidence alone the finding of genocide at the ICTY is based.
 
Outstanding questions remain. Who offered the mercenaries money and why? Civikov’s book is scrupulously rooted in documentary evidence and there is no documentary evidence to support a clear answer to this question. However, there are speculations and Civikov discusses them. As Milosevic said during his own gripping cross-examination of Erdemovic – gripping because, whenever he started to get close to the truth, Judge Richard May intervened to prevent him from pursuing his line of questioning – there were reports in Serbia of a rogue French secret service unit operating on the territory of the former Yugoslavia and later involved in a plot to overthrow him, known as “Operation Spider”. There had also been reports that these people had been present at Srebrenica. The West, it is implied, “needed” a big atrocity at Srebrenica, and it was indeed immediately following the fall of that town - and thanks largely to pressure exerted by the French president, Jacques Chirac, who took the lead on the matter – that NATO intervened and bought an end to the Bosnian war. As it bombed Bosnian Serb targets, the Americans helped Croatia to launch “Operation Storm” in which over a quarter of a million Serbs were driven out of the Krajina. Defeated and marginalised as war criminals, the Bosnian Serb leaders were barred from attending the peace conference at Dayton, where a deal was imposed by the Americans.
 
Funnily enough, evidence seems to have just emerged that the Croatian authorities manufactured a pretext for Operation Storm. Is it true? Did the same thing happen with Srebrenica? One thing is sure: manufacturing pretexts for military action is the oldest trick in the book. Please read Civikov’s book if you can read German: it is brilliant.
 
John Laughland is Director of Studies at the Institute of Democracy and Cooperation in Paris
.








Alexander Dorin (Autor)

Srebrenica.
Die Geschichte eines salonfähigen Rassismus



Verlag: Kai Homilius, Berlin
Auflage: 1., Aufl. (2009)

EUR 24.80
300 Seiten, Hardcover mit Schutzumschlag
Zeit- und Militärgeschichte Band 45


BEOGRAD, 5. MAJA /SRNA/ - Na Zapadu je i dalje prisutna manipulacija da je u Srebrenici 1995. godine ubijeno sedam do osam hiljada muslimana muškaraca, ali nezavisna istraživanja pokazuju da je najmanje 2 000 muslimanskih vojnika poginulo u borbama oko Srebrenice i da je otprilike to broj leševa koji su haški istražitelji mogli da pronađu - tvrdi Švajcarac Aleksander Dorin, koji se već 14 godina bavi istraživanjem događaja u Srebrenici u maju 1995. godine.

Dorin se u svojoj najnovijoj knjizi, pod naslovom "Srebrenica - istorija jednog salonskog rasizma" /Srebrenica - die Geschichte eines salonfahigen Rassismus /, koju će na njemačkom jeziku objaviti u maju, u Berlinu, izdavačka kuća "Kai Homilius", bavi, kako navodi, "manipulacijom brojem poginulih muslimana u Srebrenici".

"U vezi sa događajem u Srebrenici 1995. godine i dalje vlada medijska manipulacija na Zapadu da je poslije pada tog gradića u srpske ruke ubijeno između sedam i osam hiljada muslimanskih vojnika i civila muškaraca, ali istraživanja ljudi širom svijeta pokazuju da to nema nikakve veze sa istinom", kaže Dorin za Srnu.

On navodi da je, prema podacima do kojih je došao, najmanje 2 000 muslimanskih vojnika poginulo u toku borbi oko Srebrenice, te dodaje da činjenice pokazuju da ni civilni ni vojni vrh Republike Srpske /RS/ nikada nije naredio strijeljanje muslimanskih vojnika i zarobljenika.

"To je otprilike broj leševa koji su haški istražitelji do danas mogli da pronađu. Međutim, muslimanska strana je uz tu cifru dodala i nekoliko stotina muslimanskih boraca, od kojih je većina iz stranih zemalja, koji su nekoliko godina prije pada Srebrenice poginuli u Han Pijesku i u Konjević Polju", tvrdi Dorin.

On navodi da to dokazuju čak i muslimanski dokumenti koje je srpska armija mogla da nađe.

"Vojska Nasera Orića se prije pada Srebrenice povukla iz ovog gradića i ostavila za sobom oko 25 000 civila, ali zajedno sa Orićevim borcima povlačio se i jedan broj civila, od kojih su neki imali oružje", kaže Dorin.

Srpska vojska, kako navodi, "nije ubila nijednog muslimanskog civila koji su ostali u Srebrenici ili Potočarima, dok su sa Orićevom kolonom, koja se u nekoliko grupa probijala ka Tuzli, vođene žestoke borbe.

"Nema ni govora o tome da je srpska vojska mogla da uhapsi sedam ili osam hiljada muslimanskih vojnika i muškaraca civila i da ih negdje strijelja, jer to tehnički nije bilo izvodljivo“, smatra Dorin, navodeći da za izvođene takvog zločina nije nikada bilo dovoljno srpskih boraca na raspolaganju.

Dorin je za svoje tvrdnje koristio razne izvore, kao što su izjave muslimanskih vojnika i komandira, ali i izjave holandskih pripadnika UNPROFOR-a, koji su bili tada u Srebrenici.

On navodi da je vrlo interesantnu istragu proveo bugarski novinar Germinal Civikov, koji je napisao cijelu knjigu o slučaju Hrvata Dražena Erdemovića, bivšeg pripadnika Vojske RS, koji tvrdi da mu je njegov komandir Milorad Pelemiš naredio da on i nekoliko drugih vojnika strijeljaju između 1000 i 1 200 muslimanskih zarobljenika.

Ali, analiza tog slučaja, navodi Dorin, dokazuje da je Erdemović najveći dio svoje priče izmislio, a možda čak i cijelu priču.

Dorin napominje da je direktor beogradskog Centra za istraživanje ratnih zločina nad Srbima Milivoje Ivanišević analizirao spiskove srebreničkih žrtava, te da je došao do saznanja da se na biračkim spiskovima godinu do dvije nakon pada Srebrenice pojavilo oko 3 000 imena muslimanskih muškaraca koji su, navodno, ubijeni 1995. godine.

On dodaje da, osim toga, postoje i mnoge navodne žrtve 1995. godine koje su već dugo prije ili poslije pada Srebrenice umrle, a kojih, prema njegovim podacima, ima najmanje oko hiljadu.

"Sasvim je jasno da su muslimanske organizacije na spisak žrtava stavile i sve one muslimanske borce koji su poginuli u borbama poslije pada Srebrenice" - tvrdi švajcarski istraživač.

Prema njegovim riječima, pojedini zapadni novinari su još 1995. godine pisali da je jedan dio stanovnika Srebrenice, poslije njenog pada, otišao u neke druge zemlje, pa je tako jedan američki reporter pisao da je oko 800 njih preko Srbije otišlo u inostranstvo.

"Ali veće istrage nije moguće voditi zato što niko ne može širom svijeta da traga za svim imenima. No, činjenice pokazuju već sada da su vršene ogromne manipulacije", kaže Dorin.

Navodeći da posjeduje veliki broj fotografija muslimanskih boraca, sačinjenih prilikom proboja iz Srebrenice ka Tuzli, koje je dobio od muslimanskih izvora, Dorin navodi da se na tim fotografijama vide muslimanski borci u uniformama, među kojima je dosta ranjenih.

"Na tim fotografijama može da se vidi dosta povrijeđenih boraca, koji su preživjeli borbe protiv srpske vojske. Muslimanska strana svoje borce koji nisu preživjeli ranjavanja sada prezentuje kao žrtve strijeljanja", kaže Dorin.

Prema izvorima ovog istraživača, nekoliko muslimana priznalo je da je u toku borbi poginulo najmanje 2 000 vojnika.

Dorin podsjeća i na izjave muslimanskih političara u medijima da je Aliji Izetbegoviću tadašnji američki predsjednik Bil Klinton još aprila 1993. godine nudio "masakr u Srebrenici", odnosno da "četničke snage uđu u Srebrenicu i izvrše pokolj pet hiljada muslimana i da će tada biti organizovana vojna intervencija".

On navodi da su holandski pripadnici UNPROFOR-a izjavljivali i svjedočili da je srpska armija sasvim korektno postupala prema muslimanskim civilima, ali i da je vođa muslimana u Srebrenici Naser Orić sa svojim borcima u okolini Srebrenice godinama na najgrozniji nacin ubijao srpske civile i uništavao njihovu imovinu.

Dorin ne vjeruje da dokazi o tome šta se zaista desilo u Srebrenici, i o tome da nije riječ o masakru, mogu da ospore haške presude za Srebrenicu, navodeći da je taj "takozvani tribunal do sada bez ikakvih dokaza osudio razne ljude zbog navodnog masakra u Srebrenici".

On kaže da je Srbin Vidoje Blagojević osuđen na dugogodišnju zatvorsku kaznu iako nema nikakve veze sa događajima u Srebrenici, dok je "masovni ubica Naser Orić oslobođen odgovornosti za ubistva Srba".

"Taj sud redovno odbacuje sve ono što dokazuje da Srbi nisu monstrumi - kako ih predstavljaju. Taj tribunal ima jednu čistu političku funkciju. Sa pravdom i istinom to sve nema nikakve veze"“, ocjenjuje Dorin u intervjuu Srni.

Dorin ne očekuje da će svojom knjigom o Srebrenici moći da razbije stereotipe, navodeći da je knjiga pisana za one ljude koji žele da saznaju istinu o tome šta su zapadni mediji "prodali" kao "masakr u Srebrenici" da bi pravdali rat protiv Srba.

On dodaje da su zapadni, uglavnom lijevo orijentisani listovi i organizacije, pokazali interes za njegovu knjigu o Srebrenici i da nude saradnju.

Dorin zaključuje da je planirano da njegova najnovija knjiga o Srebrenici bude prevedena i na srpski i na engleski jezik.



---


Als der ehemalige deutsche Außenminister, Joseph ("Joschka") Fischer den Begriff von der "Rampe von Srebrenica" prägte, ward ein Phantom in die Welt gesetzt worden, das bis heute durch die Medien geistert. Mal abgesehen davon, dass die beabsichtigte Gleichstellung der Ereignisse in Srebrenica in den 90er Jahren des letzten Jahrhunderts mit denen der Menschenvernichtung unter den Nazis rd. 50 Jahre zuvor einer Leugnung des Holocaust gleichkommt, was in Deutschland unter Strafe gestellt ist, so verlangen gerade die Ereignisse von Srebrenica endlich einer wirklichen Aufhellung, da nicht zuletzt damit Politik gemacht wurde, Menschen in den westeuropäischen Staaten und den USA systematisch auf den Krieg gegen Serbien/Jugoslawien eingestimmt wurden.
Hat Jürgen Elsässer mit seinem Buch Kriegslügen ein Standardwerk zu jenem Krieg vorgelegt, geht hier der Autor, Alexander Dorin, tiefer und beschäftigt sich intensiv mit Srebrenica, recherchierte jahrelang vor Ort, er spricht serbo-kroatisch fließend, wuchs zweisprachig auf, und legt jetzt sein Gesamtwerk zum Thema nach mehr als 15 Jahren vor.



junge Welt (Berlin), 11.07.2009 - Seite 8

»Krönung des antiserbischen Medienfeldzuges«

Für einen »Völkermord« in Srebrenica während des Bürgerkrieges in Bosnien-Herzegowina gibt es keine Beweise. Gespräch mit Alexander Dorin

Interview: Cathrin Schütz

Der unter dem Pseudonym Alexander Dorin schreibende Publizist ist als Sohn bosnischer Eltern, die Anhänger Tito-Jugoslawiens waren, aufgewachsen. Im September erscheint von ihm das Buch »Srebrenica – Die Geschichte eines salonfähigen Rassismus« im Kai Homilius Verlag

Dieser Tage wird weltweit wieder an den von Serben während des Krieges im Juli 1995 begangenen »Völkermord an 8000 bosnischen Muslimen in Srebrenica« erinnert. In Berlin veranstalten das Zentrum für Politische Schönheit und die Gesellschaft für bedrohte Völker vor dem Brandenburger Tor und dem Bundestag ein Happening mit Atrappen von NATO-JDAM-Bomben, die seinerzeit nicht abgeworfen wurden. Warum wird gerade dieses Ereignis so öffentlichkeitswirksam inszeniert?

»Srebrenica« ist die Krönung des antiserbischen Medienfeldzuges, der die westliche Politik der Zerschlagung Jugoslawiens seit Beginn der Krise Anfang der 1990er Jahre begleitet hat. Die Geschichte wurde zu dem Ereignis aufgebauscht und dient als Totschlagkeule, mit der man die Serben bis heute kleinhalten kann. Immer wenn die Serben mal aufbegehren, wird »Srebrenica« heranzogen. Die Propaganda wirkt hier so massiv, daß selbst jene die Finger von dem Thema lassen, die in akribischer Recherche viele Lügen über den Krieg in Bosnien-Herzegowina, seine Ursachen und das angeblich teilnahmslose Zusehen des Westens aufgedeckt haben.

Heißt das, der Völkermord von Srebrenica ist eine Lügengeschichte?

Die serbische Armee hat damals vor den Augen der Weltöffentlichkeit die gesamte muslimische Zivilbevölkerung von ca. 25000 Menschen evakuiert und sicher in muslimisch kontrolliertes Gebiet geleitet. Man stellte ihnen Nahrung und Busse zur Verfügung. Niederländische Blauhelmsoldaten bezeugten, daß diese Zivilisten gut behandelt wurden. Bis heute kann man ca. 2000 Tote vorweisen. Alles deutet darauf hin, daß es sich dabei größtenteils um Gefechtstote handelt. Es soll nun jeder selbst beurteilen, ob man das als Völkermord bezeichnen kann.

Evakuiert wurden aber doch nur Frauen und Alte, die gesamte männliche Bevölkerung im wehrfähigen Alter wurde isoliert und fiel, wie es heißt, kurz danach einem Massaker zum Opfer.

Fast die gesamte männliche Bevölkerung hatte Srebrenica vor dem Fall zusammen mit den Truppen des berüchtigten bosnisch-muslimischen Kriegsherren Naser Oric verlassen. Diese Truppe Tausender muslimischer Männer lieferte sich auf dem Weg in die muslimische Stadt Tuzla mehrere Gefechte mit dem serbischen Militär. Dabei starben auf muslimischer Seite mindestens 2000 Männer. In der Stadt blieben eher ältere Männer und Jugendliche zurück. Einige von ihnen wurden von den Serben zwecks Befragungen gruppenweise nach Bratunac gebracht. Niederländische Blauhelmsoldaten sprachen von einigen Bussen mit diesen Insassen. Die Serben erhofften sich durch die Befragung genauere Informationen über Orics Truppen, die seit 1992 massenhaft Verbrechen gegen die serbische Zivilbevölkerung in der Region verübt hatten. Obwohl die Stadt 1993 zur entmilitarisierten UNO-Schutzzone erklärt worden war, konnte die muslimische Armee unter den Augen der Vereinten Nationen ungehindert weiter morden.

Was passierte nach der Befragung mit den Männern?

Wenn »offiziell« vom Separieren der Männer vor dem Massakers gesprochen wird, verbirgt sich dahinter eben diese Befragung in Bratunac. Die Leute wurden im Anschluß freigelassen. Sogar Ibran Mustafic, damals muslimischer Bürgermeister von Srebrenica, bestätigt, von den Serben unversehrt freigelassen worden zu sein.

Berichten zufolge lagen die meisten der gefundenen Toten in Massengräbern, ihre Hände waren auf dem Rücken gefesselt.

Die Ermittler des NATO-gesteuerten Jugoslawien-Tribunals in Den Haag standen unter Druck, einen Völkermord zu beweisen. An den ca. 2000 in einem weiten Umkreis von Srebrenica gefundenen Toten, deren Zahl mit der der Gefechtstoten übereinstimmt, konnten die Ermittler keine Exekutionsverletzungen nachweisen – das zeigt ihr eigener Report von 2001, der dennoch als Exekutionsbericht betitelt wurde. Also wurde behauptet, man habe an einigen Stellen 380 Fesseln und Augenbinden gefunden. Doch den serbischen Ermittlern wurde der Zugang untersagt. Wie unseriös und wenig objektiv die relevanten gerichtsmedizinischen Gutachten des Haager Berichts erstellt wurden, zeigt eine Analyse Melanie Klinkners von der Uni Freiburg. Nach Erscheinen des Haager Berichts wurden in den bosnischen Orten Han Pjesak und Konjevic Polje mehrere hundert Tote gefunden, die sofort als Massaker opfer deklariert wurden. Tatsächlich aber beweisen muslimische Dokumente, daß es sich dabei um Kämpfer handelt, die 1993 im Gefecht gefallen waren. Unterm Strich bleibt so gut wie nichts, das Massenverbrechen nach dem Fall Srebrenicas beweisen würde. Das Tribunal hat unterdessen über 1000 Srebrenica-Beweise vernichtet, angeblich aus »Platzmangel«.



junge Welt (Berlin), 18.01.2010 / Politisches Buch / Seite 15

Alexander Dorins Analyse des Falls von Srebrenica 1995

Von Anna Gutenberg

Laut der offiziellen Version der Ereignisse von Srebrenica – gemeint ist die Version der damaligen Regierung unter dem bosnisch-moslemischen Präsidenten Alija Izetbegovic und seinen Unterstützern in Washington - wurden im Sommer 1995 in der Umgebung der bosnischen Kleinstadt Srebrenica bis zu 8000 moslemische Jungen und Männer von serbischen Truppen exekutiert.
Die Formulierung vom «schlimmsten Massaker auf europäischem Boden seit dem Ende des Zweiten Weltkriegs» wird von den westlichen Massenmedien seitdem eisern und unaufhörlich repetiert. Als im März 1999 der von der UNO nicht mandatierte Angriffskrieg der NATO gegen Rest-Jugoslawien begann, wurde beschworen, es gelte ein «zweites Srebrenica» im Kosovo zu verhindern.
Autoren, die seit Jahren auf stark übertriebene Opferzahlen hinweisen, werden von den Medien konsequent ignoriert. Und das, obwohl diese Autoren lediglich das Ausmass der «nicht zu entschuldigenden serbischen Verbrechen» in Frage stellen. Das neue Buch von Alexander Dorin «Srebrenica - Die Geschichte eines salonfähigen Rassismus» legt den Schluss nahe, dass abgesehen von den unterschiedlichen Opferzahlen beide Versionen eines gemeinsam haben: Sie beruhen nicht auf fundierten und ausführlichen Recherchen. Der von den Medien fabrizierte Mythos vom Völkermord in Srebrenica lässt auch manchen sonst kritischen Geist plötzlich den Willen zum Konformismus zeigen, faule Kompromisse eingehen oder gleich ganz verstummen.

Abschreckung
Davon unbeeindruckt hat sich Dorin nun der gewagten Aufgabe verschrieben, herauszufinden, was sich in den Tagen nach dem Fall Srebrenicas wirklich abspielte. Gewagt deshalb, weil das Hinterfragen der offiziellen Version vom Völkermord in Srebrenica heute von den meisten Medien mit der Leugnung des Holocaust gleichgesetzt wird und in einigen europäischen Ländern Gesetzentwürfe in den Schubladen liegen, es als solche zu bestrafen. Und tatsächlich zeigt Dorins längst überfällige Untersuchung über die Vorfälle um Srebrenica, dass der «Völkermord» nicht ohne Grund durch Abschreckungsmassnahmen unantastbar gemacht werden sollte.

Vorgeschichte
Nachdem Dorin die Vorgeschichte in der Region um Srebrenica zwischen 1992 und 1995 aufrollt und anhand von Zeugenaussagen, von Pathologen und Überlebenden sowie zahlreicher Dokumenten aufzeigt, wie moslemische Streitkräfte in der Region Podrinje, in der auch Srebrenica liegt, bis Sommer 1995 mehrere tausend Serben, darunter zahlreiche Frauen, Kinder und alte Menschen, bestialisch ermordet haben – in Ostbosnien gehen etwa 190 zerstörte serbische Dörfer und fast 3300 ermordete Serben auf das Konto der Truppen des moslemischen Kriegsherren Naser Oric - widmet er sich den Geschehnissen im Juli 1995.

Akribische Recherchen
Zahlreiche Reisen in das Gebiet um Srebrenica, Interviews mit Pathologen, Politikern, Einwohnern, Journalisten und internationalen Beobachtern dienen dem Autor als Basis seiner akribischen Recherche. Von damaligen UNO-Blauhelmen erfährt er, dass die Serben die moslemischen Zivilisten nach der Einnahme der Stadt gut behandelt haben. Ein moslemischer Kommandant berichtet, dass im Gefecht nach dem Fall der Stadt, als sich Naser Orics Truppen durch serbisch kontrolliertes Gebiet in Richtung der Stadt Tuzia durchschlugen, etwa 2000 moslemische Soldaten fielen. Das entspricht ungefähr der Zahl der Toten, die die Ermittler des Jugoslawientribunals in Den Haag ursprünglich finden konnten. Dem Autor vorliegende Dokumente der moslemischen Armee beweisen, dass diese Zahl nachträglich um mehrere hundert Tote aufgestockt wurde, die bereits während Gefechten im Jahr 1993 umgekommen sind. Ein moslemischer Politiker sagt aus, dass der damalige US-Präsident William Clinton bereits im Jahr 1993 Izetbegovic die Variante eines «Massakers von Srebrenica» angeboten habe. Nur dann könne die NATO zugunsten der moslemischen Armee eingreifen.

Widersprüche
Immer wieder wurde in den letzten Jahren spekuliert, daß 1996/97 auf bosnischen Wählerlisten Namen von angeblich in Srebrenica ermordeten Männern stünden. Wie die Dorin zugänglich gemachten Wählerlisten nun zeigen, waren 3000 dieser angeblich vermissten moslemischen Männer zur Wahl registriert. Dorin gelangte darüber hinaus in Besitz einer Liste mit den Namen von fast 1000 gefallenen moslemischen Kämpfern, die ebenfalls den Ereignissen von Juli 1995 zugeschrieben werden, obwohl sie bereits lange vor dem Fall Srebrenicas umgekommen sind.
Ausführlich untersucht wird auch der Fall des Kroaten Drazen Erdemovic, der bis heute vom Haager Tribunal als Kronzeuge und Trumpfkarte in Sachen Srebrenica präsentiert wird. Erdemovic gibt vor, als Mitglied einer bosnisch-serbischen Einheit von insgesamt 1200 moslemischen Erschiessungsopfern 100 selbst getötet zu haben.
Dorins Analyse des Falls Erdemo vic bestätigt eindrücklich die Widersprüche und Absurditäten, die bereits von Germinal Civikov in seinem kürzlich erschienen Buch «Der Kronzeuge» herausgestellt wurden.
Dorin zeigt, wie sich Zeugenaussagen einiger angeblicher Überlebender der Erschiessungen von Srebrenica nicht nur gegenseitig widersprechen, sondern wie sich die Aussagen der Einzelnen ändern. Bedrückend sind vor allem auch die Analysen der Gerichtsprozesse gegen eine Reihe von Serben, die wegen der Ereignisse von Srebrenica zu langjährigen Haftstrafen verurteilt wurden. Es wird gezeigt, wie einige der Angeklagten durch die Anwendung des sogenannten »Plea Agreements« quasi gezwungen wurden, Mitangeklagte durch Falschaussagen zu belasten, um selbst ein milderes Urteil erwarten zu können.

2000 Gefechtstote - kein Massaker
Ein wahrlich spektakuläres Buch, das die Schlussfolgerung nahelegt: Es gibt nicht nur keinen Beweis für angeblich von der bosnisch-serbischen Führung angeordnete Erschiessungen, sondern überhaupt keinen Grund, ein serbisches Massenverbrechen anzunehmen. Was bleibt, sind 2000 Gefechtstote. Vielleicht wachen durch dieses Buch endlich jene «Ja-Aber»-Kriegsgegner auf, denen es offenbar nicht genügte, dass Dubrovnik nie wie behauptet in «Ruinen» lag, es keine serbischen Vernichtungslager gab, die grösste ethnische Säuberung hingegen an kroatischen Serben verübt wurde, Milosevic 1989 im Kosovo keine «Brandrede» gehalten hat, es das «Massaker von Racak» an unschuldigen kosovo-albanischen Zivilisten nicht gab und den Serben in Rambouillet zum zweiten Mal im 20. Jahrhundert ein unannehmbares Ultimatum gestellt wurde. Srebrenica ist ein Vorwand, um den Serben, den Opfern eines imperialistischen Krieges, Solidarität zu verweigern.



junge Welt (Berlin), 10.07.2010 / Schwerpunkt / Seite 3

»Gefechtstote werden geleugnet«

Vor 15 Jahren marschierte die bosnisch-serbische Armee in Srebrenica ein. Daß sie einen Völkermord an bis zu 8000 Muslimen zu verantworten hat, ist zweifelhaft. Ein Gespräch mit Alexander Dorin

Cathrin Schütz

Alexander Dorin ist als Sohn bosnischer Eltern, die Anhänger Tito-Jugoslawiens waren, aufgewachsen. Ende 2009 erschien von ihm das Buch »Srebrenica – Die Geschichte eines salonfähigen Rassismus« (Verlag Kai Homilius). Im Herbst veröffentlicht der Ahriman-Verlag seine neue Dokumentation »Srebrenica – wie es wirklich war« über Verbrechen der bosnisch-muslimischen Armee an der serbischen Bevölkerung im Raum Srebrenica


Der Völkermord bosnisch-serbischer Einheiten an bis zu 8000 bosnisch-muslimischen Männern und Jungen aus Srebrenica vor 15 Jahren gilt als grausamer Höhepunkt des Krieges im zerfallenden Jugoslawien. Widersprechen Sie dem?

Ich habe das Thema jahrelang verfolgt. Irgendwann war ich sicher, daß die Behauptungen so falsch sein mußten wie es die übrige Jugoslawien-Berichterstattung war. Ich begann, vor Ort zu recherchieren. Von vielen Seiten wurden mir Dokumente zugespielt, die ein anderes Bild aufzeigen.

Die bosnischen Serben unter General Ratko Mladic haben im Juli 1995 in Srebrenica also nicht tagelang gemordet?

Laut muslimischen Zeugen hat die bosnisch-muslimische Armee auf der Flucht von Srebrenica nach Tuzla in Gefechten mit der serbischen Armee und durch Minen zwischen 2000 und 3000 Kämpfer verloren. 954 muslimische Soldaten, die lange vor dem Fall Srebrenicas umgekommen waren, stehen auf der offiziellen Srebrenica-Vermißtenliste. Fast 3000 muslimische Männer, die seit Juli 1995 als vermißt gelten, stimmten 1996 bei von der OSZE überwachten Wahlen ab – viele übrigens als Flüchtlinge in europäischen Staaten. 500 muslimische Soldaten, die vor 1995 desertiert waren, finden sich ebenso auf der Vermißtenliste. Mittlerweile hat das muslimische Research and Documentation Center in Sarajevo eingeräumt, daß weitere 500 Lebende gefunden wurden, die zu den Vermißten zählen.

Laut Ankläger des Den Haager Jugoslawien-Tribunals ICTY sollten geheime Umbettungen der Leichen das Verbrechen verschleiern. Wie das, wenn es keine Exekutionsopfer gibt?

Die Ermittler des sogenannten Tribunals untersagten serbischen Pathologen, den Ausgrabungen beizuwohnen. Das ICTY hat außerdem 1000 angebliche Beweise des Srebrenica-Massakers trotz laufender Prozesse vernichtet. Verschleiert das Tribunal eher und präsentiert Tote aus anderen Regionen Bosniens als Srebrenica-Opfer, weil die nötigen Leichen fehlen? Die Serben konnten jedenfalls im von internationalen Truppen besetzten Bosnien nicht unbeobachtet Tausende Tote umbetten.

Srebrenica war UN-Schutzzone. Die Serben marschierten im Juli 1995 ein. Tausende muslimische Einwohner suchten daraufhin auf dem UN-Stützpunkt in Potocari Schutz. Warum wurden dort Männer von Frauen, Kindern und Alten getrennt und nur letztere von bosnisch-serbischen Soldaten in muslimisch kontrolliertes Gebiet gebracht?

In dieser »Schutzzone« verschanzten sich Tausende muslimische Kämpfer, die in der Umgebung zwischen 1992 und 1995 Massenmorde an der serbischen Bevölkerung verübten. Sie verließen mit bewaffneten Zivilisten Srebrenica noch vor dem Einmarsch der Serben am 11. Juli 1995. Ihr Befehlshaber Naser Oric war zuvor mit seinen Offizieren vom französischen Militär ausgeflogen worden. Orics Abzug sorgte für Chaos unter seinen Soldaten, es kam zu internen Gefechten. Nach Potocari flüchteten die zurückgelassenen Zivilisten, Frauen, alte Männer, Kinder. Die Serben brachten einige hundert dieser Männer zur Befragung nach Bratunac. Am 17. Juli 1995 bestätigten Vertreter der muslimischen Zivilbehörden und die UNO, daß die muslimischen Zivilisten Srebrenica auf eigenen Wunsch verlassen und in muslimisch kontrolliertes Gebiet evakuiert werden wollten. Die Serben hätten dies korrekt ausgeführt.

Berichten zufolge sind Tausende Männer aus der flüchtenden Kolonne exekutiert worden.

Die muslimische und serbische Armee stießen unterwegs an vielen Orten aufeinander. Muslimische Zeugen bestätigen heftige Gefechte. Die 2000 Gefechtstoten präsentiert man als Massakeropfer.

Wenn es sich bei den gefundenen Leichen um muslimische Gefechtstote handelt, muß es doch auch serbische geben. Oder hat Mladics Truppe ohne Verluste gekämpft?

Wenn? Es handelt sich um muslimische Gefechtstote! Ich beziehe mich auf muslimische Quellen. Laut dem muslimischen Kommandanten Nesib Buric hat seine Armee während des Durchbruchs nach Tuzla mindestens 2000 Männer im Kampf verloren. Über 30 weitere muslimische Zeugen sprechen von mehr als 2000 Gefechtstoten, einige von 3000. Die Serben hatten weniger Verluste. Sie waren an die Fluchtroute der muslimischen Armee gelangt und konnte sich geschickt positionieren. Sobald der Gegner auftauchte, wurde er unter Beschuß genommen. Fluchtwege wurden oft abgeschnitten. An einigen Orten verloren sie die Gefechte, weil ihnen die muslimische Armee zahlenmäßig überlegen war. Die serbischen Verluste liegen je nach Quelle zwischen 300 und 500 Mann.

Was ist mit ihnen passiert?

Da die Gefechte auf serbisch kontrolliertem Gebiet stattfanden, konnten die Serben ihre Toten in deren jeweilige Dörfer bringen. Viele liegen in Karakaj, Bratunac und Vlasenica. Die flüchtende Moslemarmee konnte ihre Toten oft nicht mitnehmen, aber laut muslimischen Aussagen viele selbst begraben, vermutlich dort, wo sie die Gefechte gewonnen hat. Das Begraben der feindlichen Toten war aber auch Aufgabe der serbischen Armee.

Für die Ankläger des bosnisch-serbischen Expräsidenten Radovan Karadzic vor dem ICTY ist die Übernahme von Srebrenica Teil des Plans, serbisch kontrollierte Gebiete Bosniens Muslim- und Kroaten-frei zu machen.

Die Serben sind in Srebrenica eingefallen, weil die Stadt auf dem Präsentierteller vor ihnen lag! Die muslimische Armee war abgezogen, obwohl sie den serbischen Streitkräften in der Region zahlenmäßig hoch überlegen war. Die Serben wurden wohl in eine Falle gelockt. Hakija Meholic, muslimischer Expolizeichef von Srebrenica, bestätigt, daß US-Präsident Bill Clinton dem Moslempräsidenten Alija Izetbegovic bereits 1993 als Grund für das Eingreifen der NATO die Variante eines Massakers in Srebrenicas vorschlug.

Die Karadzic-Anklage nennt für das Srebrenica-Massaker 13 Tatorte. Im Warenlager in Kravica etwa sollen 1000 bosnisch-muslimische Männer getötet worden sein.

Im Lager gab es einen Aufstand muslimischer Gefangener. Sie ermordeten einen serbischen Wächter. Ihr Fluchtversuch wurde vereitelt, aber 20 Gefangene kamen um. Wie muslimische Zeugen berichten, stieß die muslimische Armee bei Kravica auf serbische Einheiten, es gab Gefechte. Auch über innermuslimische Konflikte bei Kravica wurde berichtet. Die dort gefundenen Toten kann man dem zuordnen. Auch an den anderen Orten sind die Armeen aufeinandergestoßen. Nachträglich erklärt man die Gefechtstoten zu Massakeropfern. Es ist doch bezeichnend, daß bis heute die Gefechts toten und Überlebenden geleugnet werden. Mit ihnen steht und fällt die Massakerstory.

Laut ICTY wurden nach dem Fall von Srebrenica über 7500 Personen als vermißt gemeldet. Mehr als 5000 davon seien aus Massengräbern exhumiert und mittels DNA-Test identifiziert worden.

Das »International Committee for Missing Persons« (ICMP) mit Sitz im muslimisch kontrollierten Tuzla hat diese Behauptung aufgestellt. Das ICTY befaßte sich damit nur in einer geschlossenen Sitzung. Serbische Institutionen erhalten die Resultate nur, wenn die Familien aller angeblich identifizierten Opfer einverstanden sind, also nie. Auch Karadzics Verteidigung werden die Ergebnisse vorenthalten. Keiner hat sich also von der Richtigkeit der Behauptung des ICMP überzeugt, das übrigens vom US-Außenministerium bestimmt wird. Ex-AOL-Chef James V. Kimsey ist Kopf des ICMP. Außerdem, die DNA-Analyse beweist, daß der Tote tot ist. Als Beweis für ein Massaker kann sie nicht gelten, da sie über die genaue Todesart und den Todeszeitpunkt nichts aussagen kann! Und wie unseriös die Vermißtenliste ist, habe ich ja ausreichend dargestellt.

Das ICTY hat zwei Serben des Völkermords in Srebrenica für schuldig befunden und General Radislav Krstic wegen Beihilfe zum Genozid verurteilt. Der Internationale Gerichtshof, IGH, hat das Massaker als Völkermord eingestuft. Alles Irrtümer?

Der Krstic-Prozeß war eine auf Betrug und Fälschung gebaute Farce. Germinal Civikovs Buch zum Srebrenica-Kronzeugen Drazen Erdemovic zeigt, wie das ICTY manipuliert. Statt Fakten benutzt die Anklage oft gefälschte Zeugenaussagen sowie erpreßte Falschaussagen diverser angeklagter Serben. Und der IGH hat die Urteile des ICTY ungeprüft akzeptiert und lediglich rechtliche Konsequenzen formuliert.


---

http://de-construct.net/e-zine/?p=6082

Alexander Dorin: “Srebrenica Massacre” is a Western Myth

May 23rd, 2009 | By De-Construct.net


Srebrenica — The History of Salon Racism


“In the West, the popular mythology about 7,000-8,000 Muslim men being executed in Srebrenica in 1995 is still alive and well, but independent research shows some 2,000 Bosnian Muslim fighters were killed in battle for Srebrenica and that is the number of bodies Hague investigators were able to find”, said Swiss researcher Alexander Dorin, who has been investigating Srebrenica events for the past 14 years.

In his latest book titled “Srebrenica — The History of Salon Racism” (Srebrenica — die Geschichte eines salonfahigen Rassismus) published this month in Berlin, Dorin focuses on manipulations with the number of Muslims who lost their lives in Srebrenica.

“Regarding the events in Srebrenica in 1995, the media manipulations still reign in the West, claiming that after the town fell to Serbian hands some 7,000 to 8,000 of Muslim fighters and male civilians were killed. However, the researchers around the world have shown this bears no relation to the truth,” Dorin told Srna News Agency.

According to data he had gathered, Dorin discovered that at least 2,000 Muslim fighters were killed in battle for Srebrenica. He added the facts are showing that neither civilian nor military leadership of Republic of Srpska (Serb Republic in Bosnia-Herzegovina) ever ordered execution of the Muslim fighters and POWs.

“2,000 is approximately the number of bodies Hague investigators were able to find up to this day. To that number the Muslim side added several hundred Muslim fighters, most of whom came from abroad, who were killed in battle few years before the fall of Srebrenica, in Han Pijesak and Konjević Polje,” Dorin said, adding that this is evidenced even by the Muslim documents captured by the Bosnian Serb Army.

Bosnian Serb Army Fought Against Orić’s Cutthroats, Not Against Muslim Civilians

“Prior to the fall of Srebrenica, Naser Orić’s troops withdrew from this small town, leaving 25,000 civilians behind, although a certain number of civilians, some of whom were armed, was withdrawing together with Orić’s fighters,” Dorin said.

He said that Bosnian Serb Army “did not kill a single Muslim civilian of those who remained in Srebrenica or Potocari, while it did engage Orić’s column, which was breaking through to Tuzla in several groups, in fierce fighting.”

“There is no way the Serb Army could have captured seven or eight thousand Muslim fighters and male civilians and execute them somewhere, partly because that was technically impossible,” Dorin said. He explained that, among else, there was never enough Serb soldiers who could carry out a crime on such scale.

In his research, Dorin was using various sources, including statements by the Muslim fighters and commanders, as well as testimonies given by Dutch UNPROFOR troops who were stationed in Srebrenica at the time.

He pointed to a very interesting investigation carried out by the Bulgarian reporter and author Germinal Civikov, who wrote a book about the case of Croat Dražen Erdemović, former member of the Bosnian Serb Army, whose testimony represents the key Hague “evidence” of “Srebrenica massacre”, who claimed that his commander Milorad Pelemiš “ordered him and few other soldiers to execute some 1,000-1,200 Muslim POWs”.

But the analysis of that case, said Dorin, proves Erdemović invented most, if not all of that story.

Dorin explained that director of the Belgrade Center for Investigation of War Crimes Milivoje Ivanišević analyzed the lists of alleged Srebrenica victims. Ivanišević discovered that, a year after the fall of Srebrenica, some 3,000 Muslim men who were supposedly killed in 1995, were voting in the Bosnian Muslim elections.

In addition, at least 1,000 of the alleged 1995 “Srebrenica massacre victims” have been dead long before or after Bosnian Serb Army took the town over.

“It is perfectly clear that Muslim organizations listed as Srebrenica victims all the Muslim fighters who were killed in the fights after the fall of Srebrenica,” the Swiss researcher said.

According to Dorin, some Western reporters wrote back in 1995 that part of Srebrenica Muslim population, after the town’s takeover, migrated to other countries. This includes an American journalist who wrote that around 800 Srebrenica Muslims went abroad — from Serbia.

“It was not possible to conduct an in-depth investigation, since no one can search the entire world to pinpoint each and every name [from the lists of alleged Srebrenica victims]. Still, the available evidence already shows there were immense manipulations at play,” Dorin said.

A number of photos of Muslim fighters taken during their breakthrough to Tuzla, which Dorin obtained from the Muslim sources, show Izetbegović’s fighters in uniforms, with many of them wounded.

“On these photos one can see a number of wounded fighters who survived the battle against the Serb Army. Muslim side is now presenting its fighters who did not recover from their wounds as the victims of an execution”, said Dorin.

He pointed out that some Muslims have admitted at least 2,000 of their Srebrenica-based fighters were killed in the battle.

Dorin also reminded of the statements by the Muslim politicians given to media about an “offer” American president Bill Clinton made to Bosnian Muslim war leader Alija Izetbegović back in April 1993, to have “the Chetnik [Serb] forces enter Srebrenica and massacre 5,000 Muslims, which would result in the [US-led NATO] military intervention” against Bosnian Serbs.

At the same time, Dutch UNPROFOR troops testified that Serb Army treated Muslim civilians in an entirely correct manner, while Srebrenica Muslim warlord Naser Orić with his fighters was massacring Serb civilians in the most monstrous fashion for years in Srebrenica municipality, and pillaging and destroying their property all the while.

… For Those who Want to Know the Truth About Srebrenica

Despite all the evidence about what really took place in Srebrenica and the fact there was no ‘massacre’, Dorin doubts the Hague verdicts in regards to Srebrenica events can be contested or overturned, being that this “so-called tribunal has convicted a number of people for the alleged Srebrenica massacre without any evidence whatsoever”.

He cited a case of the Serb Vidoje Blagojević, convicted to a long prison term even though he had no connection to Srebrenica events, while “the mass murderer Naser Orić was acquitted of all responsibility for killing the Serbs”.

“That court routinely discards everything that proves Serbs are not the monsters they have been made out to be. That tribunal has a purely political function. It has no relation to the justice and truth”, Dorin told Srna.

The Swiss researcher does not expect his book about Srebrenica events will be able to break down the stereotypes. He said the book was written for those who wish to learn the truth about the events Western mainstream media sold as “Srebrenica massacre” and even “genocide”, in order to justify their war against the Serbs.

Dorin added that mostly left-oriented Western newspapers and organizations have shown an interest in his latest book and have offered cooperation.

Alexander Dorin’s book about Srebrenica events is expected to be translated both into Serbian and English language.






Netherlands Institute for War Documentation (NIOD) Report on Srebrenica

http://www.srebrenica-project.com/index.php?option=com_content&view=article&id=140:niod-report&catid=12:2009-01-25-02-01-02


Monday, 14 November 2011 15:31


Everyone involved in Srebrenica research is aware of the NIOD Report which was published in 2002 by the Nederlands Instituut voor Oorlogsdocumentatie [Netherlands Institute for War Documentation, http://www.niod.nl/] in 2002. The Report, which focuses on the tragic events in Srebrenica in July of 1995 is universally regarded as a first rate research and documentation tool. It has been relied on by historians, commentators, and legal experts.


The Report came about in a very interesting way. Soon after allegations of Dutch responsibility, and even complicity, in the Srebrenica massacre were made the matter became a controversial political topic in the Netherlands. The Dutch government were facing the prospect of a politically motivated parliamentary inquiry into the role and conduct of Dutch military personnel during their presence in the UN-protected Srebrenica enclave in 1994 and 1995. It is speculated that in order to avoid further politicisation of the issue the Dutch government assigned the task of sorting out what happened in Srebrenica and its background to a respected neutral scholarly institution, the Netherlands Institute for War Documentation, also known as NIOD. It should be noted that NIOD’s principal research and documentation focus before it received this task was the World War II occupation of the Netherlands and of the Dutch East Indies. Srebrenica was a somewhat out of character assignment and it was entrusted to a team of scholars headed by the distinguished Dutch historian, Professor Hans Blom.


However one chooses to assess the final product, known as the “NIOD Report on Srebrenica”, its depth and meticulous detail are undeniable. The motives of the Dutch cabinet may have been political in seeking to avoid a parliamentary commission on Srebrenica, but the end result certainly reflects a high level of scholarship and it is refreshingly non-political.


Oddly, it is precisely the objective, non-political character of the NIOD Report which has drawn criticism from those who expected something else from it. A case in point is the following reaction which appeared on the BBC website almost as soon as the Report was published:


Mrs Catic said the protesters would meet again with the NIOD director, Hans Blom, in an attempt to persuade him to revise the findings - especially an assertion that half of those killed had fought in the Bosnian Muslim army.
They also denounced the conclusions that there was no evidence to link former Yugoslav President Slobodan Milosevic to the massacre, and that the role of Bosnian Serb leader Radovan Karadzic was unclear. [1]


One is compelled to say that it is to Professor Blom’s credit that on that occasion he refused to modify his scholarly team’s findings to make it acceptable to parties in the Bosnian conflict or to “clarify” the role of targeted defendants, which is a task for judicial organs rather than for historians.


“Srebrenica Historical Project” continues to insist that the complex events in and around Srebrenica in July of 1995 should be studied from an objective and scholarly perspective and without political preconceptions. The NIOD Report is a document of great significance to a better understanding of Srebrenica which we recommend to our readers as a reference in their own research. We therefore take pleasure in making it available to them on our website.

 

NOD Prologue
[MIRROR]

NOD Part I
[MIRROR]

NOD Part II
[MIRROR]

NOD Part III
[MIRROR]

NOD Part IV
[MIRROR]

Appendix Background of Crisis
[MIRROR]

Appendix  Intelligence
[MIRROR]

Appendix The Role of History
[MIRROR]

Appendix Western Perceptions and Realities
[MIRROR]

Appendix Chronology of Bosnian Conflict
[MIRROR]

Appendix Media Reporting
[MIRROR]

 


[1] http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/1923884.stm






Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia - onlus
 
sito internet: http://www.cnj.it/
posta elettronica: j u g o c o o r d @ t i s c a l i . i t
notiziario telematico JUGOINFO:
http://groups.yahoo.com/group/crj-mailinglist/messages